smartphone da pc

1 view
Skip to first unread message

Franco Peci

unread,
Sep 15, 2021, 4:10:04 PMSep 15
to
Scusate se magari è un argomento off topic.

Da decenni uso il computer con un copritastiera con i fori in
corrispondenza dei tasti: sono disabile e non ho movimenti coordinati.
Con questo copritastiera mi sono appassionato di informatica dagli anni
80. Si, oltre ad essere diversamente abile (ipocrita definizione), ormai
sono anche diversamente giovane.
Dai primi anni 2000 sono passato a Linux (prima Slackware e poi Debian)
e ormai sono due computer che cambio su cui era installata solo debian.
Per le mie disabilità (compreso il mio linguaggio incomprensibile a chi
non mi conosce da un po' di tempo) non ho mai avuto un telefono.
Ora per poter avere lo Spid ormai indispensabile per diversi adempimenti
burocratici, oltre all'email devo avere un recapito cellulare.

Scusate la lunga premessa. Ho trovato questa pagina web:
https://www.lffl.org/2019/11/scrcpy-1-11-controllare-smartphone-android-con-linux.html

Vorrei sapere se è possibile gestire uno smartphone mediante il computer
non solo per scaricare o fare il backup dei file, bensì per usare lo
smartphone (o un device simile se esiste) totalmente tramite la tastiera
del PC.

Mi rendo conto che è un'esigenza molto particolare, ma ringrazio
chiunque può darmi delle info in proposito.

Ciao
Franco

ilario....@e.email

unread,
Sep 15, 2021, 4:20:02 PMSep 15
to
Ciao, non ho le competenze per aiutarti nello specifico problema. Volevo solo ricordati che ci si può autenticare nei siti istituzionali anche con la Tessera Sanitaria, senza SPID.

Ilario
-- Inviato da /e/ Mail.

Pol Hallen

unread,
Sep 15, 2021, 4:20:02 PMSep 15
to
Franco, non sono sicuro ma potresti installare sul cellulare
anydesk/teamviewer e poi collegarti tramite pc

penso di averlo fatto in passato ma non ricordo esattamente

fammi sapere :-)

Pol
--
Pol

paolo gagini

unread,
Sep 16, 2021, 2:30:03 AMSep 16
to
Ciao, 
non sono sicuro di aver capito bene quale è la tua richiesta specifica ma usare snap con scrcpy potrebbe esserti utile?

Io l'ho provato per un po' e mi sembra che funzioni bene.


Paolo Gagini 

Il gio 16 set 2021, 08:05 Antonio Cavagnini <antonioc...@yahoo.it> ha scritto:
Buongiorno Franco, forse potresti installare whatsapp desktop o telegram desktop sul pc e chiedere a chi hai vicinoche di configurarti lo smarthphone per utilizzare una delle due applicazioni per gli sms.
Buona giornata

Alessandro Rubini

unread,
Sep 16, 2021, 2:50:04 AMSep 16
to
[ho gia` letto le altre risposte, mi pare che questa non ripeta]

> Da decenni uso il computer con un copritastiera con i fori in
> corrispondenza dei tasti

Il touch-screen e` uno strumento del demonio, capisco il problema.

L'utenza cellulare per le autenticazioni normalmente richiede la
ricezione di SMS: tutti cercano di infilarti la loro app, ma per
adesso si puo` ancora fare senza.

Esistono ancora in commercio degli stupidofoni, la cui tastiera e`
ancora meccanica. Non comoda come una tastiera vera (o una con i
fori), ma molto meglio del touch screen. Probabilmente per l'sms
occasionale questa e` una soluzione accettabile, e a basso costo.

Se invece bisogna proprio prendere un androide o un melacoso, segnalo
che lo spinotto USB, di solito usato come slave, e` un "OTG", e puo`
anche fare da master. Personalmente ho comprato un adattatore che
mi presenta un USB-A, dove collego una normale tastiera USB,
quella che di solito ho sul mio PC.

Purtroppo non tutto si puo` fare da tastiera, molte attivita`
richiedono comunque di toccare lo schermo, ma potrebbe essere un aiuto.

saluti
/alessandro

Paolo Redælli

unread,
Sep 16, 2021, 3:30:02 AMSep 16
to

Il 15/09/21 22:04, Franco Peci ha scritto:
> Scusate se magari è un argomento off topic.
>
> Da decenni uso il computer con un copritastiera con i fori in
> corrispondenza dei tasti:
...
>
> Mi rendo conto che è un'esigenza molto particolare, ma ringrazio
> chiunque può darmi delle info in proposito.

Ci sono alternative che non sono ancora state citate: KDE-connect,
WayDroid ed Android-x86.

Con KDE-connect puoi controllare il telefono dal desktop, leggerne gli
SMS e tante altre cose ancora https://kdeconnect.kde.org/

Con WayDroid puoi installare direttamente sul desktop i programmi
Android; purtroppo non sempre funzionano bene perché "sentono" di non
essere su un vero telefonino.

Oppure potresti installare una macchina virtuale con in vero Android,
usando https://www.android-x86.org/

Attivando l'emulazione da tastiera del mouse dovresti riuscire ad avere
pieno controllo del telefono.

Felipe Salvador

unread,
Sep 16, 2021, 5:00:03 AMSep 16
to
On Wed, Sep 15, 2021 at 10:04:47PM +0200, Franco Peci wrote:
> Scusate se magari è un argomento off topic.
>
> Da decenni uso il computer con un copritastiera con i fori in
> corrispondenza dei tasti: sono disabile e non ho movimenti coordinati.
> Con questo copritastiera mi sono appassionato di informatica dagli
> anni 80. Si, oltre ad essere diversamente abile (ipocrita
> definizione), ormai sono anche diversamente giovane.
> Dai primi anni 2000 sono passato a Linux (prima Slackware e poi
> Debian) e ormai sono due computer che cambio su cui era installata
> solo debian.
> Per le mie disabilità (compreso il mio linguaggio incomprensibile a
> chi non mi conosce da un po' di tempo) non ho mai avuto un telefono.
> Ora per poter avere lo Spid ormai indispensabile per diversi
> adempimenti burocratici, oltre all'email devo avere un recapito
> cellulare.

Ciao,
esistono diversi provider accreditati[¹] per lo SPID, possibile che
fra questo non ce ne sia uno che abbia previsto l'utilizzo di devices
meno ostici?

Ad esempio, leggo su un documento fornito da un provider[²]:

- A questo livello sono rilasciate all’UTENTE una UserID, una
password e delle OTP (One Time Password) gestite tramite l’App
MySielteID che assicura il soddisfacimento dei requisiti previsti
dalla normativa.
All’occorrenza si può utilizzare OTP via SMS come servizio
accessorio alternativo.

Sospetto, ma non ho studiato, che questo tipo di meccanismo sia reso
disponibile da tutti i provider.

Il mio consiglio è quello di rivolgerti ad una associazione di persone
con problematiche simili alle tue, oppure a questi stessi provider, per
capire come integrare lo SPID venendo in contro alle tue esigenze.

> Scusate la lunga premessa. Ho trovato questa pagina web:
> https://www.lffl.org/2019/11/scrcpy-1-11-controllare-smartphone-android-con-linux.html

Non ho esperienza con questo software, ma se riesci ad utilizzarlo per
lo scopo chapeau :)

> Vorrei sapere se è possibile gestire uno smartphone mediante il
> computer non solo per scaricare o fare il backup dei file, bensì per
> usare lo smartphone (o un device simile se esiste) totalmente tramite
> la tastiera del PC.
>
> Mi rendo conto che è un'esigenza molto particolare, ma ringrazio
> chiunque può darmi delle info in proposito.
>
> Ciao
> Franco

[¹] https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid/identity-provider-accreditati
[²] https://www.sielteid.it/documents/CondizioniGenerali.pdf
--

Felipe Salvador

Marco Bodrato

unread,
Sep 16, 2021, 9:50:03 AMSep 16
to
Ciao Franco,

Il 2021-09-15 22:04 Franco Peci ha scritto:
> Scusate se magari è un argomento off topic.

Restringendosi a Debian, forse è off topic; ma credo che discutere sulla
tecnologia più appropriata per permettere ad un individuo di esercitare
pienamente i propri diritti in rete sia pienamente nello spirito del
software libero!

> Ora per poter avere lo Spid ormai indispensabile per diversi
> adempimenti burocratici, oltre all'email devo avere un recapito
> cellulare.

Il 2021-09-16 08:47 Alessandro Rubini ha scritto:
> Il touch-screen e` uno strumento del demonio, capisco il problema.

Vero! E per chiunque! Costringe praticamente sempre a guardare il
dispositivo, anche per fare cose banali che si potrebbero fare "a
memoria" o "al tatto"...

> L'utenza cellulare per le autenticazioni normalmente richiede la
> ricezione di SMS: tutti cercano di infilarti la loro app, ma per
> adesso si puo` ancora fare senza.
>
> Esistono ancora in commercio degli stupidofoni, la cui tastiera e`
> ancora meccanica. Non comoda come una tastiera vera (o una con i

Concordo! Almeno per alcuni operatori SPID, è vero, come dice Franco che
è necessario avere un recapito cellulare, ma è anche vero, come
specifica Alessandro, che basta poter ricevere SMS!
Per Poste, questo è vero con quantità limitate nel periodo di tempo (6
messaggi a trimestre? non ricordo).
Per SpidItalia di register.it ci sono meno limitazioni...
Per gli altri operatori al momento non ho presente, ma se davvero SPID
vi serve di frequente io consiglio sempre di procurarsi l'identità su
almeno due operatori. Non si sa mai :-)


Ora, se serve solo ricevere SMS, invece di un telefono, si potrebbe
anche solo usare una "saponetta", uno di quegli oggettini di dimensioni
e forma che spesso richiamano appunto un piccolo pezzo di sapone, e che
comunemente vengono usati per fare da "hotspot" WiFi agganciati alla
rete cellulare.

Io ne ho due.
Entrambe hanno essenzialmente due tasti, di cui uno per accensione e
spegnimento che deve essere tenuto premuto a lungo...
Entrambe hanno quattro led: stato batteria, stato rete cellulare, stato
rete wifi e presenza SMS! Quindi segnalano sempre in modo semplice da
vedere se ci sono SMS!
Entrambe oltre che tramite WiFi possono essere collegate al computer
anche via USB, nel qual caso vengono riconosciute automaticamente dai
miei computer Debian come dispositivi di rete a cui è estremamente
facile collegarsi.
Entrambe presentano una interfaccia web dalla quale si può accedere agli
SMS sia per leggere quelli ricevuti, sia per inviarne.

Una interfaccia web per ricevere e inviare SMS potrebbe andare bene ai
tuoi scopi? Forse sì, apri due "linguette" nel browser, su una ti
colleghi all'interfaccia della saponetta, sull'altra al sito sul quale
ti devi autenticare con SPID; per l'autenticazione di 2° livello SPID ti
chiede "utente" e "password" e poi ti manda un SMS con 6 cifre che devi
copiare. In questo caso copiare da una linguetta all'altra del browser.
Pensi possa essere praticabile?

Quando ti vendono una SIM dentro una "saponetta", con un contratto "solo
rete", di solito non ti dicono il numero di telefono associato a quella
SIM, ma in realtà quel numero esiste e normalmente può ricevere e
inviare SMS (e in realtà anche chiamate, almeno quelle di emergenza!).

In ogni caso, una volta che si sia trovata una "saponetta" che faccia al
caso tuo, dovresti poterci infilare dentro qualunque SIM. E se la SIM è
già inclusa, trovare il numero non dovrebbe essere difficile (si infila
la SIM in un telefono e si fa "uno squillo" a qualcuno o si invia un
SMS... o banalmente lo si chiede a chi ce la vende).

Ĝis,
m

Davide Prina

unread,
Sep 16, 2021, 2:00:03 PMSep 16
to
On 15/09/21 22:04, Franco Peci wrote:

> Ora per poter avere lo Spid ormai indispensabile per diversi adempimenti
> burocratici, oltre all'email devo avere un recapito cellulare.

per legge tutti i siti della PA (Pubblica Amministrazione), se
richiedono un'autenticazione, devono essere acceduti solo tramite SPID,
CIE o CNS.

La CIE è la Carta d'Identità Elettronica e ora dovrebbe essere fornita a
tutti coloro che ne chiedono il rinnovo. I tempi di consegna dovrebbero
essere di circa 9 giorni da quanto il comune fa richiesta a Roma.

La CNS è la Carta Nazionale dei Servizi, anche conosciuta come tessera
sanitaria.

Il lettore della CNS costa poco e ci sono driver liberi per poterlo
usare senza problemi, il lettore per la CIE costa un po' di più e, da
chi ha provato, è un po' più difficile da far funzionare... su alcuni
modelli si riesce con meno problemi che su altri (se ne è parlato qui in
lista tempo fa).

Purtroppo precedentemente tutte le PA avevano l'obbligo di usare la
terna CNS/CIE/SPID, mentre ora l'obbligo è ristretto solo a CIE/SPID e
quindi è possibile che alcuni siti di PA non permettano l'accesso con CNS.

Ci sono due ordine di motivi per cui io sconsiglio l'uso di SPID:

1) iniziano ad esserci siti che permettono l'uso di SPID che richiedono
l'accesso di livello 3. Da quello che so io (almeno fino a qualche mese
fa) non tutti i provider di SPID forniscono questo livello di accesso.
Inoltre, probabilmente, tale livello è solo a pagamento, per i provider
che lo forniscono.

SPID è disponibile con i livelli 1, 2 e a volte anche 3.

Il livello 1 è l'autenticazione con un solo fattore, tipicamente ID/PWD,
questo livello, normalmente, permette di vedere dati personali comuni
propri.

Il livello 2 è l'autenticazione con 2 fattori, tipicamente ID/PWD + OTP,
questo livello, normalmente, permette di vedere i propri dati sensibili
o dati personali comuni di terzi, naturalmente se autorizzati.

Il livello 3 è l'autenticazione con 2 fattori di cui uno è un qualcosa
posseduto dalla persona, tipicamente ID/PWD + carta... o comunque l'uso
della carta + il codice d'accesso per l'uso della stessa. Questo
livello, normalmente, permette di vedere anche dati sensibili di terzi,
naturalmente se si è autorizzati.

Il "normalmente" lo messo perché la normativa ora non impone più il
livello da usare, ma indica che la società/PA deve individuare il
livello adeguato per i dati trattati e deve rispondere anche per tale
scelta. Per questo motivo è possibile che a lungo andare ci si orienti
verso l'uso del livello massimo per evitare di incorrere in problemi
finanziari (pagamento multe) o peggio ancora giudiziari.

CNS e CIE sono già di livello 3.

Ad esempio per accedere a un servizio della mia società è richiesto
l'uso del livello 3, con possibilità d'ingresso con CNS/CIE/SPID e
diversi colleghi che erano più che favorevoli a SPID si sono configurati
il lettore CNS per usare questo per l'accesso (non so di nessuno che ha
usato SPID livello 3), lo so perché diversi mi hanno chiesto aiuto per
tale configurazione.

2) usare un servizio terzo, di una società privata, equivale a fornire
gratuitamente dati propri personali, far sapere quando ci si collega e a
cosa ci si collega (magari non al servizio specifico, se quella PA offre
più servizi). Però in alcuni casi questo può fornire a tale società dati
sensibili (es: se mi collego spesso al centro tumori di Milano...)
Tenendo conto che sono già diverse le società private, anche sanitarie,
che sono state colte nella vendita dei dati personali dei propri clienti
io preferisco evitare come il fuoco l'uso di SPID.


Infine con CIE è possibile accedere anche a eIDAS e quindi usare i
servizi delle PA europee che li mettono a disposizione. In teoria
tramite eIDAS è possibile accedere anche ai servizi dell'Italia, sempre
per le PA che hanno previsto tale metodo di autenticazione.

> Scusate la lunga premessa. Ho trovato questa pagina web:
> https://www.lffl.org/2019/11/scrcpy-1-11-controllare-smartphone-android-con-linux.html
>
>
> Vorrei sapere se è possibile gestire uno smartphone mediante il computer

neanche io ho un cellulare e non saprei/potrei risponderti perché non ne
ho mai provato nessuno. Solo una volta ho installato un programma,
presente nei repository, per riuscire a recuperare tutto quello che
c'era sul telefonino di un conoscente che gli si era rotto, sembrava che
si accendeva, ma poi non gli funzionava nulla (suono/video/ricezione
chiamate/...).

Quello che so è che:

1) ci sono società che forniscono un servizio di cellulare virtuale: hai
un numero di cellulare e un'interfaccia web dove puoi ricevere/inviare
SMS e in alcuni casi puoi fare/ricevere anche chiamate o dirottarle su
altro dispositivo (questo anche per non dare il tuo numero reale al
mondo). Però tutti questi servizi sono pensati a livello aziendale e i
costi sono notevoli (almeno fino a qualche anno fa quando mi ero
informato e avevo chiesto anche qui in lista)

2) è possibile simulare un cellulare, come ti hanno suggerito

3) ci sono programmi che ti permettono di gestire un cellulare, ma non
so fino a quale livello... cercando con apt search ho trovato questi che
forse fanno questo (magari te li avevano già suggeriti)

kdeconnect
gnome-calls
chatty
gnokii
gsutil
gnome-phone-manager

4) alcune società di telefonia fissa offrono anche la possibilità di
ricevere SMS, non so se sia possibile poi usare tale servizio per chi
richiede un cellulare per l'invio di SMS

Ciao
Davide
--
Client di posta: https://www.thunderbird.net
GNU/Linux User: 302090: http://counter.li.org
Non autorizzo la memorizzazione del mio indirizzo su outlook

Davide Prina

unread,
Sep 19, 2021, 6:20:03 AMSep 19
to
On 18/09/21 19:12, Franco Peci wrote:

> Se non ho capito male, una volta che ho la carta d'identità elettronica
> e riesco a far funzionare il dispositivo, dovrei cavarmela anche senza
> cellulare.

sì, poiché tutte le PA (Pubbliche Amministrazioni) sono obbligate a dare
accesso anche con CIE (Carta d'Identità Elettronica).

L'obbligo è scattato da febbraio di quest'anno per tutti i nuovi utenti,
mentre per quelli che erano già registrati veniva permesso di usare
anche i vecchi metodi di autenticazione fino a, se non erro, inizio ottobre.

Quindi riepilogando l'obbligo di autenticazione solo con CNS/CIE/SPID
sui siti della PA, però la PA è obbligata a mettere a disposizione solo
CIE/SPID, l'uso della CNS è diventato facoltativo (purtroppo).

In aggiunta si può usare eIDAS, per le PA che lo mettono a disposizione.
Però per un italiano eIDAS non è altro che CIE/SPID, mentre per un
cittadino europeo corrisponde ai metodi di autenticazione della sua nazione.

Non ho capito perché non hanno lasciato anche CNS, almeno per altri 4-5
anni, visto che la CIE attualmente non l'hanno ancora tutti.

Ciao
Davide
--
Sistema operativo: http://www.debian.org

Filippo Dal Bosco -

unread,
Sep 19, 2021, 6:40:02 AMSep 19
to
Il giorno Sun, 19 Sep 2021 12:13:42 +0200
Davide Prina <davide...@gmail.com> ha scritto:


> Non ho capito perché non hanno lasciato anche CNS, almeno per altri
> 4-5 anni, visto che la CIE attualmente non l'hanno ancora tutti.

18 milioni di CIE emesse non sono poche considerando

1) chi ha età > 18 anni circa 50 milioni

2) che molti di quelli che non l' hanno richiesta probabilmente non
sono propensi al on-line

--
Filippo

Davide Prina

unread,
Sep 19, 2021, 10:20:02 AMSep 19
to
On 19/09/21 12:34, Filippo Dal Bosco - wrote:
> Il giorno Sun, 19 Sep 2021 12:13:42 +0200
> Davide Prina ha scritto:

>> Non ho capito perché non hanno lasciato anche CNS, almeno per altri
>> 4-5 anni, visto che la CIE attualmente non l'hanno ancora tutti.
>
> 18 milioni di CIE emesse non sono poche considerando

di questo non sono sicuro, ma mi hanno detto che le CIE date all'inizio
(nei primi anni) non sono compatibili con quelle attuali e probabilmente
non possono essere usate per autenticarsi. Questa prima versione era
consegnata, se non erro, durante la fase sperimentale aperta solo in
alcune grosse città.

Inoltre andrebbero calcolate quelle attualmente attive

> 1) chi ha età > 18 anni circa 50 milioni

la carta d'identità è fornita anche a chi ha meno di 18 anni

> 2) che molti di quelli che non l' hanno richiesta probabilmente non
> sono propensi al on-line

in teoria non puoi richiedere la CIE se non ti è scaduta la carta
d'identità (o mancano meno di 6 mesi alla scadenza), o la puoi
richiedere se l'hai smarrita, si è rotta, è illeggibile, ...

Però puoi "simulare" il cattivo stato... così hanno fatto alcuni che
conosco.

Per ora io non l'ho e uso la CNS.
Da quanto mi hanno detto i tempi per il rilascio sono di max 9 giorni
dalla richiesta.

Ciao
Davide
--
Strumenti per l'ufficio: https://www.libreoffice.org

Felipe Salvador

unread,
Sep 19, 2021, 11:10:03 AMSep 19
to
On Sun, Sep 19, 2021 at 04:16:58PM +0200, Davide Prina wrote:
> On 19/09/21 12:34, Filippo Dal Bosco - wrote:
> > Il giorno Sun, 19 Sep 2021 12:13:42 +0200
> > Davide Prina ha scritto:
>
> > > Non ho capito perché non hanno lasciato anche CNS, almeno per altri
> > > 4-5 anni, visto che la CIE attualmente non l'hanno ancora tutti.
> >
> > 18 milioni di CIE emesse non sono poche considerando
>
> di questo non sono sicuro, ma mi hanno detto che le CIE date
> all'inizio (nei primi anni) non sono compatibili con quelle attuali e
> probabilmente non possono essere usate per autenticarsi. Questa prima
> versione era consegnata, se non erro, durante la fase sperimentale
> aperta solo in alcune grosse città.

In questi giorni ho dovuto cercare un lettore sc per un collega, pare
esistano due standard CIE 2.0, 3.0. Il primo è un CHIP esterno stile
SIM, il secondo è contactless, presumo NFC.


> Inoltre andrebbero calcolate quelle attualmente attive
>
> > 1) chi ha età > 18 anni circa 50 milioni
>
> la carta d'identità è fornita anche a chi ha meno di 18 anni
>
> > 2) che molti di quelli che non l' hanno richiesta probabilmente non
> > sono propensi al on-line
>
> in teoria non puoi richiedere la CIE se non ti è scaduta la carta
> d'identità (o mancano meno di 6 mesi alla scadenza), o la puoi
> richiedere se l'hai smarrita, si è rotta, è illeggibile, ...

Domanda, mi era parso di capire che la CIE si paga, è vero?

> Però puoi "simulare" il cattivo stato... così hanno fatto alcuni che
> conosco.
>
> Per ora io non l'ho e uso la CNS.
> Da quanto mi hanno detto i tempi per il rilascio sono di max 9 giorni
> dalla richiesta.
>
> Ciao
> Davide
> --
> Strumenti per l'ufficio: https://www.libreoffice.org
> GNU/Linux User: 302090: http://counter.li.org
> Non autorizzo la memorizzazione del mio indirizzo su outlook
>

--

Felipe Salvador

valerio

unread,
Sep 19, 2021, 11:50:03 AMSep 19
to


Il 19/09/21 17:01, Felipe Salvador ha scritto:
> On Sun, Sep 19, 2021 at 04:16:58PM +0200, Davide Prina wrote:
>> On 19/09/21 12:34, Filippo Dal Bosco - wrote:
>>> Il giorno Sun, 19 Sep 2021 12:13:42 +0200
>>> Davide Prina ha scritto:
>>
>>>> Non ho capito perché non hanno lasciato anche CNS, almeno per altri
>>>> 4-5 anni, visto che la CIE attualmente non l'hanno ancora tutti.
>>>
>>> 18 milioni di CIE emesse non sono poche considerando
>>
>> di questo non sono sicuro, ma mi hanno detto che le CIE date
>> all'inizio (nei primi anni) non sono compatibili con quelle attuali e
>> probabilmente non possono essere usate per autenticarsi. Questa prima
>> versione era consegnata, se non erro, durante la fase sperimentale
>> aperta solo in alcune grosse città.
>
> In questi giorni ho dovuto cercare un lettore sc per un collega, pare
> esistano due standard CIE 2.0, 3.0. Il primo è un CHIP esterno stile
> SIM, il secondo è contactless, presumo NFC.
>
>
>> Inoltre andrebbero calcolate quelle attualmente attive
>>
>>> 1) chi ha età > 18 anni circa 50 milioni
>>
>> la carta d'identità è fornita anche a chi ha meno di 18 anni
>>
>>> 2) che molti di quelli che non l' hanno richiesta probabilmente non
>>> sono propensi al on-line
>>
>> in teoria non puoi richiedere la CIE se non ti è scaduta la carta
>> d'identità (o mancano meno di 6 mesi alla scadenza), o la puoi
>> richiedere se l'hai smarrita, si è rotta, è illeggibile, ...
>
> Domanda, mi era parso di capire che la CIE si paga, è vero?

si, e mi sembra di ricordare di aver pagato diciassette euro

Filippo Dal Bosco -

unread,
Sep 19, 2021, 12:50:02 PMSep 19
to
Il giorno Sun, 19 Sep 2021 17:01:27 +0200
Felipe Salvador <felipe....@gmail.com> ha scritto:


> In questi giorni ho dovuto cercare un lettore sc per un collega, pare
> esistano due standard CIE 2.0, 3.0. Il primo è un CHIP esterno stile
> SIM, il secondo è contactless, presumo NFC.

ormai solo standard 3.0 NFC
Costo lettore NFC per PC dai 40 a 50 €
Attenzione perché per funzionare il lettore deve seguire una serie di
standard ( li trovi facilmente con google)
Per mia esperienza personale funziona bene anche con linux il bit4id
mini lector air.

> Domanda, mi era parso di capire che la CIE si paga, è vero?

se non ricordo male poco più di 20 €


--
Filippo

Piviul

unread,
Sep 19, 2021, 2:40:03 PMSep 19
to
Il 19/09/21 16:16, Davide Prina ha scritto:
> [...] mi hanno detto che le CIE date all'inizio (nei primi anni) non
> sono compatibili con quelle attuali e probabilmente non possono essere
> usate per autenticarsi. Questa prima versione era consegnata, se non
> erro, durante la fase sperimentale aperta solo in alcune grosse città.
Qualcuno sa come si fa a riconoscere che tipo di carta d'identità
elettronica si possieda? Io l'ho fatta nel 2019, ma non so che tipologia
sia. Qualcuno ha qualche consiglio sui lettori smart compatibili con
debian sia per la CIE che per la CNS?

Grazie

Piviul

Filippo Dal Bosco -

unread,
Sep 20, 2021, 2:20:03 AMSep 20
to
Il giorno Sun, 19 Sep 2021 19:44:12 +0200
Piviul <piv...@riminilug.it> ha scritto:


> Qualcuno sa come si fa a riconoscere che tipo di carta d'identità
> elettronica si possieda? Io l'ho fatta nel 2019, ma non so che
> tipologia sia.

la mia è del 30 agosto 2019 ed è 3.0

Qualcuno ha qualche consiglio sui lettori smart
> compatibili con debian sia per la CIE che per la CNS?

Sono lettori diversi, se esiste un lettore unico in realtà sono due
assemblati assieme. Non fidarti di chi afferma che con il lettore si
può leggere sia la CNS che la CIE 3.0. Credo ( ma va controllato !!)
che le future CNS saranno NFC come la CIE 3.0

qui c' è stato un lungo dibattito sul lettore NFC per CIE 3.0.
La mia conclusione ( ovviamente non ha pretese di essere generale) è
che il ACR112U-A9 funziona con win ma con linux ha un po' di
problemi mentre il bit4bit minilector air va senza problemi sia con
linux che con win



--
Filippo

Davide Prina

unread,
Sep 20, 2021, 3:10:03 PMSep 20
to
On 19/09/21 17:01, Felipe Salvador wrote:

> In questi giorni ho dovuto cercare un lettore sc per un collega, pare
> esistano due standard CIE 2.0, 3.0. Il primo è un CHIP esterno stile
> SIM, il secondo è contactless, presumo NFC.

come ti hanno detto, da quello che so io e ho letto, la CIE sarà solo NFC.

> Domanda, mi era parso di capire che la CIE si paga, è vero?

da quello che ho letto attualmente il costo varia tra 20 e 22-23€,
dipende dal comune.

Ciao
Davide
--
Elenco di software libero: http://tinyurl.com/eddgj

Davide Prina

unread,
Sep 20, 2021, 3:10:03 PMSep 20
to
On 20/09/21 08:18, Filippo Dal Bosco - wrote:
> Non fidarti di chi afferma che con il lettore si
> può leggere sia la CNS che la CIE 3.0.

i lettori che avevo visto io su internet incorporavano entrambi le
funzionalità, sia per leggere le carte CNS che le CIE tramite NFC. In
pratica la CNS dovevi inserirla nell'apposita fessura, mentre la CIE la
dovevi appoggiare (o avvicinare) sopra.

> Credo ( ma va controllato !!)
> che le future CNS saranno NFC come la CIE 3.0

su questo punto non saprei cosa dire... ma se fosse così perché non
hanno lasciato anche l'obbligo dell'uso della CNS per le PA?

Secondo me alla fine hanno intenzione di declassare la CNS e di farla
diventare una tessera senza neanche il chip... a cosa serve poi il chip?
Penso che vogliano fare questo per evitare di doverle sostituire ogni X
anni a tutti.

Questo è uno spreco enorme perché hanno venduto e distribuito una marea
di lettori, soprattutto in alcune zone d'Italia e probabilmente fra
qualche anno saranno da buttare perché non serviranno più a nulla.

Dico questo perché prima le normative indicavano la coppia CNS/CIE, poi
è passato CNS/CIE/SPID e alla fine l'obbligo per le PA è rimasto solo
CIE/SPID ed è rimasta solo una riga che indica, per le PA, che è
possibile usare anche la CNS che è equivalente alla CIE.

Ciao
Davide
--
Database: http://www.postgresql.org

MAURIZI Lorenzo

unread,
Sep 23, 2021, 3:00:02 AMSep 23
to
La CIE 2.0 ha il chip dorato, la foto a colori, una banda magnetico/ottica nella parte posteriore, viene stampata e consegnata in mano dal dipendente comunale che fa il rilascio.
La CIE 3.0 non ha chip in vista, è NFC, ha la foto in bianco e nero, ha un codice a barre dietro (è il codice fiscale) viene spedita a casa dal Ministero dell'Interno.

Ciao
-----Messaggio originale-----
Da: Piviul <piv...@riminilug.it>
Inviato: domenica 19 settembre 2021 19:44
A: debian-...@lists.debian.org
Oggetto: Re: smartphone da pc

MAURIZI Lorenzo

unread,
Sep 23, 2021, 5:50:02 AMSep 23
to

-----Messaggio originale-----
Da: Davide Prina <davide...@gmail.com>
Inviato: lunedì 20 settembre 2021 21:07
A: debian-...@lists.debian.org
Oggetto: Re: smartphone da pc

[....]
Secondo me alla fine hanno intenzione di declassare la CNS e di farla diventare una tessera senza neanche il chip... a cosa serve poi il chip?
[....]

Non so come finirà la storia, ma la CNS è anche un dispositivo di firma digitale, cosa che la CIE non è.
Nella memoria della CNS ci sono due certificati RSA (chiave pubblica e privata): uno di autenticazione e uno di sottoscrizione.
Quello di autenticazione viene usato per gli accessi ai siti web, quello di sottoscrizione per le firme digitali.

Per quello che ne so, la CNS ha un chip che non è solo una memoria, ma è il dispositivo che effettua la firma digitale vera e propria.
Per evitare l'esfiltrazione della chiave privata, il software di firma digitale fornisce al chip della smartcard l'hash del documento da firmare, ed in uscita arriva l'impronta da applicare al documento per firmarlo digitalmente.
Tutta l'elaborazione dell'algoritmo di firma viene effettuata dal chip presente sulla CNS.

Sulla CIE, via NFC, non so esattamente come funziona l'autenticazione. Probabilmente in quel caso la CIE è solo un dispositivo di memoria che rilascia il certificato pubblico durante la fase dell'handshake TLS.

Saluti da Lorenzo

Piviul

unread,
Sep 23, 2021, 5:50:02 AMSep 23
to
Il 23/09/21 08:52, MAURIZI Lorenzo ha scritto:
> La CIE 2.0 ha il chip dorato, la foto a colori, una banda magnetico/ottica nella parte posteriore, viene stampata e consegnata in mano dal dipendente comunale che fa il rilascio.
> La CIE 3.0 non ha chip in vista, è NFC, ha la foto in bianco e nero, ha un codice a barre dietro (è il codice fiscale) viene spedita a casa dal Ministero dell'Interno.

Grazie Lorenzo!

Piviul

ilario....@e.email

unread,
Sep 23, 2021, 6:00:02 AMSep 23
to
Finirà che dismetteranno la cns e chi vorrà la firma digitale la dovrà acquistare da terzi
PEC docet.

Ilario

Davide Prina

unread,
Sep 25, 2021, 3:10:03 AMSep 25
to
On 23/09/21 11:44, MAURIZI Lorenzo wrote:

> la CNS è anche un dispositivo di firma digitale, cosa che la CIE non è.

su questo argomento non avevo mai indagato.
Premesso che ci sono diverse "tipologie" di "firma digitale", però
sembra che sia possibile firmare un documento con la CIE, ad esempio ho
trovato questo:
https://www.massa-critica.it/2020/03/con-la-carta-didentita-elettronica-cie-e-possibile-firmare-digitalmente-i-documenti-con-lo-smartphone/

e dice che la firma è di tipo "Firma Elettronica Avanzata"

Ciao
Davide
--
Fate una prova di guida ... e tenetevi la macchina!:
http://linguistico.sf.net/wiki/doku.php?id=usaooo2

Davide Prina

unread,
Sep 25, 2021, 3:20:02 AMSep 25
to
On 23/09/21 08:52, MAURIZI Lorenzo wrote:
> La CIE 2.0 ha il chip dorato, la foto a colori, una banda magnetico/ottica nella parte posteriore, viene stampata e consegnata in mano dal dipendente comunale che fa il rilascio.
> La CIE 3.0 non ha chip in vista, è NFC, ha la foto in bianco e nero, ha un codice a barre dietro (è il codice fiscale) viene spedita a casa dal Ministero dell'Interno.

cercando per la firma ho trovato che dal 4 luglio 2016 è stata
rilasciata la versione 3.0 e quindi penso che da quella data tutte le
CIE siano 3.0, mentre a chi è stata rilasciata prima di tale data
dovrebbe essere di sicuro 2.0

Ciao
Davide
--
Esci dall'illegalità: utilizza LibreOffice/OpenOffice:
http://linguistico.sf.net/wiki/doku.php?id=usaooo

Piviul

unread,
Oct 1, 2021, 8:20:03 AMOct 1
to
Il 20/09/21 08:18, Filippo Dal Bosco - ha scritto:
> [...]mentre il bit4bit minilector air va senza problemi sia con
> linux che con win

il bit4id minilector air l'ho trovato solo sul sito di bit4id a 75€...
mi sembra esagerato per usarla al massimo una manciata di volte all'anno...

Qualche altro consiglio?

Grazie

Piviul

Filippo Dal Bosco -

unread,
Oct 1, 2021, 8:50:03 AMOct 1
to
Il giorno Fri, 1 Oct 2021 14:13:17 +0200
Piviul <piv...@riminilug.it> ha scritto:

> Il 20/09/21 08:18, Filippo Dal Bosco - ha scritto:
> > [...]mentre il bit4bit minilector air va senza problemi sia con
> > linux che con win
>
> il bit4id minilector air l'ho trovato solo sul sito di bit4id a
> 75€... mi sembra esagerato per usarla al massimo una manciata di
> volte all'anno...

io l' ho preso da lì a 50 €

Se non ricordo male c' è un lettore specifico NFC che ha un nome simile

( miniLector CIE)
https://www.bit4id.com/ciefacile/

ma poi a me ( ed ad altri) è arrivato l' air


--
Filippo

Piviul

unread,
Oct 1, 2021, 9:20:03 AMOct 1
to
Il 01/10/21 14:47, Filippo Dal Bosco - ha scritto:
> [...]
> Se non ricordo male c' è un lettore specifico NFC che ha un nome simile
>
> ( miniLector CIE)
> https://www.bit4id.com/ciefacile/
>
> ma poi a me ( ed ad altri) è arrivato l' air

grazie Filippo; ho dato un'occhiata alla pagina che hai indicato e mi è
caduto l'occhio su
https://www.bit4id.com/wp-content/uploads/2019/05/cie_facile_app.pdf

Quindi se lo smartphone è NFC dovrebbe anche poter leggere la CIE ma mi
chiedevo: si può utilizzare lo smartphone come card reader CIE per il pc?

Grazie!

Piviul

valerio

unread,
Oct 1, 2021, 9:40:03 AMOct 1
to


Il 01/10/21 15:05, Piviul ha scritto:
devi avere uno smartphone con NFC per poterlo utilizzare. comunque il
modello che ho trovato io è:

https://shop.bit4id.com/prodotto/minilector-cie/

che costa 43,20 (non mi ricordo le spese di spedizione quante sono).

ciao
valerio

>
> Grazie!
>
> Piviul
>
>

Piviul

unread,
Oct 1, 2021, 9:40:03 AMOct 1
to
Il 01/10/21 14:47, Filippo Dal Bosco - ha scritto:
> io l' ho preso da lì a 50 €
> Se non ricordo male c' è un lettore specifico NFC che ha un nome simile
>
> ( miniLector CIE)
> https://www.bit4id.com/ciefacile/
>
> ma poi a me ( ed ad altri) è arrivato l' air

beh, grazie l'ho trovato in effetti con poco meno di 50€ spedizioni
incluse si può ordinare il minilector CIE...

Grazie ancora!

Piviul

Filippo Dal Bosco -

unread,
Oct 1, 2021, 11:50:03 AMOct 1
to
Il giorno Fri, 1 Oct 2021 15:05:13 +0200
Piviul <piv...@riminilug.it> ha scritto:

>
> Quindi se lo smartphone è NFC dovrebbe anche poter leggere la CIE ma
> mi chiedevo: si può utilizzare lo smartphone come card reader CIE per
> il pc?

1) deve essere NFC che risponde alle specifiche per la CIE.
Trovi le specifiche sul sito ministero interno

2) NON puoi utilizzare l' NFC dello smartphone per collegarlo al PC
ed utilizzarlo come lettore NFC

MA PUOI
3) Utilizzare la combinazione smartphone ( con app CIE) + pc per
accedere ai siti. In questo caso c' è una procedura che manda sul PC un
QR da scanerizzare con la app CIE dello smartphone. Sul sito ministero
interno c' è un pdf che lo spiega.

--
Filippo

Filippo Dal Bosco -

unread,
Oct 1, 2021, 12:20:03 PMOct 1
to
Il giorno Fri, 1 Oct 2021 15:05:13 +0200
Piviul <piv...@riminilug.it> ha scritto:


> Quindi se lo smartphone è NFC dovrebbe anche poter leggere la CIE ma
> mi chiedevo: si può utilizzare lo smartphone come card reader CIE per
> il pc?

trovato link per smartphone CIE + pc

https://www.cartaidentita.interno.gov.it/wp-content/uploads/2020/05/ibrido.pdf


--
Filippo

Piviul

unread,
Oct 4, 2021, 4:40:03 AMOct 4
to

Il 01/10/21 18:18, Filippo Dal Bosco - ha scritto:
grazie Filippo!

Piviul

Piviul

unread,
Oct 4, 2021, 8:40:03 AMOct 4
to
Il 01/10/21 15:35, valerio ha scritto:
>
> devi avere uno smartphone con NFC per poterlo utilizzare. comunque il
> modello che ho trovato io è:
>
> https://shop.bit4id.com/prodotto/minilector-cie/

ordinato, vediamo cosa mi arriva...

Grazie mille

Piviul

Marco Bodrato

unread,
Oct 8, 2021, 3:00:02 AMOct 8
to
Ciao,

Il 2021-09-18 19:12 Franco Peci ha scritto:
> Grazie infinite a Marco Bodrato per il suggerimento della "saponetta"

A partire da quella domanda sugli SMS, sono stato più attento ai
contesti in cui viene richiesto un cellulare. Ci sono contesti nei quali
è sostanzialmente obbligatorio avere uno smartphone (scericare app e
inquadrare codici a barre bidimensionali per confermare le
autenticazioni), ma anche casi in cui poter ricevere SMS è considerato
sufficiente; penso in particolare al servizio di accesso ai servizi via
rete di alcune banche.

> e soprattutto a Davide Prina.
> Se non ho capito male, una volta che ho la carta d'identità
> elettronica e riesco a far funzionare il dispositivo, dovrei cavarmela
> anche senza cellulare.

Per i siti della pubblica amministrazione, ammesso che si siano
adeguati, sì.
Talvolta però si trovano anche siti che prevedono l'autenticazione
tramite SPID senza essere pubblica amministrazione.

In base ai servizi che si finisce per usare, la soluzione potrebbe
invece essere quella "più radicale": procurarsi un sistema di firma
digitale...

> Ciao e grazie a tutti
> Franco

Ĝis,
m

Davide Prina

unread,
Oct 8, 2021, 12:40:03 PMOct 8
to
On 08/10/21 08:56, Marco Bodrato wrote:

> Ci sono contesti nei quali
> è sostanzialmente obbligatorio avere uno smartphone (scericare app e
> inquadrare codici a barre bidimensionali per confermare le
> autenticazioni), ma anche casi in cui poter ricevere SMS è considerato
> sufficiente;

> penso in particolare al servizio di accesso ai servizi via
> rete di alcune banche.

alcune banche offrono una chiavetta di seconda generazione chiamata
chiavetta smart che ti permette di collegarti effettivamente a due
fattori di autenticazione e senza l'uso del cellulare.
Purtroppo non pubblicizzano tale possibilità e quindi va chiesto.

>
>> e soprattutto a Davide Prina.
>> Se non ho capito male, una volta che ho la carta d'identità
>> elettronica e riesco a far funzionare il dispositivo, dovrei cavarmela
>> anche senza cellulare.
>
> Per i siti della pubblica amministrazione, ammesso che si siano
> adeguati, sì.
> Talvolta però si trovano anche siti che prevedono l'autenticazione
> tramite SPID senza essere pubblica amministrazione.
>
> In base ai servizi che si finisce per usare, la soluzione potrebbe
> invece essere quella "più radicale": procurarsi un sistema di firma
> digitale...
>
>> Ciao e grazie a tutti
>> Franco
>
> Ĝis,
> m
>

--
Client di posta: https://www.thunderbird.net
GNU/Linux User: 302090: http://counter.li.org

Davide Prina

unread,
Oct 8, 2021, 12:50:03 PMOct 8
to
mi è partita la risposta per sbaglio prima di terminarla...

On 08/10/21 08:56, Marco Bodrato wrote:

> Ci sono contesti nei quali
> è sostanzialmente obbligatorio avere uno smartphone

per ora io non ho trovato un servizio che mi serva e che mi obblighi
l'uso di un cellulare...

> servizio di accesso ai servizi via rete di alcune banche.

alcune banche offrono una chiavetta di seconda generazione chiamata
chiavetta smart che ti permette di collegarti effettivamente a due
fattori di autenticazione e senza l'uso del cellulare.
Purtroppo non pubblicizzano tale possibilità e quindi va chiesto.

>> e soprattutto a Davide Prina.
>> Se non ho capito male, una volta che ho la carta d'identità
>> elettronica e riesco a far funzionare il dispositivo, dovrei cavarmela
>> anche senza cellulare.
>
> Per i siti della pubblica amministrazione, ammesso che si siano
> adeguati, sì.

l'adeguamento è obbligatorio. Si possono denunciare per interruzione di
servizio pubblico.

> Talvolta però si trovano anche siti che prevedono l'autenticazione
> tramite SPID senza essere pubblica amministrazione.

ma se non vogliono perdere clienti si adeguano... tranne chi è in
monopolio/oligopolio dove i pochi attori che ci sono si mettono
d'accordo su questi punti.

> In base ai servizi che si finisce per usare, la soluzione potrebbe
> invece essere quella "più radicale": procurarsi un sistema di firma
> digitale...

dipende che "firma digitale" sarà richiesta... la CIE/CNS permettono di
farla (con la CNS mi sembra sia debole o almeno lo era), anche se non so
quanto sia semplice farli funzionare sotto GNU/Linux, non ho mai provato

Ciao
Davide
--
I didn't use Microsoft machines when I was in my operational phase,
because I couldn't trust them.
Not because I knew that there was a particular back door or anything
like that, but because I couldn't be sure.
Edward Snowden

Filippo Dal Bosco -

unread,
Oct 8, 2021, 1:10:02 PMOct 8
to
Il giorno Fri, 8 Oct 2021 18:44:40 +0200
Davide Prina <davide...@gmail.com> ha scritto:

>
> di farla (con la CNS mi sembra sia debole o almeno lo era), anche se

avendo la CIE ne so poco della CNS, ma mi sembra che il problema CNS
sia che deve essere "riattivata" ogni anno andando in apposito ufficio.
La CIE, invece, è valida 10 anni

--
Filippo

Marco Bodrato

unread,
Oct 8, 2021, 3:00:03 PMOct 8
to
Ciao Davide,

Il 2021-10-08 18:44 Davide Prina ha scritto:
> On 08/10/21 08:56, Marco Bodrato wrote:
>> Ci sono contesti nei quali è sostanzialmente obbligatorio avere uno
>> smartphone

> per ora io non ho trovato un servizio che mi serva e che mi obblighi
> l'uso di un cellulare...

Anche io, personalmente, faccio resistenza e cerco di restare fuori dai
contesti per i quali avere uno smartphone è necessario. Purtuttavia tali
contesti esistono e ho anche l'impressione che siano in aumento.
Il mio lavoro non mi richiede di controllare certificati Covid
(perdonatemi ma mi rifiuto di etichettare come "verde" o "green", in
questo periodo storico, qualcosa che non porta alcun vantaggio alla
crisi climatica o a quelle ambientali). Se però dovessi controllarne,
sarei onestamente in difficoltà.

>> Per i siti della pubblica amministrazione, ammesso che si siano
>> adeguati, sì.
>
> l'adeguamento è obbligatorio. Si possono denunciare per interruzione
> di servizio pubblico.

Userei il condizionale. Si potrebbero denunciare...

>> Talvolta però si trovano anche siti che prevedono l'autenticazione
>> tramite SPID

> ma se non vogliono perdere clienti si adeguano... tranne chi è in

Perdonami, ma non ho mai creduto in vita mia nelle virtù salvifiche del
mercato e tantomeno ci credo in questo caso :-)

>> In base ai servizi che si finisce per usare, la soluzione potrebbe
>> invece essere quella "più radicale": procurarsi un sistema di firma
>> digitale...
>
> dipende che "firma digitale" sarà richiesta... la CIE/CNS permettono
> di farla (con la CNS mi sembra sia debole o almeno lo era), anche se

Il significato di "firma digitale" è definito nel CAD.
Dove CAD è il Codice dell'Amministrazione Digitale.
Non mi risulta che la CNS permetta la firma digitale.
Ammetto però di non aver più riletto il CAD negli ultimi anni.

Ĝis,
m

Davide Prina

unread,
Oct 9, 2021, 9:40:02 AMOct 9
to
On 08/10/21 19:08, Filippo Dal Bosco - wrote:

> mi sembra che il problema CNS
> sia che deve essere "riattivata" ogni anno andando in apposito ufficio.
> La CIE, invece, è valida 10 anni

no, per la CNS devi chiedere i codici (PIN/PUK) nei centri abilitati e
una volta ottenuti puoi usarla fino alla scadenza. Una volta che ti
arriva la nuova CNS, prima che scada quella vecchia puoi ottenere i
codici di quella nuova on-line usando quella vecchia ancora valida. Se
non lo fai entro scadenza, allora devi fare richiesta come la prima volta.

In Regione Lombardia è molto utilizzata poiché era stata creata la CRS
(Carta Regionale dei Servizi) emessa da Regione Lombardia e compatibile
con CNS. Più o meno tutti gli applicativi di regione che richiedevano
credenziali forti sono da anni usabili con CNS e attualmente bene o male
tutti gli applicativi di Regione Lombardia sono usabili anche con CRS,
ove sono richieste delle credenziali ai cittadini.

Per la CIE, da quanto ho capito ti danno al rilascio subito metà del
codice e l'altra metà ti arriva a casa. Non so per il rinnovo, ma penso
sia lo stesso.

Ciao
Davide
--
Browser: http://www.mozilla.org/products/firefox

Davide Prina

unread,
Oct 9, 2021, 10:10:02 AMOct 9
to
On 08/10/21 20:57, Marco Bodrato wrote:
> Il 2021-10-08 18:44 Davide Prina ha scritto:

>> dipende che "firma digitale" sarà richiesta...

qui ho sbagliato volevo scrivere firma elettronica

>> la CIE/CNS permettono
>> di farla (con la CNS mi sembra sia debole o almeno lo era), anche se
>
> Il significato di "firma digitale" è definito nel CAD.
> Dove CAD è il Codice dell'Amministrazione Digitale.

ci sono 4 tipi di firma attuali:
* Firma elettronica
* Firma elettronica avanzata
* Firma elettronica qualificata
* Firma digitale

> Non mi risulta che la CNS permetta la firma digitale.

sì con la CNS è possibile firmare (firma digitale) e per tale scopo è
usata da diversi applicativi di Regione Lombardia.
Ora ho guardato velocemente ma questi due documenti dovrebbero riportare
i dettagli:
https://www.agid.gov.it/sites/default/files/repository_files/documentazione/filesystemcns_20160610.pdf
https://www.agid.gov.it/sites/default/files/repository_files/documentazione_trasparenza/lineeguidacnsv3.0.pdf

Nella mail precedente ho indicato "firma debole", ma probabilmente
questo era con la prima "versione" di CRS emessa da Regione Lombardia.
In teoria dovrei sapere queste cose anche per lavoro, ma capitandomi
raramente di affrontarle me le sono un po' dimenticate :-(

Davide Prina

unread,
Oct 10, 2021, 3:10:02 AMOct 10
to
On 09/10/21 20:48, Paolo Redaelli wrote:
> Il 08/10/21 18:44, Davide Prina ha scritto:
>>
>>> servizio di accesso ai servizi via rete di alcune banche.
>>
>> alcune banche offrono una chiavetta di seconda generazione chiamata
>> chiavetta smart che ti permette di collegarti effettivamente a due
>> fattori di autenticazione e senza l'uso del cellulare.
>> Purtroppo non pubblicizzano tale possibilità e quindi va chiesto.
>
>
> OffriVANO.
>

no, offrono tale possibilità attualmente. Io ne conosco 3-4 che lo
fanno. Però sul sito web non trovi nessun accenno a tale possibilità e
la devi chiedere tu.
Conosco diverse persone, che come me, hanno o aperto un contro presso
una di queste banche o spostato il loro conto verso una di queste
banche. Tempo fa un collega mi ha detto che ha dovuto insistere per
avere la chiavetta ed aspettare un bel po' per averla perché, da quello
che ho capito, le richieste erano superiori alle attese e non riuscivano
a soddisfarle. Nel periodo in cui c'era il passaggio da vecchia
chiavetta a nuova modalità di login online, un giorno, ero in banca e
aspettavo di parlare con il direttore e sono rimasto in attesa un bel
po'; tutte le persone che sono entrate e a cui era indicato che la
vecchia chiavetta non avrebbe più funzionava da una certa data, alla
richiesta se volessero usare la app o avere la nuova chiavetta smart...
tutti hanno scelto la chiavetta smart, sia giovani che meno giovani.

Ripeto non è la chiavetta con un singolo tasto che si aveva una volta, è
una chiavetta detta smart con un tastierino numerico. L'uso è più
complesso perché in alcuni casi ti viene fornito un codice da inserire
nella chiavetta e da quello ricavi il codice da inserire nel form web.

Ciao
Davide
--
Elenco di software libero: http://tinyurl.com/eddgj
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages