[Silmarillion] Beren e Luthien

169 views
Skip to first unread message

Nymeria

unread,
Oct 11, 2006, 3:16:01 PM10/11/06
to
Questa e' senza dubbio la storia che piu' stava a cuore a JRRT come
credo si possa intuire dagli alti livelli lirici raggiunti dal
racconto, che sono certo ascrivibili all'origine della storia (nata
come componimento poetico) ma che indubbiamente traggono la loro forza
dall'intensita' dei sentimenti – anche privati – che Tolkien ha
espresso in questa vicenda.
Mi sorge spontaneo il paragone tra le imprese di Beren e Luthien a
quelle di Frodo e Sam: in entrambi i casi il protagonista si fa carico
di una missione con pochissime speranze di riuscita eppure la
intraprende per amore e la porta a termine a prezzo di enormi
sofferenze e di una mutilazione fisica – c'e' una frase in cui Beren
viene descritto come "coraggioso e disperato" e questa definizione ben
si attaglia anche a Frodo; i dubbi di Beren ed il suo timore di fallire
sono superati grazie alla devozione ed al sostegno morale e materiale
di Luthien, che si rivela in piu' di una occasione lo strumento
indispensabile per superare gli ostacoli e che esercita un ruolo simile
a quello che piu' tardi ricoprira' Sam; ed ancora come in ISDA anche
qui si percepisce l'intervento di forze esterne che permettono la
'fortuita' risoluzione di situazioni apparentemente disperate: ne
vediamo alcuni esempi nel movimento del mantello di Luthien che provoca
il torpore di Sauron o nella forza che *si impossessa* di lei
permettendole di affrontare Carcharoth, oppure in frasi relative a
Beren come "nel suo cuore venne acceso il desiderio di entrare nel
Regno nascosto" o in alcuni ammonimenti da parte di Huan "se non
rinnegherai il tuo destino".
Senz'altro non e' un caso la frase di Sam a Cirith Ungol, quando
ricorda a Frodo che in fondo le grandi storie non finiscono mai:
rileggendo queste pagine e' facile percepire gli infiniti collegamenti
tra le vicende del 'passato' e quelle del 'presente': come Beren
soccombe alla tentazione dei Silmaril e cerca di ottenere piu' di
quanto previsto dalla sua missione, provocando cosi' la catena di
eventi che lo condurra' alla perdita della mano, cosi' Frodo,
lungamente tentato dall'Anello, cedera' infine alla pressione cosi' a
lungo sopportata e soltanto tramite una mutilazione potra' sottrarsi
alle sue lusinghe e tornare in se'.
Altro inevitabile paragone e' quello con le vicende di Aragorn ed
Arwen, anche se qui le differenze sono piu' marcate: innanzitutto la
reazione di Thingol e' ben lontana dalla severa accettazione (sia pure
con riserva) da parte di Elrond – se da un lato e' comprensibile che
Thingol voglia risparmiare alla figlia sofferenze e dolore, dall'altro
e' evidente come il suo giudizio su Beren sia improntato ad un
tutt'altro che velato disprezzo nei confronti degli Uomini in generale
("figli di signori di poco conto e di re caduchi"); il prezzo che
impone a Beren per ottenere la mano di Luthien e' frutto sia di scarsa
lungimiranza (che non viene risvegliata neppure dagli ammonimenti di
Melian) sia di profonda astuzia – l'impresa appare talmente impossibile
che Thingol e' convinto di liberarsi in questo modo dell'inopportuno
pretendente - ma soprattutto scaturisce da una inaspettata avidita',
ed infatti lo stesso Beren lo deride rimproverandogli amaramente il
basso valore attribuito alla figlia che verrebbe scambiata per "gemme e
manufatti".
Ho rilevato pero' notevoli diffrenze tra Luthien ed Arwen, malgrado le
due siano spesso accomunate per la simile scelta di mortalita'
effettuata per amore: innanzitutto l'impressione di passivita' fornita
dalla figura di Arwen e' completamente assente in Luthien, che e' in
grado piu' volte di prendere risolutamente il controllo delle
situazioni e di affrontare energicamente i pericoli; cosa ancora piu'
importante, Luthien ha la *certezza* di poter proseguire il suo cammino
con Beren anche oltre la morte ("le loro strade si muovono insieme
oltre i confini del mondo") mentre per Arwen si tratta soltanto di una
*speranza*, di un atto di fede non supportata da garanzie, come
dimostrato dall'angoscia con cui si separa da Aragorn e che rende IMHO
la sua scelta ancora piu' difficile e sofferta.

--
Nymeria


Cla

unread,
Oct 15, 2006, 6:51:29 AM10/15/06
to

"Nymeria" <nym...@TOOMANYpeople.it> ha scritto nel messaggio
news:mn.5cf27d6aa...@TOOMANYpeople.it...

> Questa e' senza dubbio la storia che piu' stava a cuore a JRRT come credo
> si possa intuire dagli alti livelli lirici raggiunti dal racconto, che
> sono certo ascrivibili all'origine della storia (nata come componimento
> poetico) ma che indubbiamente traggono la loro forza dall'intensita' dei
> sentimenti - anche privati - che Tolkien ha espresso in questa vicenda.

[CUT]. Grazie Nymeria, davvero una bella riflessione.


Nymeria

unread,
Oct 15, 2006, 5:27:25 PM10/15/06
to
Cla ha scritto:

> [CUT]. Grazie Nymeria, davvero una bella riflessione.

Grazie a te !
I complimenti sono sempre ben accetti .. :-)

--
Nymeria


Pipinstuc

unread,
Oct 24, 2006, 2:11:42 PM10/24/06
to

Nymeria wrote:
> Mi sorge spontaneo il paragone tra le imprese di Beren e Luthien a
> quelle di Frodo e Sam:

Apprezzo a pieno il paragone e tutto quello che dici, ma vorrei
aggiungere forse un inutile differenza:
tra Beren e Luthien è l'amore umano che unisce le loro volontà nel
compimento di qualcosa che comunque li trascende;
tra Frodo e Sam è l'amicizia che scaturisce in un vincolo aperto ad
accogliere le sorti dell'intera Terra di Mezzo, quindi ad un livello
più alto.

Nymeria

unread,
Oct 25, 2006, 2:39:22 PM10/25/06
to
Pipinstuc ha scritto:

>> paragone tra le imprese di Beren e Luthien a
>> quelle di Frodo e Sam:
>
> Apprezzo a pieno il paragone e tutto quello che dici, ma vorrei
> aggiungere forse un inutile differenza:

Nessun commento si puo' definire 'inutile': ogni contributo alla
discussione e' sempre il benvenuto :-)

> tra Beren e Luthien è l'amore umano che unisce le loro volontà nel
> compimento di qualcosa che comunque li trascende;
> tra Frodo e Sam è l'amicizia che scaturisce in un vincolo aperto ad
> accogliere le sorti dell'intera Terra di Mezzo, quindi ad un livello
> più alto.

Sono d'accordo: proseguendo su questa linea di pensiero si potrebbe
addirittura arrivare a definire "egoiste" (con tutte le virgolette di
questo mondo, sia ben chiaro) le motivazioni di Beren e Luthien, in
contrapposizione
all'altruismo mostrato da Frodo e Sam.

--
Nymeria

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages