Consigli per gestire le emozioni negative

0 views
Skip to first unread message

am...@gmx.net

unread,
Aug 25, 2023, 4:06:31 AM8/25/23
to sublimen googlegroup
Consigli per gestire le emozioni negative

Vi è mai capitato di sentirvi in colpa per aver provato emozioni considerate "negative"? In questo
articolo vi spieghiamo come affrontarle e sfruttarle al meglio.

Ogni giorno siamo esposti a situazioni diverse che alterano il nostro stato emotivo e ci costringono
a fare i conti con sentimenti che possono essere sia piacevoli che spiacevoli. Questo ci porta ad
avere a che fare con emozioni che ci provocano disagio, qualcosa per cui potremmo non sentirci
preparati. Sebbene non esistano linee guida valide per tutti, esistono diverse strategie e
suggerimenti per gestire quelle emozioni “negative”.

Questi sono in gran parte legati all’accettazione di ciò che sentiamo e alla comprensione che
possiamo imparare dalla maggior parte degli eventi. Scopri quali sono quelle chiavi che ci aiutano
ad affrontare le nostre emozioni attraverso questa lettura.

Come gestire le emozioni negative?

È necessario imparare a saper ascoltare ciò che le tue emozioni vogliono dirti, come elaborarle in
modo efficace e come prenderti cura del tuo benessere emotivo. Tuttavia, gli esperti che si sono
occupati di questo argomento raccomandano anche le opzioni che ti offriamo di seguito per il
processo.

1. Comprendi che tutte le emozioni hanno una funzione

Innanzitutto uno dei consigli per gestire le emozioni “negative” è essere consapevoli che non
esistono vere emozioni negative. Anche se con questo chiamiamo quei sentimenti che sono più scomodi
da provare, tutte le emozioni sono preziose e ci forniscono informazioni su noi stessi e sul mondo
che ci circonda.

Inoltre, tutte le emozioni sono risposte adattive che ci aiutano a valutare situazioni complesse e
prendere decisioni efficaci. In questo senso, le emozioni che solitamente consideriamo negative,
come la paura, la rabbia o la tristezza, hanno in realtà una funzione adattiva nella nostra vita.

La paura ci consente di rilevare ed evitare potenziali pericoli, la rabbia serve come difesa contro
le minacce e la tristezza ci aiuta a elaborare la perdita e ad adattarci a situazioni difficili.
Si può dire che tutte le emozioni sono preziose e ci forniscono informazioni importanti su noi
stessi e sul nostro ambiente. Non dovremmo cercare di sopprimere le emozioni negative, ma imparare a
riconoscerle, accettarle e usarle in modo efficace per migliorare la qualità della nostra vita.

2. Accetta le tue emozioni

Accettare le proprie emozioni significa non giudicarle e permettersi di sentirle pienamente.
All’inizio può essere difficile, soprattutto se sei abituato a cercare di sopprimere o ignorare ciò
che senti. Tuttavia, è una parte importante della cura del proprio benessere emotivo.

Ad esempio, se si sta attraversando una situazione difficile, come la perdita di una persona cara o
problemi lavorativi, è possibile provare emozioni come tristezza, ansia o stress. Invece di cercare
di ignorare o distrarti, accettarli ti permetterà di sperimentare le loro sensazioni in modo più
profondo e consapevole. Inoltre, sarai in grado di elaborare correttamente i tuoi sentimenti.

Allo stesso modo, abbracciare le tue emozioni ti aiuterà a capire meglio le tue reazioni emotive. Ad
esempio, se ti senti arrabbiato dopo una discussione con un amico, abbracciare quell’emozione ti
aiuterà a capire i tuoi sentimenti e capire perché è stata innescata la tua reazione emotiva.

Accettare l’emozione e trovare le cause della reazione aiuterà a identificare possibili connessioni
con eventi passati. Questi potrebbero avere un effetto negativo duraturo su di te. A volte questo
accade e ci sono terapie molto efficaci. Tuttavia, è necessario prima riconoscere il problema.

Ci sono approcci che ci aiutano ad abbracciare le emozioni “negative”, permettendole e
comprendendole invece di combatterle. Inoltre, ricorda che, se lo desideri, puoi chiedere supporto
con qualche tipo di terapia tramite uno psicologo specializzato.

3. Ascolta ciò che le tue emozioni vogliono dirti

Il terzo dei suggerimenti per gestire le emozioni negative è ascoltare ciò che le tue emozioni
stanno cercando di comunicarti. Le emozioni sono spesso male interpretate o soppresse. Pertanto,
compaiono problemi di salute mentale come stress, ansia e depressione. Ascoltando ciò che vogliono
dirti, capisci meglio cosa stai provando e trovi modi più efficaci per affrontarli.

Ad esempio, se ti senti triste, è importante ascoltare ciò che la tua tristezza sta cercando di
dirti. Forse senti la perdita di qualcuno o qualcosa che era importante per te, o forse stai
provando delusione o frustrazione. La verità è che, ascoltandolo, capisci meglio cosa stai provando
e trovi modi più fruttuosi per elaborare i tuoi sentimenti.

Allo stesso modo, se ti senti arrabbiato, ascoltare ciò che la tua rabbia sta cercando di
comunicarti ti aiuterà a capire perché ti senti in quel modo e cosa ha scatenato la tua reazione
emotiva. Questo ti permetterà di trovare modi più efficaci per comunicare con l’altra persona
coinvolta o possibili soluzioni ai problemi che si sono presentati.

Uno studio pubblicato su Psychological Inquiry suggerisce che esistono strategie volte a regolare le
emozioni. Alcuni modi efficaci per raggiungere questo obiettivo possono includere prendersi un
momento per concentrarsi sui propri sentimenti, chiedersi cosa ha scatenato la propria reazione
emotiva e annotare i propri pensieri o sentimenti in un diario.

Ricorda che puoi anche chiedere supporto ad amici, familiari o psicologi se ritieni di aver bisogno
di aiuto per comprendere o gestire le tue emozioni.
In breve, ascoltare ciò che le tue emozioni vogliono dirti è una parte importante della cura del tuo
benessere emotivo. In questo modo, puoi capire meglio cosa stai provando e trovare modi per
elaborarlo e gestirlo in modo sano. Non dimenticare che se ti senti sopraffatto dalle tue emozioni,
è sempre importante cercare il sostegno e l’aiuto degli altri.

4. Pratica la consapevolezza o la piena attenzione

La consapevolezza o la piena attenzione si concentra sull’essere presenti nel momento presente e
sull’accettare le emozioni e i pensieri che sorgono senza giudicarli. È una pratica che aiuta a
ridurre l’ansia, la depressione e migliorare la concentrazione. Ciò è suggerito da uno studio di The
Psychiatric Clinics of North America.

Un esempio per praticare la consapevolezza è concentrarsi sul respiro. Siediti in una posizione
comoda e concentrati su di essa. Senti come l’aria entra ed esce attraverso il naso o la bocca,
senza giudicare o cercare di cambiare nulla. Se la tua mente vaga, rimetti a fuoco. Fai questo per
alcuni minuti al giorno quando sei calmo e aumenta gradualmente la frequenza e introducilo in più
situazioni.

Puoi praticare la consapevolezza in qualsiasi attività quotidiana. Ad esempio, puoi concentrarti
sulle sensazioni dei tuoi piedi mentre cammini, assaporare ogni boccone mentre mangi o prestare
attenzione a ogni compito mentre lavori.

È una pratica che richiede tempo e pazienza per svilupparsi. Ma, mentre lo pratichi, provi un
maggiore senso di calma e chiarezza mentale, oltre a una migliore capacità di gestire l’ansia.

5. Altre tecniche per gestire le emozioni

Tra i consigli per gestire le emozioni negative c’è anche la regolazione emotiva. Questo si
riferisce alla capacità di gestire e controllare le proprie emozioni per evitare di sentirsi
sopraffatti o sopraffatti da esse. Ci sono molte tecniche efficaci che puoi imparare e applicare
nella tua vita quotidiana per aiutarti a regolarle e sentire che le gestisci meglio.

Oltre alla meditazione o alla consapevolezza, ci sono altre tecniche che implicano la scrittura di
sentimenti e pensieri negativi per rilasciarli ed elaborarli in modo più efficace. Puoi praticare,
ad esempio, la scrittura terapeutica, scrivendo su un diario o su un foglio di carta, senza
giudicare i pensieri o le emozioni che sorgono.

La scrittura emotiva può aiutare a ridurre l’intensità delle emozioni negative, migliorare la
chiarezza mentale e aumentare il benessere emotivo. Infine, è importante prendersi cura del proprio
corpo e della propria mente attraverso un regolare esercizio fisico, un’alimentazione sana e un
sonno adeguato. La cura di sé può avere un impatto significativo sulla regolazione emotiva e sul
benessere generale.

Non ignorare questi suggerimenti per gestire le emozioni negative
Tutte le emozioni sono preziose e ci forniscono informazioni su noi stessi e sul nostro ambiente.
Non dovremmo cercare di sopprimere nessuna delle nostre emozioni, ma imparare a riconoscerle,
accettarle e usarle in modo corretto per migliorare la qualità della nostra vita.

Pertanto, tieni sempre a mente questi suggerimenti per gestire le emozioni negative e cerca di
seguirli quando lo ritieni necessario. Inoltre, non dimenticare che puoi sempre cercare supporto da
amici, familiari o professionisti della salute mentale.

Bibliografia

Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità,
l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata
affidabile e di precisione accademica o scientifica.

Gratz, K. L., & Roemer, L. (2004). Multidimensional assessment of emotion regulation and
dysregulation: Development, factor structure, and initial validation of the difficulties in emotion
regulation scale. Journal of Psychopathology and Behavioral Assessment, 26(1), 41-54.
https://link.springer.com/article/10.1023/B:JOBA.0000007455.08539.94
Gross, J. J. (2015). Emotion regulation: Current status and future prospects. Psychological Inquiry,
26(1), 1-26. https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/1047840X.2014.940781
Kashdan, T. B., Barrett, L. F., & McKnight, P. E. (2015). Unpacking emotion differentiation:
Transforming unpleasant experience by perceiving distinctions in negativity. Current Directions in
Psychological Science, 24(1), 10-16. https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/0963721414550708
Hofmann, S. G., & Gómez, A. F. (2017). Mindfulness-based interventions for anxiety and depression.
The Psychiatric clinics of North America, 40(4), 739–749. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29080597/

da lista mentem gg


Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages