[Elettronica] oszillatore audio

83 views
Skip to first unread message

El Filibustero

unread,
Aug 17, 2022, 9:55:03 AMAug 17
to
Molto tempo fa costruii un semplicissimo oscillatore audio, basato
[credo] su un transistor unijunzione. La frequenza era determinata da
un trimmer potenziometrico a variazione di resistenza [credo] lineare
e continua. Ma diversamente da quanto ci si aspetterebbe da
dispositivi analoghi, la rotazione del trimmer non produceva lo sweep
continuo delle frequenze, bensi' una successione discreta di...
subarmoniche [mi sovviene un arpeggio di minore sesta]. Qualcuno ha
osservato un fenomeno simile? Come si spiega? Quale potrebbe essere il
diagramma schematico di quel circuito? Ciao

El Filibustero

unread,
Aug 21, 2022, 5:50:03 AMAug 21
to
On Wed, 17 Aug 2022 15:41:29 +0200, El Filibustero wrote:

>dispositivi analoghi, la rotazione del trimmer non produceva lo sweep
>continuo delle frequenze, bensi' una successione discreta di...
>subarmoniche [mi sovviene un arpeggio di minore sesta]. Qualcuno ha
>osservato un fenomeno simile? Come si spiega?

Su it.hobby.elettronica la spiegazione occamiana: il trimmer andava a
scatti, saltando sui multipli interi di una certa resistenza,
corrispondente alla frequenza fondamentale, producendo quindi la
sequenza delle subarmoniche. Ciao

Franco

unread,
Aug 21, 2022, 7:55:03 AMAug 21
to
On 08/21/22 9:16, El Filibustero wrote:

> Su it.hobby.elettronica la spiegazione occamiana: il trimmer andava a
> scatti, saltando sui multipli interi di una certa resistenza,

Possibile, anche se non molto probabile, specie se viene realizzata una
scala, non solo due frequenze.

Circuiti non lineari possono dare origine a oscillazioni su frequenze
discrete in rapporto intero fra di loro: aumentando un parametro
raddoppiano piu` volte il periodo, finche' vanno in modo caotico.
COntinuando ad aumentare il parametro tornano a un ciclo limite di
frequenza un terzo rispetto all'originale, poi riprendono a raddoppiare
e finiscono di nuovo in modo caotico (biforcazioni con raddoppio del
periodo in sistemi dinamici non lineari). Di solito sono piu` complicati
di un semplice unigiunzione.


--
Wovon man nicht sprechen kann...

--
This email has been checked for viruses by AVG antivirus software.
www.avg.com

El Filibustero

unread,
Aug 21, 2022, 11:05:03 AMAug 21
to
On Sun, 21 Aug 2022 12:57:57 +0200, Franco wrote:

>Possibile, anche se non molto probabile, specie se viene realizzata una
>scala, non solo due frequenze.

Essendo roba del millenio scorso, i ricordi sono vaghi e soprattutto
selettivi. Infatti - a ben pensarci -- la certezza di avere udito
l'arpeggio di minore sesta non esclude che in altre zone di rotazione
del Pierino la variazione di frequenza fosse liscia come ci si aspetta
da un potetenziometro ideale. Anzi, ora mi pare che nella zona
dell'arpeggio non ci fosse un angolo di rotazione entro il quale si
potesse fare una rotazione liscia lasciando invariata la frequenza;
piu' verosimilmente, la minima torsione che smuoveva il cursore del
Pierino produceva il salto di nota.

>Circuiti non lineari possono dare origine a oscillazioni su frequenze
>discrete in rapporto intero fra di loro: aumentando un parametro
>raddoppiano piu` volte il periodo, finche' vanno in modo caotico.
>COntinuando ad aumentare il parametro tornano a un ciclo limite di
>frequenza un terzo rispetto all'originale, poi riprendono a raddoppiare
>e finiscono di nuovo in modo caotico (biforcazioni con raddoppio del
>periodo in sistemi dinamici non lineari). Di solito sono piu` complicati
>di un semplice unigiunzione.

Un esempio di oscillatore che ha frequenze quantizzate (ma non
caotiche) nonostante la variazione continua di un parametro? Ossia un
qualcosa del genere

https://www.youtube.com/watch?v=BRL4jYSpS8E

elettronico? Ciao

Franco

unread,
Aug 26, 2022, 5:40:03 AMAug 26
to
On 08/21/22 16:55, El Filibustero wrote:

> Un esempio di oscillatore che ha frequenze quantizzate (ma non
> caotiche) nonostante la variazione continua di un parametro?

Ci ho pensato un po' su, ma non mi e` venuto in mente niente di semplice.

Un oscillatore che puo` oscillare su frequenze multiple, una per volta,
e` l'oscillatore a linea di ritardo in cui una linea di ritardo
introduce un ritardo fisso Td e segnali alle frequenze n/Td all'uscita
della linea hanno la stessa fase dell'ingresso, pero` serve ancora un
filtro per selezionare su quale armonica deve oscillare il circuito.
Direi proprio che non fosse il tuo caso.

Esiste un fischietto che da` una frequenza proporzionale al flusso di
aria con cui si soffia dentro, ma non fa frequenze discrete.
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages