Volete fare il digital champion nel vostro comune?

567 views
Skip to first unread message

Alberto

unread,
Oct 17, 2014, 5:43:46 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao a tutti,

come saprete, Riccardo Luna è stato nominato Digital Champion per l'Italia. La sua idea è molto anticonvenzionale:
  1. serve un digital champion per ogni comune. Il lavoro (digital literacy, open data etc.) viene fatto sul territorio, non da Roma.
  2. al centro si mette un help desk in grado di aiutare e consigliare quei digital champions comunali che hanno bisogno di una mano per fare passi avanti.
  3. Riccardo stesso funziona come enabler: se qualche procedura si blocca, lui puoi intervenire via Presidenza del Consiglio. 

Non c'è bisogno di partire direttamente con 8000 digital champions: si parte da quelle persone di cui sappiamo che possiamo fidarci, coprendo solo una parte (probabilmente abbastanza piccola) del territorio. In seguito, poi, saranno gli stessi digital champions della prima onda a portare dentro persone di comuni magari vicini di cui hanno stima.

Riccardo mi chiede se SOD si sente di sbilanciarsi a indicare persone che potrebbero volere fare questa roba, entrando nella prima onda. Il ruolo è ovviamente piuttosto vago – non ci sono precedenti a cui aggrapparsi. In più, è un ruolo onorifico, non pagato – lo stesso Riccardo non percepisce compenso, né ha persone di staff. Quindi nessuno si deve sentire obbligato. Diciamo che, se qualcuno di voi sta già spingendo i temi del digitale nel suo territorio per interesse personale, Riccardo vi offre un'investitura istituzionale: potete farlo anche sotto l'egida del Digital Champion.

Molti spaghettari stanno in grandi città dove la scelta è abbastanza ampia, ma alcuni vivono o lavorano in centri minori – penso a Massimo Santi a Imola, Franco Morelli a Ravenna, Piersoft a Matera, Patrizia Saggini a Anzola. Sicuramente ce ne sono molti altri che conosco dalla mailing list, ma di cui non so il comune di provenienza. C'è qualcuno che vuole farsi avanti? O proporre una terza persona?

Matteo Fortini

unread,
Oct 17, 2014, 5:48:37 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
L'idea è molto bella e penso potrà dare giusta soddisfazione a quelli che già "buttano giù porte a spallate", come diceva @aborruso a SOD14

Io ci sono per Cento (FE)

Grazie ciao,
Matteo
--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Spaghetti Open Data" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a spaghettiopend...@googlegroups.com.
Visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.com/group/spaghettiopendata.
Per altre opzioni visita https://groups.google.com/d/optout.

Alberto Cottica

unread,
Oct 17, 2014, 5:59:31 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Matteo, perfetto! Credevo stessi a Bologna...

andy

unread,
Oct 17, 2014, 5:59:55 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao Alberto,
oggi molto di fretta.

Per Palermo a me piacerebbe.
 
Un caro saluto a tutti,

Andrea



--
Andrea Borruso
website: http://blog.spaziogis.it
GEO+ geomatica in Italia http://bit.ly/GEOplus 
38° 7' 48" N, 13° 21' 9" E, EPSG:4326
--

"cercare e saper riconoscere chi e cosa,
 in mezzo all’inferno, non è inferno, 
e farlo durare, e dargli spazio"

Italo Calvino

ilmistra

unread,
Oct 17, 2014, 6:25:54 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Piace l'idea di un facilitatore locale.

Non so se gli spaghettari siano mai stati mappati. Nel caso lancio la proposta, magari con una piccola tassonomia a corredo per capire le diverse eccellenze.
E rilancio l'idea del "SOD approved", visto che i numeri e la qualità professionale delle persone che partecipano qui dentro è indiscutibile.



Paolo Mainardi

unread,
Oct 17, 2014, 6:31:29 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Gli spaghettari "devono" mapparsi qui: http://www.spaghettiopendata.org/community/map :)

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Spaghetti Open Data" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a spaghettiopend...@googlegroups.com.
Visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.com/group/spaghettiopendata.
Per altre opzioni visita https://groups.google.com/d/optout.



--
 
 Twinbit

Paolo Mainardi 
Twinbit Founder - CTO

www:      twinbit.it 
mobile:   (+39) 3401678089 
skype:    paolo_mainardi 
linkedinpaolomainardi 
twitter:  @paolomainardi 
blog:     paolomainardi.com 

Diego Valerio Camarda

unread,
Oct 17, 2014, 6:31:39 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao Alberto,

ma in una città come Roma o Milano la cosa come funzionerebbe?

----------
Diego Valerio Camarda
dcam...@regesta.com - www.regesta.com

Massimo Santi

unread,
Oct 17, 2014, 6:43:48 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Per Imola io ci sono.
Che ne dite di fare un "kit" di consigli che SOD consiglierebbe ad ogni singolo digital champion?
ad esempio: argomenti da trattare, enti da coinvolgere, norme da fare applicare, iniziative proponibili (coderdojo, hackathon), finanziamenti disponibili
Se sopravvivo al convegno della prossima settimana, mi ci butto,
ciao

Simone Cortesi

unread,
Oct 17, 2014, 6:45:41 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com, Alberto Cottica
2014-10-17 11:43 GMT+02:00 Alberto <alberto...@gmail.com>:
> Molti spaghettari stanno in grandi città dove la scelta è abbastanza ampia,
> ma alcuni vivono o lavorano in centri minori – penso a Massimo Santi a
> Imola, Franco Morelli a Ravenna, Piersoft a Matera, Patrizia Saggini a
> Anzola. Sicuramente ce ne sono molti altri che conosco dalla mailing list,
> ma di cui non so il comune di provenienza. C'è qualcuno che vuole farsi
> avanti? O proporre una terza persona?

è una attività che molti di noi fanno da anni, tipo 10 anni. In che
cosa verrebbero coadiuvati?

Quale sarebbe il supporto ricevuto da parte del LDC (Local Digital
Champion) da parte dell'organizzazione centrale?


--
-S

ilmistra

unread,
Oct 17, 2014, 6:52:18 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com, pa...@twinbit.it
Ma come sei veloce a sviluppare Paolo! Chiedo venia, ero assente quel giorno prof.! Però rilancio.

Se cerco, che so, Pavia, e non vedo Simone Cortesi, la significatività della mappa mi crolla! Più che sapere dove uno abita o vive, mi piacerebbe capire in quale comune o territorio "lavora". Poi i globetrotters come Alberto o Napo giocano una partita diversa, e va bene.

Alessio 'Blaster' Biancalana

unread,
Oct 17, 2014, 6:53:36 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com, Alberto Cottica
> serve un digital champion per ogni comune
Concordo. Mettimi dentro per Cave (RM), non farti problemi. (Angelo Moroni, mi leggi? Genazzano ha bisogno di voi :P ;) )


> Quale sarebbe il supporto ricevuto da parte del LDC (Local Digital Champion) da parte dell'organizzazione centrale?
Yup. Sono curioso anche io :-)

Ale

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Spaghetti Open Data" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a spaghettiopend...@googlegroups.com.
Visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.com/group/spaghettiopendata.
Per ulteriori opzioni, visita https://groups.google.com/d/optout.

Roberto Rosso

unread,
Oct 17, 2014, 7:02:12 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com, Alberto Cottica
Non molto lonatano da Cave e Genazzano, a Colleferro  dove da anni si lavora ai mille problemi della Valle del Sacco, scavando nei mille depositi di informazioni della PA,dai comuni, alle ASL all'ARPA, etc...
SI può costruire un gruppo di lavoro.

Roberto Rosso

Per altre opzioni visita https://groups.google.com/d/optout.



--

Ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. n.196/03 (Tutela della privacy) si precisa che questa e-mail è inviata unicamente ai destinatari sopra esposti. Si invita gentilmente a volerla distruggere e/o a contattarci nel caso in cui la si abbia erroneamente ricevuta

jenkin

unread,
Oct 17, 2014, 7:04:22 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com, alberto...@gmail.com
Mi sembra una cosa molto buffa, se volete potrei fare l'araldo a Squillace, forse il comune più piccolo della lista... :)
Sulla carta sono 3000 abitanti distribuiti su tre frazioni, ma tolta l'estate è grasso che cola se arriviamo a 1500...
ah, e da qualche settimana ha dichiarato fallimento ed è commissariato, ma il commissario deve ancora arrivare.

Chissà, sembra una situazione abbastanza folle da permettere di far passare qualche principio di openness anche nel piccolo...

Tenetemi aggiornato: Squillace, provincia di Catanzaro, qui http://www.openstreetmap.org/relation/39719 :D

Alessio 'Blaster' Biancalana

unread,
Oct 17, 2014, 7:25:34 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com, Alberto Cottica

Omonimo :-),
Il fatto è che se ci mobilitiamo tutti e ognuno fa qualcosa il risultato è comunque abbastanza ingente. Prova!

Ale
Inviato da Android

Ida Leone

unread,
Oct 17, 2014, 7:30:51 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com

Io ho giá messo la mia immodestissima candidatura per Potenza sul sito Digital Champion :) 

--

mariano maponi

unread,
Oct 17, 2014, 7:38:18 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Bentrovati a tutti!
la proposta di Alberto per fare  il digital champion, mi piace molto 
io potrei iniziare con il comune di Macerata, naturalmente sarò ben felice
a collaborare con altre persone che si volessero aggiungere in seguito

in breve la mia attività è quella di insegnante di sistemi e reti 
presso l'istituto tecnico "Divini" http://www.divini.net/maponi
inoltre, amministro il blog collettivo a sostegno di forum paesaggio marche

a presto saluti
mariano








--

Lorenzo Perone

unread,
Oct 17, 2014, 7:56:06 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao,
io ci sono per Castel Maggiore (dove abito) o se più utile per Bologna (dove lavoro).
Ciao.
l.

Mara Cinquepalmi

unread,
Oct 17, 2014, 8:06:45 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
idea molto nobile, però sempre a fare cose gratis.
non è una polemica, per carità.
però prima o poi, di tutto questo lavoro che a vario titolo ognuno di noi presta gratuitamente in diversi ambiti bisognerà pur parlarne.
buon week a tutte e a tutti

Maurizio Napolitano

unread,
Oct 17, 2014, 8:10:33 AM10/17/14
to Spaghetti Open Data
L'idea è interessante però mi piacerebbe vederla più articolata.
La questione è semplice: eletto il digital champion comunale, poi
questo a chi si rivolge?
Non c'è il rischio che possa apparire come un cittadino che chiede i
suoi diritti?
Mi piacerebbe che la figura nascesse sulla base della nascita di
agende digitali comunali.
Bene o male questo è stato fatto in Emilia Romagna con il progetto Madler
http://digitale.regione.emilia-romagna.it/piter/doc/piter-2011-2013/linea-guida-2/madler-modello-partecipato-per-agende-digitali-locali-in-emilia-romagna

Forse potremmo ragionare su un documento condiviso per definire bene
la figura del digital champion comunale (anche se preferirei un
livello di aggregazione maggiore legato all'impatto
ICT che la PA di riferimento può avere)

Laura Camellini

unread,
Oct 17, 2014, 8:11:50 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Consenso a Mara,
il valore di quello che facciamo brilla di luce propria... c'e' chi minaccia gli avversari politici con certi dati... 

</polemica>

Ciao,
Laura

--

Diego Valerio Camarda

unread,
Oct 17, 2014, 8:19:18 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
@napo ha ragione: nelle grandi città mi domando proprio come possa esser utili, chi sono gli interlocutori? chi da mandato? si presuppone che il "campione" sia interpellato su certe questioni?

sono un po' perplesso in effetti

----------
Diego Valerio Camarda
dcam...@regesta.com - www.regesta.com

Daniele Crespi

unread,
Oct 17, 2014, 8:37:24 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
e le Regioni ? e i Ministeri ? e gli Enti Centrali ?

ahimè la PA è articolata

puoi mettere anche un Digital Champion ogni comune , ma se il ministero degli Interni non libera i dati sulla criminalità non saprai mai se il tuo comune o il tuo quartiere è sicuro

e la Salute ? e l'inquinamento ?

tutte cose gestite da soggetti sovra-comunali

dal'interno della PA ho lo stesso dubbio di Simone e Napo, senza investitura serve a fare solo civic hacking ma poco a cambiare le cose della PA

le PA la vedo dura che si faccia eterodirigere

basta che siano chiari gli obiettivi

my 2 cents 

Matteo Fortini

unread,
Oct 17, 2014, 8:45:46 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Non ho visto il sito a cui si riferisce Ida, qualcuno me lo può indicare?

Ciao! (e in bocca al lupo per la capitale della cultura europea del 2019 a tutt*!)

Alessio 'Blaster' Biancalana

unread,
Oct 17, 2014, 8:46:46 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com

Beh Daniele hai ragione ma è anche vero che i digital champion sul territorio hanno comunque la figura di Riccardo che è quella che poi dovrebbe insinuarsi all'interno della PA. :-)

In caso, quello che avevamo fatto con l'hackathon al parlamento era una cosa simile.

Ale
Inviato da Android

Matteo Fortini

unread,
Oct 17, 2014, 9:16:21 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Riccardo Luna sta raccontando su Huffington Post come hanno dato risalto in Estonia al digital champion:
http://www.huffingtonpost.it/riccardo-luna/campione-digitale-estone_b_6001838.html?utm_hp_ref=italy


Il 17/10/2014 11:43, Alberto ha scritto:
--

ilmistra

unread,
Oct 17, 2014, 9:21:03 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
http://digitalchampions.it/

ma c'è solo una bacheca in cui puoi presentarti, modello terapia di gruppo....mah!

ila

unread,
Oct 17, 2014, 10:48:13 AM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Io ho solo georeferenziato i dati del patrimonio immobiliare del comune di Napoli pubblicato in Amministrazione trasparente, qui
http://www.mappi-na.it/mappa-immobili-comune-di-napoli-2/

 ma ho una gran voglia di buttare giù a spallate il muro sugli OD a Napoli  e dunque ho "bisogno di una mano per fare passi avanti".
posso iscrivermi lo stesso?
ila

Marco Brandizi

unread,
Oct 17, 2014, 5:06:28 PM10/17/14
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao Alberto,

non ho un comune da rappresentare, perché sto all'estero, però, se l'idea è di procedere in modo aperto, mi piacerebbe partecipare in qualche modo, anche senza investiture. Per esempio, se si prevede anche di fare progetti per aree tematiche, oppure se semplicemente farete una mailing list per coordinare il lavoro dei digital champion.

Ciao,
M.


On 17/10/2014 10:43, Alberto wrote:
Ciao a tutti,

come saprete, Riccardo Luna è stato nominato Digital Champion per l'Italia. La sua idea è molto anticonvenzionale:
  1. serve un digital champion per ogni comune. Il lavoro (digital literacy, open data etc.) viene fatto sul territorio, non da Roma.
  2. al centro si mette un help desk in grado di aiutare e consigliare quei digital champions comunali che hanno bisogno di una mano per fare passi avanti.
  3. Riccardo stesso funziona come enabler: se qualche procedura si blocca, lui puoi intervenire via Presidenza del Consiglio. 

Non c'è bisogno di partire direttamente con 8000 digital champions: si parte da quelle persone di cui sappiamo che possiamo fidarci, coprendo solo una parte (probabilmente abbastanza piccola) del territorio. In seguito, poi, saranno gli stessi digital champions della prima onda a portare dentro persone di comuni magari vicini di cui hanno stima.

Riccardo mi chiede se SOD si sente di sbilanciarsi a indicare persone che potrebbero volere fare questa roba, entrando nella prima onda. Il ruolo è ovviamente piuttosto vago – non ci sono precedenti a cui aggrapparsi. In più, è un ruolo onorifico, non pagato – lo stesso Riccardo non percepisce compenso, né ha persone di staff. Quindi nessuno si deve sentire obbligato. Diciamo che, se qualcuno di voi sta già spingendo i temi del digitale nel suo territorio per interesse personale, Riccardo vi offre un'investitura istituzionale: potete farlo anche sotto l'egida del Digital Champion.

Molti spaghettari stanno in grandi città dove la scelta è abbastanza ampia, ma alcuni vivono o lavorano in centri minori – penso a Massimo Santi a Imola, Franco Morelli a Ravenna, Piersoft a Matera, Patrizia Saggini a Anzola. Sicuramente ce ne sono molti altri che conosco dalla mailing list, ma di cui non so il comune di provenienza. C'è qualcuno che vuole farsi avanti? O proporre una terza persona?

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Spaghetti Open Data" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a spaghettiopend...@googlegroups.com.
Visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.com/group/spaghettiopendata.
Per altre opzioni visita https://groups.google.com/d/optout.

-- 

=========================================================================
Marco Brandizi <marco.b...@gmail.com> 
http://www.marcobrandizi.info

Cristiano Longo

unread,
Oct 17, 2014, 6:17:52 PM10/17/14
to lorenzo...@gmail.com, spaghett...@googlegroups.com
Ciao Lorenzo, io sarei onorato di fare il digital champion per Catania. Non so se sono la figura appropriata, sono fondamentalmente un tecnico ed un accademico. Fammi sapere se ti servono ulteriori informazioni e referenze sulla mia attività.

CL
--

Alberto Cottica

unread,
Oct 18, 2014, 4:08:09 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
Wow, grazie a tutti! Adesso mi invento un sistema in cui ciascuno di noi può referenziare gli altri, così prepariamo una lista per Riccardo. OK?

Circa i dubbi espressi da Daniele e altri: come scrivevo, non è per niente chiaro come lavoreranno i digital champions, nemmeno al livello europeo. Si tratta di prendersi qualche rischio e di interpretare il ruolo. L'idea di Riccardo è di connettere le persone che stanno nei territori, dare loro qualche servizio a livello centrale e rendersi disponibile per intervenire se serve.

Nino Galante

unread,
Oct 18, 2014, 4:18:43 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
io mi rendo disponibile per Patti

Marco Montanari

unread,
Oct 18, 2014, 4:25:51 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
io ci sono per Castel Maggiore (BO).

2014-10-18 10:18 GMT+02:00 Nino Galante <antonino...@gmail.com>:
io mi rendo disponibile per Patti
--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Spaghetti Open Data" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a spaghettiopend...@googlegroups.com.
Visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.com/group/spaghettiopendata.
Per ulteriori opzioni, visita https://groups.google.com/d/optout.



--
Marco Montanari
mail: marco.m...@gmail.com
office: marco.m...@labs.it 
mobile: +39 3335267086
skype: marco.montanari
web: http://ingmmo.com

eccoilmoro

unread,
Oct 18, 2014, 4:55:09 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao , bella cosa! Io mi offro per Ravenna insieme a Monica Palmirani, vorremmo fare questa candidatura doppia che rappresenti la parte dentro la PA (Monica) e fuori (io). Ovviamente, se serve, mi offro anche per la mia città di residenza che è Lugo (RA)!

Steve

unread,
Oct 18, 2014, 5:59:51 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao Alberto,
gran bell'idea. Serve un punto chiaro di riferimento e serve che sia presente sul territorio. Avevo scritto proprio questo su digitalchampions.it:

"[...] Vorrei che questa esperienza venga tenuta presente, che anche ad Alessandria ci possa essere un “Digital Champion”, perchè 9 milioni di euro di buco di bilancio devono ancora essere ripristinati. Il digitale ci aiuterà a colmare il deficit, aumentare le entrate, stimolare la crescita e migliorare la coesione della città per cui lavoriamo. I meccanismi remunerativi rimangono un problema se letti in chiave storica: ma esistono dei nuovi incentivi che sono l’esperienza, la “rivendibilità” delle competenze e la consapevolezza di esser parte del bene comune di cui anche noi stessi facciamo parte [...] (autocit fastidiosa!)

Ad Alessandria abbiamo sicuramente un paio di figure pronte.

Concordo con Napo sulla definizione del ruolo, e aggiungo che potrebbe essere utile definire una serie di indici per la (auto)valutazione del territorio e per dimostrarne la (sicura) buona riuscita.

Ahimè, concordo anche con Mara: i rischi della gratuità sono sempre dietro l'angolo. Continuiamo a parlarne.

Stefano

Andrea Nelson Mauro

unread,
Oct 18, 2014, 8:48:56 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
Non ho sicuramente tempo da dedicarci quindi non mi farei avanti (se serve do una mano a chi lo fa da Bologna).
L'idea però mi pare abbastanza interessante. Come dire, prima regola del fight club: costruisci una rete, e Riccardo da persona esperta credo la conosca ;)

Per l'idea che mi sono fatto del ruolo "digital champion", in realtà mi pare un modo di 'istituzionalizzare' processi che oggi le istituzioni (ma non solo) non riescono a capire, quindi direi: Il Vecchio mondo ha bisogno di capire qualcosa del Nuovo mondo e cerca un Mediatore culturale (il digital champion, appunto).

Che poi questa cosa possa diventare una rete è forse l'unico modo di costruire il ruolo del DC in maniera strutturata.

Lavoro gratis: più che di lavoro gratis parlerei di attivismo. Quando nevica e spalo la neve sotto casa sto "lavorando" ma non mi aspetto di essere pagato. Assurdo invece che il Digital Champion non abbia remunerazioni né budget. E se volesse investire? Finanziare qualcosa? Sponsorizzare? Un budget dovrebbe assolutamente averlo.

Carino sarebbe se i digital champions locali venissero riconosciuti dall'Agid ed esistesse un qualche luogo di dibattito pubblico, anche tipo blog collettivo.
Su questo Riccardo che dice?
Anzi, Riccardo, protesti commentare tu stesso! ;)

abrazos! 

Andrea Raimondi

unread,
Oct 18, 2014, 9:18:17 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
Fatemi capire una cosa (eventualmente lo stesso Riccardo che dovrebbe leggerci). Non capisco quali benefici dia una rete di DC se non quello di fare massa mediatica. Posto che fare massa mediatica ha i suoi benefici, come i suoi svantaggi, ho una semplice domanda per evitare risposte-chiacchera: 

>In cosa un network di campioni digitali differisce da una cosa come spaghetti?

E ancora:

> In che modo un LDC aiutato in termini di 1. budget di progetti ed eventuali rimborsi 2. coordinazione tra enti locali e direzione amministrativa centrale ?
> In che modo un LDC è diverso da un cittadino che articola i suoi diritti? e conseguentemente, in che forma il LDC tratta con le amministrazioni?


Best


Andrea



cirospat

unread,
Oct 18, 2014, 9:33:19 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
Per Palermo la mia candidatura.
L'avevo proposto nel sito DigitalChampion.it circa 2 settimane fa ma ancora non la vedo.
Eccola:
Riccardo, complimenti per il tuo incarico.
Sono contento, da cittadino italiano, di sapere che ci sono individui competenti sul digitale che si stanno mobilitando per avviare un cambiamento del nostro paese in positivo, orientato all'uso degli strumenti dell'ICT nella vita quotidiana, partendo proprio dalle pubbliche amministrazioni che erogano un enorme quantità di servizi sul territorio.
Lavoro al comune di Palermo (presso l'Area Innovazione Tecnologica) e da un paio di anni mi occupo di diverse iniziative dagli open data all'utilizzo dei servizi di cloud al geomapping delle informazioni, cercando di condividere entusiasmo, conoscenze e competenze digitali con collegi e dirigenti.

1) open data: insieme a 6 cittadini abbiamo scritto volontariamente le Linee Guida per la gestione delle attività sugli open data del Comune (http://bit.ly/1hJuoDN) che sono state condivise e approvate dall'Amministrazione comunale con una delibera di Giunta e rese attuative (http://www.comune.palermo.it/opendata.php). Sono state effettuate le nomine dei referenti tecnici e tematici open data nelle varie aree dell'Amministrazione e ora si sta provvedendo a redigere i documenti di studio per la fase di formazione dei referenti, che poi a regime provvederanno a popolare il portale web istituzionale di dataset in formato aperto. Ovviamente la nostra intenzione principale è quella di dotarci di strumenti applicativi in gradi di generare open data in maniera dinamica e quindi costantemente aggiornati, farli diventare (gli open data) una sorta di web service.

2) cloud: altra iniziativa attuata dentro l'Amministrazione concerne la diffusione dell'uso di provider di servizi cloud al fine di condividere documenti di lavoro ottimizzando i processi interni di gestione documentale. Oggi l'uso del cloud in amministrazioni pubbliche con un elevato numero di dipendenti (migliaia) diventa uno dei primi passi da compiere se si vuole dematerializzare ed eliminare procedure obsolete e improduttive.

3) competenze digitali: a seguito della pubblicazione del "Programma nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali" dell'AGID, condiviso in rete con gli utenti interessati, insieme al dirigente abbiamo provveduto a dare ampia diffusione via email sul ciclo dei webinar tematici organizzati e gestiti dal Formez nella piattaforma http://bit.ly/1ok6tVm. I webinar sono stati seguiti da diversi colleghi che stimolati dall'uso dei nuovi strumenti dell'ICT si sono mostrati interessati a seguire queste modalità per implementare le proprie competenze digitali.

4) geomapping delle informazioni pubbliche: ogni amministrazione pubblica detiene un consistente patrimonio informativo pubblico, e oggi i cittadini muniti di smartphone e dispositivi mobili connessi alla rete, gradiscono la fruizione delle informazioni visualizzate su mappe georeferenziate. A tal proprosito insieme ad alcuni colleghi competenti su sviluppo software e codice, webmaster e con l'ausilio di qualche cittadino "geomatico" stiamo cominciando a strutturare il lavoro per potere pubblicare online, da parte di ogni settore dell'Amministrazione, informazioni georeferenziate su mappe. Questo consentirà a) agli uffici di analizzare più efficacemente i fenomeni che afferiscono alla propria competenza istituzionale, 2) ai cittadini di fruire di servizi innovativi che possono, anche, integrarsi con informazioni, ad esempio, sui trasporti pubblici, così da ottimizzare i propri spostamenti urbani. Un esempio di uso di piattaforme gratuite open source, e semplici da utilizzare, per la costruzione dei dataset da far confluire nel GIS comunale sono, ad es., rappresentate da: http://bit.ly/ZzxMR6, se si vuole restare in un ambito di spending review pubblica.

Ritengo personalmente di elevata importanza per ogni pubblica amministrazione (soprattutto quelle di grandi dimensioni), dotarsi di un Piano ICT che inglobi i contenuti dell'Agenda Digitale italiana. Come una sorta di Piano regolatore o Piano Urbano del Traffico. Un piano che possa stabilire nel campo del digitale coerentemente con le politiche nazionali: strategie, obiettivi, priorità, indicatori di performance, risultati attesi, tempi, progetti pilota, risorse umane (team), strumentali e finanziarie, e, appunto la nomina di un digital champion comunale, un e-leader (del programma nazionale competenze digitali dell'AGID). Un piano ICT che ponga molta attenzione a come (con quali applicativi) si producono gli open data all'interno dell'organizzazione e alla modalità con la quale i cittadini, le associazioni e le aziende possono interagire con l'ente sugli open data in un ottica di civick hacking (http://digital.cityofchicago.org/index.php/developer-resources/), di aggiornamento di dati pubblici verificabili da chiunque (traffico, ambiente, spazi pubblici), e di realizzazione di webservice e app utili alla collettività intera, catalogabili dentro lo stesso portale web istituzionale (molte pubbl.ammininistrazioni ormai lo fanno nel mondo).

Pubblico periodicamente le iniziative che ritengo utili alla diffusione delle competenze digitali nella piattaforma degli innovatori della PA http://www.innovatoripa.it/users/cirospataro

A questo link (http://bit.ly/1kSR5fi) è possibile visualizzare la sintesi delle attività in materia di competenze, cultura e formazione digitale nelle quali sono stato impegnato recentemente a livello locale e nazionale.

Grazie e buon lavoro

Alfredo Serafini

unread,
Oct 18, 2014, 10:57:26 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
premesso che non mi sento campione di alcunché (e che combatto da almeno una ventina d'anni contro questo mito posticcio delle "eccellenze" che continuano a propinarci in tutte le salse, quindi spero non si finisca in quella direzione :-) se c'è da sporcarsi le mani e contribuire a livello tanto metodologico quanto pratico io ci sono. Posso contribuire ovviamente su Roma, Ciampino ed eventualmente area castelli romani portandomi dietro un po' di personaggi in gamba ;-)

Alfredo Serafini

unread,
Oct 18, 2014, 11:02:09 AM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
sottoscrivo @Daniele!

ovviamente se l'idea fosse quella (come mi pare di capire) di innescare un processo dal basso che non entri in competizione con quelli più istituzionali, e magari favorisca il dialogo e la mutua comprensione, allora direi che c'è di che essere favorevoli. Ad esempio sarebbe ora che si cominciasse anche dentro SOD a parlare di sostenibilità e ad entrare nel merito anche di aspetti tecnici, altrimenti i temi restano belle chimere su cui fare dibattiiti. Questa potrebbe essere (almeno se ci ho capito qualcosa) una iniziativa buona per incanalare un minimo energie e rendere disponibili, poi ovvio che serva soprattutto rivedere i processi interni alla PA

Alberto Cottica

unread,
Oct 18, 2014, 12:20:25 PM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
Per Andrea Raimondi e tutti:
  1. il mandato del digital champion è molto più alto di open data. Per esempio, comprende la digital literacy: roba come CoderDojo etc., e anche tutta la parte digital fabrication.
  2. sulla tua domanda 1 non so ancora rispondere. Come scrivevo, questa è una cosa nuova. Le persone che vogliono un quadro chiaro farebbero meglio a aspettare il secondo giro.
  3. sulla tua domanda 2 mi sembra tutto più chiaro: la differenza è questo mandato istituzionale "di rimbalzo" che, si  spera, potrebbe accrescere l'autorevolezza del Digital Champion locale. Ma di nuovo: si spera, è un esperimento, finche non lo facciamo non sapremo!

mariano maponi

unread,
Oct 18, 2014, 4:36:38 PM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
ciao a tutti
un ultima cosa sui  "digital champions"
non si potrebbe trovare un nome per questa interessante attività
meno altisonante più modesto 
che rappresenti 
in maniera semplice la fatica quotidiana di raccogliere/raggruppare i dati
per trasformarli in informazione è nuove opportunità

mariano


Ida Leone

unread,
Oct 18, 2014, 4:50:46 PM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com
Mariano, io però ho capito che non si tratta solo di open data, e non si tratta solo di open data in senso tecnico. Cito Alberto:


il mandato del digital champion è molto più alto di open data. Per esempio, comprende la digital literacy: roba come CoderDojo etc., e anche tutta la parte digital fabrication.

mariano maponi

unread,
Oct 18, 2014, 6:16:31 PM10/18/14
to spaghett...@googlegroups.com, ida....@gmail.com
Grazie! Ida
per la tua precisazione avevo perso di vista la missione 
principale che è forse .. provo a riformulare
quella di aiutare i nostri concittadini a superare il 
Cultural Divide / Divario Culturale  
mancato interesse delle persone 
ad usare la rete basato su motivazioni individuali

ritornando al problema del nome
"digital champion" non mi convince
il campione comunque è una figura antipatica
magari "digital evangelists" 
o più semplicemente promotore della cultura digitale
o meglio praticante della cultura digitale
nel senso della persona 
che usa e diffonde la cultura digitale

saluti
mariano






Andrea Raimondi

unread,
Oct 19, 2014, 6:47:41 AM10/19/14
to spaghett...@googlegroups.com, alb...@cottica.net

Quindi per rendere chiara la cosa:

- Ora una persona dà la propria candidatura al buio (che va benissimo eh) e poi aspetta un "secondo giro" per sapere come si svolge la cosa. 
- L'esperimento è creare un network che ne comprende altri "one network to rule them all" (come spaghetti, ouishare, maker etc). 
- All'interno di questo network ci sono persone che fungono da nodi dell'hub centrale, che sarebbe Riccardo (mandato a rimbalzo). 

Sono ancora perplesso, e vedo molte difficoltà strutturali. Però vorrei sentire un attimo cosa dice Riccardo in proposito. Perché non gli chiediamo di spiegarci cosa ha in mente prima di tuffarci in una cosa che non si capisce bene cos'è? Personalmente io sarei vigile sul rischio del "cappello". 
Best


Andrea





1."Il DC è molto più alto di opendata". Va benissimo, ma da quando, ad esempio qui, ci occupiamo solo di opendata. E poi, 

Fabio Malagnino

unread,
Oct 19, 2014, 7:46:42 AM10/19/14
to spaghett...@googlegroups.com


Il giorno venerdì 17 ottobre 2014 11:43:46 UTC+2, Alberto ha scritto:

 C'è qualcuno che vuole farsi avanti? O proporre una terza persona?


io ho già messo a disposizione il mio nome per Torino

confermo nella lista di Sod

ciao

fabio malagnino
@invisigot 

Mara Cinquepalmi

unread,
Oct 19, 2014, 8:12:15 AM10/19/14
to spaghett...@googlegroups.com
ma il dc solo soletto a che titolo dialoga con le istituzioni?
penso ai comuni e ad altre istituzioni che fanno fatica a dialogare con qualcosa/qualcuno che non sia altrettanto istituzionale.
comunque, è interessante tutto quanto sta emergendo da questa discussione.
come sempre w w sod

Alberto Cottica

unread,
Oct 19, 2014, 1:55:04 PM10/19/14
to spaghett...@googlegroups.com
Beh, l'idea è appunto che il DC è un'istituzione. :-)

--

Alessio 'Blaster' Biancalana

unread,
Oct 19, 2014, 2:07:17 PM10/19/14
to spaghett...@googlegroups.com

Ma infatti, obiezioni piú che legittime ma delegittimando il DC a quel punto viene giú tutto (che già al momento è un castello di carte imho, però...)

Ale
Inviato da Android

Alberto Cottica

unread,
Oct 19, 2014, 2:25:22 PM10/19/14
to spaghett...@googlegroups.com
Come dicevo, è una scommessa. Nessuno deve sentirsi obbligato a giocarla.

patrizia saggini

unread,
Oct 19, 2014, 5:57:23 PM10/19/14
to spaghett...@googlegroups.com
A me l'idea del Digital Champion in ogni Comune e' piaciuta fin da subito!
Non sono riuscita a scrivere sul sito di Riccardo Luna solo per mancanza di tempo, ma ci avevo già pensato....

Mi piace il fatto di rendere concreta la presenza di una persona che venga riconosciuta con interlocutore delle diffusione del digitale: e qui viene il punto su cui riflettere.
A mio parere e' importante che ci sia un processo chiaro di scelta e di nomina delle persone, e soprattutto della rappresentatività nel territorio.
Anche Ricccardo e' stato nominato (dall'AGID o da Renzi, non ricordo), e anche se non riceve alcun compenso agisce in veste del mandato che ha ricevuto.
Allo stesso modo dovrebbe funzionare anche per gli altri....

Sono sempre più convinta che la sfida del digitale parte anche e soprattutto dalle persone, dentro o fuori dalle istituzioni.

Sarebbe anche bello un momento di lancio dell'iniziativa.... Magari a SOD15? O anche prima?
E' un momento di coinvolgimento e motivazione forte, il lavoro da fare e' tanto!
E io ci sto!

Patrizia

PS: grazie Alberto per la citazione :-)
(Anzola e' il Comune in cui lavoro, ma penso che essere dentro l'istituzione sia un vantaggio in questo caso!)

Cristiano Ferrari

unread,
Oct 20, 2014, 2:55:58 AM10/20/14
to spaghett...@googlegroups.com
Grande Massimo. Poi mi spieghi cosa fare che così replico anche a Reggio Emilia? :-)

Il giorno venerdì 17 ottobre 2014 12:43:48 UTC+2, Massimo Santi ha scritto:
Per Imola io ci sono.
Che ne dite di fare un "kit" di consigli che SOD consiglierebbe ad ogni singolo digital champion?
ad esempio: argomenti da trattare, enti da coinvolgere, norme da fare applicare, iniziative proponibili (coderdojo, hackathon), finanziamenti disponibili
Se sopravvivo al convegno della prossima settimana, mi ci butto,
ciao


On Friday, 17 October 2014 11:43:46 UTC+2, Alberto wrote:
Ciao a tutti,

come saprete, Riccardo Luna è stato nominato Digital Champion per l'Italia. La sua idea è molto anticonvenzionale:
  1. serve un digital champion per ogni comune. Il lavoro (digital literacy, open data etc.) viene fatto sul territorio, non da Roma.
  2. al centro si mette un help desk in grado di aiutare e consigliare quei digital champions comunali che hanno bisogno di una mano per fare passi avanti.
  3. Riccardo stesso funziona come enabler: se qualche procedura si blocca, lui puoi intervenire via Presidenza del Consiglio. 

Non c'è bisogno di partire direttamente con 8000 digital champions: si parte da quelle persone di cui sappiamo che possiamo fidarci, coprendo solo una parte (probabilmente abbastanza piccola) del territorio. In seguito, poi, saranno gli stessi digital champions della prima onda a portare dentro persone di comuni magari vicini di cui hanno stima.

Riccardo mi chiede se SOD si sente di sbilanciarsi a indicare persone che potrebbero volere fare questa roba, entrando nella prima onda. Il ruolo è ovviamente piuttosto vago – non ci sono precedenti a cui aggrapparsi. In più, è un ruolo onorifico, non pagato – lo stesso Riccardo non percepisce compenso, né ha persone di staff. Quindi nessuno si deve sentire obbligato. Diciamo che, se qualcuno di voi sta già spingendo i temi del digitale nel suo territorio per interesse personale, Riccardo vi offre un'investitura istituzionale: potete farlo anche sotto l'egida del Digital Champion.

Molti spaghettari stanno in grandi città dove la scelta è abbastanza ampia, ma alcuni vivono o lavorano in centri minori – penso a Massimo Santi a Imola, Franco Morelli a Ravenna, Piersoft a Matera, Patrizia Saggini a Anzola. Sicuramente ce ne sono molti altri che conosco dalla mailing list, ma di cui non so il comune di provenienza. C'è qualcuno che vuole farsi avanti? O proporre una terza persona?

Marco Brandizi

unread,
Oct 20, 2014, 5:14:38 AM10/20/14
to spaghett...@googlegroups.com

On 18/10/2014 16:57, Alfredo Serafini wrote:
> premesso che non mi sento campione di alcunché (e che combatto da
> almeno una ventina d'anni contro questo mito posticcio delle
> "eccellenze" che continuano a propinarci in tutte le salse, quindi
> spero non si finisca in quella direzione :-)
Alfredo, sono molto d'accordo, ma forse c'è un equivoco, dovuto al fatto
che presumibilmente 'digital champion' si riferisce ad un'altra
accezione che champion ha in Inglese:
http://www.oxforddictionaries.com/definition/english/champion

Io almeno l'avevo capita come quello che vigorously supports, non come
quello che ha vinto la coppa (dentro al panino, si dice dalle mie parti
:-) )

Ciao,
Marco.

Alberto Cottica

unread,
Oct 20, 2014, 7:27:27 AM10/20/14
to spaghett...@googlegroups.com
Certo, vigorously supports.

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Spaghetti Open Data" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a spaghettiopendata+unsubscribe@googlegroups.com.

Visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.com/group/spaghettiopendata.

Matteo Pratosmart

unread,
Oct 20, 2014, 8:13:47 AM10/20/14
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao Alberto.

Io ho inviato la mia candidatura un po' di tempo fa.

Non sono un "opendataro puro", ma su www.pratosmart.org parlo di innovazione sociale per Prato (ed in questo anche un po' di opendata e di applicazioni digitali di pubblico interesse).

Pratosmart ha vinto anche #hacktoscana 2014. Puoi trovare tutto quello che faccio su www.pratosmart.org

Cerco di fare tutto con la massima umiltà (non mi interessa avere chissà che gloria), se può essere di utilità pubblica che diventi digitalchampion a Prato io ci sono.

Saluti a tutti
Matteo

Paolo Mainardi

unread,
Oct 20, 2014, 8:27:15 AM10/20/14
to spaghett...@googlegroups.com

Tifo per tutti voi, mi piace quanto hai scritto Matteo.

Sorry for typos, sent by mobile.

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Spaghetti Open Data" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a spaghettiopend...@googlegroups.com.

Visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.com/group/spaghettiopendata.

Andrea Raimondi

unread,
Oct 20, 2014, 11:38:32 AM10/20/14
to spaghett...@googlegroups.com
Grande Matteo, che bello che qualcuno che viene dai miei posti originari si occupa di queste cose. Fa proprio piacere

Alfredo Serafini

unread,
Oct 20, 2014, 1:06:20 PM10/20/14
to spaghett...@googlegroups.com
grazie della precisazione, mi date l'opportunità di spiegarmi meglio (probabilmente ero poco chiaro causa fretta, al solito): per conto mio credo di avere capito l'approccio, sottolineo pedantemente proprio nell'ottica di non lasciare adito a malintesi. Mi piace personalmente proprio l'approccio inclusivo: che poi esista che è magari oggettivamente riconoscibile come più o meno bravo poco importa, magari je daremo la medaglietta :-) In questo senso ho ben chiaro -per quel che vale- l'idea del "champion" come elemento catalizzatore, abilitante ed inclusivo, spero solo -questo dicevo- che anche chi si candida interpreti se stesso con analogo spirito, e non proporsi come il "guru" di turno, o peggio per alimentare circuiti autoreferenziali. Lo so che suono pedante, ma mi prendo volentieri la parte dell'antipatico se può aiutare fin da subito a risolvere malintesi e veicolare il concetto (sempre per come la ho interpretata io stesso) che c'è di che sporcarsi le mani e possibilmente accogliere contributi, non raccogliere medagliette (visto che spesso il trend generale è che tanti lavoravano per dare medagliette ad uno mi pare, è bene rimarcare che non è quello l'obiettivo qui).
Scusate la pedanteria :-)