Lettura quotidiana 26/9

5 views
Skip to first unread message

LaParola.Net

unread,
Sep 25, 2022, 6:20:14 PMSep 25
to lettura-q...@googlegroups.com
La lettura per il giorno 26/9.
Per non ricevere più questi messaggi, leggi le istruzioni in fondo a questo
messaggio.


--- 2Re 14 ---
Amasia, re di Giuda
2R 12:21 (2Cr 25; 26:1-2) Sl 75:4-7
1 Il secondo anno di Ioas, figlio di Ioacaz re d'Israele, cominciò a
regnare Amasia, figlio di Ioas, re di Giuda. 2 Aveva venticinque anni
quando cominciò a regnare, e regnò ventinove anni a Gerusalemme. Sua madre
si chiamava Ioaddan, ed era di Gerusalemme. 3 Egli fece ciò che è giusto
agli occhi del SIGNORE; non però come Davide suo padre; fece interamente
come aveva fatto Ioas suo padre. 4 Tuttavia gli alti luoghi non furono
soppressi; il popolo continuava a offrire sacrifici e incenso sugli alti
luoghi. 5 Non appena il potere reale fu assicurato nelle sue mani, egli
fece morire quei suoi servitori che avevano ucciso il re suo padre; 6 ma
non fece morire i figli degli uccisori, secondo quanto è scritto nel libro
della legge di Mosè, dove il SIGNORE ha dato questo comandamento: «Non si
metteranno a morte i padri per colpa dei figli, né si metteranno a morte i
figli per colpa dei padri; ma ognuno sarà messo a morte per il proprio
peccato». 7 Egli uccise diecimila Idumei nella valle del Sale; e in questa
guerra conquistò Sela e le diede il nome di Iocteel, che ha conservato fino
a oggi. 8 Allora Amasia inviò dei messaggeri a Ioas, figlio di Ioacaz,
figlio di Ieu, re d'Israele, per dirgli: «Vieni, affrontiamoci!» 9 Ioas,
re d'Israele, mandò a dire ad Amasia, re di Giuda: «Il rovo del Libano
mandò a dire al cedro del Libano: "Da' tua figlia in sposa a mio figlio". E
le bestie selvagge del Libano passarono, e calpestarono il rovo. 10 Tu hai
sconfitto gli Idumei, e il tuo cuore ti ha reso orgoglioso. Godi la tua
gloria, e stattene a casa tua. Perché impegnarti in una disgraziata impresa
che porterebbe alla rovina te e il regno di Giuda insieme a te?» 11 Ma
Amasia non gli volle dar retta. Così Ioas, re d'Israele marciò contro
Amasia; ed egli e Amasia, re di Giuda, si trovarono faccia a faccia a
Bet-Semes, nel territorio di Giuda. 12 Giuda fu sconfitto da Israele; gli
uomini di Giuda fuggirono, ognuno alla sua tenda. 13 A Bet-Semes Ioas, re
d'Israele, fece prigioniero Amasia, re di Giuda, figlio di Ioas, figlio di
Acazia. Poi venne a Gerusalemme e fece una breccia di quattrocento cubiti
nelle mura di Gerusalemme, dalla porta di Efraim alla porta dell'angolo.
14 E prese tutto l'oro e l'argento e tutti i vasi che si trovavano nella
casa del SIGNORE e nei tesori del palazzo del re; prese anche degli ostaggi,
e se ne tornò a Samaria. 15 Il resto delle azioni compiute da Ioas, il suo
valore, e come combatté contro Amasia re di Giuda, sono cose scritte nel
libro delle Cronache dei re d'Israele. 16 Ioas si addormentò con i suoi
padri, e fu sepolto a Samaria con i re d'Israele; e Geroboamo, suo figlio,
regnò al suo posto. 17 Amasia, figlio di Ioas, re di Giuda, visse ancora
quindici anni dopo la morte di Ioas, figlio di Ioacaz, re d'Israele. 18 Il
resto delle azioni di Amasia si trova scritto nel libro delle Cronache dei
re di Giuda. 19 Fu organizzata una congiura contro di lui a Gerusalemme; ed
egli fuggì a Lachis; ma lo fecero inseguire fino a Lachis, e là fu messo a
morte. 20 Da quel luogo fu trasportato sopra cavalli, e quindi sepolto a
Gerusalemme con i suoi padri nella città di Davide. 21 Tutto il popolo di
Giuda prese Azaria, che aveva allora sedici anni, e lo fece re al posto di
Amasia suo padre. 22 Egli riconquistò Elat, la riscostruì e la annesse al
regno di Giuda, dopo che il re Amasia si fu addormentato con i suoi padri.

Geroboamo II, re d'Israele
Am 1-7; Gn 1-4; Os 1-3
23 Nel quindicesimo anno di Amasia, figlio di Ioas, re di Giuda, cominciò a
regnare a Samaria Geroboamo, figlio di Ioas, re d'Israele; e regnò
quarantun anni. 24 Egli fece quello che è male agli occhi del SIGNORE; non
si allontanò da nessuno dei peccati con i quali Geroboamo, figlio di Nebat,
aveva fatto peccare Israele. 25 Egli ristabilì i confini d'Israele
dall'ingresso di Camat al mare della pianura, come il SIGNORE, Dio
d'Israele, aveva detto per mezzo del suo servitore il profeta Giona, figlio
di Amittai, che era di Gat-Efer. 26 Il SIGNORE aveva visto che l'afflizione
d'Israele era amarissima, che schiavi e liberi erano ridotti all'estremo, e
che non c'era più nessuno che soccorresse Israele. 27 Il SIGNORE non aveva
parlato ancora di cancellare il nome d'Israele da sotto al cielo; quindi li
salvò, per mezzo di Geroboamo, figlio di Ioas. 28 Il resto delle azioni di
Geroboamo, tutto quello che fece, il suo valore in guerra, e come
riconquistò a Israele Damasco e Camat che erano appartenute a Giuda, si
trova scritto nel libro delle Cronache dei re d'Israele. 29 Geroboamo si
addormentò con i suoi padri, i re d'Israele; e Zaccaria, suo figlio, regnò
al suo posto.

--- Proverbi 10:23-32 ---
23 Commettere un delitto per lo stolto è come un divertimento;
così è per l'uomo prudente che pratica la saggezza. 24 All'empio succede
quello che teme,
ma ai giusti è concesso quello che desiderano. 25 Come tempesta che passa,
l'empio non è più,
ma il giusto ha un fondamento eterno. 26 Come l'aceto ai denti e il fumo
agli occhi,
così è il pigro per chi lo manda. 27 Il timore del SIGNORE accresce i
giorni,
ma gli anni degli empi saranno accorciati. 28 L'attesa dei giusti è
gioia,
ma la speranza degli empi perirà. 29 La via del SIGNORE è una fortezza per
l'uomo integro,
ma una rovina per i malfattori. 30 Il giusto non sarà mai smosso,
ma gli empi non abiteranno la terra. 31 La bocca del giusto fa fiorire la
saggezza,
ma la lingua perversa sarà soppressa. 32 Le labbra del giusto conoscono
ciò che è gradito,
ma la bocca degli empi è piena di perversità.

--- Ezechiele 46:1-15 ---
Prescrizioni per il servizio del tempio
(Ez 44:1-3; 45:17) Nu 28:2, ecc.
1 «Così parla il Signore, DIO: "La porta del cortile interno, che guarda
verso oriente, resterà chiusa durante i sei giorni di lavoro: ma sarà
aperta il giorno di sabato; sarà pure aperta il giorno del novilunio. 2 Il
principe entrerà per la via del vestibolo della porta esterna e si fermerà
presso lo stipite della porta; i sacerdoti offriranno il suo olocausto e i
suoi sacrifici di riconoscenza. Egli si prostrerà sulla soglia della porta,
poi uscirà; ma la porta non sarà chiusa fino alla sera. 3 Anche il popolo
del paese si prostrerà davanti al SIGNORE, all'ingresso di quella porta,
nei giorni di sabato e nei noviluni. 4 L'olocausto che il principe offrirà
al SIGNORE il giorno del sabato sarà di sei agnelli senza difetto e di un
montone senza difetto; 5 la sua oblazione sarà di un efa per il montone;
l'offerta per gli agnelli sarà quello che vorrà dare, e di un hin d'olio
per efa. 6 Il giorno del novilunio offrirà un toro senza difetto, sei
agnelli e un montone, che saranno senza difetti; 7 darà come offerta un
efa per il toro, un efa per il montone, per gli agnelli nella misura dei
suoi mezzi, e un hin d'olio per efa. 8 Quando il principe entrerà,
passerà per la via del vestibolo della porta e uscirà per la stessa via.
9 Ma quando il popolo del paese verrà davanti al SIGNORE nelle solennità,
chi sarà entrato per la via della porta settentrionale per prostrarsi,
uscirà per la via della porta meridionale; chi sarà entrato per la via
della porta meridionale uscirà per la via della porta settentrionale;
nessuno se ne tornerà per la via della porta per la quale sarà entrato, ma
uscirà per la porta opposta. 10 Il principe, quando quelli entreranno,
entrerà in mezzo a loro; quando quelli usciranno, egli uscirà insieme a
essi. 11 Nelle feste e nelle solennità, l'offerta sarà di un efa per il
toro, di un efa per il montone, per gli agnelli quello che vorrà dare, e un
hin d'olio per efa. 12 Quando il principe farà al SIGNORE un'offerta
volontaria, olocausto o sacrificio di riconoscenza, come offerta volontaria
al SIGNORE, gli si aprirà la porta che guarda a oriente e offrirà il suo
olocausto e il suo sacrificio di riconoscenza come fa nel giorno del sabato;
poi uscirà e, quando sarà uscito, si chiuderà la porta. 13 Tu offrirai
ogni giorno, come olocausto al SIGNORE, un agnello di un anno, senza
difetto; l'offrirai ogni mattina. 14 Vi aggiungerai ogni mattina, come
offerta, la sesta parte di un efa e la terza parte di un hin d'olio per
intridere il fior di farina: è un'offerta al SIGNORE, da offrirsi del
continuo per prescrizione perenne. 15 Si offriranno l'agnello, l'offerta e
l'olio ogni mattina, come l'olocausto continuo".


--- 1Tessalonicesi 4 ---
Esortazione alla santità
1P 1:14-16; 4:1-5; Ef 5:3-8; 1Co 6:13-20
1 Del resto, fratelli, avete imparato da noi il modo in cui dovete
comportarvi e piacere a Dio ed è già così che vi comportate. Vi preghiamo
e vi esortiamo nel Signore Gesù a progredire sempre di più. 2 Infatti
sapete quali istruzioni vi abbiamo date nel nome del Signore Gesù.
3 Perché questa è la volontà di Dio: che vi santifichiate, che vi
asteniate dalla fornicazione, 4 che ciascuno di voi sappia possedere il
proprio corpo in santità e onore, 5 senza abbandonarsi a passioni
disordinate come fanno gli stranieri che non conoscono Dio; 6 che nessuno
opprima il fratello né lo sfrutti negli affari; perché il Signore è un
vendicatore in tutte queste cose, come già vi abbiamo detto e dichiarato
prima. 7 Infatti Dio ci ha chiamati non a impurità, ma a santificazione.
8 Chi dunque disprezza questi precetti, non disprezza un uomo, ma quel Dio
che vi fa anche dono del suo Santo Spirito.
1P 1:22; 2Te 3:6-12
9 Quanto all'amore fraterno non avete bisogno che io ve ne scriva, poiché
voi stessi avete imparato da Dio ad amarvi gli uni gli altri, 10 e
veramente lo fate verso tutti i fratelli che sono nell'intera Macedonia. Ma
vi esortiamo, fratelli, ad abbondare in questo sempre di più, 11 e a
cercare di vivere in pace, di fare i fatti vostri e di lavorare con le
vostre mani, come vi abbiamo ordinato di fare, 12 affinché camminiate
dignitosamente verso quelli di fuori e non abbiate bisogno di nessuno.
Il rapimento della chiesa; il ritorno del Signore
1Co 15:19-58; Fl 3:20-21
13 Fratelli, non vogliamo che siate nell'ignoranza riguardo a quelli che
dormono, affinché non siate tristi come gli altri che non hanno speranza.
14 Infatti, se crediamo che Gesù morì e risuscitò, crediamo pure che
Dio, per mezzo di Gesù, ricondurrà con lui quelli che si sono
addormentati. 15 Poiché questo vi diciamo mediante la parola del Signore:
che noi viventi, i quali saremo rimasti fino alla venuta del Signore, non
precederemo quelli che si sono addormentati; 16 perché il Signore stesso,
con un ordine, con voce d'arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal
cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; 17 poi noi viventi, che
saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare
il Signore nell'aria; e così saremo sempre con il Signore. 18 Consolatevi
dunque gli uni gli altri con queste parole.

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages