Lettura quotidiana 28/6

1 view
Skip to first unread message

LaParola.Net

unread,
Jun 27, 2021, 6:16:53 PMJun 27
to lettura-q...@googlegroups.com
La lettura per il giorno 28/6.
Per non ricevere più questi messaggi, leggi le istruzioni in fondo a questo
messaggio.


--- Giudici 10 ---
Tola e Iair, giudici d'Israele
Gc 12:8-15; Sl 94:14
1 Dopo Abimelec, per liberare Israele, vi fu Tola, figlio di Pua, figlio di
Dodo, uomo d'Issacar. Abitava a Samir, nella regione montuosa di Efraim;
2 fu giudice d'Israele per ventitré anni; poi morì e fu sepolto a Samir.
3 Dopo di lui vi fu Iair, il Galaadita, che fu giudice d'Israele per
ventidue anni; 4 ebbe trenta figli che cavalcavano trenta asinelli e
avevano trenta città, che si chiamano anche oggi i borghi di Iair e sono
nel paese di Galaad. 5 Poi Iair morì e fu sepolto a Camon.
I Filistei e gli Ammoniti opprimono Israele
(De 31:16-18; 1S 12:9-11; Is 63:10)(Pr 28:13; Gr 31:18-21) La 3:21-23,
31-33
6 I figli d'Israele continuarono a fare ciò che è male agli occhi del
SIGNORE e servirono gli idoli di Baal e di Astarte, gli dèi della Siria,
gli dèi di Sidon, gli dèi di Moab, gli dèi degli Ammoniti e gli dèi dei
Filistei; abbandonarono il SIGNORE e non lo servirono più. 7 L'ira del
SIGNORE si accese contro i figli d'Israele ed egli li diede nelle mani dei
Filistei e nelle mani dei figli di Ammon. 8 In quell'anno questi
angariarono e oppressero i figli d'Israele; per diciotto anni oppressero
tutti i figli d'Israele che erano di là dal Giordano nel paese degli
Amorei, in Galaad. 9 I figli di Ammon attraversarono il Giordano per
combattere anche contro Giuda, contro Beniamino e contro la casa d'Efraim; e
Israele fu in grande angoscia. 10 Allora i figli d'Israele gridarono al
SIGNORE, e dissero: «Abbiamo peccato contro di te, perché abbiamo
abbandonato il nostro Dio e abbiamo servito i vari Baal». 11 Il SIGNORE
disse ai figli d'Israele: «Non vi ho liberati dagli Egiziani, dagli Amorei,
dai figli di Ammon e dai Filistei? 12 Quando i Sidoni, gli Amalechiti e i
Maoniti vi opprimevano e voi gridaste a me, non vi liberai dalle loro mani?
13 Eppure, mi avete abbandonato e avete servito altri dèi; perciò io non
vi libererò più. 14 Andate a gridare agli dèi che avete scelto; vi
salvino essi nel tempo della vostra angoscia!» 15 I figli d'Israele
dissero al SIGNORE: «Abbiamo peccato; facci tutto quello che a te piace;
soltanto, te ne preghiamo, liberaci oggi!» 16 Allora tolsero di mezzo a
loro gli dèi stranieri e servirono il SIGNORE, che si addolorò per
l'afflizione d'Israele. 17 I figli di Ammon si adunarono e si accamparono
in Galaad e pure i figli d'Israele si adunarono e si accamparono a Mispa.
18 Il popolo, i prìncipi di Galaad, si dissero l'un l'altro: «Chi sarà
l'uomo che comincerà l'attacco contro i figli di Ammon? Egli sarà il capo
di tutti gli abitanti di Galaad».

--- Salmi 104:19-35 ---
19 Egli ha fatto la luna per stabilire le stagioni;
il sole conosce l'ora del suo tramonto. 20 Tu mandi le tenebre e si fa
notte;
in essa si muovono tutte le bestie della foresta. 21 I leoncelli ruggiscono
in cerca di preda
e chiedono a Dio il loro cibo. 22 Sorge il sole ed essi rientrano,
si accovacciano nelle loro tane. 23 L'uomo esce all'opera sua
e al suo lavoro fino alla sera. 24 Quanto sono numerose le tue opere,
SIGNORE!
Tu le hai fatte tutte con sapienza;
la terra è piena delle tue ricchezze. 25 Ecco il mare, grande e
immenso,
dove si muovono creature innumerevoli,
animali piccoli e grandi. 26 Là viaggiano le navi
e là nuota il leviatano che hai creato perché vi si diverta. 27 Tutti
quanti sperano in te
perché tu dia loro il cibo a suo tempo. 28 Tu lo dai loro ed essi lo
raccolgono;
tu apri la mano, e sono saziati di beni. 29 Tu nascondi la tua faccia, e
sono smarriti;
tu ritiri il loro fiato e muoiono,
ritornano nella loro polvere. 30 Tu mandi il tuo Spirito e sono creati,
e tu rinnovi la faccia della terra. 31 Duri per sempre la gloria del
SIGNORE,
gioisca il SIGNORE delle sue opere! 32 Egli guarda la terra ed essa
trema;
egli tocca i monti ed essi fumano. 33 Canterò al SIGNORE finché avrò
vita;
salmeggerò al mio Dio finché esisterò. 34 Possa la mia meditazione
essergli gradita!
Io esulterò nel SIGNORE. 35 Spariscano i peccatori dalla terra
e gli empi non siano più!
Anima mia, benedici il SIGNORE.
Alleluia.

--- Geremia 50:17-32 ---
17 Israele è una pecora smarrita, a cui i leoni hanno dato la caccia;
il re di Assiria, per primo, l'ha divorata;
e quest'ultimo, Nabucodonosor, re di Babilonia,
le ha frantumato le ossa». 18 Perciò così parla il SIGNORE degli
eserciti, Dio d'Israele:
«Ecco, io punirò il re di Babilonia e il suo paese,
come ho punito il re di Assiria. 19 Ricondurrò Israele ai suoi
pascoli;
egli pascolerà sul Carmelo e in Basan,
si sazierà sui colli di Efraim e in Galaad. 20 In quei giorni, in quel
tempo», dice il SIGNORE,
«si cercherà l'iniquità d'Israele, ma essa non sarà più,
si cercheranno i peccati di Giuda, ma non si troveranno;
poiché io perdonerò a quelli che avrò lasciati come residuo. 21 Marcia
contro il paese di Merataim
e contro gli abitanti di Pecod!
Inseguili con la spada, votali allo sterminio», dice il SIGNORE,
«e fa' esattamente come io ti ho comandato! 22 Si ode nel paese un grido di
guerra,
e grande è il disastro. 23 Come mai si è rotto, si è spezzato il martello
di tutta la terra?
Come mai Babilonia è diventata una desolazione fra le nazioni? 24 Io ti ho
teso un laccio, e tu, Babilonia, vi sei stata presa,
senza che te ne accorgessi; sei stata trovata e fermata,
perché ti sei messa in guerra contro il SIGNORE. 25 Il SIGNORE ha aperto la
sua armeria,
ha tirato fuori le armi della sua indignazione;
poiché questa è un'opera che il Signore, DIO degli eserciti,
ha da compiere nel paese dei Caldei. 26 Venite contro di lei da tutte le
parti, aprite i suoi granai,
ammucchiatela come tante mannelle,
votatela allo sterminio,
che nulla ne resti! 27 Uccidete tutti i suoi tori, fateli scendere al
macello!
Guai a loro!
poiché il loro giorno è giunto,
il giorno della loro punizione. 28 Si ode la voce di quelli che fuggono, che
scampano dal paese di Babilonia
per annunciare a Sion, la vendetta del SIGNORE, del nostro Dio,
la vendetta del suo tempio. 29 Convocate contro Babilonia gli arcieri, tutti
quelli che tirano d'arco;
accampatevi contro di lei tutto intorno, nessuno ne scampi;
rendetele secondo le sue opere,
fate interamente a lei come essa ha fatto;
poiché essa è stata arrogante contro il SIGNORE,
contro il Santo d'Israele. 30 Perciò i suoi giovani cadranno nelle sue
piazze,
tutti i suoi uomini di guerra periranno in quel giorno»,
dice il SIGNORE. 31 «Eccomi a te, o arrogante»,
dice il Signore, DIO degli eserciti;
«poiché il tuo giorno è giunto,
il tempo della tua punizione. 32 L'arrogante vacillerà, cadrà,
e non vi sarà chi lo rialzi;
io appiccherò il fuoco alle sue città,
esso divorerà tutti i suoi dintorni».


--- Galati 4 ---
Dalla schiavitù della legge alla libertà in Cristo
Ga 3:23-26; Ro 8:14-17
1 Io dico: finché l'erede è minorenne, non differisce in nulla dal servo,
benché sia padrone di tutto; 2 ma è sotto tutori e amministratori fino al
tempo prestabilito dal padre. 3 Così anche noi, quando eravamo bambini,
eravamo tenuti in schiavitù dagli elementi del mondo; 4 ma quando giunse
la pienezza del tempo, Dio mandò suo Figlio, nato da donna, nato sotto la
legge, 5 per riscattare quelli che erano sotto la legge, affinché noi
ricevessimo l'adozione. 6 E, perché siete figli, Dio ha mandato lo Spirito
del Figlio suo nei nostri cuori, che grida: «Abbà, Padre». 7 Così tu
non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia
di Dio.
Ga 3:1-4; 5:1-12; 2Co 11:2-3
8 In quel tempo, è vero, non avendo conoscenza di Dio, avete servito quelli
che per natura non sono dèi; 9 ma ora che avete conosciuto Dio, o
piuttosto che siete stati conosciuti da Dio, come mai vi rivolgete di nuovo
ai deboli e poveri elementi, di cui volete rendervi schiavi di nuovo?
10 Voi osservate giorni, mesi, stagioni e anni! 11 Io temo di essermi
affaticato invano per voi. 12 Siate come sono io, fratelli, ve ne prego,
perché anch'io sono come voi. 13 Voi non mi faceste torto alcuno; anzi
sapete bene che fu a motivo di una malattia che vi evangelizzai la prima
volta; 14 e quella mia infermità, che era per voi una prova, voi non la
disprezzaste né vi fece ribrezzo; al contrario mi accoglieste come un
angelo di Dio, come Cristo Gesù stesso. 15 Dove sono dunque le vostre
manifestazioni di gioia? Poiché vi rendo testimonianza che, se fosse stato
possibile, vi sareste cavati gli occhi e me li avreste dati. 16 Sono dunque
diventato vostro nemico dicendovi la verità? 17 Costoro sono zelanti per
voi, ma non per fini onesti; anzi vogliono staccarvi da noi affinché il
vostro zelo si volga a loro. 18 Ora è una buona cosa essere in ogni tempo
oggetto dello zelo altrui nel bene, e non solo quando sono presente tra di
voi. 19 Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia
formato in voi, 20 oh, come vorrei essere ora presente tra di voi e
cambiare tono, perché sono perplesso a vostro riguardo!
Ge 21:1-12; Eb 12:18-24
21 Ditemi, voi che volete essere sotto la legge, non prestate ascolto alla
legge? 22 Infatti sta scritto che Abraamo ebbe due figli: uno dalla schiava
e uno dalla donna libera; 23 ma quello della schiava nacque secondo la
carne, mentre quello della libera nacque in virtù della promessa.
24 Queste cose hanno un senso allegorico; poiché queste donne sono due
patti; uno, del monte Sinai, genera per la schiavitù, ed è Agar.
25 Infatti Agar è il monte Sinai in Arabia e corrisponde alla Gerusalemme
del tempo presente, che è schiava con i suoi figli. 26 Ma la Gerusalemme
di lassù è libera, ed è nostra madre. 27 Infatti sta
scritto:
«Rallègrati, sterile, che non partorivi!
Prorompi in grida, tu che non avevi provato le doglie del parto!
Poiché i figli dell'abbandonata saranno più numerosi
di quelli di colei che aveva marito». 28 Ora, fratelli, come Isacco, voi
siete figli della promessa. 29 E come allora colui che era nato secondo la
carne perseguitava quello che era nato secondo lo Spirito, così succede
anche ora. 30 Ma che dice la Scrittura? «Caccia via la schiava e suo
figlio; perché il figlio della schiava non sarà erede con il figlio della
donna libera». 31 Perciò, fratelli, noi non siamo figli della schiava, ma
della donna libera.

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages