Campo magnetico marziano

17 views
Skip to first unread message

Antonio Crogli

unread,
Jul 6, 2021, 1:42:03 AMJul 6
to
Recentemente è stato ipotizzato da un esponente della NASA di ripristinare un campo magnetico marziano, ponendo un generatore sul punto L1 di Lagrange tra Sole e Marte. Tenendo presente la minore superficie del pianeta rispetto alla Terra, la sua orbita più esterna, il lievemente maggiore afflusso di raggi cosmici, quanta energia servirebbe per attuare questa idea?
Saluti
Mauro.

Luigi Caselli

unread,
Jul 6, 2021, 11:51:03 AMJul 6
to
Il 05/07/2021 10:00, Antonio Crogli ha scritto:

> Recentemente è stato ipotizzato da un esponente della NASA di ripristinare un campo magnetico marziano, ponendo un generatore sul punto L1 di Lagrange tra Sole e Marte. Tenendo presente la minore superficie del pianeta rispetto alla Terra, la sua orbita più esterna, il lievemente maggiore afflusso di raggi cosmici, quanta energia servirebbe per attuare questa idea?

Io direi, visti gli incredibili progressi dell'astronautica dai tempi
dello sbarco sulla Luna, di terraformare direttamente il pianeta rosso.

Mandiamo 3 astronavi a propulsione a curvatura, guidate rispettivamente
dai prodi miliardari Bezos, Branson e Musk con centinaia di tonnellate
di macchinari a bordo.

Non dimentichiamo l'equipaggio immerso nel brodo primordiale per dormire
per le poche ore di viaggio necessarie all'arrivo...

Luigi Caselli

SB

unread,
Jul 7, 2021, 6:48:04 AMJul 7
to
Il giorno Mon, 5 Jul 2021 01:00:32 -0700 (PDT), Antonio Crogli
<ret...@yahoo.it> ha scritto:

>Recentemente č stato ipotizzato da un esponente della NASA di ripristinare un
>campo magnetico marziano, ponendo un generatore sul punto L1 di Lagrange tra
>Sole e Marte.

Ti riferisci a questo:

https://phys.org/news/2017-03-nasa-magnetic-shield-mars-atmosphere.html

>Tenendo presente la minore superficie del pianeta rispetto alla
>Terra, la sua orbita piů esterna, il lievemente maggiore afflusso di raggi
>cosmici, quanta energia servirebbe per attuare questa idea?

Credo sia molto difficile fare una stima non conoscendo le tecnologie che
intendono usare, e generare campi da 1 - 2 Tesla č energicamente dispendioso.

Qui ci sono delle considerazioni sia sulla fattibilitŕ che sui vari problemi da
considerare per un progetto del genere:

https://arxiv.org/pdf/2006.05546


--
ciao
Stefano

Giorgio Bibbiani

unread,
Jul 7, 2021, 6:48:04 AMJul 7
to
Il 05/07/2021 10:00, Antonio Crogli ha scritto:
> Recentemente è stato ipotizzato da un esponente della NASA di ripristinare un campo magnetico marziano, ponendo un generatore sul punto L1 di Lagrange tra Sole e Marte. Tenendo presente la minore superficie del pianeta rispetto alla Terra, la sua orbita più esterna, il lievemente maggiore afflusso di raggi cosmici, quanta energia servirebbe per attuare questa idea?

Sembra che una soluzione molto più efficiente
consisterebbe nell'avvolgere il solenoide intorno al pianeta!

https://www.cambridge.org/core/journals/international-journal-of-astrobiology/article/fundamental-physical-and-resource-requirements-for-a-martian-magnetic-shield/600798772F8D2C2898A8F3D4058204A6

Ma siamo ancora palesemente nel campo della fantascienza...

Ciao

--
Giorgio Bibbiani
(mail non letta)

Antonio Crogli

unread,
Jul 7, 2021, 6:48:04 AMJul 7
to
Il giorno martedì 6 luglio 2021 alle 17:51:03 UTC+2 Luigi Caselli ha scritto:
> Il 05/07/2021 10:00, Antonio Crogli ha scritto:
>
> > Recentemente è stato ipotizzato da un esponente della NASA di ripristinare un campo magnetico marziano, ponendo un generatore sul punto L1 di Lagrange tra Sole e Marte. Tenendo presente la minore superficie del pianeta rispetto alla Terra, la sua orbita più esterna, il lievemente maggiore afflusso di raggi cosmici, quanta energia servirebbe per attuare questa idea?
CUT
> Mandiamo 3 astronavi a propulsione a curvatura, guidate rispettivamente
> dai prodi miliardari Bezos, Branson e Musk con centinaia di tonnellate
> di macchinari a bordo.
CUT
> Luigi Caselli

Di generatori di campo magnetico se ne possono creare di due tipi, uno basato su magneti permanenti, e bisogna calcolare quante tonnellate di materiale con la più alta magnetizzazione servono (e quindi quanta energia serve per magnetizzare questo materiale e inviarlo in orbita), oppure con elettromagneti, magari del tipo di quelli usati nei prototipi di centrali a fusione o nell'LHC che sono basati su superconduttori, anche qui quanta energia serve per mandarli in orbita e per farli funzionare.
In realtà oggetti simili potrebbero servire a noi qui sulla Terra, per fronteggiare forti eruzioni solari capaci di creare grossi danni alle apparecchiature elettroniche.
Saluti.
. Mauro

Luigi Caselli

unread,
Jul 7, 2021, 11:57:03 AMJul 7
to
Il 06/07/2021 17:06, Giorgio Bibbiani ha scritto:

> Sembra che una soluzione molto più efficiente
> consisterebbe nell'avvolgere il solenoide intorno al pianeta!
>
> https://www.cambridge.org/core/journals/international-journal-of-astrobiology/article/fundamental-physical-and-resource-requirements-for-a-martian-magnetic-shield/600798772F8D2C2898A8F3D4058204A6
>
> Ma siamo ancora palesemente nel campo della fantascienza...

Mi sembri pessimista, Elon Musk ha detto che è pronto ad avvolgere cavi
intorno a Marte già dalla prossima settimana.
Portati da diecimila Tesla lanciate dalla Luna.
Von Braun ne sarebbe fiero, altro che il razzetto Saturno 5...

Luigi Caselli

Lillo

unread,
Jul 8, 2021, 4:15:03 AMJul 8
to
Il 06/07/2021 22:57, Antonio Crogli ha scritto:
> Il giorno martedì 6 luglio 2021 alle 17:51:03 UTC+2 Luigi Caselli ha scritto:
>> Il 05/07/2021 10:00, Antonio Crogli ha scritto:
>>
>>> Recentemente è stato ipotizzato da un esponente della NASA di ripristinare un campo magnetico marziano, ponendo un generatore sul punto L1 di Lagrange tra Sole e Marte. Tenendo presente la minore superficie del pianeta rispetto alla Terra, la sua orbita più esterna, il lievemente maggiore afflusso di raggi cosmici, quanta energia servirebbe per attuare questa idea?
> CUT
>> Mandiamo 3 astronavi a propulsione a curvatura, guidate rispettivamente
>> dai prodi miliardari Bezos, Branson e Musk con centinaia di tonnellate
>> di macchinari a bordo.
> CUT
>> Luigi Caselli

> Di generatori di campo magnetico se ne possono creare di due tipi, uno basato su magneti permanenti, e bisogna calcolare quante tonnellate di materiale con la più alta magnetizzazione servono (e quindi quanta energia serve per magnetizzare questo materiale e inviarlo in orbita), oppure con elettromagneti, magari del tipo di quelli usati nei prototipi di centrali a fusione o nell'LHC che sono basati su superconduttori, anche qui quanta energia serve per mandarli in orbita e per farli funzionare

qui sotto trovi qualche informazione sugli 8.33 Tesla dei campi
magnetici nei dipoli magnetici dell'LHC dovuti a correnti dell'ordine
della decina di kA, tieni poi conto che i magneti sono mantenuti a circa
1.9 K e che quell'enorme campo magnetico non serve per generare il micro
campo magnetico di un pianeta (per la Terra il campo magnetico è in
media di 45 micro T). ma serve per far muovere le particelle in tubi
diil passaggio di pochi mm di sezione su orbite circolari particolari e
in maniera collimata e con sistemi di soppressione di dispersione del
fascio, oltre a contenere le forze di Lorentz (se non ricordo male, di
circa 3400 N/mm) alle quali sono sottoposti i cavi.


https://www.asimmetrie.it/as-lavori-in-corso-il-punto-su-lhc

https://aec-analisiecalcolo.it/pubblicazioni/aec/86/656/

http://www.scienzagiovane.unibo.it/LHC/LHC-page4.html

> In realtà oggetti simili potrebbero servire a noi qui sulla Terra, per fronteggiare forti eruzioni solari capaci di creare grossi danni alle apparecchiature elettroniche.
> Saluti.
> . Mauro

non penso che con i superconduttori ed i campi magnetici paragonabili a
quelli dell'LHC sia possibile realizzare quello che hai detto.


--
FISF, thread "Geodetica", 5/6/21. Doctor Who/Paolo Gomez de Ayala :

"io sono un fan di Majorana, ma anche un fan di Todeschini e Ighina ...
e dico purtroppo perche' sono preso per il culo dai gotha da ormai 15
anni, sono anche un sostenitore della PNN, e credo nella legge del Karma"

SB

unread,
Jul 8, 2021, 4:18:04 AMJul 8
to
Il giorno Tue, 6 Jul 2021 13:57:38 -0700 (PDT), Antonio Crogli
<ret...@yahoo.it> ha scritto:

>Di generatori di campo magnetico se ne possono creare di due tipi, uno basato su
>magneti permanenti, e bisogna calcolare quante tonnellate di materiale con la
>più alta magnetizzazione servono (e quindi quanta energia serve per magnetizzare
>questo materiale e inviarlo in orbita), oppure con elettromagneti, magari del
>tipo di quelli usati nei prototipi di centrali a fusione o nell'LHC che sono
>basati su superconduttori, anche qui quanta energia serve per mandarli in orbita
>e per farli funzionare.

Comunque qualche calcolo nel .pdf che ho linkato prima dice che è abbastanza
improponibile un grosso magnete sia permanente che a induzione, forse altri
sistemi sono più praticabili.


>In realtà oggetti simili potrebbero servire a noi qui sulla Terra, per
>fronteggiare forti eruzioni solari capaci di creare grossi danni alle
>apparecchiature elettroniche.

Certo che se arrivasse una tempesta solare come quella del 1859 farebbe parecchi
danni alla nostre apparecchiature.

https://en.wikipedia.org/wiki/Carrington_Event


C'è chi parla di mettere uno schermo in L1 tra la Terra e il Sole per ridurre
gli effetti del riscaldamento globale e per contrastare l'aumento del vento
solare che inevitabilmente ci sarà in futuro, anche se crescerà molto
lentamente.

Questo potrebbe anche ridurre gli effetti di un'espulsione di massa coronale.

Comunque si tratta di cose abbastanza futuribili per gli alti costi, anche se
fattibili con la tecnologia attuale


--
ciao
Stefano
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages