Lettura quotidiana 20/9

2 views
Skip to first unread message

LaParola.Net

unread,
Sep 19, 2022, 6:21:25 PMSep 19
to lettura-q...@googlegroups.com
La lettura per il giorno 20/9.
Per non ricevere più questi messaggi, leggi le istruzioni in fondo a questo
messaggio.


--- 2Re 8 ---
La carestia di sette anni; la Sunamita ottiene la restituzione dei suoi
beni
2R 4:8-37; Sl 34:8-10; Is 28:29
1 Eliseo aveva detto alla donna di cui aveva risuscitato il figlio:
«Àlzati; va', tu con la tua famiglia, e soggiorna all'estero, dove potrai;
perché il SIGNORE ha chiamato la carestia, ed essa verrà nel paese per
sette anni». 2 La donna si alzò, e fece come le aveva detto l'uomo di
Dio; se ne andò con la sua famiglia, e soggiornò per sette anni, nel paese
dei Filistei. 3 Finiti i sette anni, quella donna tornò dal paese dei
Filistei, e andò dal re a reclamare la sua casa e le sue terre. 4 Allora
il re discorreva con Gheazi, servo dell'uomo di Dio, e gli diceva: «Ti
prego, raccontami tutte le cose grandi che Eliseo ha fatte». 5 E mentre
appunto Gheazi raccontava al re come Eliseo aveva risuscitato il morto, ecco
che la donna, di cui era stato risuscitato il figlio, venne dal re a
reclamare la sua casa e le sue terre. E Gheazi disse: «O re, mio signore,
questa è quella donna, e questo è suo figlio, che Eliseo ha risuscitato».
6 Il re interrogò la donna, che gli raccontò tutto; e il re le mise a
disposizione un funzionario, al quale disse: «Falle restituire tutto quello
che è suo, e tutte le rendite delle terre, dal giorno in cui lasciò il
paese, fino a ora».
Eliseo predice il regno di Azael sulla Siria
1R 19:15-17 (2R 8:28-29; 10:32-33; 13:3, 7)
7 Eliseo si recò a Damasco. Ben-Adad, re di Siria, era ammalato, e gli fu
riferito che l'uomo di Dio era giunto in quel luogo. 8 Allora il re disse
ad Azael: «Prendi con te un regalo, va' incontro all'uomo di Dio, e
consulta per mezzo di lui il SIGNORE, per sapere se io guarirò da questa
malattia». 9 Azael andò dunque incontro a Eliseo, portando con sé come
regalo tutto quello che c'era di meglio a Damasco: il carico di quaranta
cammelli. Appena giunse, si presentò a Eliseo, e gli disse: «Tuo figlio
Ben-Adad, re di Siria, mi ha mandato da te per dirti: "Guarirò da questa
malattia?"» 10 Eliseo gli rispose: «Va', e digli: "Guarirai di certo". Ma
il SIGNORE mi ha rivelato che morirà sicuramente». 11 L'uomo di Dio posò
lo sguardo sopra Azael, e lo fissò a lungo, poi si mise a piangere.
12 Azael disse: «Perché piange il mio signore?» Eliseo rispose:
«Perché so il male che farai ai figli d'Israele; tu darai alle fiamme le
loro fortezze, ucciderai i loro giovani con la spada, schiaccerai i loro
bambini, e sventrerai le loro donne incinte». 13 Azael disse: «Ma che
cos'è mai il tuo servo, questo cane, per fare delle cose tanto grandi?»
Eliseo rispose: «Il SIGNORE mi ha rivelato che tu sarai re di Siria».
14 Azael lasciò Eliseo e tornò dal suo signore, che gli chiese: «Che
t'ha detto Eliseo?» Egli rispose: «Mi ha detto che guarirai certamente».
15 Il giorno dopo, Azael prese una coperta, la immerse nell'acqua, e la
distese sulla faccia di Ben-Adad, che morì. E Azael regnò al suo posto.

Ioram, re di Giuda
2Cr 21; Os 8:7
16 Nell'anno quinto di Ioram, figlio di Acab, re d'Israele, Ieoram, figlio
di Giosafat, re di Giuda, cominciò a regnare su Giuda. 17 Aveva trentadue
anni quando cominciò a regnare, e regnò otto anni a Gerusalemme. 18 Egli
seguì l'esempio dei re d'Israele, come aveva fatto la casa di Acab; poiché
aveva per moglie una figlia di Acab; e fece ciò che è male agli occhi del
SIGNORE. 19 Tuttavia il SIGNORE non volle distruggere Giuda, per amor di
Davide suo servo, conformemente alla promessa fattagli di lasciare sempre
una lampada a lui e ai suoi figli. 20 Ai suoi tempi, Edom si ribellò,
sottraendosi al giogo di Giuda e si diede un re. 21 Allora Ioram passò a
Sair con tutti i suoi carri. Di notte si alzò e sconfisse gli Edomiti che
avevano accerchiato lui e i capitani dei carri; ma la gente di Ioram dovette
fuggire alle proprie tende. 22 Così Edom si è ribellato e si è sottratto
al giogo di Giuda fino a oggi. In quel medesimo tempo, anche Libna si
ribellò. 23 Il rimanente delle azioni di Ioram e tutto quello che fece, si
trova scritto nel libro delle Cronache dei re di Giuda. 24 Ioram si
addormentò con i suoi padri, e con i suoi padri fu sepolto nella città di
Davide. Acazia, suo figlio, regnò al suo posto.
Acazia, re di Giuda
2Cr 22:1-6; Pr 2:18
25 L'anno dodicesimo di Ioram, figlio di Acab, re d'Israele, Acazia, figlio
di Ieoram, re di Giuda, cominciò a regnare. 26 Aveva ventidue anni quando
cominciò a regnare, e regnò un anno a Gerusalemme. Sua madre si chiamava
Atalia, nipote di Omri, re d'Israele. 27 Egli seguì l'esempio della casa
di Acab, e fece ciò che è male agli occhi del SIGNORE, come la casa di
Acab, perché era imparentato con la casa di Acab. 28 Egli andò con Ioram,
figlio di Acab, a combattere contro Azael, re di Siria, a Ramot di Galaad; e
i Siri ferirono Ioram; 29 e il re Ioram tornò a Izreel per farsi curare le
ferite causategli dai Siri a Rama, quando combatteva contro Azael, re di
Siria. Acazia, figlio di Ioram re di Giuda, scese a Izreel a vedere Ioram,
figlio di Acab, perché questi era ammalato.

--- Proverbi 8:12-21 ---
12 Io, la saggezza, sto con l'accorgimento
e ho trovato la scienza della riflessione. 13 Il timore del SIGNORE è
odiare il male;
io odio la superbia, l'arroganza,
la via del male e la bocca perversa. 14 A me appartiene il consiglio e il
successo;
io sono l'intelligenza, a me appartiene la forza. 15 Per mio mezzo regnano i
re,
e i prìncipi decretano ciò che è giusto. 16 Per mio mezzo governano i
capi,
i nobili, tutti i giudici della terra. 17 Io amo quelli che mi amano,
e quelli che mi cercano mi trovano. 18 Con me sono ricchezze e gloria,
i beni duraturi e la giustizia. 19 Il mio frutto è migliore dell'oro
fino,
il mio prodotto vale più dell'argento selezionato. 20 Io cammino per la via
della giustizia,
per i sentieri dell'equità, 21 per far ereditare ricchezze a quelli che mi
amano,
e per riempire i loro tesori.


--- Ezechiele 43:1-12 ---
La gloria del Signore nel nuovo tempio
Ez 10:1-19; 11:22-24 (1R 8:6, 10-13; Ez 37:26-28; Ap 21:3)
1 Poi mi condusse alla porta, alla porta che guardava a oriente. 2 Ecco, la
gloria del Dio d'Israele veniva dal lato orientale. La sua voce era come il
rumore di grandi acque e la terra risplendeva della sua gloria. 3 La
visione che io ebbi era simile a quella che io ebbi quando venni per
distruggere la città; queste visioni erano simili a quella che avevo avuta
presso il fiume Chebar; e io caddi sulla mia faccia. 4 La gloria del
SIGNORE entrò nella casa per la via della porta che guardava a oriente.
5 Lo Spirito mi portò in alto e mi condusse nel cortile interno; ed ecco
la gloria del SIGNORE riempiva la casa. 6 Io udii qualcuno che mi parlava
dalla casa; un uomo era in piedi presso di me. 7 Egli mi disse: «Figlio
d'uomo, questo è il luogo del mio trono, il luogo dove poserò la pianta
dei miei piedi; io vi abiterò per sempre in mezzo ai figli d'Israele; la
casa d'Israele e i suoi re non contamineranno più il mio santo nome con le
loro prostituzioni e con i cadaveri dei loro re sui loro alti luoghi,
8 come facevano quando mettevano la loro soglia presso la mia soglia, i
loro stipiti presso i miei stipiti, così che non c'era che una parete fra
me e loro. Essi contaminavano così il mio santo nome con le abominazioni
che commettevano; perciò io li consumai, nella mia ira. 9 Ora
allontaneranno da me le loro prostituzioni e i cadaveri dei loro re, e io
abiterò in mezzo a loro per sempre.
Ez 44:5-9; 2Ti 2:25-26
10 Tu, figlio d'uomo, mostra questa casa alla casa d'Israele e si vergognino
delle loro iniquità. 11 Ne misurino il piano e, se si vergognano di tutto
quello che hanno fatto, fa' loro conoscere la forma di questa casa, la sua
disposizione, le sue uscite e i suoi ingressi, tutti i suoi disegni e tutti
i suoi regolamenti, tutti i suoi riti e tutte le sue leggi; mettili per
iscritto sotto i loro occhi affinché osservino tutti i suoi riti e tutti i
suoi regolamenti e li mettano in pratica. 12 Questa è la legge della casa.
Sulla sommità del monte, tutto lo spazio che deve occupare tutto intorno
sarà santissimo. Ecco, questa è la legge della casa.


--- Colossesi 2:4-19 ---
Avvertimento contro le false dottrine
4 Dico questo affinché nessuno vi inganni con parole seducenti; 5 perché,
sebbene sia assente di persona, sono però con voi spiritualmente, e mi
rallegro vedendo il vostro ordine e la fermezza della vostra fede in Cristo.
6 Come dunque avete ricevuto Cristo Gesù, il Signore, così camminate in
lui; 7 radicati e edificati in lui, saldi nella fede, come vi è stata
insegnata, e abbondando nel ringraziamento.
1Ti 6:20-21 (Gv 14:9-10; 1Co 1:24, 30) Ro 6:3-11; Ef 2:1-18
8 Guardate che nessuno faccia di voi sua preda con la filosofia e con vani
raggiri secondo la tradizione degli uomini e gli elementi del mondo e non
secondo Cristo; 9 perché in lui abita corporalmente tutta la pienezza
della Deità; 10 e voi avete tutto pienamente in lui, che è il capo di
ogni principato e di ogni potenza; 11 in lui siete anche stati circoncisi
di una circoncisione non fatta da mano d'uomo, ma della circoncisione di
Cristo, che consiste nello spogliamento del corpo della carne, 12 essendo
stati con lui sepolti nel battesimo, nel quale siete anche stati risuscitati
con lui mediante la fede nella potenza di Dio che lo ha risuscitato dai
morti. 13 Voi, che eravate morti nei peccati e nella incirconcisione della
vostra carne, voi, dico, Dio ha vivificati con lui, perdonandoci tutti i
peccati; 14 avendo cancellato il documento a noi ostile, i cui comandamenti
ci condannavano, e l'ha tolto di mezzo, inchiodandolo sulla croce; 15 e
avendo spogliato i principati e le potestà, ne ha fatto un pubblico
spettacolo, trionfando su di loro per mezzo della croce.
Ro 14:1-6, 17; Ga 4:9-11; 1Ti 4:1-8
16 Nessuno dunque vi giudichi quanto al mangiare o al bere, o rispetto a
feste, a noviluni, a sabati, 17 che sono l'ombra di cose che dovevano
avvenire; ma il corpo è di Cristo. 18 Nessuno vi derubi a suo piacere del
vostro premio, con un pretesto di umiltà e di culto degli angeli,
affidandosi alle proprie visioni, gonfio di vanità nella sua mente carnale,
19 senza attenersi al Capo, da cui tutto il corpo, ben fornito e congiunto
insieme mediante le giunture e i legamenti, progredisce nella crescita
voluta da Dio.


Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages