SOD: momenti condivisi che hanno una loro unicità, sulla crescita e difesa dei beni comuni [digital]

19 views
Skip to first unread message

Matteo Brunati

unread,
May 13, 2015, 4:18:38 PM5/13/15
to spaghett...@googlegroups.com
Ciao ragazzi,
riquoto un bel punto fermo a valle del thread creato da Andrea, riprendendo il tema di un altro Andrea, il Raimondi DOC[1]:

"

Ma una comunità che non ha chiaro cos'è, quello si che è un problema da sollevare. E' importante. A me piace la domanda di Andrea, tanto, e la vorrei difendere con forza.

Cosa è esattamente Spaghetti Open Data? Ha ancora un ruolo critico e propositivo o è diventato un circolo di scopone scientifico dove - a partire da me per il ritardo in questo thread - siamo tutti un po' rimbambiti?

Magari il termine Lobby è un po' fuorviante perché nel nostro contesto non abbiamo una grande culturale del lobbismo. In ogni caso, credo che molti di noi (io in primis, lo dico apertamente) facciamo e abbiano contribuito a progetti di watchdog. Ed è grazie a questa esperienza che continuano a seguirli, Dire il contrario sarebbe sminuire l'importanza che ogni progetto civico partito qui, o collateralmente a questa comunità, ha avuto.

Questo non implica che non si possa anche giocare a scopone, o che tutti quanti abbiano svolto dei ruoli da watchdog. Però difendo con forza l'idea che molti folks che hanno lavorato da dentro o fuori le amministrazioni, per un migliore governo pubblico (e sottolineo, governo pubblico) siano riusciti a farlo proprio perché facevano parte di una comunità che li sopportava non solo in termini di skills, ma anche di valori. E molti di noi le capacità acquisite e valori portati avanti li hanno rimessi in circolo qui dentro.

Io non credo che SOD sia neutrale, credo che abbia dei valori precisi che corrispondono ad un modo di vedere la società e la collaborazione tra persone. Forse questa è una buona occasione per discuterne. La domanda di Andrea è secondo me importante proprio per questo. E forse anche quella sola domanda meriterebbe di essere fatta bene in un thread a parte.
"

Due cose veloci, tipo flusso di coscienza: ( a valle del contributo di Napo[2], che completo)
  • le lobby in Italia quando non supportate da grossi interessi economici dietro, non esistono;
  • la Rete in senso lato in Italia ha un peso parecchio diverso, sia nella testa di chi è al top, sia in quella del cittadino comune: e questo continua a cambiare, è liquido. Ma dati i dati, ISTAT, CENSIS e via dicendo, ho molti dubbi che impatti molto sulle decisioni "grosse";
  • il "Digitale" ha bisogno di una spalla, oggi un'Agenda con la A maiuscola, ieri una cosa da combattere, domani chissà: di sicuro si fa fatica a farlo passare come "non è così nuovo". Ovvero dovrebbe diventare infrastruttura, ed aumentare la realtà e questo nell'esperienza di molti già accade. Non lo è a livello sociale;
  • su determinati temi i gruppi che bucano in certi momenti, possono quasi quasi fare pressione sociale. Il tema degli OD è quello che ci lega, ovviamente, e dove buchiamo, perchè ci sono persone vicine alla nostra community. OD non è un tema da media di massa, ad oggi.
Qualcosa SOD ha fatto negli anni, come pressione, grazie non tanto al peso di lobby che qualcuno vuole far passare, ma alle persone, che stranamente sono in SOD, e al contempo in determinate posizioni, a volte direi "interessanti". E questo ha creato corto-circuiti positivi a livello di società.
Le persone comunque vengono prima delle etichette (Associazione X, Y o Z che sia).
L'apertura dei dati di Firenze a fine 2011 è stata realizzata grazie alle persone in gioco, e alla consapevolezza di essere supportate da una comunità, che aveva un determinato peso. Menduni spesso ha fatto riferimento a questo, nella "lotta" interna alla stessa PA.
In quel caso siamo stati una bella spalla, di passione e di conoscenze condivise, nate da altre condivisioni del movimento internazionale sul riuso della PSI.
Siamo sulle spalle dei giganti, anche in questo caso.

SOD è una comunità attenta a qualcosa che pesa, che io continuo a chiamare "beni comuni" (occhiolino al @napo). E che necessita di sempre maggior lavoro per farli davvero emergere all'esterno di questa cerchia.

SOD non è neutrale, come non lo siamo noi, ognuno di noi. Avere idee/opinioni è sacrosanto, ci mancherebbe.
E questo rispetto condiviso è presente in questa lista, ed è uno dei valori impliciti che abbiamo messo sul piatto, IMHO. E che ovviamente va difeso.
Come per le pratiche e le storie, le condivisioni che facciamo crescere.
E' un luogo anomalo questo, sono d'accordo con Napo. E' una ricchezza.

Non facciamo direttamente attività da watchdog, ma molte delle persone qui presenti, aiutano questo processo: ognuno con i suoi modi ed i suoi progetti.
Questa discontinuità di interessi non è un male: la contaminazione da sempre è sfidante e ci fa crescere. Ed è un'altro dei valori impliciti di questa comunità.

Gli equilibri interni cambiano a seconda del momento, dei progetti che nascono e delle persone che prendono parte attiva.
Ma l'anomalia italiana è che, tutto sommato, non ci siamo ancora "sbranati", no?

Sono ottimista,
teniamoci questa liquidità, attorno però ai #benicomuni, e questa curiosità insaziabile da alimentare

my 2 cent

 matt

[1]- https://groups.google.com/d/msg/spaghettiopendata/Xa9JSjf9wuc/n37lq4h95Q4J
[2] - https://groups.google.com/d/msg/spaghettiopendata/Xa9JSjf9wuc/9pQ074xy6vIJ

Alfredo Serafini

unread,
May 14, 2015, 1:46:02 PM5/14/15
to spaghett...@googlegroups.com

 
SOD è una comunità attenta a qualcosa che pesa, che io continuo a chiamare "beni comuni" (occhiolino al @napo). E che necessita di sempre maggior lavoro per farli davvero emergere all'esterno di questa cerchia.

Sottoscrivo il fatto che si parli di beni comuni. Io credo che il termine "lobby" sia fuorviante proprio perché viene qui spesso associato ad interessi economici, forse perché non c'è questa cultura e c'è invece la cultura dell'interesse personale, della cooptazione, del favoritismo etc. Il linguaggio della politica qui da noi usa il termine per lo più in senso notevolmente dispregiativo, quindi è bene non trascurare questo fatto per non creare malintesi.
A me personalmente piace molto più usare semplicemente il termine "comunità", che credo ci abitui a vari livelli a pensarci dentro la prospettiva del bene (e dei beni) comune.

SOD non è neutrale, come non lo siamo noi, ognuno di noi. Avere idee/opinioni è sacrosanto, ci mancherebbe.

Insisto su un punto: la comunità in sé è neutrale, sono i singoli a non esserlo. Oggi magari c'è una tendenza predominante (che emerge naturalmente dal basso) in una direzione, domani potrebbe essercene un'altra. Diverso sarebbe se nominassimo qualcuno che prende le decisioni. In generale non credo che SOD possa avere opinioni, che senso avrebbe? SOD ha probabilmente degli obiettivi, questo si. Ma insisto sul fatto che ci siano molti modi diversi per raggiungere obiettivi comuni: non importa "cosa", ma "come". Secondo me qui dentro si discute un minimo sindacale di obiettivi condivisi, e si cerca una sintesi ove possibile, o comunque ci si concentra sul come realizzarli. 


Non facciamo direttamente attività da watchdog, ma molte delle persone qui presenti, aiutano questo processo: ognuno con i suoi modi ed i suoi progetti.

Occhio @Matteo: non si fa proprio perché i singoli non sono neutrali, ma la comunità in sé lo è. Altrimenti -se accettiamo l'idea che non debba esserlo- sarebbe del tutto auspicabile farla questa attività, no? Così da difendere sul campo costruttivamente ed in modo attivo le "opinioni" di SOD :-) In realtà io credo non si possa fare proprio perché condividiamo obiettivi comuni, ma ci sono sottogruppi con idee molto diverse sul come metterli in pratica. E questo non è un limite, ma un valore aggiunto secondo me, così se si porta dentro una discussione qui un metodo di lavoro che si sa potrà essere oggetto di critica (purché costruttiva) se ne esce potenzialmente rafforzati e con qualche risultato, e si evita da un lato di adoperare la comunità solo per fare pubblicità ai progetti dei singoli, e dall'altro di alimentare sterili discussioni sul sesso degli angeli :-)
 
Condivido l'ottimismo, anche perché forse sta passando il periodo in cui questi temi vanno "di moda", e quindi sarà più facile articolare via via discussioni nel merito di cosa c'è da fare e di come si vuole realizzarlo nel lungo periodo, concretamente.



 
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages