ISDA - Al Puledro Impennato

0 views
Skip to first unread message

Nymeria

unread,
Oct 9, 2004, 9:15:54 AM10/9/04
to
L'arrivo a Brea coincide con il riaffacciarsi del problema dei
Cavalieri Neri - sembra che la Vecchia Foresta e l'incontro con Tom,
malgrado tutti i pericoli affrontati, siano stati un diversivo e che
ora la dura realta' si sia puntualmente ripresentata.
Brea - e la locanda di Omorzo Cactaceo - sono solo esteriormente un
asilo sicuro, perche' dietro l'apparenza si agitano forze e persone che
rendono la situazione piu' complessa e delicata per gli ancora ingenui
Hobbit; qualche rimasuglio di incertezza si vede in Sam, a cui tocca
ricoprire il ruolo di campagnolo perso nella metropoli tentacolare :D e
la sua proposta di cercare alloggio presso qualche Hobbit locale e'
buffa e tenera nello stesso tempo.
Credo che il tema conduttore qui sia la fiducia, soprattutto come e
quando concederla, e a chi; infatti il grande errore dei nostri e'
quello di abbassare la guarda quando l'ambiente apparentemente
familiare fornisce loro un falso senso di sicurezza - il salone della
locanda, cosi' ampio e scarsamente illuminato, offre punti d'ombra in
cui nascondersi (anche se non tutti quelli che si nascondono sono
cattivi soggetti, tanto per parafrasare) e, allo stesso modo, un
avventore desideroso di ascoltare le novita' della Contea puo' celare
una spia alla ricerca di informazioni.
Questa e' anche un'indicazione di come la situazione stia cambiando
nella Terra di Mezzo: se era normale non chiudere a chiave la porta di
casa (tranne che nella Terra di Buck, ma questa e' un'altra storia) e
considerare gli stranieri come semplici viandanti da accogliere per
quattro chiacchiere ed un boccale di birra, e' ora percepibile un certo
clima di tensione che colpisce anche i piu' 'cosmopoliti' Breatini.
In questo scenario si inserisce ora il nuovo elemento costituito dal
misterioso Grampasso che - in considerazione di quanto appena esposto -
e' facile giudicare negativamente; cio' che ci viene mostrato di lui
sono solo brevi dettagli, osservati negli sporadici sprazzi di luce di
una stanza male illuminata: il mantello scolorito, la strana pipa, gli
stivali di ottima fattura ma segnati dall'uso intenso, gli occhi
brillanti il cui sguardo Frodo sente su di se' con disagio.
E' proprio grazie a quest'uomo misterioso che Frodo avverte - sia pure
per il motivo sbagliato - che nessuno di loro puo' dirsi al sicuro,
anche se il suo tentativo di rimediare all'errore di Pipino sfocia in
un guaio peggiore, le cui conseguenze si faranno sentire tra breve.
Alla chiusura del capitolo Frodo esprime la sensazione che tutto e
tutti stiano complottando contro di lui; anche il "viso rubicondo" di
Omorzo sembra nascondere "qualche oscuro progetto" - se non c'e' un
influsso diretto dell'Anello sulla personalita' del Portatore, c'e'
perlomeno un'azione indiretta: Frodo sta perdendo la sua 'innocenza
Hobbit', rendendosi gradualmente conto che al di fuori dei comodi
confini in cui ha vissuto fino ad ora, tutto cio' che ha sempre dato
per scontato, come la fiducia, non lo e' piu' ed egli deve imparare la
dura lezione della circospezione come strumento di sopravvivenza.

--
Nymeria FeSTosa # 313
And all the while I sit and think of times there were before,
I listen for returning feet and voices at the

Mandos

unread,
Oct 9, 2004, 4:44:48 PM10/9/04
to
In data Sat, 09 Oct 2004 15:15:54 +0200, Nymeria ha scritto:

> Alla chiusura del capitolo Frodo esprime la sensazione che tutto e
> tutti stiano complottando contro di lui; anche il "viso rubicondo" di
> Omorzo sembra nascondere "qualche oscuro progetto" - se non c'e' un
> influsso diretto dell'Anello sulla personalita' del Portatore, c'e'
> perlomeno un'azione indiretta:

Per me dalla faciloneria sta solo passando alla paranoia.

Un poco come chi, garantendo che lui e` anni che naviga in internet senza av
e firewall e sta benone, scopre di avere 32 virus e 3 backdoor,

Ed allora cerca un antivirus, lo cmambia, lo cambia ancora, mette un
firewall, due ...

> Frodo sta perdendo la sua 'innocenza
> Hobbit', rendendosi gradualmente conto che al di fuori dei comodi
> confini in cui ha vissuto fino ad ora, tutto cio' che ha sempre dato
> per scontato, come la fiducia, non lo e' piu' ed egli deve imparare la
> dura lezione della circospezione come strumento di sopravvivenza.

Concordo.

--
Mandos - #11 deI FeSTosi, IAFO, LIstaro, Referente del clan Proudneck (Roma)
"He who breaks a thing to find out what it is, has left the path of wisdom."
(Gandalf)

Nymeria

unread,
Oct 10, 2004, 9:11:51 AM10/10/04
to
Sembra che Mandos abbia detto :

>> Alla chiusura del capitolo Frodo esprime la sensazione che tutto e
>> tutti stiano complottando contro di lui
>

> Per me dalla faciloneria sta solo passando alla paranoia.

Non discuto sulla paranoia (considerata la situazione, non posso dargli
torto) - ma forse 'faciloneria' e' un termine esagerato (e poi occhio
che le Guerriere di Frodo potrebbero affilare le spade :D ); direi che
si tratta di inesperienza nei confronti del 'mondo esterno' che
comincia solo ora a conoscere.

> Un poco come chi, garantendo che lui e` anni che naviga in internet senza av
> e firewall e sta benone, scopre di avere 32 virus e 3 backdoor,
> Ed allora cerca un antivirus, lo cmambia, lo cambia ancora, mette un
> firewall, due ...

ROTFL !

Mandos

unread,
Oct 10, 2004, 11:54:19 AM10/10/04
to
In data Sun, 10 Oct 2004 15:11:51 +0200, Nymeria ha scritto:

>> Per me dalla faciloneria sta solo passando alla paranoia.
>
> Non discuto sulla paranoia (considerata la situazione, non posso dargli
> torto) - ma forse 'faciloneria' e' un termine esagerato

E non c'hai torto.

Forse "eccessiva fiducia" ed "inesperienza" andrebbero meglio.

--
Mandos - #11 deI FeSTosi, IAFO, LIstaro, Referente del clan Proudneck (Roma)

"And it is not our part here to take thought only for a season, or for a few
lives of Men, or for a passing age of the world."
(Gandalf)

Erynvess

unread,
Oct 10, 2004, 12:39:20 PM10/10/04
to
Nymeria wrote:

> In questo scenario si inserisce ora il nuovo elemento costituito dal
> misterioso Grampasso che - in considerazione di quanto appena esposto -
> e' facile giudicare negativamente; cio' che ci viene mostrato di lui
> sono solo brevi dettagli, osservati negli sporadici sprazzi di luce di
> una stanza male illuminata: il mantello scolorito, la strana pipa, gli
> stivali di ottima fattura ma segnati dall'uso intenso, gli occhi
> brillanti il cui sguardo Frodo sente su di se' con disagio.

Non so perché, a me è subito sembrato un "figo" ;-)

Ciao!

--
Erynvess dei Testadura, FeSTosa #197, V.B.I. cert., Guerriera di Frodo
"Nell'armatura del Fato c'è sempre una crepa, e nelle mura della Sorte
una breccia, e ci sarà sino al pieno compimento, quello che voi chiamate
la Fine. E così sarà mentre io duri, una voce segreta che contraddice e
una luce dove dovrebbe essere oscurità." - Ulmo a Tuor

Nymeria

unread,
Oct 10, 2004, 3:54:17 PM10/10/04
to
Erynvess ha scritto:

>> Grampasso che - in considerazione di quanto appena esposto - e' facile
>> giudicare negativamente
>

> Non so perché, a me è subito sembrato un "figo" ;-)

Il fascino discreto della 'ruderia' ? :-D :-D

--
Nymeria - FeSTosa #313


And all the while I sit and think of times there were before,

I listen for returning feet, and voices at the door.

Nymeria

unread,
Oct 10, 2004, 3:54:34 PM10/10/04
to
Mandos ha scritto:


> Forse "eccessiva fiducia" ed "inesperienza" andrebbero meglio.

Aggiudicato !! ;-)

--
Nymeria - FeSTosa #313

And all the while I sit and think of times there were before,

Erynvess

unread,
Oct 11, 2004, 7:09:12 AM10/11/04
to
Nymeria wrote:

>> Non so perché, a me è subito sembrato un "figo" ;-)
>
> Il fascino discreto della 'ruderia' ? :-D :-D

Forse ;-)
Ma anche che si capiva, o io ho capito, che c'era sotto qualcosa...
Insomma, mi sembra che, forse molto velatamente, Tolkien faccia capire
da subito che in quello strano personaggio c'è dell'oro, anche se non
luccica.
Poi, mi è piaciuto tantissimo scoprirlo poco alla volta, con gli occhi
dei nostri Hobbit.

Laurelin

unread,
Oct 11, 2004, 12:44:41 PM10/11/04
to

Erynvess <eryn...@vene.ws> wrote

> Nymeria wrote:
>
> > In questo scenario si inserisce ora il nuovo elemento costituito dal
> > misterioso Grampasso che - in considerazione di quanto appena esposto -
> > e' facile giudicare negativamente; cio' che ci viene mostrato di lui
> > sono solo brevi dettagli, osservati negli sporadici sprazzi di luce di
> > una stanza male illuminata: il mantello scolorito, la strana pipa, gli
> > stivali di ottima fattura ma segnati dall'uso intenso, gli occhi
> > brillanti il cui sguardo Frodo sente su di se' con disagio.
>
> Non so perché, a me è subito sembrato un "figo" ;-)
>

Approvo. ;-))

E comunque a me ha fatto sempre venire in mente, proprio in quei primi
momenti di incontro con Frodo, il Pistolero Senza Nome interpretato da Clint
Eastwood in "Per qualche dollaro in più" e "Il Buono, il Brutto e il
Cattivo": quel modo di parlare a voce bassa, a frasi laconiche, per
allusioni, l'aria "vissuta", gli occhi grigi e penetranti... E' lui.

--
Laurelin@work
#233 dei FeSTosi
"Se il mondo non fosse così pieno di stupidi, avrei molte
più difficoltà a farmi passare per uno intelligente" (Thingol)

Soronel l'Araldo

unread,
Oct 11, 2004, 12:51:31 PM10/11/04
to
Il mio avvocato samoano di 120 kg mi dice che Laurelin ha scritto:

> a me ha fatto sempre venire in mente, proprio in quei primi momenti di
> incontro con Frodo, il Pistolero Senza Nome

Per un pugno di dollari è del 1964: credete che Leone potesse conoscere il
LotR?

--
Soronel l'Araldo - http://xoomer.virgilio.it/soronel/
In lettura: George R.R. Martin - FEVRE DREAM

"Un eccesso di semantica vicaria i denti"

Nymeria

unread,
Oct 11, 2004, 3:52:52 PM10/11/04
to
Erynvess ha scritto:

> Insomma, mi sembra che, forse molto velatamente, Tolkien faccia capire
> da subito che in quello strano personaggio c'è dell'oro, anche se non
> luccica.

eh, eh ;-) (vedere post "Grampasso" ...)

> Poi, mi è piaciuto tantissimo scoprirlo poco alla volta, con gli occhi
> dei nostri Hobbit.

Purtroppo e' trascorso parecchio tempo dalla mia prima lettura di ISDA e
non mi ricordo piu' quali fossero le mie reazioni di allora - peccato !
In questi giorni pero', sull'onda del nuovo "incontro" con questo
personaggio, ho riletto velocemente le parti della HoME in cui si vede la
sua evoluzione dallo Hobbit Trotter fino a Strider/Aragorn: devo dire che
di tutte le metamorfosi che ISDA ha subito questa e' una delle piu'
interessanti ed e' stato un po' come incontrarlo per la prima volta;
quello che mi ha colpita piu' di tutto e' il fatto che buona parte delle
descrizioni e dei dialoghi siano rimasti pressoche' invariati da Trotter
ad Aragorn, come se la sostanza della persona - la sua anima, se vuoi -
fosse rimasta la stessa nella trasmutazione da Hobbit a Uomo.

(devo anche ammettere che un Ramingo Hobbit non avrebbe fatto la stessa
figura ... :-D )

Tarabas Hunnaur

unread,
Oct 11, 2004, 4:08:34 PM10/11/04
to
Soronel l'Araldo wrote:
> Per un pugno di dollari è del 1964: credete che Leone potesse
conoscere il
> LotR?

Mha, perchè no? In effetti l'idea di Laurelin non mi dispiace, ho avuto
anch'io un po' quell'impressione.
Mae aur!
--
Tarabas Hunnaur - 10° deI FeSTosi - Referente Smial Bolgeri
"Ah, tutto accade una volta soltanto, ma una volta, sì, deve accadere."
La Storia Infinita, Michael Ende

Beleg

unread,
Oct 12, 2004, 3:17:09 AM10/12/04
to
Soronel l'Araldo scrisse su it.fan.scrittori.tolkien:

>> a me ha fatto sempre venire in mente, proprio in quei primi momenti
>> di incontro con Frodo, il Pistolero Senza Nome
>
> Per un pugno di dollari è del 1964: credete che Leone potesse
> conoscere il LotR?

Bah, puo' anche darsi; pero' credo che di "ispirazioni" simili, ce ne
siano a bizzeffe.
Se proprio vogliamo proseguire il parallelo... dopo la prima apparizione
Aragorn si distacca immediatamente dal profilo che invece segue
Eastwood.
(meglio ancora, Lee Van Cleef, "I giorni dell'ira")
--
Beleg@work - Per scrivermi togli ".bl"
"Io restai a chiedermi se l'imbecille ero io che la vita la pigliavo
tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una
condanna ai lavori forzati, o se lo eravamo tutt'e due..."

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages