ISDA - Il Grande Fiume

0 views
Skip to first unread message

Nymeria

unread,
Dec 17, 2004, 4:54:19 PM12/17/04
to
L'apparente tranquillita' con cui si svolge il viaggio lungo il corso
dell'Anduin maschera la tristezza che la Compagnia prova nel lasciarsi
alle spalle la bellezza e la serenita' di Lorien e, come spesso accade
in ISDA, il paesaggio rispecchia lo stato d'animo dei viaggiatori che
nella desolazione delle Terre Brune vedono il contrasto con cio' che
hanno lasciato e l'anticipazione di quello che troveranno avvicinandosi
a Mordor.
In un certo senso questo e' sia un ritorno alla dura realta', dopo
l'interludio quasi onirico di Lothlorien, sia un tragitto di
preparazione alle difficolta' future, ben espresso dal pensiero di
Aragorn che accetta di "lasciarsi portare dalla corrente" mentre la
Compagnia raccoglie le forze per fronteggiare cio' che la attende.
Tutti quanti sono focalizzati sui propri pensieri, forse anche per
sfuggire alla crescente sensazione di pericolo che li sovrasta e che
viene espressa dalla percezione di Sam di essere privo di protezione in
un ambiente ostile; interessante lo spaccato sull'animo di Gimli,
ancora preso dal ricordo di Galadriel, e su quello di Legolas: sembra
che in questi ultimi capitoli Tolkien voglia fornire molte informazioni
sulla diversita' degli Elfi e lo fa aprendo spesso una finestra sulla
loro vita spirituale.
Purtroppo questa concentrazione interiore fa quasi passare inosservato
il crollo psicologico di Boromir, la cui ossessione per l'Anello e
Frodo sta assumendo espressioni decisamente maniacali: lo sguardo fisso
sul Portatore, la strana luce negli occhi, le unghie rosicchiate ed i
borbottii incomprensibili - quando avvicina la barca a quella condotta
da Aragorn da' proprio l'impressione di essere privo di ogni controllo.
Maggiore e' la resistenza opposta al suo tentativo di deviare per Minas
Tirith, maggiore e' la disperazione con cui reitera le sue proposte,
arrivando persino ad atteggiarsi a vittima quando annuncia la sua
intenzione di proseguire anche da solo, se il contributo prestato
sinora "non gli e' valso neppure la ricompensa della compagnia" -
sembra che del forte uomo di Gondor sia rimasto ben poco: persino
Aragorn arriva a reagire con marcato fastidio all'ennesima esternazione
di pessimismo e (fortunatamente) il buon Gimli, forse per stanchezza,
si rifiuta di raccogliere la pungente battuta a lui diretta.
A tutto questo si aggiunge l'inseguimento da parte di Gollum che, oltre
a rappresentare una minaccia concreta, aggiunge ansia all'inquietudine
che tutti provano: un pericolo percepito ma non visto e' piu' difficile
da sopportare di un attacco frontale, perche' erode progressivamente le
energie mentali senza che sia data la possibilita' di affrontarlo a
viso aperto e di chiudere - in un modo o nell'altro - la partita.
Il passaggio degli Argonath fornisce uno dei rari spiragli di luce in
questo panorama: Aragorn sembra trarre forza e coraggio dalla vista
delle statue, come testimoniato dalla trasformazione percepita dagli
Hobbit, anche se la mancanza di Gandalf costituisce ancora un fattore
di insicurezza, proprio ora che il momento della decisione definitiva
e' arrivato.

--
Nymeria - FeSTosa #313
Despair is only for those who see the end beyond all doubt.

Niphredil

unread,
Dec 19, 2004, 10:09:58 AM12/19/04
to
Nymeria ha scritto:

> L'apparente tranquillita' con cui si svolge il viaggio lungo il corso
> dell'Anduin maschera la tristezza che la Compagnia prova nel lasciarsi
> alle spalle la bellezza e la serenita' di Lorien e, come spesso accade
> in ISDA, il paesaggio rispecchia lo stato d'animo dei viaggiatori che
> nella desolazione delle Terre Brune vedono il contrasto con cio' che
> hanno lasciato e l'anticipazione di quello che troveranno avvicinandosi
> a Mordor.

Gia'. Un bell'anticlimax, a confronto con i due capitoli precedenti.
Questo e' un capitolo che mi ha sempre intristito un po' anche se, come
noti tu dopo, il passaggio per Argonath non fallisce mai nel risollevarmi
lo spirito.

> arrivando persino ad atteggiarsi a vittima quando annuncia la sua
> intenzione di proseguire anche da solo, se il contributo prestato
> sinora "non gli e' valso neppure la ricompensa della compagnia" -

questa frase mi ha sempre dato un gran fastidio. Boromir ricorre alle
piccinerie, e non gli si addice. E' proprio in caduta libera e sta per
toccare il fondo.

Nymeria, ora che si avvicina Natale avrai piu' tempo per postare i tuoi
resoconti?
:o)

Niphredil

--

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ab...@newsland.it


Nymeria

unread,
Dec 20, 2004, 3:05:44 PM12/20/04
to
Il 19/12/2004, Niphredil ha detto :

>> "non gli e' valso neppure la ricompensa della compagnia" -
>
> questa frase mi ha sempre dato un gran fastidio. Boromir ricorre alle
> piccinerie, e non gli si addice. E' proprio in caduta libera e sta per
> toccare il fondo.

Credo che l'abbia gia' toccato, infatti il suo prossimo exploit e' una
scena degna di "Psycho" ..

> Nymeria, ora che si avvicina Natale avrai piu' tempo per postare i tuoi
> resoconti?

:-)
Spero di si' .. se con le festivita' riusciro' a recuperare un po' di
energie e di tempo vedro' di portarmi un po' avanti; comunque, per la
vostra gioia (e tutti fuggirono urlando ^__^) inviero' _prima_ di
Natale l'ultimo capitolo della "Compagnia dell'Anello" .
(sono ad un terzo della strada !!! incrediiiiibile !!) ;-)

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages