Google Groups no longer supports new Usenet posts or subscriptions. Historical content remains viewable.
Dismiss

regole degli scacchi in lingua serba

41 views
Skip to first unread message

Marcoxxx

unread,
Feb 8, 2024, 8:15:07 PMFeb 8
to
Qualcuno sa se esiste qualche file o meglio qualche video con regole
degli scacchi in lingua serba (se ci fossero anche i sottotitoli sarebbe
fantastico)? Mi servirebbe per ultraprincipianti dato che sarebbe per un
bambino di 6 anni .

Chiedo perché all'interno di un corso di scacchi che sto svolgendo come
istruttore con bambini piccoli, diciamo dai 6 agli 8 anni, mi hanno
mandato (praticamente a metà corso) un bambino che conosce già più o
meno i movimenti dei pezzi, ma ad esempio sembra non sapere che il re
non si può mettere sotto l'attacco dei pezzi avversari. Il bambino è
serbo (nel corso ci sono altri bambini che non parlano italiano, alcuni
parlano francese, alcuni inglese, alcuni sia inglese che francese. Fino
a queste lingue ci arrivo, ma al serbo non ci arrivo). Il bambino serbo
parla un po' di italiano, ma quando ho provato a spiegargli che il re
non può andare nelle case in cui è attaccato dai pezzi avversari non
sembra aver capito bene quello che gli ho detto.

Per questo mi servirebbe qualcosa in serbo, in particolare qualcosa che
spieghi ad esempio cosa è lo scacco a re e lo scacco matto e che spieghi
chiaramente che è vietato mettere il re su case attaccate da pezzi
dell'altro giocatore o comunque lasciarlo su case dove è attaccato da
pezzi dell'altro giocatore (se fosse un video con sottotitoli, in modo
che posso capire anch'io cosa dice, sarebbe fantastico. Ho provato a
cercare qualcosa in serbo su youtube, ma ho trovato solo video senza
sottotitoli e che magari spiegavano le mosse dei pezzi, ma non
spiegavano chiaramente scacco al re e scacco matto o il fatto che il re
non può essere spostato in case dove è attaccato dai pezzi avversari e
non può essere lasciato su case dove è attaccato dai pezzi avversari).

Grazie in anticipo

--
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus dal software antivirus Avast.
www.avast.com

M C

unread,
Feb 9, 2024, 1:00:54 PMFeb 9
to
On 09/02/2024 01:15, Marcoxxx wrote:
[...]
> Grazie in anticipo
>

lungi da me instaurare una polemica sull'immigrazione blah blah etc. ma
se vivono in Italia.. c'hanne da impará l'italiano.

A sei anni vanno a scuola e volente o nolente l'italiano lo devono
imparare e.. lo impareranno molto in fretta, non come noi ultra
cinquatenni che per imparare una lingua straniera manco la pillola del
film Limitless..

Questa idea che gli stranieri a casa TUA devono poter parlare la LORO
lingua in tutte le situazioni possibili immaginabili é semplicamente assurda

Marcoxxx

unread,
Feb 13, 2024, 5:11:39 PMFeb 13
to
icipo
>>
>
> lungi da me instaurare una polemica sull'immigrazione blah blah etc. ma
> se vivono in Italia.. c'hanne da impará'italiano.

Lungi da me fare polemiche su qualsiasi cosa, ma, a parte
che non vedo cosa c'entri l'immigrazione, ci sono scuole non italiane
anche in italia.

La scuola in questione è una scuola francese per bambini francofoni.

Per quanto ne so, tale scuola riceve contributi dallo stato francese,
(mentre non ne riceve alcuno da quello italiano, sempre per quanto ne
so io) anche se credo sia una scuola considerata "privata" (spesso, ma
non sempre, i bambini non italiani che la frequentano sono figli di
persone che lavorano in ambasciate varie di paesi francofoni come
Francia, Belgio, Canada, ma anche Tunisia, Marocco, ecc. Ovvero persone
che non definirei esattamente "immigrati").

Le lezioni che i bambini seguono sono in francese. Gli insegnanti credo
siano tutti madrelingua francese.

Gli italiani che iscrivono i propri figli a questa scuola probabilmente
lo fanno perché desiderano che loro figlio da grande sia bilingue e
accettano che debbano ascoltare lezioni in francese, imparare la storia
della Francia più che quella dell'Italia, ecc.

Teoricamente anche tutte le attività che si fanno in tale scuola
dovrebbero essere in francese, anche quelle extrascolastiche (come gli
scacchi), dato che esiste una direttiva in tal senso emanata nel 2019
dal ministero dell'istruzione pubblica francese.

Poi ovviamente, all'interno della scuola, visto che siamo in Italia,
sono previsti anche corsi di Italiano per bambini francofoni (o comunque
non italofoni).
Ma credo che i corsi di italiano li frequentino su base volontaria, non
obbligatoria, anche se la maggior parte dei bambini non italofoni
frequenta tali corsi (ma non tutti i bambini non italofoni frequantano
tali corsi).

In ogni caso ogni tanto arrivano bambini che non parlano né francese ne
italiano. Un altro bambino, sempre di 6 anni, che era presente a scuola
già da ottobre inizialmente parlava solo inglese. Ora parla anche
abbastanza francese e un po' di italiano.

Visto che parlava inglese non è stato un grande problema spoiegargli le
regole degli scacchi in inglese, anche se dovevo ripetere le stesse cose
in inglese e in francese, visto che non tutti gli altri parlavano inglese.

Se io conoscessi il serbo non sarebbe un problema nemmeno ripetere le
cose in serbo e in francese, visto che ora è arrivato un bambino che
parla prevalentemente serbo, zero francese e poco italiano. Il problema
è che il serbo io non lo conosco.


> A sei anni vanno a scuola e volente o nolente l'italiano lo devono
> imparare

Vanno a scuola in una scuola francese, anche se locata in Italia.
Quindi volenti o nolenti, il francese lo devono imparare. L'italiano non
è detto che lo debbano imparare (nemmeno se sono italiani! Si sono
iscritti a una scuola francese!).


e.. lo impareranno molto in fretta, non come noi ultra
> cinquatenni che per imparare una lingua straniera manco la pillola del
> film Limitless..

lo impareranno (il francese) molto in fretta, ovvero in qualche mese.
Diciamo che a maggio potrebbe aver acquisito una conoscenza accettabile
del francese (dell'Italiano non è detto). Il problema è: che gli faccio
fare a questo bambino fino a maggio ?

Per quanto riguarda gli ultra 50-enni,
un po' francese l'ho dovuto imparare alla tenera età di oltre 50 anni,
nel senso che a 52 anni ho fatto il primo corso di francese partendo da
un livello A2 (qualcosa lo avevo imparato da autodidatta alla tenera età
di 18 anni, ma già avevo imparato poco allora e arrivato a oltre 50
anni, quando non pronunciavo più una parola francese da circa 30 anni,
il livello era A2 [che era già più di quello che mi sarei aspettato]).

Dopo vari cori, molto tempo e molti soldi spesi, alla tenera età di 56
anni, nel 2023 ho preso (abbastanza casualmente) una certificazione di
livello C2.

Ovviamente facio ancora qualche errore e non pronuncio tutto
perfettamente (e infatti i bambini, anche quelli italiani, anche quelli
di 6 anni, spesso mi correggono, specialmente la pronuncia).

>
> Questa idea che gli stranieri a casa TUA devono poter parlare la LORO
> lingua in tutte le situazioni possibili immaginabili é semplicamente
> assurda

Gli stranieri sono a casa loro e a casa loro si parla francese. se tu
vuoi insegnare scacchi in quella scuola li', scuola francese finanziata
dallo stato francese, anche se locata in italia, dovresti imparare il
francese perché sei a casa loro e non a casa tua.

E, come ripeto, i non italiani talvolta stanno nelle ambasciate, quindi
sono proprio in territorio non italiano. E se vuoi andare a casa loro
sarebbe meglio che imparassi la loro lingua. Questa pretesa degli
italiani che pretendono che i non italiani che stanno a casa loro, (e
anche gli italiani che hanno scelto di non frequentare una scuola
italiana) debbano per forza parlare italiano all'interno di una scuola
non italiana, mi sembra abbastanza assurda.

Ammammata

unread,
Feb 14, 2024, 10:54:30 AMFeb 14
to
It happens that Marcoxxx formulated :
> Qualcuno sa se esiste qualche file o meglio qualche video con regole degli
> scacchi in lingua serba (se ci fossero anche i sottotitoli sarebbe
> fantastico)? Mi servirebbe per ultraprincipianti dato che sarebbe per un
> bambino di 6 anni .

prova a chiedere qui:
https://serbiachess.org/

--
/-\ /\/\ /\/\ /-\ /\/\ /\/\ /-\ T /-\
-=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- -=- - -=-
........... [ al lavoro ] ...........

M C

unread,
Feb 14, 2024, 2:39:30 PMFeb 14
to
On 13/02/2024 22:11, Marcoxxx wrote:
[...]

un pippone lungo diecimila chilometri sulla scuola e lingua francese ma
il bambino del post originale parla serbo quindi che cippalippa c'entra
il franscese lo sai solo te

Marcoxxx

unread,
Feb 14, 2024, 3:26:45 PMFeb 14
to
Il 14/02/2024 16:54, Ammammata ha scritto:
> It happens that Marcoxxx formulated :
>> Qualcuno sa se esiste qualche file o meglio qualche video con regole
>> degli scacchi in lingua serba (se ci fossero anche i sottotitoli
>> sarebbe fantastico)? Mi servirebbe per ultraprincipianti dato che
>> sarebbe per un bambino di 6 anni .
>
> prova a chiedere qui:
> https://serbiachess.org/
>

Grazie. Lo avevo già visto ma non mi pareva ci fosse niente. Però
guardando meglio, in realtà c'è il regolamento della fide in serbo.
Cercherò di farmelo bastare.

Marcoxxx

unread,
Feb 16, 2024, 8:43:39 PMFeb 16
to
Strano. Mi pareva di aver capito che secondo te il bambino dovesse
obbligatoriamente imparare a parlare italiano

Però ora l'italiano non è più menzionato. Se avevo capito male puoi
fermarti qui, visto che il pippone serviva a spiegare perché l'italiano
non c'entra una mazza.


Altrimenti riassumo, in modo che cosa c'entra il francese poi lo potrai
sapere anche te, così come potrai sapere perché l'italiano non c'entra
una mazza:

il bambino serbo è iscritto ad una scuola francese (situata in italia,
ma che non riceve soldi dallo stato italiano, per quanto ne so io) dove
le lezioni che il bambino segue sono impartite in francese da insegnanti
madrelingua francesi pagati (per quanto ne so) in parte dallo stato
francese e in parte dalle rette che pagano i genitori direttamente alla
scuola (che credo possa considerarsi "scuola privata"). Solo che ancora
il bambino non parla francese perché è in quella scuola da una o due
settimane.

Quindi il bambino non ha alcun obbligo di conoscere l'italiano. Questo è
il punto (che però ora sembra non essere più menzionato).

Per altro un po' d'italiano lo conosce, quanto lo può conoscere un
bambino di 6 anni che, anche se vive in Italia, è iscritto ad una scuola
francese

Quindi ora lo sai anche te cosa c'entra il francese (e sai anche che
l'italiano non c'entra una mazza).

M C

unread,
Feb 17, 2024, 5:49:48 AMFeb 17
to
On 17/02/2024 01:43, Marcoxxx wrote:
>
> il bambino serbo è iscritto ad una scuola francese

e allora le regole degli scacchi gliele spieghi in francese, non in serbo

due stra-pipponi galattici e la risposta era sotto il naso di tutti fin
dall'inizio

Marcoxxx

unread,
Feb 19, 2024, 5:28:41 AMFeb 19
to
Il 17/02/2024 11:50, M C ha scritto:
> On 17/02/2024 01:43, Marcoxxx wrote:
>>
>> il bambino serbo è iscritto ad una scuola francese
>
> e allora le regole degli scacchi gliele spieghi in francese, non in serbo

Quali parti delle seguenti due frasi non ti sono chiare?

1- "Ancora il francese non lo parla (e non lo capisce), visto che è in
quella scuola da circa 10-15 giorni (e quando ho scritto il primo
messaggio era lì da 1 giorno)"


2- "mentre aspetto che impari il francese mi servirebbe qualcosa in una
lingua che sono sicuro che capisce bene (il serbo), così come per altri
bambini ho usato lingue che capivano bene (come l'inglese ad esempio)
quando erano lì da pochi giorni e ancora il francese non lo parlavano né
lo capivano (e magari nemmeno l'italiano)"


>
> due stra-pipponi galattici e la risposta era sotto il naso di tutti fin
> dall'inizio

Concordo al 100%. Proprio fin dall'inizio, ovvero fin dal mio primo post.

E la risposta giusta era: "serve qualcosa che spieghi le regole in
lingua serba, tipo questo: https://www.youtube.com/watch?v=CQydXKwsdhc
per cercare di fargli capire ad esempio che il re non si può mettere
sotto l'attacco dei pezzi avversari".

Anche se per la verità se fosse stata proprio sotto il naso di tutti non
avrei nemmeno scritto il primo post.


Viceversa la risposta: "spiegaglielo in italiano" era sicuramente sbagliata.

Quanto alla risposta: "spiegaglielo in francese.", questa sarà la
risposta giusta quando avrà imparato il francese (probabilmente fra un
paio di mesi). Al momento è ancora una risposta sbagliata.
0 new messages