ISDA - I Cavalieri di Rohan

0 views
Skip to first unread message

Nymeria

unread,
Jan 4, 2005, 2:34:30 PM1/4/05
to
In questo capitolo, ancora piu' che nel precedente, si evidenzia un
cambiamento di registro narrativo che nella descrizione
dell'inseguimento assume toni decisamente epici, controbilanciati da
descrizioni paesaggistiche particolarmente ispirate - tra le mie
preferite c'e' questa ""Day leaped into the sky [..] green flowed over
the wide meads of Rohan""; la scena prende letteralmente vita sotto gli
occhi del lettore.
Il frazionamento della Compagnia ha come effetto positivo la maggiore
coesione che si stabilisce fra i vari nuclei del gruppo originario; qui
possiamo osservare come Aragorn, Legolas e Gimli rafforzino il legame
che li unisce e come Aragorn basi le sue decisioni sui suggerimenti
degli altri due, che forniscono costante supporto morale e logistico.
Mi sembra molto importante che il futuro re riconosca di non poter
procedere unicamente in base alle proprie sensazioni, ma sappia di
doversi affidare a dei consiglieri che lo aiutino a focalizzare i
problemi in tutti i loro aspetti - direi che e' il marchio di un buon
leader :-)
Conosciamo i Rohirrim prima ancora di vederli grazie al breve ma
accurato ritratto di Aragorn, che ne illustra luci ed ombre: orgogliosi
e tenaci, risoluti ma non crudeli, illetterati eppure in possesso di
una ricca tradizione orale; la descrizione che Tolkien ci offre mostra
- sempre in tema di contrasti - un'apparenza barbara nei lunghi capelli
intrecciati e negli scudi dipinti ed insieme una precisione militare
molto moderna nell'andatura e nella tecnica usata per circondare i tre
sconosciuti che 'spuntano dall'erba' dinanzi a loro.
Allo stesso modo l'iniziale atteggiamento di sfida - la lancia ad un
palmo dal petto di Aragorn, quale test di coraggio e/o del livello di
ostilita' - e' sostituito dalla volonta' di dialogare con gli
stranieri, malgrado la falsa partenza con Gimli [**]; la rapidita' con
cui Eomer riconosce ed accetta l'identita' di Aragorn mostra sia una
conoscenza non superficiale della storia sia una intuitiva capacita' di
giudizio che lo porta a dargli fiducia (rischiando in prima persona
l'ira di Theoden i cui ordini sta trasgredendo) ed addirittura a
chiederli ripetutamente di recarsi ad Edoras, come se ravvisasse in lui
la soluzione ai problemi che affliggono il paese e che si intuiscono
dai suoi discorsi.
Direi che uno dei temi alla base di questo capitolo sia la difficolta'
di distinguere gli amici dai nemici ed anche, per estensione, il bene
dal male: inizialmente i Rohirrim sono incerti sull'identita' e sulle
intenzioni dei tre e solo la capacita' di giudizio, unita ad un
notevole istinto, convince Eomer a fidarsi (poiche' "gli uomini del
Mark non mentono ed e' difficile ingannarli"); Aragorn afferma che la
natura stessa di bene e male li rende facilmente identificabili ("tocca
a noi distinguerli"), pero' lui stesso e' confuso dall'apparizione di
Saruman che si presenta come un vecchio - quindi innocuo ? - ed
indossando un cappello che fa istintivamente pensare a Gandalf - che a
sua volta verra' scambiato per Saruman quando i tre lo incontreranno.

[**] E' divertente vedere l'impeto cavalleresco di Gimli che si lancia
in difesa di Galadriel ed e' grazie a questo battibecco che siamo
testimoni di un momento piu' rilassato quando Eomer gli dice che, dopo
tanti strani avvenimenti, non sara' cosi' insolito "imparare ad
apprezzare una bella dama sotto gli amorevoli colpi d'ascia di un Nano"
:D

--
Nymeria - FeSTosa #313
Despair is only for those who see the end beyond all doubt.

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 4, 2005, 4:16:57 PM1/4/05
to
Nymeria wrote:
[CUT]

> Conosciamo i Rohirrim prima ancora di vederli grazie al breve ma
> accurato ritratto di Aragorn, che ne illustra luci ed ombre:
orgogliosi
> e tenaci, risoluti ma non crudeli, illetterati eppure in possesso di
> una ricca tradizione orale;

Un deciso omaggio al tanto amato passato anglosassone.
Mae aur!
--
Tarabas Hunnaur - 10° deI FeSTosi - Referente Smial Bolgeri
"Ah, tutto accade una volta soltanto, ma una volta, sì, deve accadere."
La Storia Infinita, Michael Ende

Nymeria

unread,
Jan 5, 2005, 3:39:49 PM1/5/05
to
Il 04/01/2005, Tarabas Hunnaur ha detto :

>> i Rohirrim

>
> Un deciso omaggio al tanto amato passato anglosassone.

ro.to.me docet .. ;-)

peter

unread,
Jan 6, 2005, 3:08:32 PM1/6/05
to
A proposito: avete notato come nel film la rappresentazione dell'incontro
fra i tre e i Cavalieri sia precisa alla descrizione di Tolkien: quando ho
visto quella scena mi sono detto:"Cribbio, me la sono sempre immaginata
cosě!"


Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages