Se vi sentite soli, connettetevi con gli altri

0 views
Skip to first unread message

am...@gmx.net

unread,
Jan 26, 2023, 4:14:21 AMJan 26
to sublimen googlegroup

Se vi sentite soli, connettetevi con gli altri

 

La solitudine che appare come conseguenza dell'isolamento può essere estremamente dolorosa. Cosa fare per affrontarla? In questo articolo ve lo diciamo!

 

La solitudine non ricercata ha effetti devastanti sulla nostra salute. Questa emozione ha due possibili letture. Da un lato, può essere un faro di calma e pace quando vogliamo essere soli in mezzo al caos; dall’altra, quando quello che cerchiamo è relazionarci con persone significative e falliamo, la solitudine devasta tutto: è il fuoco che consuma le foglie verdi delle nostre speranze. Se vi sentite soli, leggete questo articolo.

 

Coloro che soffrono maggiormente le conseguenze dell’oscura solitudine sono i nostri anziani. In questo senso, è importante distinguere tra due concetti diversi ma strettamente correlati: solitudine vs. isolamento.

 

La solitudine è un’emozione e, come tale, si vive di fronte a uno stimolo. Pertanto, sebbene anche in altre popolazioni, sono gli anziani a correre il rischio maggiore di vivere la solitudine. Ciò accade perché si tratta di una popolazione che vive con maggiore intensità anche l’isolamento sociale.

 

Nella vecchiaia, all’interno delle relazioni sociali avvengono potenti cambiamenti, che a volte portano all’isolamento sociale.

 

Cosa implica la solitudine?

 

La solitudine tutt’altro che desiderata è un potente agente erosivo sulla nostra salute. Svolge un ruolo rilevante nel comportamento suicidario quanto quello della depressione. In questo senso, vogliamo riflettere sulle due componenti della solitudine:

 

Se vi sentite soli: una solitudine oggettiva

 

La solitudine oggettiva è ciò che possiamo vedere. È la solitudine vissuta in assenza di altre relazioni. La solitudine oggettiva non è né cattiva né buona. In effetti può essere buono; per esempio, quando cerchiamo attivamente di stare da soli per disconnetterci dal mondo che ci circonda e guardarci dentro.

 

“Se è la solitudine desiderata, non è un problema.”

-Isabel Adelantado-

 

Solitudine soggettiva

 

È la solitudine impossibile da vedere con i nostri occhi. Quella che si sente anche quando possiamo essere circondati dal nostro universo relazionale. È la solitudine che brucia la nostra anima, anche quando siamo accompagnati. È così devastante perché, anche se accompagnate, se le relazioni sono poco intime, vengono vissute come vuote.

 

Quando si parla di intimità in una relazione tra due persone (come nell’amicizia, per esempio), si fa riferimento all’intimità che significa “pelle con pelle” (per esempio, un abbraccio); ma anche l’intimità che comporta il contatto “mente a mente” (come la condivisione di paure e desideri).

 

Isolamento sociale

 

Questa è una situazione che può facilmente generare solitudine. Tuttavia, come abbiamo accennato, possiamo cercare situazioni in cui ci isoliamo dal resto e proviamo pace, invece che solitudine.

 

Secondo la teoria del disimpegno, le persone anziane smettono di svolgere determinate attività come conseguenza dell’invecchiamento. Tra questi c’è il rapporto con la società. In effetti, questo è un fatto che si verifica con una certa frequenza in pensione. Durante la notte, la persona ha smesso di lavorare e socializzare con i colleghi.

 

In questo senso, il National Institute on Aging at NIH propone una guida con diverse raccomandazioni per affrontare la solitudine che si verifica a seguito dell’isolamento sociale nelle ultime fasi della vita.

 

Come affrontare la solitudine

 

Ci sono varie strategie che si possono adottare nel caso in cui la solitudine tenti di abbatterci. “Prima le cose importanti”, ovvero se stessi. In questo senso, come strategie di base per la cura di sé possiamo citarne due:

 

L’esercizio. La vita è movimento e continuare a muoverci quotidianamente può aiutare a fluire. Inoltre, l’esercizio fisico è un potente fattore protettivo per la salute, sia fisica che psicologica.

Prendetevi cura del vostro riposo. Il sonno, sia per difetto che per eccesso, è solitamente un cattivo compagno di viaggio.

 

Tuttavia, ce ne sono altri che possono aiutarci più intensamente a ridurre la solitudine. L’obiettivo qui è rigenerare il nostro universo di relazioni, che potrebbe essere nelle sue ore più basse.

 

L’esercizio fisico ha numerosi benefici, sia fisici che psicologici, e talvolta anche sociali.

 

Se vi sentite soli, connettetevi con gli altri

 

Potremmo avere una certa riluttanza nell’imbarcarci nella costruzione di nuove relazioni, ma non è mai troppo tardi! Al contrario, le relazioni che si costruiscono nella vecchiaia possono essere più ricche, profonde e più intime di quelle costruite nelle fasi precedenti.

 

La connessione con altre persone è caratterizzata dal significato che diamo al collegamento. È questa connessione e questo dato significato che può diventare veramente intimo. In questo senso svolgere attività che hanno uno scopo può dare un senso alla nostra vita, e ancor di più se le facciamo con altre persone.

 

Ad esempio, potreste iscrivervi a un club o a un’associazione in cui ci sono attività legate alla lettura di libri, alla visione di film, all’analisi critica delle notizie, ai dibattiti e al parlare in pubblico, al giardinaggio, ecc.

Anche il volontariato è una buona opzione. In effetti, aiutare gli altri ci aiuta. Questo è uno degli effetti benefici che il comportamento prosociale ha sulla salute mentale.

 

“Le persone che vivono la solitudine hanno sempre qualcosa in mente che sarebbero disposte a condividere.”

-Anton Cechov-

 

Quando emerge la solitudine a causa dell’isolamento sociale, è importante riconnettersi con il mondo e ricostruire la rete sociale che si era persa. Inoltre, nella società odierna, la tecnologia è diventata una costante nella vita di molte persone.

 

L’uso della webcam può accorciare il percorso perché ci apre finestre per entrare in contatto con persone provenienti da tutto il mondo. E voi, quando vi sentite soli -e non vorreste esserlo-, cosa fate per riconnettervi con il mondo?

 

Bibliografia

 

Adelantado Mascarós, I. (2022). La soledad en las personas mayores: impacto en su calidad de vida.

Consejo General de la Psicología de España (2022) . El efecto saludable del contacto social en personas mayores frente a la soledad. www.infocoponline.es. https://www.infocop.es/view_article.asp?id=22653

 

https://www.infocop.es/view_article.asp?id=22653&cat=56

 

https://repositori.uji.es/xmlui/handle/10234/200887

 

da lista mentem gg

 

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages