interpellanza

20 views
Skip to first unread message

Pier

unread,
Aug 3, 2021, 10:51:03 AMAug 3
to
La seguente domanda a seguito di una notevole scoperta apparsa in web
nei giorni scorsi. Cioè sarebbero riusciti a vedere la luce di stelle
ubicate oltre il confine degli eventi di un buco nero. Se tale notizia
non è una fake mi sembra degna di qualche commentino per le previdibili
considerazioni future. Soprattutto per sentire se gli appassionati
durante il virus ne hanno risentito irreparabilmente.
Con sinceri saluti a tutti dal Cadore con 13 gradi

danilob

unread,
Aug 4, 2021, 4:30:03 PMAug 4
to
Pier <mark...@libero.it> ha scritto:
Da questo articolo:

https://www.corriere.it/tecnologia/21_luglio_30/luce-dietro-buco-nero-vista-la-prima-volta-astronomi-conferma-teoria-einstein-2f4feaaa-f117-11eb-9a1b-3cb32826c186.shtml

mi sembra di capire che la luce non provenga da dentro l'orizzonte
degli eventi, ma da qualche astro distante dal buco nero la cui
luce, in prossimità del buco nero, segue una traiettoria curva
che la rende visibile a noi. Come una punizione di Maradona che
aggira la barriera.
Ennesima conferma della teoria di Einstein.


--

Pier

unread,
Aug 5, 2021, 6:18:04 PMAug 5
to
> MI DICONO
Non è da "dentro" ma da "dietro" il buco nero, come
peraltro è indicato nell'abstract: "These are photons that reverberate
off the far side of the disk, and are bent around the black hole and
magnified by the strong gravitational field. Observing photons bent
around the black hole confirms a key prediction of general relativity"

La luce viene "curvata" e fa anche più di un giro prima di sfuggire ed
arrivare fino a noi.

E' un periodo straordinario x la conoscenza di questi oggetti:
(a) li abbiamo visti con (al momento) tre foto
(b) ne abbiamo rilevato le fusioni grazie alle onde gravitazionali a
distanze di miliardi di anni luce
(c) sappiamo che praticamente in ogni galassia c'è un buco nero
massiccio, ad oggi fino a 66 miliardi di masse solari (TON618 a 10
miliardi di a.l.)
(d) sappiamo che i c.d. "quasar" sono nuclei galattici attivi ovvero
buchi neri supermassicci che generano energie straordinarie tali da
farci vedere questi oggetti del "primo universo" alle massime distanze
rilevabili
(e) abbiamo rilevato indirettamente un buco nero stellare "vicino" (a
mille anni luce da noi)
(f) grazie ad Hawking abbiamo capito che "evaporano" anche se
iperlentamente (radiazione di Hawking)
(g) da analisi teoriche sappiamo che l'entropia di un buco nero è pari
al numero di aree di Planck della sua area (all'orizzonte degli eventi)
diviso 4 e che è il MASSIMO valore dell'entropia per un determinato
volume (limite di Bekenstein)
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages