Come inquina la Cina

3 views
Skip to first unread message

outis

unread,
Mar 19, 2008, 5:37:58 AM3/19/08
to
Cina - 18.3.2008
Come inquina questa Cina
Una ricerca rivela: le riduzioni di emissioni del trattato di Kyoto vengono
annullate, e superate, da quelle cinesi


Cresce a velocità folli, e inquina di conseguenza. Ma non si credeva fino a
questi livelli. Le emissioni della Cina, ha scoperto una nuova ricerca
appena pubblicata negli Stati Uniti, stanno aumentando dell'11 percento
all'anno. E tutto quel che di buono sono riusciti a combinare i Paesi
aderenti al Protocollo di Kyoto, in termini di riduzione dell'inquinamento,
viene annullato - e superato - dalla crescita delle emissioni cinesi.

I ricercatori della University of California e quella di San Diego hanno
calcolato che, tra il 2004 e il 2010, il gigante cinese produce ogni anno
l'11 percento di emissioni in più, e non una quota compresa tra il 2,5 e il
5 percento come stimavano finora anche gli studi dell'Ipcc, il comitato
dell'Onu sui cambiamenti climatici. In totale, nel 2010 la Cina avrà
prodotto 600 milioni di tonnellate di biossido di carbonio rispetto ai
livelli di dieci anni prima; oltre cinque volte l'ammontare della riduzione
delle emissioni (116 milioni di tonnellate) promessa dai Paesi aderenti a
Kyoto tra il 2008 e il 2012, nella prima fase di applicazione del trattato.

Anche la Cina ha firmato il Protocollo, ma essendo inserita nella fascia
Non-Annex I (quella dei paesi in via di sviluppo), non è tenuta a rispettare
nessuna soglia di emissioni. Il problema è però che, dal 1997 a oggi, la
Cina è cresciuta economicamente a un ritmo che si aggira attorno al 10
percento annuo. Nuove infrastrutture, consumi aumentati, centrali
termoelettriche in frenetica costruzione (ne sorgerà più di una a settimana
per i prossimi otto anni) hanno fatto saltare tutti i calcoli sulla sete di
energia del Paese. Oggi la Cina è il secondo - alcune ricerche dicono il
primo - produttore di anidride carbonica, dietro gli Stati Uniti. Se non li
hanno già superati, è solo questione di mesi o anni, a seconda di come
vengono calcolati i dati. E qualsiasi accordo che subentri a Kyoto, in
scadenza nel 2012, dovrà ruotare intorno a un maggiore impegno della Cina
nella riduzione delle emissioni. Ma ovviamente Pechino fa notare che il
consumo di energia pro-capite di un cinese è di gran lunga inferiore a
quelli dei cittadini dei Paesi più sviluppati.

Qualcosa sta però cambiando, e non solo per la pressione internazionale.
L'inquinamento è un problema enorme per tante metropoli cinesi, e anche in
vista delle Olimpiadi la Cina vuole darsi un'immagine diversa, promettendo
di migliorare la qualità dell'aria della capitale. Lo scorso dicembre, al
vertice di Bali la Cina si è impegnata a ridurre le sue emissioni nocive nel
trattato che seguirà quello di Kyoto, e negli ultimi mesi il governo ha
annunciato nuove misure per le energie rinnovabili. La strada da fare è però
ancora molto lunga.

Alessandro Ursic
Peace Reporter

giovanni

unread,
Mar 19, 2008, 6:43:22 AM3/19/08
to
On 19 Mar, 10:37, "outis" <i...@idem.it> wrote:
> E tutto quel che di buono sono riusciti a combinare i Paesi
> aderenti al Protocollo di Kyoto, in termini di riduzione dell'inquinamento,

ovvero tutti tranne gli USA, che non hanno firmato, e l'Italia, che
come al solito firma ma se ne frega di rispettare i patti.

> viene annullato - e superato - dalla crescita delle emissioni cinesi.

buona parte delle quali dovute alle industrie delocalizzate
dall'occidente....

outis

unread,
Mar 19, 2008, 11:23:23 AM3/19/08
to

"giovanni" <amary...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:bd9ddd1d-2220-4e7e...@f63g2000hsf.googlegroups.com...


> On 19 Mar, 10:37, "outis" <i...@idem.it> wrote:
>> E tutto quel che di buono sono riusciti a combinare i Paesi
>> aderenti al Protocollo di Kyoto, in termini di riduzione
>> dell'inquinamento,
>
> ovvero tutti tranne gli USA, che non hanno firmato, e l'Italia, che
> come al solito firma ma se ne frega di rispettare i patti.

Esatto

>> viene annullato - e superato - dalla crescita delle emissioni cinesi.
>
> buona parte delle quali dovute alle industrie delocalizzate
> dall'occidente....

Probabile

MMAX

unread,
Mar 19, 2008, 11:24:09 AM3/19/08
to
On Wed, 19 Mar 2008 16:23:23 +0100, "outis" <id...@idem.it> wrote:
[cut]

Sei tu Riccardo di Vito?

MMAX
--
http://bloggoanchio.splinder.com

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages