Maestro lancia un alunno contro l'armadio

10 views
Skip to first unread message

jsb

unread,
Oct 15, 2009, 2:48:53 PM10/15/09
to
http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=76735&sez=NORDEST

MESTRE (15 ottobre) - Malmenato dal maestro. Non una sberla. Non una
steccata sulle dita. Non un buffetto sulla guancia. Il maestro avrebbe
alzato di peso il bambino e dopo averlo tirato fuori dal banco, lo avrebbe
scaraventato addosso all'armadio, sotto gli occhi atterriti dei compagni di
classe. Il fatto � accaduto a met� della scorsa settimana. Il piccolo �
stato portato al Pronto soccorso dell'ospedale dell'Angelo, dove gli sono
state riscontrate ferite giudicate guaribili in 12 giorni. E' immediatamente
scattata una denuncia nei confronti dell'insegnante.

I genitori degli altri alunni della classe , non tutti, ma la maggioranza,
hanno tenuto i figli a casa da scuola, in segno di solidariet� con il
bambino picchiato. I dirigenti della scuola - che non indichiamo per
tutelare il ragazzino vittima del grave fatto - finora non hanno ritenuto di
prendere alcun provvedimento nei confronti dell'insegnante, che si �
regolarmente recato in classe nei due giorni successivi all'episodio che si
� concluso con la corsa al Pronto soccorso dell'ospedale. In una riunione
tenutasi ieri alla presenza dei genitori le autorit� scolastiche hanno
deciso di affiancare un'insegnante al maestro fino al completo chiarimento
dei fatti e delle responsabilit� (nei giorni scorsi era stata fatta
circolare anche la voce che il piccolo fosse caduto da un albero).

Il bimbo picchiato a quanto si � capito sarebbe un caso segnalato alle
autorit� scolastiche come "difficile" e indubbiamente, raccontano le mamme
degli altri bambini, � irrequieto e spesso disturba in classe. �Questo non
significa - viene riferito da un genitore - che sia pericoloso per i
coetanei o che abbia mai dato segni di essere particolarmente violento. Non
pi� degli altri bambini, comunque, che infatti non hanno paura di lui e non
lo emarginano. Semmai sono alcuni genitori, una sparuta minoranza, e questo
insegnante ad emarginare il piccolo�.

Il maestro coinvolto nell'episodio si sarebbe segnalato in altre occasioni
per la sua intolleranza nei confronti dell'alunno. Nelle occasioni
precedenti si sarebbe trattato pi� che altro di uno scapellotto che aveva
ferito l'alunno pi� che altro nell'animo. In questa occasione invece l'attacco
sarebbe stato violento e il maestro, spingendo il bambino contro l'armadio,
gli avrebbe anche spaccato gli occhiali, procurandogli ematomi sul volto. I
genitori degli altri ragazzi, che subito hanno deciso di tenere a casa i
figli, sono preoccupati delle inevitabili ripercussioni psicologiche che l'episodio
avr� su tutti i bambini della classe. Si tratta di ragazzini che non hanno
ancora compiuto i 10 anni e che, dunque, sono particolarmente vulnerabili e
influenzabili.

Il maestro � uno dei docenti di questa classe e insegna solo un paio di
giorni la settimana, ma il suo insegnamento non � affiancato da altri
insegnanti in grado di dargli una mano con il bambino che ha queste note
caratteriali. Ed � questa la richiesta vera che sale dai genitori di tutti i
bambini e cio� che ci sia un maestro di sostegno per il ragazzino in
difficolt�.


Gino

unread,
Oct 15, 2009, 4:47:18 PM10/15/09
to
"jsb" <jsb...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:p8KBm.80062$1s6....@twister2.libero.it...

> http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=76735&sez=NORDEST
>
> MESTRE (15 ottobre) - Malmenato dal maestro. Non una sberla. Non una
> steccata sulle dita. Non un buffetto sulla guancia. Il maestro avrebbe
> alzato di peso il bambino e dopo averlo tirato fuori dal banco, lo avrebbe
> scaraventato addosso all'armadio...

>
> Il bimbo picchiato a quanto si � capito sarebbe un caso segnalato alle
> autorit� scolastiche come "difficile" e indubbiamente, raccontano le mamme
> degli altri bambini, � irrequieto e spesso disturba in classe.

Sicuramente da adesso in poi il pargolo ci penser� 2 volte prima di
disturbare in classe....
Almeno una cosa � risolta.


Minelli

unread,
Oct 15, 2009, 4:54:39 PM10/15/09
to
Il Thu, 15 Oct 2009 18:48:53 GMT, jsb ha scritto:


> Il maestro avrebbe
> alzato di peso il bambino e dopo averlo tirato fuori dal banco, lo avrebbe
> scaraventato addosso all'armadio

commento serio: spero il pargolo non sia una povera vittima, ma un bulletto
in erba. Cosi' ha ricevuto una bella lezione

> le autorit� scolastiche hanno
> deciso di affiancare un'insegnante al maestro


commento ironico: "un'insegnante" con l'apostrofo dovrebbe essere di sesso
femminile. Evidentemente le autorita' hanno pensato bene di far sfogare il
maestro in altri modi....

> Il bimbo picchiato a quanto si � capito sarebbe un caso segnalato alle
> autorit� scolastiche come "difficile" e indubbiamente, raccontano le mamme
> degli altri bambini, � irrequieto e spesso disturba in classe.

Ah ecco. "difficile", "disturba", "irrequieto"... insomma, una peste da far
venire l'esaurimento nervoso pure a giobbe


brokolo

unread,
Oct 15, 2009, 5:00:22 PM10/15/09
to
"jsb" <jsb...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:p8KBm.80062$1s6....@twister2.libero.it...

se quanto riportato dai giornali � vero, ossia che il maestro lo ha preso di
peso e scaraventato contro l'armadio, mi auguro venga sospeso
dall'insegnamento per un 6 mesi almeno, senza stipendio!


--
Veniet tempus quo posteri nostri tam aperta nos nescisse mirentur

perplessa

unread,
Oct 15, 2009, 5:03:45 PM10/15/09
to

"jsb" <jsb...@libero.it> ha scritto

.php?id=76735&sez=NORDEST
>
> MESTRE (15 ottobre) - Malmenato dal maestro. Non una sberla. Non una
> steccata sulle dita. Non un buffetto sulla guancia. Il maestro avrebbe
> alzato di peso il bambino e dopo averlo tirato fuori dal banco, lo avrebbe
> scaraventato addosso all'armadio

Come lo capisco...

Arkannen

unread,
Oct 15, 2009, 5:34:34 PM10/15/09
to
Il Thu, 15 Oct 2009 23:00:22 +0200, brokolo ha scritto:

> se quanto riportato dai giornali è vero, ossia che il maestro lo ha


> preso di peso e scaraventato contro l'armadio, mi auguro venga sospeso
> dall'insegnamento per un 6 mesi almeno, senza stipendio!

E a uno che presenta certificati medici palesemente falsi, come te, cosa
gli vogliamo fare?
Fra una settimana sarà pubblicato il decreto Brunetta e diverrà legge a
tutti gli effetti.
La dice che quelli che presentano certificazioni mediche fasulle vanno
licenziati, senza neanche attendere gli esiti del penale, come accadeva
una volta.

..

lefthand

unread,
Oct 15, 2009, 5:40:45 PM10/15/09
to
Il Thu, 15 Oct 2009 21:34:34 +0000, Arkannen ha scritto:

> Il Thu, 15 Oct 2009 23:00:22 +0200, brokolo ha scritto:
>
>> se quanto riportato dai giornali è vero, ossia che il maestro lo ha
>> preso di peso e scaraventato contro l'armadio, mi auguro venga sospeso
>> dall'insegnamento per un 6 mesi almeno, senza stipendio!
>
> E a uno che presenta certificati medici palesemente falsi,

E restare in topic?

Arkannen

unread,
Oct 15, 2009, 6:25:35 PM10/15/09
to

Ah, ma siamo in topic, il broccolo dice cosa si dovrebbe fare in caso di
comportamenti non leciti, riportandoci pure la pena.... 6 mesi senza
stipendio!!!

..

G&E

unread,
Oct 16, 2009, 12:19:16 AM10/16/09
to

"jsb" <jsb...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:p8KBm.80062$1s6....@twister2.libero.it...
> http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=76735&sez=NORDEST
>
> MESTRE (15 ottobre) - Malmenato dal maestro. Non una sberla. Non una
> steccata sulle dita. Non un buffetto sulla guancia. Il maestro avrebbe
> alzato di peso il bambino e dopo averlo tirato fuori dal banco, lo avrebbe
> scaraventato addosso all'armadio, sotto gli occhi atterriti dei compagni
> di classe.

Perdonate... e l'armadio?
Integro?
Perch� pare la vera parte lesa della questione.


Dani

unread,
Oct 16, 2009, 2:13:36 AM10/16/09
to
On Thu, 15 Oct 2009 23:00:22 +0200, "brokolo" <nonomail@l> wrote:

>al Pronto soccorso dell'ospedale dell'Angelo, dove gli sono
> state riscontrate ferite giudicate guaribili in 12 giorni.

Quando hanno dato 12 giorni di guarigione a me si trattava di una
ferita lacero-contusa profonda con 15 punti di sutura, iniezioni di
antibiotici e terapia antitetanica. Sarei curioso di sapere quante
vertebre o costole si � fratturato il pargolo per avere una prognosi
del genere.

giofra

unread,
Oct 16, 2009, 3:37:04 AM10/16/09
to
> jsb ha segnalato:

> MESTRE (15 ottobre) - Malmenato dal maestro.

Nel napoletano sarebbe bastato anche solo
qualche rimprovero del maestro al ragazzo
per finire all'ospedale (il maestro) malmenato
a sangue, ed in classe davanti ai suoi studenti,
dai genitori (appartenenti ad un qualche clan)
del ragazzo.

Giovanni.

PeterAngel

unread,
Oct 16, 2009, 4:44:13 AM10/16/09
to
Esprimo la pi� viva solidariet� all'armadio, cos� ingiustamente colpito.

-pa-

irma

unread,
Oct 16, 2009, 4:51:56 AM10/16/09
to
PeterAngel ha scritto:
> Esprimo la piᅵ viva solidarietᅵ all'armadio, cosᅵ ingiustamente colpito.
>
> -pa-

Le risposte di questo thread mostrano l'estremo disagio degli
insegnanti. Mi pare cosa terribile il fatto che non si riesca almeno a
tacere di fronte a un bambino che ᅵ stato scaraventato contro un
armadio. Mah.

tabhall

unread,
Oct 16, 2009, 5:36:37 AM10/16/09
to
irma ha scritto:

> Le risposte di questo thread mostrano l'estremo disagio degli
> insegnanti.

Infatti, disagio ed esasperazione. Bisogna avere i nervi molto saldi per
trattare con l'atteggiamento apertamente provocatorio e strafottente
di certi bambini, che a casa non si permetterebbero di apostrofare i
genitori con "vaffanculo, stronza" pena un sonoro ceffone, ma non hanno
alcun problema a farlo a scuola, perchᅵ sanno benissimo che l'insegnante
non puᅵ reagire se non con la nota sul diario, della quale a loro non
importa nulla.

Non ᅵ vero che il bambino disturbatore non crea problemi ai suoi
compagni. Li crea senz'altro, perchᅵ con il suo atteggiamento impedisce
agli altri di lavorare in serenitᅵ, anzi a volte impedisce proprio il
lavoro sia di insegnante che di compagni. Che poi nei momenti di
ricreazione giochi con gli altri senza problemi, bᅵ, meno male, almeno
quello!

Davvero ingenua, nell'articolo, la parte nella quale si dice che si
richiede l'insegnante di sostegno. La normativa attuale, dalla Moratti
in poi, non prevede il sostegno per questo tipo di bambini, ma solo per
i bambini con handicap fisico e/o mentale grave.
E non ci sono piᅵ le compresenze, che darebbero un po' di sollievo in
situazioni come queste.

Per cui: via il maestro manesco (provvedimento sacrosanto) e sotto alla
prossima vittima, che si spera tenga ferme le mani e si limiti, casomai,
a ricorrere agli antidepressivi.

Tabhall


Arkannen

unread,
Oct 16, 2009, 5:53:20 AM10/16/09
to
Il Fri, 16 Oct 2009 10:51:56 +0200, irma ha scritto:

> PeterAngel ha scritto:
>> Esprimo la più viva solidarietà all'armadio, così ingiustamente


>> colpito.
>>
>> -pa-
>
> Le risposte di questo thread mostrano l'estremo disagio degli
> insegnanti. Mi pare cosa terribile il fatto che non si riesca almeno a

> tacere di fronte a un bambino che è stato scaraventato contro un
> armadio. Mah.

Io sono tripartisan, fan culo tutti e tre.
Docente, studente e armadio.

..

filippo

unread,
Oct 16, 2009, 6:07:48 AM10/16/09
to
On 15 Ott, 20:48, "jsb" <jsb...@libero.it> wrote:
> http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=76735&sez=NORDEST
>
> MESTRE (15 ottobre) - Malmenato dal maestro. Non una sberla. Non una
> steccata sulle dita. Non un buffetto sulla guancia. Il maestro avrebbe
> alzato di peso il bambino e dopo averlo tirato fuori dal banco, lo avrebbe
> scaraventato addosso all'armadio, sotto gli occhi atterriti dei compagni di
> classe. Il fatto è accaduto a metà della scorsa settimana. Il piccolo è

> stato portato al Pronto soccorso dell'ospedale dell'Angelo, dove gli sono
> state riscontrate ferite giudicate guaribili in 12 giorni. E' immediatamente
> scattata una denuncia nei confronti dell'insegnante.
>
> I genitori degli altri alunni della classe , non tutti, ma la maggioranza,
> hanno tenuto i figli a casa da scuola, in segno di solidarietà con il

> bambino picchiato. I dirigenti della scuola - che non indichiamo per
> tutelare il ragazzino vittima del grave fatto - finora non hanno ritenuto di
> prendere alcun provvedimento nei confronti dell'insegnante, che si è

> regolarmente recato in classe nei due giorni successivi all'episodio che si
> è concluso con la corsa al Pronto soccorso dell'ospedale. In una riunione
> tenutasi ieri alla presenza dei genitori le autorità scolastiche hanno

> deciso di affiancare un'insegnante al maestro fino al completo chiarimento
> dei fatti e delle responsabilità (nei giorni scorsi era stata fatta

> circolare anche la voce che il piccolo fosse caduto da un albero).
>
> Il bimbo picchiato a quanto si è capito sarebbe un caso segnalato alle
> autorità scolastiche come "difficile" e indubbiamente, raccontano le mamme
> degli altri bambini, è irrequieto e spesso disturba in classe. «Questo non

> significa - viene riferito da un genitore - che sia pericoloso per i
> coetanei o che abbia mai dato segni di essere particolarmente violento. Non
> più degli altri bambini, comunque, che infatti non hanno paura di lui e non

> lo emarginano. Semmai sono alcuni genitori, una sparuta minoranza, e questo
> insegnante ad emarginare il piccolo».
>
> Il maestro coinvolto nell'episodio si sarebbe segnalato in altre occasioni
> per la sua intolleranza nei confronti dell'alunno. Nelle occasioni
> precedenti si sarebbe trattato più che altro di uno scapellotto che aveva
> ferito l'alunno più che altro nell'animo. In questa occasione invece l'attacco

> sarebbe stato violento e il maestro, spingendo il bambino contro l'armadio,
> gli avrebbe anche spaccato gli occhiali, procurandogli ematomi sul volto. I
> genitori degli altri ragazzi, che subito hanno deciso di tenere a casa i
> figli, sono preoccupati delle inevitabili ripercussioni psicologiche che l'episodio
> avrà su tutti i bambini della classe. Si tratta di ragazzini che non hanno

> ancora compiuto i 10 anni e che, dunque, sono particolarmente vulnerabili e
> influenzabili.
>
> Il maestro è uno dei docenti di questa classe e insegna solo un paio di
> giorni la settimana, ma il suo insegnamento non è affiancato da altri

> insegnanti in grado di dargli una mano con il bambino che ha queste note
> caratteriali. Ed è questa la richiesta vera che sale dai genitori di tutti i
> bambini e cioè che ci sia un maestro di sostegno per il ragazzino in
> difficoltà.

E' grave il fatto che a causa dei tagli (non mi interessa se i tagli
siano di sinistra o di destra) ne paghino le conseguenze l'insegnante
(che non e' riuscito a gestire correttamente la faccenda, o
semplicemente non ce l'ha fatta piu' ...) e l'alunno.
Agli spiritosi che hanno risposto suggerisco di pensare a cosa
farebbero se quel bambino fosse un loro figlio, se dovessero stare
fuori tutto il giorno per lavoro e dovessero dipendere dalle strutture
pubbliche per avere qualcuno che possa seguire il proprio figlio.
L'insegnante non andrebbe sospeso, ma posto in vacanza per
esaurimento nervoso, ma soprattutto va rimandata al mittente la
"riforma" scolastica in atto, che toglie risorse e nega la
possibilita' di effettuare lezioni "normali".
Nulla di eccezionale, non chiediamo le 3I, i laboratori. Ci bastano
classi meno affollate, situazioni meno stressanti, un numero di
docenti adeguati.

perplessa

unread,
Oct 16, 2009, 7:15:38 AM10/16/09
to

"irma" <ir...@h0tmail.com> ha scritto nel messaggio
news:4ad83421$0$1099$4faf...@reader3.news.tin.it...

> PeterAngel ha scritto:
>> Esprimo la piᅵ viva solidarietᅵ all'armadio, cosᅵ ingiustamente colpito.
>>
>> -pa-
>
> Le risposte di questo thread mostrano l'estremo disagio degli insegnanti.

Ma ci sei o lo fai?
QUALE DISAGIO? Ma sei mai entrato in una classe dove ci sono degli alunni
IRREVERSIBILMENTE DISADATTATI perchᅵ NON EDUCATI dai loro genitori? Chi
siamo noi nembo kid che dobbiamo sopperire a tutte le figure di riferimento
del mondo?
MA INFORMATI, NON RIMANERE NELL'IGNORANZA!!!

perplessa

unread,
Oct 16, 2009, 7:19:39 AM10/16/09
to

"filippo" <xp...@hotmail.com> ha scritto

Agli spiritosi che hanno risposto suggerisco di pensare a cosa
farebbero se quel bambino fosse un loro figlio, se dovessero stare
fuori tutto il giorno per lavoro

Lavorare tutto il giorno non pu� essere una scusa valida per non educare i
figli.

pintbelk

unread,
Oct 16, 2009, 7:49:17 AM10/16/09
to
G&E ha scritto:

pi� che un secondo insegnante, affiancherei un materasso

--


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ab...@newsland.it


tautre

unread,
Oct 16, 2009, 8:13:13 AM10/16/09
to
Dani ha scritto:

Beh, � un bambino e quindi esagerano un po' con i giorni per andar cauti...

Fra

filippo

unread,
Oct 16, 2009, 8:48:20 AM10/16/09
to
On 16 Ott, 13:19, "perplessa" <sdoi...@libero.it> wrote:
> "filippo" <xp...@hotmail.com> ha scritto
>
> Agli spiritosi che hanno risposto suggerisco di pensare a cosa
> farebbero se quel bambino fosse un loro figlio, se dovessero stare
> fuori tutto il giorno per lavoro
>
> Lavorare tutto il giorno non può essere una scusa valida per non educare i
> figli.

L'educazione non ha nulla a che vedere con la possibilita' di essere
sempre presenti quando si ha un figlio "difficile".
Confondere le due cose (bambini difficili e bambini maleducati) e'
grave, insistere nella posizione e' peggio.

enzo cristina

unread,
Oct 16, 2009, 8:50:05 AM10/16/09
to
> se quanto riportato dai giornali � vero, ossia che il maestro lo ha preso
> di peso e scaraventato contro l'armadio, mi auguro venga sospeso
> dall'insegnamento per un 6 mesi almeno, senza stipendio!

per�, diciamo la verit�, ha realizzato i nostri sogni nei momenti pi�
difficili....


filippo

unread,
Oct 16, 2009, 8:53:58 AM10/16/09
to
On 16 Ott, 13:15, "perplessa" <sdoi...@libero.it> wrote:
> "irma" <ir...@h0tmail.com> ha scritto nel messaggionews:4ad83421$0$1099$4faf...@reader3.news.tin.it...
>
> > PeterAngel ha scritto:
> >> Esprimo la più viva solidarietà all'armadio, così ingiustamente colpito.

>
> >> -pa-
>
> > Le risposte di questo thread mostrano l'estremo disagio degli insegnanti.
>
> Ma ci sei o lo fai?
> QUALE DISAGIO? Ma sei mai entrato in una classe dove ci sono degli alunni
> IRREVERSIBILMENTE DISADATTATI perchè NON EDUCATI dai loro genitori? Chi

> siamo noi nembo kid che dobbiamo sopperire a tutte le figure di riferimento
> del mondo?
> MA INFORMATI, NON RIMANERE NELL'IGNORANZA!!!

Fammi capire: secondo te esiste una situazione che possa giustificare
il fatto che si alzi un bambino di peso e lo si sbatta contro
l'armadio?
E poteva dargli un cazzotto e stenderlo e poi prenderlo a calci visto
che ci si trovava.
Posso capire tante reazioni, persino uno schiaffo sarebbe stato
"umanamente comprensibile" anche se "illegale".
Prenditeli 15 gg. di vacanza e torna sulla terra tra le persone adulte.

Marco O. dallo zero finale della congettura di Riemann

unread,
Oct 16, 2009, 8:56:00 AM10/16/09
to
On 16 Ott, 13:19, "perplessa" <sdoi...@libero.it> wrote:

> Agli spiritosi che hanno risposto suggerisco di pensare a cosa
> farebbero se quel bambino fosse un loro figlio, se dovessero stare
> fuori tutto il giorno per lavoro

Il mio mi ha mandato a fanculo ed è stato una settimana senza TV.

M.

filippo

unread,
Oct 16, 2009, 8:57:00 AM10/16/09
to
On 16 Ott, 14:50, "enzo cristina" <enzocrist...@alice.it> wrote:
> > se quanto riportato dai giornali è vero, ossia che il maestro lo ha preso

> > di peso e scaraventato contro l'armadio, mi auguro venga sospeso
> > dall'insegnamento per un 6 mesi almeno, senza stipendio!
>
> però, diciamo la verità, ha realizzato i nostri sogni nei momenti più
> difficili....

Ed un conto sono i "pensieri cattivi", le prime reazioni che ci
vengono in mente in certe occasioni ed un altro sono poi le azioni
Ma stiamo parlando di persone "adulte"?

filippo

unread,
Oct 16, 2009, 9:01:52 AM10/16/09
to
On 16 Ott, 14:56, "Marco O. dallo zero finale della congettura di

E perche' non l'hai sbattuto contro l'armadio?
Mica ho detto che se un bambino si comporta male bisogna dargli una
medaglia.
Ci sono n-mila modi di "punirlo" (pardon "educarlo") prima di arrivare
al lancio-contro-l'armadio

Marco O. dallo zero finale della congettura di Riemann

unread,
Oct 16, 2009, 9:12:20 AM10/16/09
to
On 16 Ott, 15:01, filippo <xp...@hotmail.com> wrote:

> E perche' non l'hai sbattuto contro l'armadio?
> Mica ho detto che se un bambino si comporta male bisogna dargli una
> medaglia.
> Ci sono n-mila modi di "punirlo" (pardon "educarlo") prima di arrivare
> al lancio-contro-l'armadio

E se i genitori se ne catafottono? Non dico che abbia fatto bene, ma
certa gente si meriterebbe 3 mesi di sospensione.

M.

Arkannen

unread,
Oct 16, 2009, 9:21:13 AM10/16/09
to

E' vero, io questa estate ho usato un remo.
Quelli in plastica dei canotti, con il manico di legno.
Solo che adesso è rotto. I remi che danno con i canotti dell'iper sono
davvero scadenti. Un manico di scopa è molto più robusto e se si rompe
non resti con il paio spaiato.
Cmq, una sola volta è stato necessario, adesso mi basta solo dire - Devo
andare a prendere il remo? - e la situazione per fortuna si risolve
subito.
Già perché l'altro remo ce l'ho a 50km di distanza e fra andare e tornare
mi ci vogliono un'ora e dieci Euro di nafta.

..

..

Marco O. dallo zero finale della congettura di Riemann

unread,
Oct 16, 2009, 9:25:48 AM10/16/09
to
On 16 Ott, 15:21, Arkannen <m...@mail.it> wrote:

> Già perché l'altro remo ce l'ho a 50km di distanza e fra andare e tornare
> mi ci vogliono un'ora e dieci Euro di nafta.

Potresti remare. :-P

M.

perplessa

unread,
Oct 16, 2009, 12:57:15 PM10/16/09
to

"filippo" <xp...@hotmail.com> ha scritto

L'educazione non ha nulla a che vedere con la possibilita' di essere
sempre presenti quando si ha un figlio "difficile".
Confondere le due cose (bambini difficili e bambini maleducati) e'
grave, insistere nella posizione e' peggio.

E chi le confonde!? Un bambino difficile, ma seguito e curato, � molto
diverso da un bambino difficile lasciato allo stato brado.
Sempre pi� spesso i genitori delegano alla scuola questo difficile compito,
ma la scuola non pu� sopperire a queste mancanze gravi.

perplessa

unread,
Oct 16, 2009, 12:58:07 PM10/16/09
to

"Marco O. dallo zero finale della congettura di Riemann"
<nazzu...@hotmail.com> ha scritto

<Il mio mi ha mandato a fanculo ed � stato una settimana senza TV.

Bene!

perplessa

unread,
Oct 16, 2009, 12:59:28 PM10/16/09
to

"filippo" <xp...@hotmail.com> ha scritto

<Mica ho detto che se un bambino si comporta male bisogna dargli una
<medaglia.

e ci mancherebbe...

<Ci sono n-mila modi di "punirlo" (pardon "educarlo") prima di arrivare
al lancio-contro-l'armadio

Ma va'? Non ci eravamo arrivati, pensa te!
Non sar� mica che quel maestro ne aveva provati n-mila+1?

xyxyxyxyxy

unread,
Oct 16, 2009, 2:04:29 PM10/16/09
to
On Fri, 16 Oct 2009 09:36:37 GMT, tabhall <tabhall....@gmail.com>
wrote:

>Infatti, disagio ed esasperazione. Bisogna avere i nervi molto saldi per
> trattare con l'atteggiamento apertamente provocatorio e strafottente
>di certi bambini, che a casa non si permetterebbero di apostrofare i
>genitori con "vaffanculo, stronza" pena un sonoro ceffone, ma non hanno

>alcun problema a farlo a scuola, perch� sanno benissimo che l'insegnante
>non pu� reagire se non con la nota sul diario, della quale a loro non
>importa nulla.
>
Forse non succederebbe se il maestro fosse scelto (e dunque protetto)
dalla famiglia. Il maestro non e' per loro un "superiore" da ubbidire,
ma spesso un "dipendente", magari dello "stato nemico e opressore".

pintbelk

unread,
Oct 16, 2009, 2:06:12 PM10/16/09
to
Arkannen ha scritto:

A stronzooo!

xyxyxyxyxy

unread,
Oct 16, 2009, 2:06:26 PM10/16/09
to
On Fri, 16 Oct 2009 03:07:48 -0700 (PDT), filippo <xp...@hotmail.com>
wrote:

[bambino picchiato]


>
>E' grave il fatto che a causa dei tagli (non mi interessa se i tagli
>siano di sinistra o di destra) ne paghino le conseguenze l'insegnante
>(che non e' riuscito a gestire correttamente la faccenda, o
>semplicemente non ce l'ha fatta piu' ...) e l'alunno.

Che c'entrano i tagli? Io penso sia a causa dell'effetto serra.

Minelli

unread,
Oct 16, 2009, 2:17:45 PM10/16/09
to
Il Fri, 16 Oct 2009 10:51:56 +0200, irma ha scritto:


> Le risposte di questo thread mostrano l'estremo disagio degli
> insegnanti. Mi pare cosa terribile il fatto che non si riesca almeno a

> tacere di fronte a un bambino che � stato scaraventato contro un
> armadio. Mah.

Infatti il disagio c'e' ed e' evidente, al di la' delle risposte di questo
thread, molte dele quali semplicemente scherzose, anche perche' si sa come
vano queste cose, ingigantite dagli organi di stampa e comunque sempre e
solo a discapito dei docenti. Il maestro, sicuramente esasperato da un
delinquentello bulletto, figlio di degni genitori, gli avra' dato uno
spintone e il ragazzo avra' accentuato la caduta. Da parte mia tutta la
solidarieta' va al maestro

Minelli

unread,
Oct 16, 2009, 2:19:52 PM10/16/09
to
Il Fri, 16 Oct 2009 13:19:39 +0200, perplessa ha scritto:


> Agli spiritosi che hanno risposto suggerisco di pensare a cosa
> farebbero se quel bambino fosse un loro figlio, se dovessero stare
> fuori tutto il giorno per lavoro


Evidentemente le persone che hanno risposto hanno figli "normali" che non
esasperano i loro insegnanti

brokolo

unread,
Oct 16, 2009, 2:24:08 PM10/16/09
to
nel leggere i commenti ironici riguardanti un fatto che tutti - se sani di
mente - avrebbero dovuto deprecare, ho avuto la conferma che molti in questo
ng svolgono il loro lavoro per mangiare, ma non per altro. A queste
persone - che se dipendesse da me prenderei a calci nel culo da qui fino
alle isole fiji - ricordo che siamo educatori, non picchiatori. Anche a me �
capitato che un alunno mi dicesse vaffanculo in classe, ma non l'ho certo
malmenato, ho semplicemente sanzionato la cosa con una nota e poi l'ho
portato dal ds. Sarebbe pi� comodo altrimenti assumere ex pugili o
buttafuori, se tutto dovesse risolversi con l'uso delle mani.

--
Veniet tempus quo posteri nostri tam aperta nos nescisse mirentur

tabhall

unread,
Oct 16, 2009, 2:28:27 PM10/16/09
to
xyxyxyxyxy ha scritto:

> Forse non succederebbe se il maestro fosse scelto (e dunque protetto)
> dalla famiglia.

Chi iscrive il proprio figlio a scuola stipula di fatto un contratto,
accettando di condividere gli obiettivi educativi del P.O.F. di quella
scuola. Non ᅵ obbligato a farlo, puᅵ tenersi il figlio a casa e
impartirgli istruzione familiare. In questo modo ᅵ sicuro che il pargolo
non debba mai - orrore! - trovarsi con uno sconosciuto che gli impone di
fare qualcosa, e gli eventuali conflitti con lo stato oppressore sono
rimandati alla maggiore etᅵ.

Tabhall

filippo

unread,
Oct 16, 2009, 2:58:06 PM10/16/09
to
On 16 Ott, 18:59, "perplessa" <sdoi...@libero.it> wrote:
> "filippo" <xp...@hotmail.com> ha scritto
> <Mica ho detto che se un bambino si comporta male bisogna dargli una
> <medaglia.
>
> e ci mancherebbe...
>
> <Ci sono n-mila modi di "punirlo" (pardon "educarlo") prima di arrivare
> al lancio-contro-l'armadio
>
> Ma va'? Non ci eravamo arrivati, pensa te!
> Non sarà mica che quel maestro ne aveva provati n-mila+1?

Ma tu veramente fai?
Per te puo' esistere una giustificazione al fatto di scaraventare un
bambino contro un armadio?

tabhall

unread,
Oct 16, 2009, 2:54:01 PM10/16/09
to
filippo ha scritto:

> Ed un conto sono i "pensieri cattivi", le prime reazioni che ci
> vengono in mente in certe occasioni ed un altro sono poi le azioni
> Ma stiamo parlando di persone "adulte"?

Nessuno qui vuole giustificare il maestro, se il fatto si � svolto come
scritto, merita di essere severamente sanzionato. Dubito che la
probabile sospensione di qualche mese, da sola, serva a qualcosa, questa
persona o si deve curare, imparando a gestire le emozioni, oppure se �
il caso dev'essere licenziata.
Per� non ci si deve nemmemo meravigliare pi� di tanto se un giorno, in
una qualunque delle 137.598 classi di scuola primaria italiane, un
maestro d� i numeri, probabilmente dopo anni di senso di impotenza
represso. Quello stesso giorno, in 137.597 classi la giornata � filata
via come sempre, con i soliti pestiferi che non mancano in nessuna
classe, e le maestre che sono riuscite a contenere in modo pacifico le
loro intemperanze.

Tabhall

filippo

unread,
Oct 16, 2009, 3:01:50 PM10/16/09
to

I genitori,che sono piu' intelligenti di te, hanno chiesto un
insegnante di sostegno, che non otterranno a causa dei tagli.

brokolo

unread,
Oct 16, 2009, 3:02:25 PM10/16/09
to

"filippo" <xp...@hotmail.com> ha scritto nel messaggio
news:70b70a49-18b7-4fe1...@e8g2000yqo.googlegroups.com...

On 16 Ott, 18:59, "perplessa" <sdoi...@libero.it> wrote:
> "filippo" <xp...@hotmail.com> ha scritto
> <Mica ho detto che se un bambino si comporta male bisogna dargli una
> <medaglia.
>
> e ci mancherebbe...
>
> <Ci sono n-mila modi di "punirlo" (pardon "educarlo") prima di arrivare
> al lancio-contro-l'armadio
>
> Ma va'? Non ci eravamo arrivati, pensa te!
> Non sar� mica che quel maestro ne aveva provati n-mila+1?

Ma tu veramente fai?
Per te puo' esistere una giustificazione al fatto di scaraventare un
bambino contro un armadio?

--------------------------------------------------------------------------------------------
difatti anche io mi chiedo se veramente esistano insegnanti - a parte
minelli - che riescano a giustificare una cosa del genere. Il pupo dava
fastidio e quindi lo lancio come fosse una bambola contro l'armadio!!!
vorrei chiedere a questo maestro se per caso quando ha iniziato a lavorare
nella scuola, qualcuno gli abbia garantito che non si sarebbe mai trovato a
dover gestire situazioni difficili. E' come se un carabiniere, prima di
giurare, dicesse: << stop, un attimo! io accetto di fare il carabiniere, ma
voi mi garantite che in 30 di carriera non avr� mai a che fare con
rapinatori, spacciatori, scippatori >>

perplessa

unread,
Oct 16, 2009, 3:22:31 PM10/16/09
to

"filippo" <xp...@hotmail.com> ha scritto

<Fammi capire: secondo te esiste una situazione che possa giustificare
<il fatto che si alzi un bambino di peso e lo si sbatta contro
<l'armadio?

Giustificare no...ma capire SI!
E come genitore, ho sempre cercato di insegnare ai miei figli come non
essere repellenti per il resto del genere umano.

antoniovigilante

unread,
Oct 17, 2009, 12:13:17 AM10/17/09
to

"brokolo" <nonomail@l> ha scritto

> nel leggere i commenti ironici riguardanti un fatto che tutti - se sani di
> mente - avrebbero dovuto deprecare, ho avuto la conferma che molti in
> questo ng svolgono il loro lavoro per mangiare, ma non per altro.

http://minimokarma.blogsome.com/2009/10/16/991/#comments

a.


xyxyxyxyxy

unread,
Oct 17, 2009, 5:49:40 AM10/17/09
to
On Fri, 16 Oct 2009 18:28:27 GMT, tabhall <tabhall....@gmail.com>
wrote:


>Chi iscrive il proprio figlio a scuola stipula di fatto un contratto,
>accettando di condividere gli obiettivi educativi del P.O.F. di quella
>scuola.

Parli degli obiettivi reali o di quelli dichiarati?
Chi viola il contratto se arrivano all'universita' senza essere in
gradi di imparare alcunche'?

xyxyxyxyxy

unread,
Oct 17, 2009, 5:51:44 AM10/17/09
to
On Fri, 16 Oct 2009 12:01:50 -0700 (PDT), filippo <xp...@hotmail.com>
wrote:

>I genitori,che sono piu' intelligenti di te, hanno chiesto un


>insegnante di sostegno, che non otterranno a causa dei tagli.

Hai presente "il trionfo della medicina"?
Meno si insegna piu' insegnanti ci vogliono, che continueranno a non
insegnare perche' vogliono un aumento di stipendio o fore soltanto un
aumento di iscritti al sindacat (nella migliore delle ipotesi, forse
vogliono proprio sfasciare l'Italia).

xyxyxyxyxy

unread,
Oct 17, 2009, 5:54:00 AM10/17/09
to
On Fri, 16 Oct 2009 20:24:08 +0200, "brokolo" <nonomail@l> wrote:

>nel leggere i commenti ironici riguardanti un fatto che tutti - se sani di
>mente - avrebbero dovuto deprecare, ho avuto la conferma che molti in questo
>ng svolgono il loro lavoro per mangiare, ma non per altro. A queste
>persone - che se dipendesse da me prenderei a calci nel culo da qui fino
>alle isole fiji - ricordo che siamo educatori, non picchiatori.

Allora, visto che non riuscite ad educare dimettetevi!


perplessa

unread,
Oct 17, 2009, 6:03:32 AM10/17/09
to

"xyxyxyxyxy" <xyx...@xyxyxy.xy> ha scritto

> Allora, visto che non riuscite ad educare dimettetevi!


noi riusciamo a educare, i genitori no.
Ci� che noi costruiamo a scuola, viene giornalmente smontato a casa.
Saluti!

antoniovigilante

unread,
Oct 17, 2009, 8:34:22 AM10/17/09
to

"perplessa" <sdo...@libero.it> ha scritto

> noi riusciamo a educare, i genitori no.
> Ci� che noi costruiamo a scuola, viene giornalmente smontato a casa.

Che intendi con "educare"?

a.


perplessa

unread,
Oct 17, 2009, 1:45:32 PM10/17/09
to

"antoniovigilante" <a.vig...@formazione.uniba.it> ha scritto nel
messaggio news:4ad9b9ce$0$712$5fc...@news.tiscali.it...

Intendo, tirar fuori quel che c'� di buono in loro, in modo costruttivo, in
un clima di convivenza civile.

antoniovigilante

unread,
Oct 17, 2009, 4:08:38 PM10/17/09
to

"perplessa" <sdo...@libero.it> ha scritto

> Intendo, tirar fuori quel che c'� di buono in loro, in modo costruttivo,
> in un clima di convivenza civile.

Se ho capito bene, quindi, al mattino il bambino tira fuori grazie ai
maestri quello che ha dentro di buono, mentre appena tornato a casa i
genitori fanno riaffiorare quello che ha di cattivo. Anche cos�, per�, no si
spiega, la cosa: comunque quel po' di buono che tirate fuori dovrebbe
indurli a comportarsi in maniera civile, almeno a scuola, mentre a giudicare
dai commenti in questo thread i bimbi delle elementari sono una masnada di
vandali odiati dai loro insegnanti. La conclusione � che l'insegnamento dei
maestri � assolutamente inutile, in questo caso. Il lavoro costruttivo di
cui parli sarebbe del tutto inutile. E' cos�?
E: se c'� un contrasto completo tra il clima scolastico e quello familiare,
non ti sembra che sarebbe un grave problema per il bambino adeguarsi al
primo? Diventerebbe un disadattato nella sua stessa famiglia, e questa � una
cosa che non pu� permettersi.

a.


ab...@freemail.it

unread,
Oct 17, 2009, 5:54:16 PM10/17/09
to
On Sat, 17 Oct 2009 22:08:38 +0200, "antoniovigilante"
<a.vig...@formazione.uniba.it> wrote:

>
>"perplessa" <sdo...@libero.it> ha scritto
>
>> Intendo, tirar fuori quel che c'� di buono in loro, in modo costruttivo,
>> in un clima di convivenza civile.

>La conclusione � che l'insegnamento dei

>maestri � assolutamente inutile, in questo caso.

La conclusione e` che si fa presto a parlare cosi` dall'universita` -
se nel caso dei "vandali" piccoli l'insegnamento dei maestri non ci
fosse, ci ritroveremmo dietro l'uscio di casa i vandali (veri, stavolta)
di 20/30 ecc. anni.

>E: se c'� un contrasto completo tra il clima scolastico e quello familiare,

Ben venga, quando il clima familiare e`negativo!

Diventerebbe un disadattato nella sua stessa famiglia, e questa � una
>cosa che non pu� permettersi.

Grazie, antonio: fnalmente e` chiaro perche` se la permette a scuola.

Lisa

unread,
Oct 18, 2009, 5:15:25 AM10/18/09
to
On Fri, 16 Oct 2009 18:04:29 GMT, xyx...@xyxyxy.xy (xyxyxyxyxy) wrote:

>Forse non succederebbe se il maestro fosse scelto (e dunque protetto)
>dalla famiglia.

Se la famiglia la pensa cos�, che assuma di tasca propria un
precettore privato. Non � mica vietato dalla legge.

Lisa

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages