I "momenti no"

89 views
Skip to first unread message

pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 2, 2020, 8:04:31 AM8/2/20
to
Una pediatra Dott.sa Valeria Vincenti si rivolge a tutti gli insegnanti.

“Sono un medico e, confesso, mi è impossibile capire il senso di quel che accade. Ho appena terminato di vedere un video dove si mostrano gli spazi per i bambini del nido e della materna per un prossimo eventuale anno; bambini che dopo aver superato con successo la barriera della pistola termometrica alla fronte ed aver disinfettato le manine con sostanze chimiche per nulla salutari, saranno accolti ognuno nel proprio esclusivo spazio isolato e recintato, con il personale tavolino di plastica, i propri giochi a loro volta disinfettati e con la maestra che lo guarda a distanza protetta da occhiali e mascherina.
La riprogrammazione neurologica che il Covid 19 sta manifestando parte da qui: dai bimbi più piccoli che invece di socializzare attraverso il contatto con gli altri, la vicinanza, l’attaccamento fisico, gli scambi percettivi sensoriali, il gioco comune, l’imitazione spontanea, saranno costretti a subire le ammonizioni per il distanziamento, la lontananza fisica, l’impossibilità di vedere l’espressione del volto di chi lo educa e lo accompagna pedagogicamente, ormai ridotto a ruolo di secondino.
Non ci metteranno molto i bambini a diventare capaci di distanziarsi, ad avere paura della vicinanza dell’altro, a rifugiarsi nel gioco isolato che non è più possibile chiamare tale ma solo ripetizione autistica del nulla, a cadere nella depressione della mancanza di senso.
Ma anche a rischiare di diventare fobici e ossessivi, compulsivi della ripetuta pulizia e della disinfezione che ha come corollario il non toccare, non sporcarsi, in ultimo non giocare, che per il bambino equivale al non essere.
“L’uomo è uomo solo quando gioca” ci ricorda Schiller in un saggio sull’educazione dove si sottolinea la profonda natura sociale e creativa dell’uomo che emerge dall’incontro ludico tra anime che si conoscono e riconoscono giocando insieme, creando e ricreando forme, spazi, dimensioni, ove la fantasia trova un filo diretto con il Divino, fuori e dentro di noi.
Il bambino che gioca non sta trascorrendo il suo tempo trastullandosi; è impegnato mente, cuore, e volontà̀ in un’attività̀ serissima paragonabile ai più̀ meritori lavori che impegnano noi adulti.
La sua salute fisica, psichica ed emotiva traggono beneficio dal gioco, il quale consente la strutturazione di apprendimenti comportamentali duraturi e utili per l’equilibrio individuale della sua crescita futura.
Il bambino che gioca mai si stanca, ma rigenera le sue forze di vita attraverso il gioco ponendosi in una ritmica relazione interiore tra sé e il mondo fuori di sé, ripetendo il gesto instancabile del nostro ritmo respiratorio o del pulsare del nostro cuore.
Impedire tutto questo è ben più grave che confinare i bambini in casa, dove almeno con la fantasia erano liberi nell’immaginazione: vedere l’altro ma non toccare l’altro è una vera tortura dell’anima oltre che del fisico.
Sappiamo che i bambini in questa nuova sindrome virale sono stati i meno colpiti.
Perché allora separarli? Chi e cosa potranno mai imitare i bambini nel recinto?
Così piccoli avranno istruzioni verbali dall’insegnante di turno, con un precoce richiamo a forze di coscienza, disconoscendo totalmente le leggi dell’apprendimento intrinseco proprio di questa fase evolutiva basato sull’attività̀ imitativa spontanea non verbale, dalla vicinanza fisica, dal contatto e dallo spontaneo esprimersi di forze di simpatia che li avvicinano a ciò cui si vogliono legare e fare proprio.
Veramente dobbiamo assecondare tutto questo? A quali tipi di malattie psichiche dovremo far fronte nell’immediato futuro per le nuove generazioni? Ci sentiamo davvero più sicuri noi adulti dopo aver isolato i bambini, o sentiamo di proteggere i nostri figli mandandoli in un nido/asilo del genere? Di cosa abbiamo veramente paura immaginando possibile e salutare tutto ciò per i nostri bambini?”
Dr.ssa Valeria Vincenti (Pediatra)

E come sempre sono soprattutto i frustrati fancazzisti tuttologhi, quelli che si sentono autorizzati ad esprimere pareri su cose che al massimo, se va bene, leggono sul video del loro computer sbattendosene bellamente delle conseguenze.

Anche perché non essendo in grado di percepire una realtà che vada oltre la LORO camera, non hanno certamente la reale prospettiva di cosa certe decisioni provochino negli ALTRI. Soprattutto se sono come in questo caso piccoli esseri umani che stanno cominciando il loro cammino esistenziale attraverso una fase delicata e fondamentale.

m...@max.it

unread,
Aug 2, 2020, 10:28:09 AM8/2/20
to
Il 02/08/2020 14:04, pier.paolo...@gmail.com ha scritto:
> Una pediatra Dott.sa Valeria Vincenti si rivolge a tutti gli insegnanti.
>
> “Sono un medico e, confesso, mi è impossibile capire il senso di quel che accade. Ho appena terminato di vedere un video dove si mostrano gli spazi per i bambini del nido e della materna per un prossimo eventuale anno; bambini che dopo aver superato con successo la barriera della pistola termometrica alla fronte ed aver disinfettato le manine con sostanze chimiche per nulla salutari, saranno accolti ognuno nel proprio esclusivo spazio isolato e recintato, con il personale tavolino di plastica, i propri giochi a loro volta disinfettati e con la maestra che lo guarda a distanza protetta da occhiali e mascherina.


E per fortuna non eri "cospirazionista" e vaccini tua figlia...
Sinceramente io non ne posso più di questi post in cui sembra che
qualunque misura sia presa da chissà quali poteri occulti per
lobotizzarci. Oramai qualunque tuo post verte su questo ordine mondiale,
arrivi pure ad appoggiare (in altre tue considerazioni) la tesi di
questa lotta mondiale fra bene e male dove per altro Trump starebbe
dalla parte del bene in un'America oramai al collasso sanitario. Adesso
non va bene neppure che si pensi a prendere qualche misura negli asili:
ovvio che anche a me dispiace che si debba imporre qualche sacrificio,
soprattutto nel caso di bambini, ma vogliamo pensare anche agli
insegnanti che nella maggior parte dei casi ha una eta superiore ai 50?
Che poi, di quali misure estreme di parla? Di far sì che i bambini siano
divisi in gruppi un po' piu' piccoli ciascuno seguito da un insegnante?
E' facile in questo periodo in cui va tutto bene lanciarsi in queste
considerazioni in cui si vuole pensare male ad ogni costo.
Capisco che in alcuni casi certe scelte o certi proclami possano essere
dettati non solo da esigenze sanitarie però basta guardare in Brasile e
in America oggi (e Lombardia qualche mese fa) per capire quanto poco
conosciamo di questo virus. Vuoi fare finta di nulla? Non ti piacciono
queste misure? Emigra nella moderna Svezia, dove la curva contagi si e'
abbattuta lo stesso sì, ma a quale prezzo? E' impressionante come
all'inizio tu cercassi di tenere una linea più soft, apparentemente da
osservatore che riporta testimonianze critiche ad ora dove sei sbracato
completamente. Probabilmente non risponderai neanche ma nessuno mi
toglie questa sensazione che tu, ripeto, sia passato dalla setta
Scientology alla "setta" cospirazionista per poi chissa' a cosa... In
passato ti ho difeso perche' mi sembravi uno che si dava da fare,
contattavi giornalisti per raccontare esperienze insomma..uno che ci
metteva la faccia. Ora invece da te mi aspetto i post sul 5G. Tristezza.

pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 2, 2020, 11:00:43 AM8/2/20
to
Guarda caro Max, è inutile che ogni volta rigiri il torrone "una volta ti difendevo". Capisco che il gregge abbia bisogno sempre di un punto di riferimento, ma io sono io, non te, e quindi che mi puntualizzi ad ogni mio post che tu una volta eri in accordo con me, così come a volermi imboccare ed addomesticare le tue di idee, questo sì che mi sembra un atteggiamento settario di cui io faccio volentieri a meno.

Detto questo non perdo tempo a replicare a chi le uniche cose che riesce a scrivere sono sempre lamentele su quello che penso e scrivo. Capisco che sia oltremodo fastidioso e pericoloso per chi vive nella paura continua di trasgredire le regole e le apparenze doversi rapportare con chi invece vive nella libertà di dire e fare quello che pensa.

Invece di emigrare io in Svezia sarebbe più opportuno che cercassi tu di tollerare che non tutti hanno le tue stesse ipocondrie e si facciano abbindolare in questo modo.

Il tempo sarà galantuomo e da elementi del tuo livello mi aspetto che quando le carte saranno scoperte si assisterà al voltagabbanismo per cui noi italiani siamo celebri in tutto il mondo. E prevedo che sarai in buona ed abbondante compagnia.

Purtroppo certe "battaglie" le si fanno anche per gente che non le meriterebbe, tuttavia anche se non te ne sei accorto, siamo tutti sulla stessa barca e dunque o ci si salva o si affoga tutti assieme.

pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 2, 2020, 4:12:24 PM8/2/20
to
A proposito della Svezia, dove ovviamente a sentire voi tutti sono morti o si sono pentiti di non aver mandato a gambe all'aria l'economia, sarebbe il caso magari, prima di citarla, facendo così la solita figura dell'itagliano che pensa sempre che gli altri siano fessi mentre lui è quello più furbo di tutti (Conte ed i suoi fantastici dcpm copiati in tutto il mondo docet), di informarsi meglio.

Mi raccomando ora rispondetemi tutti in coro "tu non hai rispetto per i morti". Io li rispetto ben più di voi, perché di sicuro quelli che moriranno per davvero SOLO per il Covid, e non CON il Covid, saranno in numero maggiore non quelli contagiati dal virus, ma quelli che hanno subito l'attuazione di questa follia masochistica mascherata da prevenzione che produrrà come diretta conseguenza fame, disoccupazione e miseria estrema in gran parte della popolazione italiana.

Ma la ruota gira signore e signori. E quando tutto si chiarirà ognuno farà i conti con la propria coscienza. Sempre che qualcuno ce l'abbia realmente.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/08/02/coronavirus-la-strategia-della-svezia-ha-portato-a-un-risultato-unico-al-mondo/5883866/

Alessia Guidi

unread,
Aug 3, 2020, 10:43:17 AM8/3/20
to
Il giorno domenica 2 agosto 2020 16:28:09 UTC+2, m...@max.it ha scritto:
>
>
> E per fortuna non eri "cospirazionista" e vaccini tua figlia...
> Sinceramente io non ne posso più di questi post in cui sembra che
> qualunque misura sia presa da chissà quali poteri occulti per
> lobotizzarci.

Ma infatti! E poi magari si lamenta che "qualcuno" vuole terrorizzarci per controllarci meglio. E a propos di terrorismo. La dottoressa Vincenti fa bene a porsi domande, ma oltre a guardare un video (con cui poi terrorizzare i genitori) potrebbe fare un salto in una scuola vera e vedere che succede. Ho una materna a due passi da casa, ci passo davanti 2-3 volte al giorno e i bambini che la frequentano fanno i bambini come sempre. Solo che se prima erano in un unico gruppone, adesso sono suddivisi in gruppetti da 5/6. Lo stesso dicasi per i ragazzini del centro estivo che ho a 4 passi da casa.

Certo, ci sono precauzioni da seguire. Ma non è che diventano all'improvviso dei robottini come se li prefigura la Vincenti, medico antroposofico.
(https://it.wikipedia.org/wiki/Medicina_antroposofica)



m...@max.it

unread,
Aug 3, 2020, 3:49:28 PM8/3/20
to
Il 02/08/2020 17:00, pier.paolo...@gmail.com ha scritto:
> Guarda caro Max, è inutile che ogni volta rigiri il torrone "una volta ti difendevo". Capisco che il gregge abbia bisogno sempre di un punto di riferimento, ma io sono io, non te, e quindi che mi puntualizzi ad ogni mio post che tu una volta eri in accordo con me, così come a volermi imboccare ed addomesticare le tue di idee, questo sì che mi sembra un atteggiamento settario di cui io faccio volentieri a meno.
>
> Detto questo non perdo tempo a replicare a chi le uniche cose che riesce a scrivere sono sempre lamentele su quello che penso e scrivo. Capisco che sia oltremodo fastidioso e pericoloso per chi vive nella paura continua di trasgredire le regole e le apparenze doversi rapportare con chi invece vive nella libertà di dire e fare quello che pensa.
>
> Invece di emigrare io in Svezia sarebbe più opportuno che cercassi tu di tollerare che non tutti hanno le tue stesse ipocondrie e si facciano abbindolare in questo modo.
>

Rispondo solo a questo, per il resto puoi pensare quello che vuoi,
Questo è il tipico caso in cui la tua liberta' potrebbe ledere la mia.
Poniti per un attimo il dubbio che il virus sia reale e che sia
possibile una seconda ondata: in questo caso il fatto che un bel po' di
persone non seguano regole sanitarie minime potrebbe diventare un
problema. Che poi alla fine in questo periodo quali gravi sacrifici o ci
vengono imposti? Metterci 'na mascherina in un luogo chiuso? Chi non è
"ipocondriaco" può viaggiare, prendere aereo ecc. non mi sembra che ci
siano leggi marziali che ci impongano qualcosa.Ti sembra che nelle
spiagge ci siano le ronde per garantire il distanziamento sociale?

Un amico di amico di amico mi ha iscritto (non volente) in un gruppo
whatusp di "cospirazionisti": sono rimasto basito a leggere le
discussioni per qualche sera: "dal virus non esiste" ad "hanno il
rimedio ma non ce lo danno" (ma come, ma se non esiste???), a Gate
descritto come Lucifero a cui si contrappone l'uomo che spazzera
l'ordine mondiale _(Trump l'illuminato :|): sembravano le fonti a cui
attingi tu. E poi arconti, esperimenti per sterilizzarci tutti e per
finire la chicca finale del 5g: le immagini che abbiamo visto dei morti
sono immagini false, il 5g permette di creare ologrammi che
condizionerebbero la mente umana, Ed ogni sera centina di messaggi dove
si scriveva tutto e il contrario di tutto. Ma tutto senza una coerenza
logica minima: ad esempio il famoso farmaco giapponese che non vogliono
darci eppero' il virus è una balla.. Qua non e' essere ipocodriaci, qua
veramente e' "bersi" qualunque cosa senza nessun senso logico.
E mi chiedevo se non sia lo stesso meccanismo di sospensione del
giudizio che accade in religioni come appunto Scientology.

Alessia Guidi

unread,
Aug 3, 2020, 6:29:52 PM8/3/20
to
Il giorno lunedì 3 agosto 2020 21:49:28 UTC+2, m...@max.it ha scritto:

>
> Rispondo solo a questo, per il resto puoi pensare quello che vuoi,
> Questo è il tipico caso in cui la tua liberta' potrebbe ledere la mia.
> Poniti per un attimo il dubbio che il virus sia reale e che sia
> possibile una seconda ondata: in questo caso il fatto che un bel po' di
> persone non seguano regole sanitarie minime potrebbe diventare un
> problema. Che poi alla fine in questo periodo quali gravi sacrifici o ci
> vengono imposti? Metterci 'na mascherina in un luogo chiuso? Chi non è
> "ipocondriaco" può viaggiare, prendere aereo ecc. non mi sembra che ci
> siano leggi marziali che ci impongano qualcosa.Ti sembra che nelle
> spiagge ci siano le ronde per garantire il distanziamento sociale?

Ecco, appunto.

Che il virus sia reale è un dato di fatto. Dai dati finora raccolti - e in fondo ne sappiamo ancora abbastanza poco, ma qualcosa lo sappiamo - la maggioranza dei contagiati ne esce indenne, manco se ne accorge ma è contagioso, può creare problemi ad altri meno fortunati. Vuoi per età, vuoi per patologie pregresse, vuoi perché immunodepresso per qualsivoglia motivo (e chiunque lo sia, o abbia qualche persona cara che lo è, sa che cosa significa).

Tra l'essere asintomatici o paucisintomatici e morire dopo mesi di ricovero in terapia intensiva c'è una infinita gamma di possibilità. Tra cui quella di riportare danni permanenti all'apparato cardiocircolatorio o respiratorio. Diventare insomma malati cronici, legati all'assunzione quotidiana di farmaci per condurre una vita degna di questo nome.

Sto molto semplificando, ma la sostanza è questa.

Certo, conosco 2 ultranovantenni (una in RSA, una a casa) risultate positive al tampone, ma asintomatiche. Vecchie e malate, ma non morte. Anzi!

E certo, conoscevo 3 miei coetanei (tutti uomini, amici di gioventù), che si sono contagiati a una cena tra amici prima del lockdown e che sono morti dopo settimane di su e giù all'ospedale. Miglioramento, peggioramento, miglioramento, decesso. Settimane di degenza senza avere il conforto dei propri cari. Cari che, a casa, si sentivano impotenti anche solo nel portare una carezza, un abbraccio, un bacio.

E uno che si è contagiato chissà dove, e in ospedale ha fatto 3 settimane di cui una in intensiva (non intubato, ma...). Questo è un amico stretto e le traversie sue e della sua famiglia le ho vissute da vicino. Fanno statistica? No. Ma sicuramente ti fanno capire con che cosa abbiamo a che fare.

Ora: non sono mai stata ipocondriaca né terrorizzata, solo realista. Nel senso che ho una presa discreta sulla realtà. Non mi sono mai fatta consegnare la spesa a casa, ma ho preferito sempre e comunque uscire e incontrare gente, con le dovute precauzioni. Vuoi al supermercato solito dove conosco tutti, vuoi ai 3 negozi del mio paese che tra mille difficoltà e paure hanno continuato a lavorare per tutto il lockdown (si meriterebbero una medaglia al valore civile), fornendo un impagabile servizio di vicinato. Farmacia; fruttivendola-alimentari; tabacchi-giornali-emporio- dal-chiodo-all'elefante. Esserci, sapere che c'erano nonostante tutto, era un modo per stare in contatto con la comunità in cui vivo. Per ridere, scherzare, sdrammatizzare, mantenere la dimensione sociale. Ma anche piangere i morti, che pure al paese ci sono stati. Senza poterli accompagnare come si deve.

Noi abbiamo un'attività commerciale non essenziale, che come tutte è stata duramente colpita. Siamo stati chiusi 2 mesi esatti. Ci è piaciuto? No. Possiamo sopravvivere lo stesso? Sì. Perché se un'attività è solida e non improvvisata hai le spalle larghe, e gli aiuti statali, regionali e comunali non sono mancati.

Ho cantato dai balconi? No. Però sono andata quotidianamente a suonare i campanelli dei miei vicini anziani (il più giovane ha 78 anni) per fare 2 chiacchiere a debita distanza, per fare due risate, per sapere come stavano, per chiedere se avevano bisogno, per prendere la lista della spesa e consegnargliela. Perché credo nella solidarietà e nella vicinanza umana, anche senza baci-abbracci-strette-di-mano.

Ai primi di febbraio mio marito si è ammalato e stava malissimo. L'ho dovuto accompagnare al pronto soccorso. Poco dopo mi sono ammalata anche io. Febbre a 40 (mai avuta prima), tosse da spaccarti in due, diversi giorni di delirio febbrile, io anche difficoltà respiratorie per 36 ore. Ci siamo curati, siamo guariti, ma il recupero è stato lentissimo. Entrambi non eravamo mai stati così male in vita nostra. Per non sapere né leggere né scrivere, ci siamo auto-isolati (quando ancora di Covid19 si parlava poco in Italia). Per noi il lockdown è iniziato con 2 settimane di anticipo, non volevamo rischiare ricadute pericolose per noi, né trasmettere quello che avevamo avuto.

Era Covid19? Va a saperlo. Non abbiamo ancora fatto il sierologico, ma siamo partiti dal presupposto del no, che era una bruttissima influenza comune. Perciò abbiamo rispettato comunque le misure di sicurezza consigliate.

Quando è stato possibile riprendere una vita sociale attiva, l'abbiamo ripresa.

In Emilia Romagna gli stabilimenti balneari hanno riaperto il 23 maggio, con circa 3 settimane di anticipo sul preventivato. E con la loro riapertura sono ripartite le attività commerciali costiere. Visto che ho casa al mare, al 25 maggio ci sono andata, e sono rimasta fino al 11 luglio.

Ipocondriaca? Terrorizzata? No. Vita regolare di spiaggia, bar, ristoranti, negozi, parrucchiera, passeggiate e compagnia. Con le dovute precauzioni. Quando la situazione è diventata per me insostenibile, nel senso che era chiaro che la maggioranza delle persone se ne stra-fregava, ho deciso di tornare a casa. Devo davvero rischiare per questi imbecilli? No.

Tra qualche giorno partirò per un bel viaggetto, visto che le gite che avevo in programma per la primavera sono saltate. Destinazione Germania che sì, i casi attivi sono 3 volte più che in Italia. Ma sono certa che rispettando le norme basilari non ci saranno rischi per la nostra salute, a differenza della situazione verificata al mare. E se poi in Germania richiuderanno ristoranti e musei, si fa presto a girare l'auto e tornare indietro.

Questo per dire che il virus è reale, che è potenzialmente in grado di ammazzarti o di lasciarti danni permanenti, ma che ci si può convivere tutti benissimo, basta rispettare tutti quelle semplici regole basilari.

Oggi è uscito il report ISTAT sui sierologici. Risulta che 1,5 milioni di italiani (rispetto al 246.000 ufficiali) sono stati contagiati. La stragrande maggioranza era asitomatica o paucisintomatica (non se n'è accorta), ma pur sempre contagiosa, in grado di potenzialmente ammazzare qualcun altro.

Gli asintomatici e i pausintomatici sono ancora presenti tra noi, e sono ancora in grado di ammazzarci, o lasciarci danni permanenti.

Intanto però sono morte 35.000+ persone che senza il Covid19 adesso sarebbero quasi sicuramente vive.

E intanto - se non ci fosse stato il lockdown - il collasso delle strutture sanitarie delle regioni più ricche e attrezzate in Italia (e i 35.000+ decessi sono lì a testimoniarlo) avrebbe travolto anche il sud. Perché i dati parlano chiaro: 7,5% in Lombardia (con picchi del 24%), contro meno dell'1% al centro-sud. Se non si fosse chiuso staremmo messi peggio degli USA e del Brasile. Che hanno fatto gli spanizzi, l'idrossiclorochina e la Stella Immanuel e i Bolsonaro, ma che ai morti, agli invalidi permanenti e al collasso del sistema sanitario, aggiungono anche la crisi economica peggiore degli ultimi 100 anni.

Perciò lasciamo perdere la Svezia, che comunque bene-bene non ne è uscita. Poi del senno di poi siam buoni tutti, ma la testa degli italiani non è la stessa degli svedesi, l'Italia non è la Svezia e, soprattutto, il ciclone ha colpito prima noi del resto d'Europa. E vediamo com'è messo il resto d'Europa adesso, oggi.

Il SARS-Cov2 esiste, non è un'invenzione per psico-controllarci. Ed è ancora in grado di fare grossi danni, come il resto del mondo ci sta dicendo ogni giorno.

Noi oggi in Italia ci troviamo in una condizione migliore rispetto agli altri. Oggi. Ma domani?

In fondo oggi in Italia si stanno chiedendo sacrifici minimi: rispetto delle distanze, uso delle mascherine al chiuso o all'aperto in caso di affollamento (da evitare, possibilmente), igiene. Davvero manco questo siamo in grado di fare?

Allora cari complottisti, negazionisti e imbecilli assortiti: se dovessi ragionare sul mio solo personale sentire, la crisi economica del post-lockdown non esiste. Io sto bene come prima. Anzi, meglio. Mi stanno arrivando aiuti statali, regionali, comunali da tutte le parti. Senza nemmeno doverli richiedere.

Oltre a questo, sono in salute e faccio la vita che facevo prima. Anzi, meglio. Perché a me abbracciare e sbaciucchiare e stringere mani mollicce e sudaticce non è mai, e ripeto mai, piaciuto. Anzi, l'ho sempre ritenuta una barbara usanza. E adesso sono legittimamente esentata.

Il mio personale sentire è indicativo della realtà? Certo che no.

Io la crisi economica non la vivo in modo particolare. Non ho una singola amicizia-conoscenza che non abbia continuato a lavorare e/o ricevere lo stipendio/sostentamento durante il lockdown.

Però non mi permetterei mai di negare lo stato di difficoltà di tante altre persone, anche se personalmente non le conosco. Sono i dati a indicarmi la realtà, e quando li leggo non penso al complotto pluto-giudaico-massonico-bigpharma-billgates-soros-bilderberg per ottundermi il capire. Penso semplicemente che la mia piccola, singola realtà non fa la realtà in senso lato.

Viceversa, alcune persone non direttamente toccate da questo virus, o dalle potenzialità devastanti che porta con sé, si permettono di negare che esista e per questo sfanculano e deridono le misure minime che siamo chiamati a rispettare, e chi in coscienza decide di rispettarle.

Chi ha più presa sulla realtà, la base stessa della salute mentale?
Chi è preda del suo egocentrismo e chi no?







pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 4, 2020, 2:53:21 AM8/4/20
to
A quanti virus sopravvive ogni giorno l'uomo? Quante pandemie ha già affrontato nel corso della sua storia?

Sembrate ora tutti consapevoli che esistano malattie e terrorizzati del fatto che da un momento all'altro ci si possa lasciare le penne. Morire fa parte del gioco signori. Puoi morire attraversando la strada, mentre ti fai la doccia, oppure a causa di un piccolissimo stramaledetto virus.

E quindi? Ci tappiamo in casa, andiamo tutta la vita in giro coi disinfettanti nella borsetta e mascherati per paura di cosa? Di vivere? E voi questa la chiamereste vita? Poi magari siete i primi firmatari degli appelli pro eutanasia oppure contro gli accanimenti terapeutici!

Però in nome di queste vostre paure condannate a morte (magari solo figurata ma forse ancora peggiore) milioni di persone che si ritroveranno senza un lavoro, senza poter avere di che sfamare i loro figli, crescendoli come degli ipocondriaci cronici.

Il consumo degli antidepressivi è schizzato alle stelle, così come i suicidi. Bella questa vita!

La realtà questa volta sono certo verrà fuori, perché tutta questa pantomima (che non significa negare che esista un normale virus, modificato oppure no, poco cambia nella sostanza, cambierà semmai nelle conseguenze giudiziarie qualora venga appurato senza ombra di dubbio che lo sia) è stata troppo immotivatamente pompata perché non venga analizzata e giudicata come è giusto che sia.

Se un governo ha agito in buona fede per la tutela del suo popolo non dovrebbe aver nessun problema a rendere pubblici i documenti che giustifichino queste decisioni. Anzi, sarebbe un colpo mortale contro i "negazionisti" ed un vanto che ne legittimerebbe ancora di più il proprio operato. Soprattutto se si trova in prossimità di elezioni. Ma invece accade il contrario, con azioni che sempre più prefigurano volontà di non rispondere del proprio operato. Non vi pare una enorme contraddizione?

Se si fosse trattato di un governo a voi inviso per la sua ideologia politica, non oso immaginare cosa avreste scritto e quali conclusioni avreste tratto.

Invece così va tutto bene. L'importante è che non ci sia Salvini al governo e tutti gli analfabeti funzionali dei cospirazionisti se ne stiano fuori dalle palle.

Ripeto...alla fine vedremo chi avrà ragione, io ho più compassione per chi, come tanti miei amici, si ritrovano da mesi a dover fare i conti con futuri non certo incoraggianti ed alcuni di loro con la prospettiva di vivere ai margini della povertà per colpa di un virus che non fa né più né meno quello che un virus è chiamato a fare. A volte si chiama selezione naturale, e fa sopravvivere solo i più forti. La natura è sempre andata avanti così da milioni di anni e così sempre andrà.

Forse è l'uomo che si è un po'troppo montato la testa pensando di essere diventato onnipotente e immune a qualsiasi malattia. Ma a volte è la natura stessa che ci pensa a rimettere le carte in gioco nel loro giusto ordine.

pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 4, 2020, 7:27:55 AM8/4/20
to
"Allora cari complottisti, negazionisti e imbecilli assortiti: se dovessi ragionare sul mio solo personale sentire, la crisi economica del post-lockdown non esiste. Io sto bene come prima. Anzi, meglio. Mi stanno arrivando aiuti statali, regionali, comunali da tutte le parti. Senza nemmeno doverli richiedere."

Amen! Il PIL a -12% cazzi degli altri. Chetefrega, tu stai meglio di prima! 🥂

"Mentre tutte le economie nazionali che hanno applicato misure restrittive per contenere il virus vedono i loro Pil crollare, nessuna esclusa, aumentano i profitti delle grandi multinazionali, alcune con capitali pari alla ricchezza di nazioni intere. Ad arricchirsi sono stati tre settori: farmaceutico, tecnologico e grande distribuzione on line. La gestione del virus, come spesso accade in questo sistema economico malato, ha portato a una socializzazione delle perdite e a una privatizzazione dei profitti, con un’ulteriore aumento di una disuguaglianza già elevatissima. È questo l’irriducibile gioco del neoliberismo."

Ilaria Bifarini

Dai Simonetta, ora passa alla modalità tuttologa ad indirizzo economico. 😅😅

Alessia Guidi

unread,
Aug 4, 2020, 12:01:55 PM8/4/20
to
Sei un analfabeta funzionale, sei in malafede o sei solo un coglione?
Chiedo per un amico.

<<Io la crisi economica non la vivo in modo particolare. [...] Però non mi permetterei mai di negare lo stato di difficoltà di tante altre persone, anche se personalmente non le conosco. Sono i dati a indicarmi la realtà [...]>>

m...@max.it

unread,
Aug 4, 2020, 5:06:35 PM8/4/20
to
Il 04/
>
> Viceversa, alcune persone non direttamente toccate da questo virus, o dalle potenzialità devastanti che porta con sé, si permettono di negare che esista e per questo sfanculano e deridono le misure minime che siamo chiamati a rispettare, e chi in coscienza decide di rispettarle.
>

Grazie per questo piccolo spaccato d'esperienza vissuta e per la
testimonianza della tua concretezza e realismo con cui stai affrontando
questo periodo. E io sempre basito di fronte alle persone di che
descrivi sopra: che fra l'altro non è che siano poche, ho anche amici
"laureati" (non che la laurea conti di per sè qualcosa eh) che prendono
la posizione di Pierpaolo in nome della "liberta".
Non sappiamo che cosa ci aspetta, puo' essere davvero che l'agente sia
meno virulento.. Resta il fatto che in questo momento ci e' richiesto
soltanto un po' di buon senso, di rispetto per le categorie più deboli,
un pò di rispetto anche per noi stessi di fronte a qualcosa che non
conosciamo ancora a fondo: penso che gli Arconti dell'Ordine Mondiale
(...) per ora non ci abbiamo imposto grandi cose...
Mah! Visto che sotto sotto sei la sua malcelata ossessione ;), può
essere che con te Pierpaolo abbia un barlume di ravvedimento

m...@max.it

unread,
Aug 4, 2020, 5:18:51 PM8/4/20
to
Il 04/08/2020 08:53, pier.paolo...@gmail.com ha scritto:
> A quanti virus sopravvive ogni giorno l'uomo? Quante pandemie ha già affrontato nel corso della sua storia?
>
> Sembrate ora tutti consapevoli che esistano malattie e terrorizzati del fatto che da un momento all'altro ci si possa lasciare le penne. Morire fa parte del gioco signori. Puoi morire attraversando la strada, mentre ti fai la doccia, oppure a causa di un piccolissimo stramaledetto virus.
>
> E quindi? Ci tappiamo in casa, andiamo tutta la vita in giro coi disinfettanti nella borsetta e mascherati per paura di cosa? Di vivere? E voi questa la chiamereste vita? Poi magari siete i primi firmatari degli appelli pro eutanasia oppure contro gli accanimenti terapeutici!
>

Ma almeno hai letto quello che ha scritto?
Ti ha detto che si e' chiusa in casa, che vive terrorizzata e che non
viaggia più? Ma dai veramente, ti credo che non ti risponde mai, è come
parlare ad un sordo!
(...)

pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 4, 2020, 5:42:05 PM8/4/20
to
Eccoli al dunque.

Itagliani. Come volevasi dimostrare.

😅😅

Alessia Guidi

unread,
Aug 5, 2020, 2:36:50 PM8/5/20
to
Il giorno martedì 4 agosto 2020 23:06:35 UTC+2, m...@max.it ha scritto:
> Il 04/
> >
> > Viceversa, alcune persone non direttamente toccate da questo virus, o dalle potenzialità devastanti che porta con sé, si permettono di negare che esista e per questo sfanculano e deridono le misure minime che siamo chiamati a rispettare, e chi in coscienza decide di rispettarle.
> >
>
> Grazie per questo piccolo spaccato d'esperienza vissuta e per la
> testimonianza della tua concretezza e realismo con cui stai affrontando
> questo periodo. E io sempre basito di fronte alle persone di che
> descrivi sopra: che fra l'altro non è che siano poche, ho anche amici
> "laureati" (non che la laurea conti di per sè qualcosa eh) che prendono
> la posizione di Pierpaolo in nome della "liberta".

Chi mi conosce sa che sono una persona concreta, ottimista, ancorata alla realtà. So ascoltare e so riflettere sulle esperienze altrui. Sono anche convinta che il modo migliore per esorcizzare le nostre paure passa per la conoscenza, non per i complottismi. Quanto più sai come stanno le cose tanto meno ti spaventi, così da comportarti in modo adeguato alle circostanze.

Questo virus esiste, in poco meno della metà degli infetti non provoca sintomi importanti, in un'altra percentuale fa pochi danni, in un'altra percentuale fa danni tremendi, in un'altra percentuale (2,5-3% degli infetti) ti ammazza. Con tutte le condizioni intermedie. Gli effetti a lungo termine, però, ci sono ignoti.
Ci saranno? Non ci saranno? Saranno reversibili? Quanto a lungo la malattia e/o la positività asintomatica lasciano immuni? Queste cose (e molte altre) ancora non si sanno. E temo che per alcune passeranno anni prima che le sappiamo.

Noi, come dobbiamo comportarci? Direi da persone responsabili.

Sappiamo che ci sono tre misure semplicissime ma fondamentali per difendere noi stessi e gli altri: igiene delle mani (e sono una sostenitrice dei vecchi acqua e sapone), distanza adeguata dagli altri, uso della mascherina quando questa distanza non è possibile mantenerla. No a baci-abbracci-strette-di-mano. Il che non significa non baciare o abbracciare partner, figli, genitori. Significa che con tutti gli altri di cui poco si conoscono i percorsi è decisamente meglio non farlo. Non ho baciato/abbracciato tutte le mie amicizie del mare, che sono tante e con cui mi frequento da anni. E dire che ne avrei avuto proprio molta voglia! Ma pazienza, l'affetto e la gioia del rivedersi si può manifestare anche in altri modi.

Il mio amico stretto si è ammalato verso il 15 di marzo, ma non è riuscito a capire come. E' una persona responsabile che adottava le misure già ampiamente pubblicizzate dal 23 febbraio in poi.

E' stato lasciato a casa senza mai essere visto da un medico e senza cure di alcun tipo, salvo tachipirina, per 6 giorni.
E' stato ricoverato al settimo, quando le difficoltà respiratorie hanno cominciato a essere importanti.
Dopo 2 gg di ricovero a Carpi, trattato con farmaci sperimentali per cui ha dovuto firmare, ha avuto un drastico peggioramento ed è stato spostato a Modena.
Dopo altri 2 gg di reparto con gommini nel naso, è finito in intensiva col famoso casco.

Il passo successivo, come gli avevano preannunciato, sarebbero stati sedazione e intubazione. Che per fortuna si è risparmiato. 63 anni, sanissimo, non fumatore, maratoneta.

La settimana col casco non è stata una passeggiata, come ci ha raccontato. E intanto continuavano a dargli farmaci sperimentali (quelli che secondo alcuni media erano "risolutivi") e a incrociare le dita. Da notare che questo è stato l'iter di molte persone, tra cui i 3 vecchi amici di infanzia che poi non ce l'hanno fatta, dopo oltre 2 mesi in ospedale fatti di apparenti miglioramenti e drastiche ricadute. Perché poi il virus arriva a spappolarti dentro, non è solo polmonite.

Per oltre 2 settimane sua moglie e le sue figlie non lo hanno mai sentito, né sono potute andare a trovarlo, anche solo un saluto e un bacio di là dal vetro della rianimazione. Che vogliono dire tanto sia per chi è di là, sia per chi è di qua da quel vetro, come chiunque ci sia passato potrà confermare. La famiglia riceveva 2 telefonate al giorno dal personale ospedaliero, sempre gentilissimo. Alla mattina e alla sera. Stop. Quando finalmente il mio amico è stato in grado di mandare a casa una sua foto sotto il casco sembrava di aver vinto i mondiali. Per non parlare del primo sms, della prima telefonata, dopo oltre 2 settimane di silenzio.

Lui alla fine è stato fortunato nella sfortuna. Sfortuna di essersi ammalato nel pieno della crisi sanitaria, fortuna di averci levato le gambe (sembra) con pochi strascichi.

Chi si ammala oggi non viene lasciato 6 giorni a casa con la febbre a 40 intanto che il virus comincia a fare danni importanti. Oggi viene assistito subito. E questo perché?

Perché il lockdown ha permesso di vuotare gli ospedali e le intensive; perché qualche settimana in più di conoscenza del virus e delle sue svariate manifestazioni cliniche hanno permesso di affrontarlo meno alla cieca. Se è vero che non esiste terapia specifica, è altrettanto vero che adesso esiste un qualche protocollo da applicare in base alla sintomatologia del paziente. Ma questo non significa che non ci sia ancora chi ci lascia la pelle, anzi.

Da notare che moglie, figlie, suocera (89 anni) e zia (92), tutte conviventi, non hanno mai manifestato sintomi. Nessuna è stata sottoposta a tampone, semplicemente non ce n'erano. Durante tutta la quarantena sono state sentite 2 volte al giorno dai volontari dell'ospedale che raccoglievano dati ed eventuali sintomi.

L'altro giorno ho portato la macchina dal carrozziere. Mi ha detto che anche lui, tra marzo e aprile, s'è fatto un mese di ospedale, due settimane in intensiva, anche lui mi ha raccontato la costante sensazione di annegare che lo ha accompagnato per molti giorni. Anche lui alla fine ci ha levato le gambe, anche lui non sa come è stato contagiato. Lui però non si è ancora del tutto ripreso, e sono passati mesi.

Tutto questo è successo in Emilia Romagna, che può contare sul sistema sanitario migliore in Italia. Dove quel sistema non è mai collassato, a differenza di alcune zone della Lombardia.

Perché lo racconto? Per "terrorizzare"? No, per fotografare la realtà - che comprende anche due ultra 90enni (una in RSA) positive e asintomatiche. E i/le figli/e di amiche positivi/e asintomatici/e o con sintomi minori.

E mi chiedo: visto quanto poco sappiamo di questo virus e delle sue conseguenze, della sua diffusione, delle sue potenzialità, vale davvero la pena rischiare di ritrovarci nella situazione di marzo 2020, quando ciò che ci viene richiesto è un disagio davvero minimo? Io dico di no.

Per inciso, ho sempre pensato che la storia dei guanti fosse una sonora stupidaggine. Ciò che conta è l'igiene. Mano sporca e guanto sporco si equivalgono, i guanti sono utili o indispensabili solo in certe condizioni, non indiscriminatamente. Ma nonostante lo pensassi, ho sempre indossato i guanti dove richiesto, perché se serve a tranquillizzare chi è confuso allora suvvia, a me costa poco infilarmeli.

L'altro giorno alla cassa del supermercato una signora mi ha fatto una scenata perché a suo dire le stavo "attaccata". In realtà ero a oltre un metro di distanza ed entrambe indossavamo la mascherina. Le ho chiesto scusa e sono indietreggiata di mezzo metro. In fondo a me cosa costa farla sentire tranquilla? Anche se non era una situazione a rischio?

Questo per dire che se è vero che ci sono persone che estremizzano da un lato, ci sono altre che estremizzano dall'altro (negazionisti). A me viene da pensare che siano solo ignoranti (non adeguatamente informate), ma quella che estremizza da una parte non rappresenta un pericolo per la salute pubblica, quella che estremizza dall'altra (negazionisti/riduzionisti) invece è un pericolo per la salute pubblica.


> Non sappiamo che cosa ci aspetta, puo' essere davvero che l'agente sia
> meno virulento.

Ti metto qui un paio di link, nel caso non li avessi già letti
https://www.galileonet.it/coronavirus-carica-virale/
https://ilmanifesto.it/il-virus-non-e-piu-debole-lo-ammettono-anche-i-virologi-ottimisti/

Entrambi mi paiono equilibrati. Nel primo c'è anche il link allo studio del team Zangrillo, Silvestri et al che non ho ancora letto. Entrambi sfatano il mito della "guerra tra esperti".

E fin che siamo in argomento. Le dichiarazioni di fine maggio di Zangrillo sono state fortemente (volutamente?) fraintese, complici i media a caccia di click. Se Pier Paolo avesse compreso quanto Zangrillo ha detto nel recente video che lui stesso ha linkato, sarebbe stato meglio (per lui, eh. E per chi gli sta intorno).

Adesso da alcune parti, come Pier ci ha più volte ricordato, c'è una certa indinnazioneh!!1! per i verbali del cts secretati dal governo. Tranquillo PP. Quei verbali saranno resi pubblici a breve. Il Consiglio di Stato deciderà il 10 settembre, e tutto lascia a pensare che finalmente li leggeremo.

Sono curiosa? Certo che sì.
Mi aspetto cose eclatanti che "non cielo dicono"? Certo che no.
E ben comprendo perché si sia chiesto il secreto fino a emergenza finita (e sì, non la è - come il resto di Europa ci sta dimostrando). Il governo, nel suo ricorso alla sentenza del TAR, ha argomentato di aver richiesto il segreto per questioni di ordine pubblico.

Mi stupisco? No.
Mi indinnoh!!1! ? No.

Basta guardare l'uso strumentale che si è fatto delle dichiarazioni di Zangrillo di fine maggio. Che non ha detto "é finita!!! liberi tutti!!", ha detto solo che CLINICAMENTE Sars-CoV2 non esisteva più. Cioè che in quella data le manifestazioni cliniche (ospedaliere) del virus erano enormemente ridotte rispetto a 2 mesi prima. Il che è sicuramente vero. Ma questo non implica che la situazione resterà immutata dei secoliseculorum.

Ora, se i verbali del cts sono scritti in techichese, quel linguaggio che la persona della strada non comprende e quindi è facile che gli sciacalli-avvoltoi-media in cerca di click possano verosimilmente strumentalizzare pro domo propria, bene ha fatto il governo a chiederne il segreto. Del resto s'è visto cosa è successo quando i media hanno anticipato il lockdown. Fuggifuggi e a me chemmefrega? Eh sì, noi italiani siamo fatti così.

Diverso il discorso svedese, dove le autorità hanno fatto appello al senso di RESPONSABILITA' civile dei propri cittadini. Sono state (quasi) premiate. Noi possiamo dire lo stesso, quando c'è gente che non sopporta nemmeno il fastidio di una mascherina, o del distanziamento?

Non è forse lo stesso per i vaccini? Alla fine in Italia s'è dovuto mettere l'OBBLIGO, laddove in mezza Europa quell'obbligo non esiste. Perché? Perché altrove la gente comprende responsabilmente, senza doverla obbligare per legge, l'utilità dei vaccini. In Italia purtroppo no.

> Mah! Visto che sotto sotto sei la sua malcelata ossessione ;), può
> essere che con te Pierpaolo abbia un barlume di ravvedimento

Non esiste. Pier Paolo lo scrisse lui stessi e molto chiaramente qualche tempo fa, non-discutendo (cioè offendendo) Leonardo. Chi ha voglia si cerchi il suo post.

Ora vado a memoria e uso perifrasi, ma il senso di ciò che scrisse era che quando lui discuteva con Leonardo (che reputa un sempliciotto colpito da effetto Dunning-Kruger capace solo di googlare, proprio come me) la sua autostima ne usciva aumentata, molto rinfrancata. E con questo si spiega il suo recente comportamento, che è poi solo una ripetizione già vista nel corso degli anni.

Più o meno il ciclo che ho visto ripetersi più e più volte è questo: quando Pier va in crisi ("momento no" per stare in argomento) perché l'ultimo rimedio/ritrovato/illuminazione che sembrava avergli dato "risoluzione definitiva" o almeno sollievo (ed euforia) dai suoi affanni fallisce lo scopo, lui deve trovare il modo di "accrescere la sua autostima", per cui viene qui a cercare lo scontro. Scotro da cui è sicuro di uscire "vincitore", perché in sostanza si comporta da (omissis) e qualcuno alla fine glielo manda (affanculo). Così, convinto com'è di essere sempre nel giusto, può finalmente dire "accidenti come sono ganzo!!! L'ho zittito con le mie dotte argomentazioni!", senza rendersi conto che ha solo insultato e offeso il suo interlocutore, e l'intelligenza di noi tutti. Ma per il suo senso di autostima è sufficiente.

Non deve essere sfuggito, infatti, che Pier alterna momenti di "addio per sempre, non mi meritate" (fase 1-euforia) con la ricerca ossessiva dell'attenzione di "qualcuno a caso" con cui polemizzare, così da potersi "ricaricare" (fase 2-depressiva). Vedi gli innumerevoli e poco celati riferimenti a me, a mio fratello, a un non meglio qualificato "voi", al Cicap, a "Chiedi le prove", ecc. (tutte cose che mi riguardano) che Pier ha fatto nelle ultime settimane, non ultimo il venire sul mio profilo Facebook a lasciare commenti provocatori e, quando ho cancellato, ricorrere al vecchio post dedicato. Lui che non so quante volte ha scritto che con me "non ci vuole discutere". Allora che razzo rompi?

Perciò no. Nessun "ravvedimento", solo una sua infruttuosa ricerca di una "terapia" in corner per il suo malessere. Un usarmi (adesso che Leo glielo ha mandato definitivamente, come altri prima di lui) come caprio espiatorio, come punching ball per le sue frustrazioni. Quando alla fine si raschia il fondo del barile e non è rimasto altro che me, la sua ossessione, con cui prendersela. Tanto sa che sono troppo buona d'animo per non lanciarli l'osso che così insistentemente richiede.

La sua ossessione non è necessariamente malevola. Però lui è convinto che con me (con gli insulti, il mettermi in bocca cose mai dette, il rifiuto di un confronto civile con me) si ricarica di "autostima" e può tirare avanti qualche altra settimana, prima di ripiombare nei suoi "momenti no" da cui non sa come uscire. Se non prendendosela con me.

Vabbé, sopportiamo cristianamente. A costo di vedermi nuovamente ricoperta di insulti, mi permetto di dargli un consiglio: "cambia paradigma" (locuzione molto amata dai ciarlatani di cui si nutre).

Love & peace


Alessia Guidi

unread,
Aug 5, 2020, 3:28:06 PM8/5/20
to
Il giorno mercoledì 5 agosto 2020 20:36:50 UTC+2, Alessia Guidi ha scritto:


>
> Ora vado a memoria e uso perifrasi

Parafrasi, e chiedo scusa per gli altri errori ma non avevo riletto. E' difficile scrivere in modo decente quando hai un gremlin che ti fiata sul collo perché vuole la cena :-(

pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 5, 2020, 6:20:30 PM8/5/20
to
"Io sto bene come prima. Anzi, meglio. Mi stanno arrivando aiuti statali, regionali, comunali da tutte le parti. Senza nemmeno doverli richiedere."

Questa cosa è veramente strana però. Potresti approfondirla? Quindi che tipo di aiuti ti sarebbero arrivati "senza nemmeno doverli richiedere" che ti fanno star meglio di prima?

Io da quello che so, gli unici aiuti statali che sono arrivati quasi a tutti, ma che chiaramente dovevano essere richiesti, sono stati i bonus di marzo ed aprile per le partite iva da 600 euro. Già quelli di maggio portati a 1000 euro sono stati resi più restrittivi. Ammettendo che ti siano arrivati anche questi sarebbero 2.200 euro per 3 mesi! Che fa poco più di 700 euro al mese. Direi un contentino veramente misero, ma se tu con queste somme stai meglio di prima, beh sono felice per te! 😉👍

Alessia Guidi

unread,
Aug 6, 2020, 3:13:02 AM8/6/20
to
Il giorno giovedì 6 agosto 2020 00:20:30 UTC+2, pier.paol...@gmail.com ha scritto:
> "Io sto bene come prima. Anzi, meglio. Mi stanno arrivando aiuti statali, regionali, comunali da tutte le parti. Senza nemmeno doverli richiedere."
>
> Questa cosa è veramente strana però. Potresti approfondirla? Quindi che tipo di aiuti ti sarebbero arrivati "senza nemmeno doverli richiedere" che ti fanno star meglio di prima?

Se mi dai 3 buoni motivi per risponderti, magari se ho voglia lo faccio. Uno dei motivi è: perché dovrei discutere con qualcuno che parecchio maleducatamente mi ha detto più volte di non voler discutere con me?




pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 6, 2020, 9:01:55 AM8/6/20
to
Non c'è bisogno ogni volta di tirare fuori i 3 buoni motivi per evitare di rispondere.

Hai detto una fesseria e morta lì. Una delle tante. C'é gente che non ha ricevuto quanto richiesto ed a te invece fanno a gara a regalarti contributi. Senza manco richiederli.

Rotfl! 😂😂😂

Alessia Guidi

unread,
Aug 6, 2020, 1:45:27 PM8/6/20
to
Il giorno giovedì 6 agosto 2020 15:01:55 UTC+2, pier.paol...@gmail.com ha scritto:
> Non c'è bisogno ogni volta di tirare fuori i 3 buoni motivi per evitare di rispondere.

Nono, hai capito male le regole del buon vivere sociale.

Quando tu, che hai scritto tante volte che non vuoi discutere con me, cambi idea e invece vuoi discutere con me, allora sei moralmente tenuto a darmi almeno tre buoni motivi per cui.



pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 6, 2020, 4:46:59 PM8/6/20
to
Azz...peccato che non mi vuoi rispondere. 😓

Sarebbe interessante capire il meccanismo che ti ha consentito di ricevere questa abbondante pioggia di contributi senza neanche doverli richiedere (Questa è stata la risposta che ho ricevuto, ma certamente sì tratta di qualche altro invidioso: "Non esiste un contributo statale, regionale o comunale che arrivi senza venire richiesto, anche perché, per qualsiasi assegnazione, bisogna presentare la documentazione."), però pazienza, posso capire il motivo della tua reticenza. Sarà certamente invece un segreto del generoso sindaco di Gargallo che vuoi preservare. Altrimenti sia mai che qualcuno glielo voglia copiare! 😎

Me lo immagino a girare per le case con le buste in mano piene zeppe di euroni. Peccato che non possiamo capire se va a simpatia, per estrazione, o invece magari batte a tappeto indistintamente tutto il paese senza escludere nessuno. Sei proprio fortunata caspita!

E dimmi te poi come non si fa ad essere invidiosi di te!?! 😬😠

pier.paolo...@gmail.com

unread,
Aug 7, 2020, 4:35:58 PM8/7/20
to
Ma poi questi contributi sono legati all'ISEE. Li danno solo a famiglie in condizioni economiche disagiate, al limite della povertà.

Tu non avevi raccontato di essere una ex imprenditrice di successo che si era permessa di ritirarsi dall'attività lavorativa a soli 50 anni, dopo aver venduto la sua azienda?

Quindi? Questa "hubbardata" comunque la si giri butta schizzi di m... 🥺

Però la solfa dei 3 buoni motivi ammetto che è geniale! 😎

Pier Paolo Caselli

unread,
Aug 15, 2020, 2:38:53 PM8/15/20
to
I


"Ieri ho pubblicato un post che poi sono stata costretta a rimuovere.
Sono stata attaccata energeticamente mentre lo scrivevo, ma soprattutto dopo averlo condiviso.
Questo dice tutto.
Ed ora ... non solo lo ripropongo, ma nella versione completa canalizzata:

"Carissimi,
vi avevamo detto che il 2020 sarebbe stato l'Inizio.
Di un nuovo paradigma.
Di una Rivelazione.
Di ciò che è vero.
Sì.
È così.
Tutto viene rivelato, e sarà rivelato.
Inevitabilmente.
Cos'è accaduto finora? ...
Vi avevamo detto che sarebbe stato un anno da ricordare .. e di certo è iniziato con grandi capovolgimenti:
È accaduto che il buio si è fatto avanti.
È accaduto che il karma è salito in superficie per essere guarito.
Sappiate: le tossine della bassa energia vengono espulse.
E tutto ciò che voi considerate negativo in verità non lo è, non lo è affatto.
Ciò che accade fa parte di un Disegno Perfetto, che è all'opera per Liberarvi.
È un Piano di cui siete a conoscenza perchè ne siete i costruttori. E, per questo, siete parte ora di una realtà che cambia velocemente.
Molte sono state le partenze da questo mondo, perché sono state scelte dall'anima.
Chi ha abbandonato il corpo .. l'ha deciso prima di venire qui.
Ha deciso il momento e le modalità. Perché tutto è stato predisposto per ciò che si sta verificando:
E cioè un mutamento collettivo attraverso la compassione.
Gli eventi passati e gli eventi attuali hanno questa informazione da depositare:
empatia e amore.
Tutto ciò che accade lavora sul chakra del cuore.
Tutto avviene per spingere una maggiore apertura.
Una maggiore consapevolezza che porterà ad una maturità spirituale senza precedenti.
Sappiate:
C'è chi sceglierà di andarsene e chi di rimanere:
E tutto questo è Giusto.
Tutto avviene per il Massimo Bene.
Ed ognuno è e sarà accompagnato.
Seguito passo dopo passo.
Gli eventi hanno una profonda motivazione, che non sempre per voi è facile comprendere.
Ma verificate che la Compassione è il motore che tutto Muove.
Tutto ciò che è accaduto è servito per scuotervi ... ed allontanarvi dalla mente.
Chi l'ha scelto? Voi. Certo.
Sempre voi.
E se vi connettete con l'anima, se tornate dentro e vi ascoltate attentamente ... tutto sarà più chiaro.
Comprenderete che è vero.
Perché avvertirete la pace nel caos.
Diverrete voi stessi pace ... Quando accetterete che tutto è perfetto.
Questa è Evoluzione.
Questo è il Salto verso la realizzazione dell'Anima.
Vi preghiamo di non lasciarvi condurre da emozioni di paura. Osservate invece dall'alto, abbiate una visione diversa, una visione evolutiva!
... che solo l'Anima può avere.
Il buio, ora, cerca la vostra attenzione con tutta la sua forza .. per trattenervi nel dolore.
Ma il cuore lo allontana.
Il vostro cuore sceglie il bene per sé stesso e per questo mondo.
È una scelta coraggiosa, ed è l'unica possibile.
Un Nuovo Mondo Sorge dal vecchio.
L'effimero crolla.
È avviato il processo di "deframmentazione dell'occulto."
Di tutto ciò che è tenuto nascosto ai vertici della vostra società ..
Nulla può procedere ancora nell'ombra.
Nessuno potrà più nascondersi. Soprattutto innanzi a sè stesso.
Grandi cambiamenti sono in atto.
Ma sappiate che non vengono divulgati.
Siete tenuti all'oscuro di ciò che davvero accade.
Ma lo avvertite.
Potete percepire ogni cosa ...
Rimanete lucidi.
Saldi nel vostro sentire.
E il Disegno davanti ai vostri occhi prenderà Forma.
Le frequenze cambiano inesorabilmente.
E chi rimane negli abissi del potere ... deve affrontare la realtà.
Chi ancora seduce attraverso l'ego e la menzogna, e nutre di violenza questo mondo ... non troverà più collaborazione alcuna.
Non troverà aiuto, se non in sé stesso.
Perché diciamo questo?
Sappiate che le Egregore di dolore stanno ormai svanendo.
E non possono più essere create.
È importante.
I condizionamenti lasciano questo mondo per sempre.
Ogni trappola viene vista.
E spazzata via.
Ogni crimine viene Rivelato.
La Giustizia è all'opera.
E non concede.
Ogni forma pensiero legata alla visione del vecchio mondo ... viene annullata.
Siete stati per molto tempo prigionieri in questa realtà fittizia ... a pensate che tutto ciò che conoscete non è modificabile.
Non è così.
Ecco vi hanno indotti alla rassegnazione.
Ma tutto questo Finisce.
La Verità Chiama.
La Verità siete Voi che Ricordate chi siete.
E nulla può deviare ciò.
Sappiate che chi non conosce la luce ... ne ha paura.
E ora si nasconde.
Oppure reagisce con rabbia e scetticismo ...
Lasciate che sia.
È ciò che serve.
È giusto.
Il dolore si esprime.
Chiede guarigione.
E tutto prenderà forma.
Nulla sarà più confuso .. perché l'ambiguità dovrà scomparire.
La Luce è conoscenza.
La Luce è chiarezza.
Ben venga il caos ... che riporta Ordine.
Questo sta avvenendo.
La confusione è necessaria .. per espellere le informazioni di dolore legate al vostro campo energetico.
Ogni più piccola ferita esce allo scoperto.
Tutte le ombre sono viste ora alla luce del sole.
Ecco perché la manipolazione perde potere.
Non può più reggere la consapevolezza che si espande, sempre più, in tutto il mondo.
Siete voi che non permettete altre falsità. Non tollerate più la tirannia e le sue manifestazioni.
Sappiate che molti fatti che ancora non conoscete verranno resi noti, e tutto verrà stravolto.
La verità verrà rivelata.
E quando accadrà... il risveglio collettivo subirà un'accelerazione.
L'apertura di questo nuovo passaggio sarà un passo in avanti fondamentale.
Vi preghiamo di tornare dentro di voi, sempre più ...
tornate a ciò che sapete in profondità.
Non lasciatevi condizionare, non fatevi toccare da ciò che non vi serve più.
Sappiate .. che tutti stanno facendo i conti con l'energia del cuore ... tutti.
È un meccanismo inarrestabile.
Non ascoltate notizie che turbano la vostra anima, non date retta a chi divulga sofferenza e rabbia.
Accettate che questo esista, e vedetelo per ciò che è.
La vostra anima lo riconosce:
Scegliete l'amore.
E scegliete il coraggio di diventarlo.
Siate guerrieri del cuore.
I ribelli.
I rivoluzionari.
Comprendiamo le vostre difficoltà ... ma sono necessarie per passare oltre.
Siete nel bel mezzo della tempesta ... perché tutto sta per cambiare.
Tutto verrà trasformato.
Tutto.
Tornate ad essere reali. Autentici.
Siate finalmente voi stessi!
E il mondo vi seguirà.
Voi procedete con la forza della rivoluzione
Siete stati scelti per questo.
Distaccatevi dal giudizio, siate osservatori intelligenti.
Ed entrate in azione quando si infiamma il cuore.
Ardete ... di Giustizia e di Verità.
Fatevi scuotere da questo.
E vibrate con gli ideali più alti che abitano in voi.
Seguiteli senza indugiare ... e riceverete Aiuto.
Sarete accompagnati con forza in questa direzione di libertà.
La Rinascita sta avvenendo.
E non vi viene detto ... proprio perché è Vero.
Tutto è in Movimento.
E non si torna più indietro.
Procedete nella Luce ... e sentirete l'Universo Sorreggervi.
Pensate a ciò che desiderate di bello per questo mondo ... perché lo avrete."

E così È

Marika Moretto

Pier Paolo Caselli

unread,
Sep 9, 2022, 11:17:50 AMSep 9
to
Il giorno venerdì 7 agosto 2020 alle 22:35:58 UTC+2 Pier Paolo Caselli ha scritto:
>
>
> Tu non avevi raccontato di essere una ex imprenditrice di successo che si era permessa di ritirarsi dall'attività lavorativa a soli 50 anni, dopo aver venduto la sua azienda?
>
>

VENDUTO Simonetta Po, vero? Ed immagino anche che ci hai fatto un sacco di soldi, quelli che ti hanno consentito di vivere di rendita! 😅

D'altronde se sei una ex imprenditrice di successo, è la logica conseguenza. Giusto? 🤑😬

https://groups.google.com/g/free.it.religioni.scientology/c/mwLoL9LPyY8/m/N9Dx6O9nAQAJ

m...@max.it

unread,
Sep 10, 2022, 7:37:01 AMSep 10
to
Ma ti sei mai fermato a riflettere un attimo che i tuoi "spirituali"
post rimarranno ed un giorno tua figlia si potrà fare un'idea di chi era
sua padre anche da questi? Ma seriamente sei orgoglioso dell'immagine
che le lascerai, dovesse imbattersi in questo newsgroup? Se la risposta
è si (come immagino) per me sei oramai irrecuperabile e non credo sia
stata colpa di scientology,
Tanta solidarietà alla figlia e alla badante russa.

Pier Paolo Caselli

unread,
Sep 10, 2022, 8:50:13 AMSep 10
to
Dai che magari a fare la scimmietta ammaestrata al posto di Ribelle, qualcosina la regala anche a te la nostra "imprenditrice di successo"! 🥜🐒

Poi però non trascurare le cure, mi raccomando!
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages