Dedicata alla Fiorentina nel giorno di sua morte.

22 views
Skip to first unread message

Riccardo Venturi

unread,
Sep 27, 2002, 10:16:23 AM9/27/02
to

Vivo in una zona di miniere esaurite e di lavoro duro. Di poveri e di
disoccupazione terrificante. La zona dove una cittadina di 35000
abitanti, Lens, ha uno stadio da 40000 posti sempre pieno, e dove
quella squadra e' qualcosa di ben di piu' che undici giocatori di
calcio.
Una zona dove ci sono i "terrils", che sono montagne di
centocinquanta, duecento, trecento metri di scorie di carbone,
accumulate nei secoli. Su alcuni sono cresciuti gli alberi, ci vanno
le famiglie in gita, ci giocano i bambini. Altri, invece, li spianano
per farci strade e ponti.
Dedico alla Fiorentina, nel giorno di sua morte, questa vecchia
canzone in dialetto ch'ti che parla di un terril che non c'e' piu'.
Leggendola, credo, vi accorgerete perche'.

*

ADIEU CH' TERRIL D' RIMBERT

T'étos là comme einne montagne bien à plache
Té faisos partie ed' nou paysache
Qui d'nou pères i aurot pinsé que ch' terril
Par un bieau jour i s'rot évanoui
Bin mes pauves gins i faudra bien s'y faire
Y'a disparu min viux terril d' Rimbert,
Bin mes pauves gins i faudra bien s'y faire
Y'a disparu min viux terril d' Rimbert.

Quand j'étos gosse ej' grimpos sur tin dos,
Si y avot pas d' garte vite in 's faufilot
Parmi chés rals chés aiguillaches chés bos
Et tout l' fourbi qui traînot sus ch' carreau
Et in grimpot tout in haut dins l' poussière
Y'a disparu min viux terril d' Rimbert,
Et in grimpot tout in haut dins l' poussière
Y'a disparu min viux terril d' Rimbert.

T'étos un témoin d'l'ouvrache ed' nou pères
Qui ont ouvré tout leu vie ed' sous l' terre
Pour t' construire y a fallu plus d' cent vingt ans
Et ravise in n' parle plus d'ti in rien d' temps
T'es part rogné par les bull-dozers
J' te dis adieu min viux terril d' Rimbert.

J' restos juste in face quand j' n' étos qu'un jonne
J' ravisos monter déchint' el' crinquonne
Chés berlines s'croisottent toudis à l' même plache
Et tout l' journée faire leu remue-ménache
Pour aller baller in haut l' mécante terre
Et dire qu'i est parti min terril d' Rimbert,
Pour aller baller in haut l' mécante terre
Et dire qu'i est parti min terril d' Rimbert.

J' souris quand même parce que j'pinse à quitte cosse
Tous chés gins qui s'sont fait mourir à l' fosse
I n' s'doutottent pas in armontant ch' carbon
Que l' terre servirot à leu tits garchons
I n'in f'rottent einne tête nou arrières grands'pères
Ed' vir qu'i n'existe pus ch' terril d' Rimbert,
I n'in f'rottent einne tête nou arrière grands'pères
Ed' vir qu'i n'existe pus ch' terril d' Rimbert.

T'étos un témoin d'l'ouvrache ed' nou pères
Qui ont ouvré tout leu vie ed' sous l' terre
Pour t' construire y a fallu plus d' cent vingt ans
Et ravise in n' parle plus d'ti in rien d' temps
T'es part rogné par les bull-dozers
J' te dis adieu min viux terril d' Rimbert.

Chés éfants et pitits éfants d' mineurs
I veul'nt du schiste dins z'allées d'leu demeure
Quand i partent in vacances sur l'autoroute
Je n' cros pas qui n'a bien gramint qui s' doutent
Que l' montagne alle est sous chés reulles à terre
Ch'est là qu' t'es parti min terril d' Rimbert,
Que l'montagne alle est sous chés reulles à terre
Ch'est là qu' t'es parti min terril d' Rimbert.

T'étos un témoin d'l'ouvrache ed' nou pères
Qui ont ouvré tout leu vie ed' sous l' terre
Pour t' construire y a fallu plus d' cent vingt ans
Et ravise in n' parle plus d'ti in rien d' temps
T'es part rogné par les bull-dozers
J' te dis adieu min viux terril d' Rimbert.

*

ADDIO AL TERRIL DI RIMBERT

Stavi là come una montagna ben piazzata,
Facevi parte del nostro paesaggio.
E chi dei nostri vecchi avrebbe pensato
Che il terril un giorno sarebbe scomparso?
Be', poveri noi, facciamocene una ragione,
Che' e' scomparso il vecchio terril di Rimbert,
Be', poveri noi, facciamocene una ragione
Che' e scomparso il vecchio terril di Rimbert.

Quando ero un ragazzo e ci montavo sopra,
Se non c'era nessuno di guardia ci si infilava svelti
Tra i cancelli, il filo spinato e i boschetti
E tutto il casino di gente che passava in miniera.
E si montava lassu', tra la polvere,
E' scomparso il vecchio terril di Rimbert,
E si montava lassu', tra la polvere,
E' scomparso il vecchio terril di Rimbert.

Avevi visto il lavoro dei nostri vecchi
Che hanno penato tutta la vita sotto terra,
Per farti ci son voluti piu' di centovent'anni
E guarda un po', di te non si parlera' piu'.
Te ne sei andato, spianato dalle ruspe,
Ti dico addio, vecchio terril di Rimbert.

Quando ero piccolo me ne stavo davanti a te
A guardar salire e scendere i carrelli
Che s'incrociavano sempre nello stesso punto
E tutto il giorno, noi, a fare bordello
Per andare a divertirsi su quella mala terra,
E dire che ora non c'e' piu' il terril di Rimbert,
Per andare a divertirsi su quella mala terra,
E dire che ora non c'e' piu' il terril di Rimbert.

Ma sorrido comunque, perche' penso a tutti
Quelli che si son lasciati morire in miniera,
Erano certi mentre ammassavano il carbone
Che la terra sarebbe servita ai loro bambini.
Ci resterebbero male, i nostri bisnonni,
Se vedessero che non c'e' piu' il terril di Rimbert,
Ci resterebbero male, i nostri bisnonni,
Se vedessero che non c'e' piu' il terril di Rimbert.

Avevi visto il lavoro dei nostri vecchi
Che hanno penato tutta la vita sotto terra,
Per farti ci son voluti piu' di centovent'anni
E guarda un po', di te non si parlera' piu'.
Te ne sei andato, spianato dalle ruspe,
Ti dico addio, vecchio terril di Rimbert.

I figli dei figli dei minatori
Vogliono asfalto per i vialetti delle loro case
E per quando partono in vacanza sull'autostada...
E non credo che siano in molti a sapere
Che la montagna sta li', sotto le ruote,
Che e' la' che sei finito, terril di Rimbert,
Che la montagna sta li' sotto le ruote,
Che e' la che sei finito, terril di Rimbert.

Avevi visto il lavoro dei nostri vecchi
Che hanno penato tutta la vita sotto terra,
Per farti ci son voluti piu' di centovent'anni
E guarda un po', di te non si parlera' piu'.
Te ne sei andato, spianato dalle ruspe,
Ti dico addio, vecchio terril di Rimbert.

_____________________________________________

FORZA VIOLA ETERNAMENTE
ALLEZ LES VIOLETS POUR L'ETERNITE

--
*Riccardo Venturi*, VIR 4, ven...@spl.at
*Er muoz gelîchesame die leiter abewerfen
*So er an îr ûfgestigen ist (Vogelweide)
*59860 Bruay sur l'Escaut [France, Nord]
*http://utenti.lycos.it/Guctrad/alamanno.html
* ==> www.iscf.info ...e sai cosa clicchi!

AndreA

unread,
Sep 27, 2002, 10:28:10 AM9/27/02
to

"Riccardo Venturi" <ven...@spl.at> ha scritto nel messaggio
news:1gp8pu8i6b5oqb9u0...@4ax.com...

> Dedico alla Fiorentina, nel giorno di sua morte, questa vecchia
> canzone in dialetto ch'ti che parla di un terril che non c'e' piu'.
> Leggendola, credo, vi accorgerete perche'.

cut

Grazie Riccardo di cuore.

--
Andrea de Florence, www.windworld.org Staff
- La HomePage di it.sport.calcio.fiorentina -> www.iscf.info
- Il tuo cellulare all'estero: www.wind-roaming.tk , www.prepaidgsm.tk
<<< Per rispondermi taglia con ACFIORENTINA.NET e tifa Florentia Viola >>>


Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages