ISDA - Il Re del Palazzo d'Oro

2 views
Skip to first unread message

Nymeria

unread,
Jan 26, 2005, 4:15:54 PM1/26/05
to
Dopo aver incontrato la classe 'militare' dei Rohirrim, ora conosciamo
quella 'politica' ed e' interessante come anche in questa occasione il
linguaggio serva a delineare i rapporti: per la gente i Edoras e' la
conoscenza della propria lingua che permette di riconoscere ed
accogliere l'amico e distinguerlo dal nemico; il modo formale ed a
tratti elaborato con cui le guardie si rivolgono ai visitatori sono
elementi indicativi della cultura e delle tradizioni di questo popolo,
ben lontani dalla prima impressione di "splendida barbarie".
Le obiezioni avanzate da Aragorn al momento di posare Anduril fuori
dalla porta mi hanno sempre lasciata un po' perplessa: non e' da lui
esibire una simile cocciutaggine (anche se non stiamo parlando di una
spada qualunque !) ed ho pensato che si tratti piuttosto di una cortina
fumogena ben architettata per far passare in secondo piano l'importanza
del bastone di Gandalf; la stessa risata con cui Aragorn commenta la
richiesta dello stregone mi ricorda una scena a lungo provata tra due
attori consumati.
Bisogna inoltre tenere conto del fatto che, in quel luogo ed in quel
momento, dichiarare la propria identita' e discendenza puo' avere un
effetto positivo nei confronti dei Rohirrim, come gia' sperimentato
nell'incontro con Eomer.
Questa e' la prima dimostrazione pubblica dei nuovi poteri di Gandalf e
nello stesso tempo della sua riluttanza ad esercitarli in modo
coercitivo - rivelatrici le domande a Theoden "chiedi aiuto ?" "mi
vuoi ascoltare ?"; Gandalf preferisce alimentare e sostenere la forza
morale e l'autorita' che il re possiede ancora ma che sono state
anestetizzate dall'influenza di Grima. Quella che viene combattuta
e' una battaglia psicologica fra le tenebre della disperazione e la
luce della speranza, perfettamente espressa dall'immagine di Theoden
che si rialza dalla sua posizione incurvata "come un uomo irrigidito
dal lungo curvarsi sopra un tedioso lavoro".
Con Theoden ritorna il tema della pieta': come Bilbo (e piu' tardi
Frodo) la esercitano nei confronti di Gollum, cosi' Theoden la applica
a Grima - e come Gollum, anche se in questo caso il concetto rimane
inespresso, anche Grima avra' un ruolo decisivo da svolgere in futuro.
Eowyn - il nucleo della sua infatuazione per Aragorn e' presente nello
sguardo con cui lo riconosce per "erede di re [...] che celava un
potere che lei percepiva ugualmente": la disperazione di cui e' stata
finora prigioniera le fa vedere Aragorn come la salvezza a lungo attesa
e credo che sia questo il motivo alla base del suo sentimento: aver
convissuto per tanto tempo con l'incapacita' di agire le ha fatto
desiderare spasmodicamente di prendere le redini del proprio destino e
la visione di Aragorn, cosi' totalmente padrone di se' stesso, incarna
tutto cio' che ha desiderato finora senza poterlo ottenere.

Ancora una domanda sulla traduzione (si', lo so, sono noiosa ^__^ ):
Eowyn dice a Theoden "A year shall I endure for every day that passes
until your return", mentre nella versione italiana troviamo "Resistero'
un anno, giorno per giorno, sino al tuo ritorno" - perche', oh, perche'
??! :o)

--
Nymeria - FeSTosa #313
Despair is only for those who see the end beyond all doubt.

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 26, 2005, 4:42:20 PM1/26/05
to
Nymeria wrote:
> Le obiezioni avanzate da Aragorn al momento di posare Anduril fuori
> dalla porta mi hanno sempre lasciata un po' perplessa:
[CUT]

In realtà, tutta la parte compresa tra l'arrivo ad Edoras e l'ingresso
nella sala di Theoden riecheggia l'arrivo di Beowulf sulla spiaggia
danese e il suo ingresso nella sala di re Hrothgar.
Maggiori dettagli nella Rotome. :-)
Mae aur!
--
Tarabas Hunnaur - 10° deI FeSTosi - Referente Smial Bolgeri
"Ah, tutto accade una volta soltanto, ma una volta, sì, deve accadere."
La Storia Infinita, Michael Ende

Gwindor

unread,
Jan 26, 2005, 4:57:31 PM1/26/05
to
Nymeria wrote:

> Le obiezioni avanzate da Aragorn al momento di posare Anduril fuori
> dalla porta mi hanno sempre lasciata un po' perplessa: non e' da lui
> esibire una simile cocciutaggine (anche se non stiamo parlando di una
> spada qualunque !) ed ho pensato che si tratti piuttosto di una cortina
> fumogena ben architettata per far passare in secondo piano l'importanza
> del bastone di Gandalf; la stessa risata con cui Aragorn commenta la
> richiesta dello stregone mi ricorda una scena a lungo provata tra due
> attori consumati.

L'ipotesi è interessante, ma penso che in realtà Aragorn avesse scelto quel
momento proprio per "dichiararsi", e il rifiuto di abbandonare la spada è in
questo senso proprio la prima dimostrazione della sua autorità regale.

> Bisogna inoltre tenere conto del fatto che, in quel luogo ed in quel
> momento, dichiarare la propria identita' e discendenza puo' avere un
> effetto positivo nei confronti dei Rohirrim, come gia' sperimentato
> nell'incontro con Eomer.

Ecco, appunto.

> Ancora una domanda sulla traduzione (si', lo so, sono noiosa ^__^ ):
> Eowyn dice a Theoden "A year shall I endure for every day that passes
> until your return", mentre nella versione italiana troviamo "Resistero'
> un anno, giorno per giorno, sino al tuo ritorno" - perche', oh, perche'
> ??! :o)

Forse perché la frase è in effetti un po' difficile, soprattutto se tradotta con
l'Hazon. La traduzione corretta è più o meno "Soffrirò come fosse un anno ogni
giorno che passerà fino al vostro ritorno".

Segna, Mandos, segna...

Bye

Gwindor

--
Togli REMOVEME dall'indirizzo per rispondere

Nymeria

unread,
Jan 26, 2005, 4:59:23 PM1/26/05
to
Tarabas Hunnaur ci ha detto :

> In realtà, tutta la parte compresa tra l'arrivo ad Edoras e l'ingresso
> nella sala di Theoden riecheggia l'arrivo di Beowulf sulla spiaggia
> danese e il suo ingresso nella sala di re Hrothgar.

Purtroppo non ho letto Beowulf - non ancora... E piu' ne sento parlare,
piu' soffro per questa mancanza: bisogna che corra al piu' presto ai
ripari !

> Maggiori dettagli nella Rotome. :-)

_Sapevo_ che l'avresti detto ! :D :D

Nymeria

unread,
Jan 26, 2005, 5:13:43 PM1/26/05
to
Gwindor ci ha detto :

>> Le obiezioni avanzate da Aragorn al momento di posare Anduril

> L'ipotesi è interessante, ma penso che in realtà Aragorn avesse scelto quel

> momento proprio per "dichiararsi", e il rifiuto di abbandonare la spada è
> in questo senso proprio la prima dimostrazione della sua autorità regale.

Infatti ho avanzato anche questa (molto piu' lineare) ipotesi, ma e'
oramai evidente quanto io sia affezionata alle mie "teorie del
complotto" che cerco di scovare in ogni angolo - ho una mente contorta
.. ;-)

>> Ancora una domanda sulla traduzione

> Forse perché la frase è in effetti un po' difficile, soprattutto se
> tradotta con l'Hazon.

Sono cosciente del fatto che riuscire a leggere in inglese non
significa per me saper _tradurre_ (anzi !), pero' mi sembrava che in
questo caso la traduzione parola per parola sarebbe stata abbastanza
lineare..

> Segna, Mandos, segna...

LOL ! Me lo immagino come un monaco amanuense, curvo su un tomo da 25
kg. che contiene tutte le nostre segnalazioni ! :-)

Nienna

unread,
Jan 27, 2005, 5:02:16 AM1/27/05
to
Tarabas Hunnaur ha scritto:

> In realtà, tutta la parte compresa tra l'arrivo ad Edoras e l'ingresso
> nella sala di Theoden riecheggia l'arrivo di Beowulf sulla spiaggia
> danese e il suo ingresso nella sala di re Hrothgar.
> Maggiori dettagli nella Rotome. :-)

Eh, eh, ormai il mio braccio destro (armato anche lui, e molto più di me!)
è specialista nel creare anticipazioni e acquoline in bocca... Comunque,
per crearne qualcuna anch'io, la citazione si trova nel capitolo quarto
(pp. 141-142 dell'ultimissima edizione), in una sezione che parla appunto
dei Cavalieri del Mark e della loro creazione.

--

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ab...@newsland.it


Nienna

unread,
Jan 27, 2005, 5:11:51 AM1/27/05
to
Nymeria ha scritto:

[CUT]


> Eowyn - il nucleo della sua infatuazione per Aragorn e' presente nello
> sguardo con cui lo riconosce per "erede di re [...] che celava un
> potere che lei percepiva ugualmente": la disperazione di cui e' stata
> finora prigioniera le fa vedere Aragorn come la salvezza a lungo attesa
> e credo che sia questo il motivo alla base del suo sentimento: aver
> convissuto per tanto tempo con l'incapacita' di agire le ha fatto
> desiderare spasmodicamente di prendere le redini del proprio destino e
> la visione di Aragorn, cosi' totalmente padrone di se' stesso, incarna
> tutto cio' che ha desiderato finora senza poterlo ottenere.

Condivido pienamente questa interpretazione dell'infatuazione di Éowyn
(perchč di questo si tratta, e non di vero amore). Faramir, da personaggio
intelligente e sensibile qual č, capisce subito la vera natura dei
sentimenti di Éowyn per il futuro re, e glielo dice direttamente. Quello
che accade alla principessa di Rohan accade spesso anche nella vita reale:
quante volte un presunto sentimento d'amore per qualcuno č invece solo la
ricerca di una via d'uscita da una situazione intollerabile? Si potrebbe
dire, in termini moderni, che Éowyn vuole "sistemarsi" - ma non certo per
motivi economici.

Un'analisi a mio parere molto interessante del personaggio di Éowyn e
dell'intera situazione con Aragorn si trova nel libro "The Uncharted
Realms of Tolkien" di Alex Lewis ed Elizabeth Currie, in cui si sostiene
che Éowyn teme di diventare preda di guerra del vincitore (in questo caso
di Grima), e per questo Aragorn diventa per lei l'unica possibile
salvezza. Comunque, il capitolo dice anche altre cose che varrebbe la pena
leggere e discutere.

> Ancora una domanda sulla traduzione (si', lo so, sono noiosa ^__^ ):
> Eowyn dice a Theoden "A year shall I endure for every day that passes
> until your return", mentre nella versione italiana troviamo "Resistero'
> un anno, giorno per giorno, sino al tuo ritorno" - perche', oh, perche'
> ??! :o)

Mi č piaciuta la versione proposta da Gwindor con "soffrirň", ma come al
solito non posso esimermi dal dire la mia quando si parla di traduzioni.
Proporrei quindi una versione un po' piů libera, ma che conserva comunque
il significato originario: "Ogni giorno trascorso in attesa del tuo
ritorno sarŕ per me lungo come un anno ". E condivido il "perchč, oh
perchč??" di Nymeria (che spero di poter incontrare di persona un giorno).

Salkaner il Nero

unread,
Jan 27, 2005, 5:15:00 AM1/27/05
to
Il 26 Gen 2005, 22:57, Gwindor <gpcanzR...@tiscali.it> ha scritto:

> Nymeria wrote:
>
> > fumogena ben architettata per far passare in secondo piano l'importanza
> > del bastone di Gandalf; la stessa risata con cui Aragorn commenta la
> > richiesta dello stregone mi ricorda una scena a lungo provata tra due
> > attori consumati.
>
> L'ipotesi è interessante, ma penso che in realtà Aragorn avesse scelto
quel
> momento proprio per "dichiararsi", e il rifiuto di abbandonare la spada è
in
> questo senso proprio la prima dimostrazione della sua autorità regale.


se devo esser sincero, mi convince molto di + l'ipotesi di Nymeria.

Dopotutto, autorità regale o meno, Aragorn si trova alle porte della sala
del trono di un sovrano straniero.

--
salkaner il passante

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/

Laurelin

unread,
Jan 27, 2005, 12:32:42 PM1/27/05
to

Nienna <nien...@yapyap.it> wrote

>
> Condivido pienamente questa interpretazione dell'infatuazione di Éowyn
> (perchè di questo si tratta, e non di vero amore). Faramir, da personaggio
> intelligente e sensibile qual è, capisce subito la vera natura dei

> sentimenti di Éowyn per il futuro re, e glielo dice direttamente. Quello
> che accade alla principessa di Rohan accade spesso anche nella vita reale:
> quante volte un presunto sentimento d'amore per qualcuno è invece solo la

> ricerca di una via d'uscita da una situazione intollerabile? Si potrebbe
> dire, in termini moderni, che Éowyn vuole "sistemarsi" - ma non certo per
> motivi economici.

In effetti anche io ho sempre letto questa storia di Eowyn con Aragorn come
un tipico esempio di "cotta" adolescenziale. In realtà, se ci si pensa bene,
Eowyn è cresciuta in un ambiente quasi del tutto maschile (e maschilista) e
si può ipotizzare che, pur avendo 24 anni, la sua femminilità (intesa come
consapevolezza delle proprie caratteristiche fisiche e psicologiche
femminili, nonché come capacità di relazionarsi con l'altro sesso) e
sensibilità emotiva (intesa come capacità di capire e gestire le emozioni,
proprie o altrui) siano rimaste ad un livello molto basso e "infantile", da
adolescente, appunto (Aragorn infatti la trova "bella e fredda, come un
mattino di pallida primavera che non è ancora pervenuto alla piena
femminilità").

A questo va aggiunta la continua frustrazione del proprio valore di persona,
considerata (almeno nella sua percezione: "Io sono della Casa di Eorl, e non
una serva"; "Non sono forse della Casa di Eorl, una guerriera, e non una
balia asciutta?") "più ignobile del bastone a cui il re si appoggiava", dato
che in una società come quella dei Rohirrim l'unico valore riconosciuto era
quello "guerriero" (un po' come per i Vichinghi, per cui solo i morti in
battaglia avevano diritto al Walhalla). Questa frustrazione le fa desiderare
di dimostrare il proprio valore di persona nell'unico modo riconosciuto in
quella società, ossia in battaglia.

E non va dimenticata la (naturale per un adolescente) sensazione di "gabbia"
per ritrovarsi incasellata in un ruolo deciso per lei da altri e di
conseguenza il desiderio di fuggire per mettere alla prova e dimostrare le
proprie capacità ("so cavalcare e maneggiare le armi e non temo né il dolore
né la morte") in barba a quanti, rivestendo il ruolo "genitoriale" (Aragorn,
Theoden, Eomer), vorrebbero proteggerla da eventuali pericoli e delusioni
(una sensazione che condivide con Merry, anche lui lasciato indietro per
proteggerlo). Il tutto unito all'ambizione di fare grandi cose, di
conquistare "la fama, la gloria", che spiega anche in parte il desiderio di
morte di Eowyn _dopo_ lo scontro col Re Stregone: non si tratta solo della
disperazione per non avere Aragorn, ma anche del desiderio tipicamente
adolescenziale di fermare l'attimo di maggior gloria, di bruciare
nell'istante del massimo splendore, senza "piegarsi" ad una quotidianità
tranquilla e serena (e non a caso tanti miti giovanili sono "maledetti", con
una vita "spericolata" e una morte in giovane età, vedi Jim Morrison, James
Dean, et sim.).

In più abbiamo la mancanza di una figura paterna "forte" (Eomund è morto
quando era bambina, Theoden non brilla certo per "presenza" o per energia,
Eomer è sempre lontano e fin troppo protettivo) di cui un adoolescente ha
bisogno tanto per opporvisi (e quindi misurare le proprie forze) quanto per
indentificarvisi (e quindi definire meglio la propria personalità).

Tutte queste caratteristiche sommate sono alla base della clamorosa "cotta"
per Aragorn: si tratta della prima figura maschile al di fuori dell'ambito
familiare (dubito che una come Eowyn si sarebbe "accontentata" di un
qualsiasi guerriero rohirrim) capace di risvegliare i suoi ormoni
addormentati, si tratta della prima figura paterna "forte", si tratta di un
grande guerriero discendente da una stirpe di grandi re... naturale che
Eowyn abbia (come qualunque ragazzina cui capitasse di incontrare il proprio
mito) proiettato su di lui tutto quel marasma di aspettative finora deluse,
di sogni di fuga e di grandezza e di desiderio di dimostrare il proprio
valore che le si agitava dentro da anni. Un "amore" che è in realtà
soprattutto una proiezione egocentrica dei propri bisogni (dice Aragorn a
Eomer: "Ti ama più sinceramente di me, perché ti ama conoscendoti, mentre in
me ama solo un'ombra e un'idea: una speranza di gloria e di grandi gesta e
di terre lontane dai campi di Rohan").

Il che dimostra che chiunque dica che Tolkien non è capace di indagare la
psicologia dei suoi personaggi, è uno che non ha letto il libro...

--
Laurelin@work
#233 dei FeSTosi
"Se il mondo non fosse così pieno di stupidi, avrei molte
più difficoltà a farmi passare per uno intelligente" (Thingol)


Gwindor

unread,
Jan 27, 2005, 2:03:35 PM1/27/05
to
Nienna wrote:

> Mi č piaciuta la versione proposta da Gwindor con "soffrirň",

Grazie

> ma come al
> solito non posso esimermi dal dire la mia quando si parla di traduzioni.
> Proporrei quindi una versione un po' piů libera, ma che conserva comunque
> il significato originario: "Ogni giorno trascorso in attesa del tuo
> ritorno sarŕ per me lungo come un anno ".

Ovviamente va bene anche questa, ma cosě si perde l'apporto del verbo "endure",
che secondo me qui č usato nel significato secondario di "to suffer
continuously" e non in quello primario di "to last", "to sustain".

> E condivido il "perchč, oh
> perchč??" di Nymeria (che spero di poter incontrare di persona un giorno).

Hey Ny, week-end a Roma?

Nymeria

unread,
Jan 27, 2005, 3:41:46 PM1/27/05
to
Sembra che Salkaner il Nero abbia detto :

> se devo esser sincero, mi convince molto di + l'ipotesi di Nymeria.
> Dopotutto, autorità regale o meno, Aragorn si trova alle porte della sala
> del trono di un sovrano straniero.

Grazie per il voto di fiducia ;-)
Sostanzialmente pero' non credo che le due ipotesi siano in
contrapposizione, e potrebbero anzi essere complementari: Aragorn
sceglie questo momento - e questa particolare modalita' - per
dichiararsi, ritenendo che le circostanze siano favorevoli ad una
simile azione; nello stesso tempo fornisce assistenza a Gandalf
affinche' questi possa far passare inosservata la sua "arma segreta"
^__^ e porti a termine il vitale compito di liberare Theoden
dall'influsso di Grima/Saruman.
In un certo senso si potrebbe dire che abbia preso due piccioni con una
spada ... :o)

Nymeria

unread,
Jan 27, 2005, 3:41:46 PM1/27/05
to
Il 27/01/2005, Nienna ha detto :

> Quello che accade alla principessa di Rohan accade spesso anche nella vita

> reale: quante volte un presunto sentimento d'amore per qualcuno è invece

> solo la ricerca di una via d'uscita da una situazione intollerabile?

Triste, ma vero.


> Si potrebbe
> dire, in termini moderni, che Éowyn vuole "sistemarsi" -

O forse riscattarsi: quando Gandalf ipotizza che il veleno di Grima non
fosse riservato solo alle orecchie del re, ricordando la frase
sprezzante di Saruman sulla stirpe di Eorl, si comprende quanta
disistima il "lavoro" di Vermilinguo possa aver seminato.

> "The Uncharted Realms of Tolkien" di Alex Lewis ed Elizabeth Currie, [...]

> il capitolo dice anche altre cose che varrebbe la pena
> leggere e discutere.

Aggiungo anche questo titolo alla luuuuuunga lista dei libri da
acquistare (e fin qui nessun problema) e da leggere (*qui* cominciano i
guai, tempo tiranno !) - Se almeno si trovassero in vendita delle
giornate da 48 ore per riuscire a fare tutto ... ;-)

> Mi è piaciuta la versione proposta da Gwindor con "soffrirò",

Concordo

> Nymeria (che spero di poter incontrare di persona un giorno).

Lo spero anch'io: magari uno dei tuoi prossimi "blitz" a Milano
potrebbe essere la volta buona (ma lo dico sottovoce, per non attirare
gli strali del fato - ultimamente sta guardando troppo dalla mia parte
^__^ ).

Nymeria

unread,
Jan 27, 2005, 3:41:47 PM1/27/05
to
Laurelin ha usato la sua tastiera per scrivere :

<Snip>
Bella analisi !

> Il che dimostra che chiunque dica che Tolkien non è capace di indagare la
> psicologia dei suoi personaggi, è uno che non ha letto il libro...

Concordo - pero' vorrei spezzare una lancia in favore di chi puo' aver
effettuato una lettura affrettata: solo ora riesco a cogliere
pienamente molti dei particolari che mi sono sfuggiti (forse per
superficialita' ?) nel corso delle letture precedenti; il fatto di
dover raccogliere le mie idee e di dare loro una forma coerente (piu' o
meno ^__^) mi sta aiutando a comprendere molte sfaccettature che prima
non avevo notato.

Nymeria

unread,
Jan 27, 2005, 3:41:48 PM1/27/05
to
Gwindor ha usato la sua tastiera per scrivere :

> Nienna wrote:
>> Nymeria (che spero di poter incontrare di persona un giorno).
>
> Hey Ny, week-end a Roma?

Sara' difficile ... non sono ancora riuscita ad incontrare i Bolgeri,
pur abitando a Milano !
Ma come dice il saggio: "mai dire mai" :-)

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 27, 2005, 5:31:29 PM1/27/05
to
Nienna wrote:
> Eh, eh, ormai il mio braccio destro (armato anche lui, e molto più di
me!)

Armato? Non ancora, non ancora... Anche se una bella claymore appeso al
muro non mi dispiacerebbe. :-)

> è specialista nel creare anticipazioni e acquoline in bocca...

L'ho detto che avrei spammato... :-)

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 27, 2005, 5:31:31 PM1/27/05
to
Laurelin wrote:
[CUT]

> Il che dimostra che chiunque dica che Tolkien non è capace di indagare
la
> psicologia dei suoi personaggi, è uno che non ha letto il libro...

A proposito... Ma Blind Jack che fine ha fatto? :-)


Mae aur!
--
Tarabas Hunnaur - 10° deI FeSTosi - Referente Smial Bolgeri

"Ah, tutto accade una volta soltanto, ma una volta, sì, deve accadere…"

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 27, 2005, 5:31:31 PM1/27/05
to
Nymeria wrote:
> Sara' difficile ... non sono ancora riuscita ad incontrare i Bolgeri,
> pur abitando a Milano !

Non vieni nemmeno a febbraio? Seconda domenica del mese, ore 15,00, Old
Fox Pub (MM2 S. Agostino).


Mae aur!
--
Tarabas Hunnaur - 10° deI FeSTosi - Referente Smial Bolgeri

"Ah, tutto accade una volta soltanto, ma una volta, sì, deve accadere."

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 27, 2005, 5:31:30 PM1/27/05
to
Nymeria wrote:
> Purtroppo non ho letto Beowulf - non ancora... E piu' ne sento
parlare,
> piu' soffro per questa mancanza: bisogna che corra al piu' presto ai
> ripari !

Sicuramente: oltre ad essere godibilissimo come poema, è veramente una
(se non LA) fonte principale delle opere tolkieniane.

> _Sapevo_ che l'avresti detto ! :D :D

Dai, che l'attesa non è poi così lunga. ;-)

Mandos

unread,
Jan 27, 2005, 5:31:25 PM1/27/05
to
In data Wed, 26 Jan 2005 23:13:43 +0100, Nymeria ha scritto:

> LOL ! Me lo immagino come un monaco amanuense, curvo su un tomo da 25
> kg. che contiene tutte le nostre segnalazioni ! :-)

Un file excell e` piu` comodo e versatile


--
Mandos - #11 deI FeSTosi, IAFO, LIstaro, Referente del clan Proudneck (Roma)
"Few can foresee whither their road will lead them, till they come to its
end."
(Legolas)

Gnomo

unread,
Jan 28, 2005, 4:26:18 AM1/28/05
to
"Nymeria" wrote ...

> Eowyn dice a Theoden "A year shall I endure for every day that passes
> until your return", mentre nella versione italiana troviamo "Resistero'
> un anno, giorno per giorno, sino al tuo ritorno" - perche', oh, perche'

... "sino al vostro ritorno, ogni giorno mi pesera' come un anno"...?

Non ho letto la versione italiana, ma in originale, pur trattandosi
dello zio, gli si rivolge sempre come a un re (l'equivalente del "voi")...

--
Gnomo
(...any way the wind blows...)

Nymeria

unread,
Jan 28, 2005, 10:56:42 AM1/28/05
to
Gnomo ha usato la sua tastiera per scrivere :

> ... "sino al vostro ritorno, ogni giorno mi pesera' come un anno"...?
>
> Non ho letto la versione italiana, ma in originale, pur trattandosi
> dello zio, gli si rivolge sempre come a un re (l'equivalente del "voi")...

La mia lamentazione era rivolta, piu' che all'uso del "tu" in
contrapposzione ad un tono piu' formale, allo stravolgimento della
frase, per il quale non riesco a vedere una motivazione valida ...(il
tutto sempre nel rispetto delle scelte della traduttrice, naturalmente
^__^)

Nymeria

unread,
Jan 28, 2005, 10:56:45 AM1/28/05
to
Sembra che Tarabas Hunnaur abbia detto :

> Non vieni nemmeno a febbraio?

L'intenzione c'e' - eccome ! Spero solo che Melkor abbia esaurito le
maledizioni, o che si decida a guardare da un'altra parte, tanto per
cambiare ;-)

Nymeria

unread,
Jan 28, 2005, 10:56:44 AM1/28/05
to
Mandos ha usato la sua tastiera per scrivere :

>> LOL ! Me lo immagino come un monaco amanuense, curvo su un tomo
>

> Un file excell e` piu` comodo e versatile

Ma cosi' poco romantico !! ;-) ;-)

Nymeria

unread,
Jan 28, 2005, 10:56:43 AM1/28/05
to
Sembra che Tarabas Hunnaur abbia detto :

> Sicuramente: oltre ad essere godibilissimo come poema, è veramente una


> (se non LA) fonte principale delle opere tolkieniane.

Tra breve mi sa che bussero' alla porta di Amazon ...

> Dai, che l'attesa non è poi così lunga. ;-)

Quantificare, please ! :o)

Cirdan

unread,
Jan 28, 2005, 3:25:29 PM1/28/05
to
Ascoltavo il rumore del mare quando comMandos scrisse...

c> b) mina che denota a comando

Cioè indica le cose a comando?

--
Atrus Cirdan, #33 deI FeSTosi
(2B) | (!2B)
- William Shakespeare
http://atrus.auroraproject.net

comMandos

unread,
Jan 27, 2005, 6:00:45 PM1/27/05
to
In data Thu, 27 Jan 2005 22:31:29 GMT, Tarabas Hunnaur ha scritto:

> Armato? Non ancora, non ancora... Anche se una bella claymore appeso al
> muro non mi dispiacerebbe. :-)

Pero` il comando di detonazione lo teniamo noi lo teniamo noi
:-)


Nota
claymore:
a) arma bianca scozzese (me par)
b) mina che denota a comando (comando a distanza tramite filo)


--
comMandos (by Mandos)
"They, too, fought and died bravely. They were a worthy enemy. [...] This is
our story. And theirs. For we were soldiers once ... and young.
Lt. Gen. Harold G. Moore (Ret.)

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 30, 2005, 3:46:08 AM1/30/05
to
Nymeria wrote:
> Quantificare, please ! :o)

Purtroppo al momento non sappiamo ancora dare date.
Cla, cosa dici?
Mae aur!

Tarabasa all'Ovest

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 30, 2005, 3:46:09 AM1/30/05
to
Nymeria wrote:
> L'intenzione c'e' - eccome !

E allora forza! "Where there is a will, a way opens" come dice il Prof.
;-)

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 30, 2005, 3:46:09 AM1/30/05
to
comMandos wrote:
> claymore:
> a) arma bianca scozzese (me par)

Right. Spadone ad una sola lama.

Baccador

unread,
Jan 30, 2005, 4:23:50 AM1/30/05
to

"Tarabas Hunnaur" ha scritto

> Tarabasa all'Ovest

E chi è questo Tarabasa?

--
Bacca


comMandos

unread,
Jan 30, 2005, 6:11:10 AM1/30/05
to
In data Sun, 30 Jan 2005 08:46:09 GMT, Tarabas Hunnaur ha scritto:

> Right. Spadone ad una sola lama.

Spade a piu` lame???

Le spae dell'esercito svizzero?
:-)


Piu` seriamente, intendevi ad una mano, ad un solo taglio o proprio "a una
sola lama"?

--
comMandos (by Mandos)
"Tutti avevano la faccia del Cristo nella livida aureola dell'elmetto.
Tutti portavano l'insegna del supplizio nella croce della baionetta e
nelle tasche il pane dell'ultima cena e nella gola il pianto
dell'ultimo addio" (Anonimo - galleria del Castelletto)

Nymeria

unread,
Jan 30, 2005, 5:21:18 AM1/30/05
to
Nel suo scritto precedente, Tarabas Hunnaur ha detto :

> E allora forza! "Where there is a will, a way opens" come dice il Prof.

Ma a volte "The way is shut" ....
:o)

Fritz Tegularius

unread,
Jan 30, 2005, 8:08:32 AM1/30/05
to
On Sun, 30 Jan 2005 12:11:10 +0100, comMandos <norbe...@vene.ws>
wrote:

>Spade a piu` lame???
>
>Le spae dell'esercito svizzero?
>:-)

No no. Vedi "La spada a tre lame":
http://www.cinefile.biz/3lame.htm
Io posso vantarmi di aver visto questo film e di essere qui oggi a
raccontarlo.

ciao ciao
Fritz aka Giacomo

Cirdan

unread,
Jan 30, 2005, 8:13:05 AM1/30/05
to
Ascoltavo il rumore del mare quando comMandos scrisse...

c> Piu` seriamente, intendevi ad una mano, ad un solo taglio o proprio "a
c> una sola lama"?

Direi la seconda.

--
Atrus Cirdan, #33 deI FeSTosi

"Stand at the crossroads and look; ask for the ancient paths,
ask where the good way is, and walk in it,
and you will find rest for your souls" (Jeremiah 6,16)
http://haven.auroraproject.net

Soronel l'Araldo

unread,
Jan 30, 2005, 9:08:46 AM1/30/05
to
Il mio avvocato samoano di 120 kg mi dice che Fritz Tegularius ha scritto:

> No no. Vedi "La spada a tre lame":
> http://www.cinefile.biz/3lame.htm
> Io posso vantarmi di aver visto questo film e di essere qui oggi a
> raccontarlo.

Me too.

--
Soronel l'Araldo - http://xoomer.virgilio.it/soronel/
"Colline bianche e solchi misteriosi
dove si appuntano gli sguardi dei golosi"

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 30, 2005, 5:17:19 PM1/30/05
to
Baccador wrote:
> E chi è questo Tarabasa?

E' il genitivo norreno. ;-P


Mae aur!
--
Tarabas Hunnaur - 10° deI FeSTosi - Referente Smial Bolgeri

"Ah, tutto accade una volta soltanto, ma una volta, sì, deve accadere…"

Tarabas Hunnaur

unread,
Jan 30, 2005, 5:17:19 PM1/30/05
to
comMandos wrote:
> Piu` seriamente, intendevi ad una mano, ad un solo taglio o proprio "a
una
> sola lama"?

La seconda. :-)


Mae aur!
--
Tarabas Hunnaur - 10° deI FeSTosi - Referente Smial Bolgeri

"Ah, tutto accade una volta soltanto, ma una volta, sģ, deve accadere."

Baccador

unread,
Jan 31, 2005, 4:11:18 AM1/31/05
to

"Tarabas Hunnaur" ha scritto:

> E' il genitivo norreno. ;-P

Lol, ottima risposta!

--
Bacca


Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages