[ENG] 8: "Titus' Will" (Il Testamento di Tito)

39 visualizzazioni
Passa al primo messaggio da leggere

Riccardo Venturi

da leggere,
14 gen 2000, 03:00:0014/01/00
a

I dieci comandamenti sono stati riportati nella forma biblica della
"Authorized Version" di Re Giacomo I (per fortuna si adattano
piuttosto bene alla metrica).
_________________________________________________________

TITUS’ WILL (Il Testamento di Tito)

First, Thou shalt have no God but Me.
This often made me reflect,
Strangers who came from East unto me
Said 'twas the very same thing;
Though they believ’d in a different god,
No harm have they done to me,
Though they believ’d in a different god
No harm have they done to me.

Thou shalt not take the name of the Lord,
The name of thy God, in vain.
Nay, when a dagger did pierce my side
My pain and thy Name did I shout;
But the Lord, maybe, He was busy or was tir’d
And did not hear all my pain,
But He was, maybe, so distant and tir’d,
I took, really, His name in vain.

Thou shalt honour thy Father and Mother,
Thou shalt honour their stick, too,
And kiss the hand that broke your nose
When you asked them them for some food;
When my father’s heart ceased to beat
I did not feel any grief,
When my father’s heart ceased to beat
I did not feel any grief.

Thou shalt hallow the Lord’s holy days,
‘twas easy for a thief like me
To get into temples resounding with psalms
Of slaves, of their masters and all;
Yet I’ve never laid bound to an altar in chains
To be slaughter’d like a sheep,
Yet I’ve never laid bound to an altar in chains
To be slaughter’d like a sheep.

Fifth commandment: Thou shalt not steal,
And this must I have kept, for sure,
When I cleanėd out the pockets and purses
Of many an authorised thief,
But I was an outlaw and robb’d in my own name,
The others, in the name of the Lord,
But I was an outlaw and robb’d in my own name,
The others, in the name of the Lord.

Thou shalt not commit impure acts,
That is, do not waste your semen;
Get a woman pregnant anytime you love her,
So you will be a man full of faith;
Then lust disappears and the child remains
And many do starve by hunger;
I’ve often confused my pleasure with love
But I have created no sorrow.

Seventh commandment: Thou shalt not kill
If you want to ascend into Heaven;
Well, see how this holy Commandment of God
Was nail’d thrice to a wooden cross;
Look at this Nazarene dying in pain
And a thief’s dying the same death,
Look at this Nazaren dying in pain
And a thief’s dying the same death.

Thou shalt not bear false witness, yes,.
And you will help them kill someone;
They all know the Laws of God by heart
But always forget their forgiveness;
I’ve perjured by God and my word
And I don’t regret it, I don’t,
I’ve perjured by God and my word
And I don’t regret it and won’t.

Thou shalt not covet other people’s things,
Nor lust after another man’s wife;
Go tell it to those most lucky of men
Who do have a woman and wealth,
In other men’s beds, in the warmth of love
I did not feel any regret,
Yesterday’s envy isn’t all over yet,
Today I envy you your life.

But now that the evening is drawing near
To release my eyes from pain,
And the sun is slipping down beyond the clouds
To violate other nights,
I’m looking, mother, at this dying man,
Mother, I’m now feeling grief,
In the compassion not yielding to grudge
Mother, I am learning to love.
______________________________________________________

> Riccardo Venturi <05868...@iol.it>
> Er muoz gelīchesame die leiter abewerfen
> So er an īr ūfgestigen ist (Vogelweide)
> MAILTO: rven...@sysnet.it


Loderingo

da leggere,
15 gen 2000, 03:00:0015/01/00
a

Riccardo Venturi <05868...@iol.it> ha scritto nel messaggio
<387fb39f...@diesel.cu.mi.it>...

>
>I dieci comandamenti sono stati riportati nella forma biblica della
>"Authorized Version" di Re Giacomo I (per fortuna si adattano
>piuttosto bene alla metrica).

Ciao, lungi da me l'idea di fare il presuntuoso, vorrei comunque, sperando
sia consentito, dare una possibile alternativa alla tua traduzione.

>_________________________________________________________
>
>TITUS’ WILL (Il Testamento di Tito)

The testament of Titus (testament mi sembra meglio, visto che il termine si
usa qui in senso non strettamente legalistico)


>
>First, Thou shalt have no God but Me.
>This often made me reflect,

(often this thing made me think)


>Strangers who came from East unto me

(Different people, come from the East)


>Said 'twas the very same thing;

(said that it was just the same)


>Though they believ’d in a different god,
>No harm have they done to me,

(they haven't done me no harm)


>Though they believ’d in a different god
>No harm have they done to me.
>
>Thou shalt not take the name of the Lord,

(thou shalt not name the name of the Lord)


>The name of thy God, in vain.

(thou shalt not name it in vain)


>Nay, when a dagger did pierce my side

(well, with a knife stuck in my side)


>My pain and thy Name did I shout;

(I cried out my pain and His Name)


>But the Lord, maybe, He was busy or was tir’d

(But maybe he was busy, maybe too tired)


>And did not hear all my pain,

(and didn't hearken my pain)


>But He was, maybe, so distant and tir’d,
>I took, really, His name in vain.

(I really named him in vain)


>
>Thou shalt honour thy Father and Mother,
>Thou shalt honour their stick, too,

(and thou shalt honour their stick)


>And kiss the hand that broke your nose

(go kiss the hand that broke thy nose)


>When you asked them them for some food;

(that time you asked it for food)


>When my father’s heart ceased to beat

(when it stopped beating, my father's heart)


>I did not feel any grief,

(I did not feel pain at all)


>When my father’s heart ceased to beat
>I did not feel any grief.
>
>Thou shalt hallow the Lord’s holy days,
>‘twas easy for a thief like me

(easy for thieves such as I)


>To get into temples resounding with psalms

(get into temples crammčd with psalms)


>Of slaves, of their masters and all;

(sung by all, masters and slaves)


>Yet I’ve never laid bound to an altar in chains

(without being brought chained to the altars)


>To be slaughter’d like a sheep,

(throat-cut like livestok to death)


>Yet I’ve never laid bound to an altar in chains
>To be slaughter’d like a sheep.
>
>Fifth commandment: Thou shalt not steal,

(And then the fifth: thou shalt not steal)


>And this must I have kept, for sure,

(the one, haply, I did not wrong)


>When I cleanėd out the pockets and purses

(silently emptying the purses well-fed)


>Of many an authorised thief,
>But I was an outlaw and robb’d in my own name,
>The others, in the name of the Lord,

(the others they robbed in the Lord's)


>But I was an outlaw and robb’d in my own name,
>The others, in the name of the Lord.
>
>Thou shalt not commit impure acts,

>That is, do not waste your semen; (sperm)


>Get a woman pregnant anytime you love her,

(make your wife pregnant each time you love her)


>So you will be a man full of faith;

(and you'll be faithful to God)


>Then lust disappears and the child remains

(then goes desire, then stays the child)


>And many do starve by hunger;

(starving by thousands and more)


>I’ve often confused my pleasure with love

(So I know I mistook pleasure for love)


>But I have created no sorrow.

(but did not create no pain)


>
>Seventh commandment: Thou shalt not kill
>If you want to ascend into Heaven;

(if you want heaven deserve)


>Well, see how this holy Commandment of God

(You see today, the first law of God)


>Was nail’d thrice to a wooden cross;

(thrice has been nailed to this wood)


>Look at this Nazarene dying in pain

(look at the agony of that nazarene)


>And a thief’s dying the same death,

(no less by him dies a thief)


>Look at this Nazaren dying in pain
>And a thief’s dying the same death.
>
>Thou shalt not bear false witness, yes,.
>And you will help them kill someone;

(help them though to kill a man)


>They all know the Laws of God by heart

(they know by heart all of God's Law)


>But always forget their forgiveness;

(mercy though often forget)


>I’ve perjured by God and my word

(I've swearčd false by God and by me)


>And I don’t regret it, I don’t,

(but I cant'n feel no remorse)


>I’ve perjured by God and my word
>And I don’t regret it and won’t.
>
>Thou shalt not covet other people’s things,
>Nor lust after another man’s wife;
>Go tell it to those most lucky of men

(tell this to those, ask it the few)


>Who do have a woman and wealth,

(having both women and wealth)


>In other men’s beds, in the warmth of love

(In other men's beds, still warm of love)


>I did not feel any regret,

(I didn't feel no remorse)
>Yesterday’s envy isn’t all over yet, (is not over yet)


>Today I envy you your life.

(today what I envy is your life)


>
>But now that the evening is drawing near

(but now the evening darkness draws near)


>To release my eyes from pain,

(washing the pain from my eyes)


>And the sun is slipping down beyond the clouds

(slides down the sun, beyond the dunes)
>To violate other nights,
(ready to rape other nights)


>I’m looking, mother, at this dying man,

(I, looking now at this man's agony)


>Mother, I’m now feeling grief,

(Mother, yeah, I feel the pain)


>In the compassion not yielding to grudge

(moved to a pity not yielding to grudge)


>Mother, I am learning to love.

Beh, io ci ho provato. Ci saranno errori, ma l'ho fatta un po' di fretta. Se
ti dovesse servire qualche chiarimento sulle mie scelte fammelo sapere.
ciao

LODERINGO
****************************************
...io sono accusato, ma non posso trovare la piu' piccola colpa
per la quale mi si potrebbe accusare. Ma neppure questo
e' l'essenziale, la cosa che conta e': da chi sono accusato?
Quale autorita' istruisce il processo?

Franz Kafka


Riccardo Venturi

da leggere,
15 gen 2000, 03:00:0015/01/00
a

>Ciao, lungi da me l'idea di fare il presuntuoso, vorrei comunque, sperando
>sia consentito, dare una possibile alternativa alla tua traduzione.

Salve a te.
E perché non dovrebbe essere consentito? Anzi, ho sempre incoraggiato
soluzioni alternative. Il fine è quella di una buona traduzione delle
canzoni di Fabrizio, quello e basta.
Per esempio, alcune delle tue soluzioni mi sembrano buone o perlomeno
accettabili, e quindi le accolgo e le inserisco a formare questa
versione alternativa; altre mi sembrano meno buone (e semplicemente le
ignoro), mentre altre ancora sono a mio parere da respingere e/o
scorrette (ed in questo caso te ne do rigorosa motivazione).
Il tutto, ovviamente, in piena libertà e spirito di collaborazione.
Tieni solo presente che in certe cose sono abituato a fare il pelino
nell'uovo, è una mia deformazione professionale (accettando poi
serenamente che altri lo facciano a me, ovvio).
_________________________________________________________

TITUS’ WILL (Il Testamento di Tito)

>The testament of Titus (testament mi sembra meglio, visto che il termine si
>usa qui in senso non strettamente legalistico)

No, guarda che "Testament" in inglese significa esclusivamente "Patto"
oppure "Testamento" nel senso dell'Antico e del Nuovo testamento. Qui
si tratta di un lascito spirituale, per il quale si usa il termine
giuridico a meno di non voler usare (e mi sembrerebbe una forzatura)
il francesismo "Lais". Resta quindi "Titus' Will".

First, Thou shalt have no God but Me.

Often this thing made me think
Different people, come from the East


said that it was just the same

Though they believ’d in a different god,

they haven't done me no harm

Though they believ’d in a different god
No harm have they done to me.

>(thou shalt not name the name of the Lord)

No, il secondo comandamento non ha mai avuto questa forma in inglese
(a parte la brutta tautologia di "name the name").

Thou shalt not take the name of the Lord,

The name of thy God, in vain.

Nay, when a dagger did pierce my side

I cried out my pain and His Name;
But maybe He was busy, or maybe too tired


And did not hear all my pain,

>(and didn't hearken my pain)

No. "Hearken" (anche "harken") è un imperativo difettivo che si usa
(arcaicamente) esclusivamente nelle allocuzioni retoriche. È ad
esempio frequente nelle antiche ballate quando il cantore chiede
l'attenzione dell'uditorio: "Hearken! There was a queen and a king"
etc. (non ti stupire per il verbo al singolare: è proprio così!).

But He was, maybe, so distant and tir’d,
I took, really, His name in vain.

Thou shalt honour thy Father and Mother,
Thou shalt honour their stick, too,

>(and thou shalt honour their stick)

Non è scorretto, ma salta completamente la metrica.



And kiss the hand that broke your nose

>That time you asked them for food
(Qui accolgo la tua versione correggendo solo lo "asked it" in "asked
them". Si trattava evidentemente di una svista).


When my father’s heart ceased to beat

>(when it stopped beating, my father's heart)

No, questo verso è assolutamente inconsistente dal punto di vista
sintattico. Nel tradurre poetico è possibile sicuramente prendersi
alcune libertà, ma senza violentare troppo la sintassi.
L'anticipazione del soggetto con "it" è normalmente seguita da
un'infinitiva o da una relativa, non dal soggetto della proposizione.

I did not feel pain at all

When my father’s heart ceased to beat

I did not feel pain at all.


Thou shalt hallow the Lord’s holy days,
‘twas easy for a thief like me

>(easy for thieves such as I)

Ci avevo pensato anche io a una cosa del genere, ma quell'aggettivo
neutro senza soggetto mi stona alquanto. Inoltre: "facile per noi
ladroni" è un plurale retorico, è evidente che Tito si riferisce a se
stesso. Quindi, caso mai, " ('twas) easy for a thief such as I".
Continuo comunque a preferire la mia soluzione.

T get into temples resounding with psalms
>(get into temples crammèd with psalms)
Uhm..."templi stipati di salmi". Ci devo pensare.

Of slaves, of their masters and all;

Yet I’ve never laid bound to an altar in chains

>(without being brought chained to the altars)

Salta completamente la metrica.

To be slaughter’d like a sheep,

>(throat-cut like livestok to death)

No. (PS: si scrive "livestoCk", comunque). A mio parere non si può
forzare l'espressione "to cut (o: slit) the throat" in un participio
composto.

Yet I’ve never laid bound to an altar in chains
To be slaughter’d like a sheep.
Fifth commandment: Thou shalt not steal,

And this must I have kept, for sure,

>(the one, haply, I did not wrong)

"Haply" vuol dire "forse = per caso". Non per niente entra nel
sostantivo/aggettivo "haphazard".

When I cleanëd out the pockets and purses

>(silently emptying the purses well-fed)

Casomai "emptying out", ma il verso mi sembra comunque un po' troppo
"aulico" (o perlomeno mi dà questa impressione).

O many an authorised thief,


But I was an outlaw and robb’d in my own name,
The others, in the name of the Lord,

But I was an outlaw and robb’d in my own name,
The others, in the name of the Lord.

Thou shalt not commit impure acts,
>That is, do not waste your semen

La frase biblica è "thou shalt not waste thy semen". Avrai sicuramente
capito che ho lasciato quante più espressioni bibliche mi è stato
possibile..

Get a woman pregnant anytime you love her,

>(make your wife pregnant each time you love her)

Nel testo di Fabrizo de André si parla di "una donna", non della
propria moglie. Inoltre, "make pregnant" non mi suona benissimo,
"mettere incinta" è "get pregnant" (oppure: "get into trouble", più
familiarmente "get with child" o "get with baby").

>and you will be faithful to God
Accolgo la tua versione ma sostituisco "you will" a "you'll" per
questioni metriche.

Then lust disappears and the child remains

>Then goes desire, then stays the child
Possibile a parte il verbo "stay" (che è "rimanere" solo nel senso di
"essere trattenuto" /to stay at dinner/ o "soggiornare" /I stayed two
weeks there/); Inoltre vedi il tuo verso successivo.

And many do starve by hunger;

>(starving by thousands and more)

Incongruenza grammaticale; nel verso prima c'è "the child", in quello
dopo "by thousands".

I’ve often confused my pleasure with love

>(So I know I mistook pleasure for love)

"Mistake" vuol dire: 1) Scambiare qualcuno per un altro; 2)
Fraintendere; 3) Farsi un'idea sbagliata su qualcuno o qualcosa.
Attenzione.

But I have created no sorrow.

>(but did not create no pain)

Loderingo alias WW, che mi combini qui??? Mi metti due negazioni???
C'è inoltre la questione del tempo verbale; trattandosi di un passato
generico, ci sta meglio il perfect tense (il past tense necessita
generalmente di una specificazione temporale).

Seventh commandment: Thou shalt not kill

Otherwise, you won't deserve Heaven
If you want heaven deserve;


Well, see how this holy Commandment of God

Was nail’d thrice to a wooden cross;

Look at this Nazarene dying in pain

>look at the agony of that nazarene)
Non sarebbe male, però ricordati di scrivere "Nazarene" con l'iniziale
maiuscola. Oltre ad essere un appellativo del Signore, è anche un
sostantivo etnico (= di Nazareth).

And a thief’s dying the same death,

>(no less by him dies a thief)

A parte che avresti dovuto mettere la progressive form ( "no less by
him is dying a thief" ), mi sembra che il senso sia differente.
"Guardate la fine di quel Nazareno / E un ladro non muore di meno" mi
sembra diverso da "nondimeno un ladro muore accanto a lui". "E un
ladro non muore di meno" vuol dire "un ladro sta facendo la sua stessa
(vergognosa) fine".

Look at this Nazaren dying in pain
And a thief’s dying the same death.
Thou shalt not bear false witness, yes,.

Help them though to kill a man
They know by heart all of God's Law


But always forget their forgiveness;

I’ve sworn false by God and my honour

>(I've swearèd false by God and by me)
Loderingo???? Ma si può sapere che ti piglia??
1) Il verbo "swear" è un verbo irregolare (o "forte") !!! "Swear,
swore, SWORN". Quindi, "I have SWORN false" (e accolgo peraltro la tua
versione);
2) "By me" vuol dire "accanto a me" (stand by me). Casomai "by
myself", ma non si usa. Avevo messo "by my word", ma con "swear" suona
male; ho quindi restaurato il "sul mio onore".

>But I cant'n feel no remorse
E aridaje con la doppia negazione. O metti "I can't feel remorse", o
"I can feel no remorse". Tertium non datur, e sarà meglio che tu ci
faccia un po' più di attenzione.
Mondata la cosa, accolgo peraltro la tua soluzione.

But I can feel no remorse,
I have sworn false by God and my honour
But, nay, I can feel no remorse.

Thou shalt not covet other people’s things,
Nor lust after another man’s wife;
Go tell it to those most lucky of men

Who do have a woman and wealth,

>In other men's beds, still warm of love
Accolgo la tua versione, ma si dice "warm WITH love".

In other men's beds, still warm with love,

>(I didn't feel no remorse)

Terza doppia negazione.

I did not feel remorse,


Yesterday’s envy isn’t all over yet

Today I envy you your life.

But now that the evening is drawing near

>(but now the evening darkness draws near)

Con "now that" è obbligatoria la progressive form. Se ci pensi bene è
pure logico.
Washing the pain from my eyes)
And the sun is sliding down beyond the dunes

>(slides down the sun, beyond the dunes)

Prima cosa: mi sono sbagliato io, il sole scivola "al di là dalle
dune", non "dalle nubi". Correggo quindi di conseguenza.
Accolgo anche il verbo "slide down", che però ) metto nella
progressive form perché è sempre in dipendenza di "now that" (vedi
sopra.

To violate other nights,

>ready to rape other nights
Un po' forte. "Rape" è proprio "stuprare" come atto fisico. Non mi
sembra il caso di usarlo qui, bisogna mettersi un po' anche dal lato
dell'inglese, non solo da quello di De André.
Peccato perché quel "ready to" ci stava bene; ma con "violate" salta
la metrica.

I’m looking, mother, at this dying man,

Mother, I’m now feeling grief,

Moved to pity not yielding to grudge

>(moved to a pity not yielding to grudge)

Come vedi ho accolto la tua versione con una correzione. "Pity" nel
senso di "pietà" è un "uncountable noun" e non può essere preceduto da
nessun articolo o determinante; come "countable noun" significa solo
"peccato, dispiacere" (what A pity!).

Mother, I am learning to love.

>Beh, io ci ho provato. Ci saranno errori, ma l'ho fatta un po' di fretta. Se
>ti dovesse servire qualche chiarimento sulle mie scelte fammelo sapere.
>ciao

E hai fatto comunque bene a provarci. Ho accolto volentieri alcune tue
soluzioni (particolarmente bella quel "moved to pity" ecc., errore a
parte). Ti devo solo dire che la fretta è mortale nemica di ogni
traduzione. Nessuno ti corre dietro, se ci vorrai riprovare cerca di
riguardare bene il testo e di ragionarci sopra. Non tanto per quella o
quell'altra soluzione, ma per evitare di annegare nel classico
bicchier d'acqua :-)))

Ciao e alla prox.

> Riccardo Venturi <05868...@iol.it>
> Er muoz gelîchesame die leiter abewerfen
> So er an îr ûfgestigen ist (Vogelweide)
> MAILTO: rven...@sysnet.it


WalterPi

da leggere,
16 gen 2000, 03:00:0016/01/00
a

Complimenti a tutt'e due.
Mi piace l'inglese (anche se arranco un poco) e mi piace De Andrč. Queste
discussioni sono di un godimento unico. Spero che Riccardo continui a
postare traduzioni cosě amorevoli e competenti da incantare e che magari
anche Loderingo ne posti qualcuna, oltre a raffinarsi vicendevolmente.

Io poi provvederň, come al solito, a mettere il tutto sul mio sito dedicato
a Faber, nella pagina per gli anglosassoni (sempre che nessuno di voi abbia
da ridire).
Grazie ancora!
walterpi

http://deandre.freeservers.com
http://walterpi.supereva.it

Loderingo

da leggere,
16 gen 2000, 03:00:0016/01/00
a

Riccardo Venturi <05868...@iol.it> ha scritto nel messaggio
<3880be88...@diesel.cu.mi.it>...

>
>
nell'uovo, è una mia deformazione professionale

non ricordo che fai

>>The testament of Titus (testament mi sembra meglio, visto che il termine
si
>>usa qui in senso non strettamente legalistico)
>No, guarda che "Testament" in inglese significa esclusivamente "Patto"
>oppure "Testamento" nel senso dell'Antico e del Nuovo testamento.

E' vero che Testament e' poco usato, se non nell'espressione "Last will and
testament", pero' cio' non toglie che possa essere utilizzato (come mi
conferma il Webster's Dictionary), e il fatto che abbia anche un rimando
biblico mi sembra positivo.

>Though they believ’d in a different god,
>they haven't done me no harm
>Though they believ’d in a different god
>No harm have they done to me.

Sono sempre contrario a tradurre con due espressioni diverse due frasi che
nella versione originale sono identiche.

>No, il secondo comandamento non ha mai avuto questa forma in inglese
>(a parte la brutta tautologia di "name the name").

Conservare la lettera dei comandamenti non mi sembrava indispensabile (e a
dirla tutta non ho una versione inglese della Bibbia, e quindi non conoscevo
la forma inglese del comandamento:) )
Cmq De Andre' usa la tautologia (o figura etimologica) di cui tu parli
(nominare il nome)

>
>>(and didn't hearken my pain)
>No. "Hearken" (anche "harken") è un imperativo difettivo che si usa
>(arcaicamente) esclusivamente nelle allocuzioni retoriche.

Posso citare un esempio a mio favore:

"For man will hearken to his glozing lies"
dal Paradiso Perduto di John Milton

>>(and thou shalt honour their stick)
>Non è scorretto, ma salta completamente la metrica.

Non ho capito bene se stai usando una metrica precisa ovvero se stai solo
cercando di far si' che il tutto sia cantabile. Let me know!

(Qui accolgo la tua versione correggendo solo lo "asked it" in "asked
>them". Si trattava evidentemente di una svista).

No. Nell'originale De Andre' dice:
bacia la mano...
perche' LE chiedevi
(dunque asked IT, la mano)

>>(when it stopped beating, my father's heart)
>No, questo verso è assolutamente inconsistente dal punto di vista
>sintattico. Nel tradurre poetico è possibile sicuramente prendersi
>alcune libertà, ma senza violentare troppo la sintassi.

Scusa, ma non sono per niente d'accordo (e quando mai? dirai tu). Non c'e'
nessun errore, imho. La frase e' chiarissima, e anche se al momento non mi
viene in mente un esempio che possa suffragare la mia opinione, sono certo
che ne esistano molti. Quindi mi tengo il mio errore (errare e' umano,
perseverare diabolico, ehehehe).

>To be slaughter’d like a sheep,
>
>>(throat-cut like livestok to death)
>No. (PS: si scrive "livestoCk", comunque)

Ops, mi e' saltata una "c".

. A mio parere non si può
>forzare l'espressione "to cut (o: slit) the throat" in un participio
>composto.

La cosa che mi piace dell'inglese e' che consente operazioni del genere.

>>(the one, haply, I did not wrong)
>"Haply" vuol dire "forse = per caso". Non per niente entra nel
>sostantivo/aggettivo "haphazard".

Neanche io ero troppo convinto di questa soluzione.


>>(silently emptying the purses well-fed)
>Casomai "emptying out", ma il verso mi sembra comunque un po' troppo
>"aulico" (o perlomeno mi dà questa impressione).

Non so, in ogni caso to empty non ha alcun bisogno di essere seguito da out
per tradurre l'italiano "vuotare" o "svuotare". Puoi aggiungere out, non e'
un errore, ma empty va benissimo anche da solo (He emptied his glass).


>La frase biblica è "thou shalt not waste thy semen". Avrai sicuramente
>capito che ho lasciato quante più espressioni bibliche mi è stato
>possibile..

Oh yeah


>>(make your wife pregnant each time you love her)
>Nel testo di Fabrizo de André si parla di "una donna", non della
>propria moglie.

Si, ci avevo pensato.

Inoltre, "make pregnant" non mi suona benissimo,

Non lo so. Devo ammettere che non conosco l'espressione "mettere incinta".
Non ne conosco l'equivalente inglese, intendo.

>Then lust disappears and the child remains
>
>>Then goes desire, then stays the child
>Possibile a parte il verbo "stay" (che è "rimanere" solo nel senso di
>"essere trattenuto" /to stay at dinner/ o "soggiornare" /I stayed two
>weeks there/);

si', stays non mi piaceva troppo come soluzione.
In effetti e' proprio un errore.

>>(starving by thousands and more)
>Incongruenza grammaticale; nel verso prima c'è "the child", in quello
>dopo "by thousands".

Hai ragione.

>>(So I know I mistook pleasure for love)
>"Mistake" vuol dire: 1) Scambiare qualcuno per un altro; 2)
>Fraintendere; 3) Farsi un'idea sbagliata su qualcuno o qualcosa.

No, ricorro ancora all'amato Webster's:
mistake: to take (someone or something) to be another. Quindi mi sembra
applicabile al nostro caso.

>>(but did not create no pain)
>Loderingo alias WW, che mi combini qui??? Mi metti due negazioni???

Benche' a rigore non consentito, l'uso delle due negazioni e' ampiamente
diffuso nel linguaggio comune. A tale proposito cito un verso di una
celeberrima canzone dei Pink Floyd
"We don't need no education"
e di una meno celebre canzone di George Michael:
"won't tell you no lie"


>>look at the agony of that nazarene)
>Non sarebbe male, però ricordati di scrivere "Nazarene" con l'iniziale
>maiuscola. Oltre ad essere un appellativo del Signore, è anche un
>sostantivo etnico (= di Nazareth).

You're right

>>(no less by him dies a thief)
>A parte che avresti dovuto mettere la progressive form ( "no less by
>him is dying a thief" ), mi sembra che il senso sia differente.
>"Guardate la fine di quel Nazareno / E un ladro non muore di meno" mi
>sembra diverso da "nondimeno un ladro muore accanto a lui".

Hai perfettamente ragione.

>>(I've swearèd false by God and by me)
>Loderingo???? Ma si può sapere che ti piglia??
>1) Il verbo "swear" è un verbo irregolare (o "forte") !!!

AAAAARRRGGGGGGHHHHHHH
a three-minute-shame-time for me.
Sometimes it happens

>2) "By me" vuol dire "accanto a me" (stand by me). Casomai "by
>myself", ma non si usa. Avevo messo "by my word", ma con "swear" suona
>male; ho quindi restaurato il "sul mio onore".

To swear regge by. Riporto un esempio nobilissimo:
"Swear not _by_ the moon, th'inconstant moon that monthly changes in her
circled orb"
Romeo and Juliet

>
>E aridaje con la doppia negazione.

vedi sopra


>>In other men's beds, still warm of love
>Accolgo la tua versione, ma si dice "warm WITH love".

Mi sa che hai ragione.

>Terza doppia negazione.
vedi sopra sopra:-)

>>(but now the evening darkness draws near)
>Con "now that" è obbligatoria la progressive form. Se ci pensi bene è
>pure logico.

Non sono sicurissimo ma probabilmente hai ragione tu.

>Washing the pain from my eyes)
>And the sun is sliding down beyond the dunes
>
>>(slides down the sun, beyond the dunes)
>Prima cosa: mi sono sbagliato io, il sole scivola "al di là dalle
>dune", non "dalle nubi".

Avevo capito la distrazione

>>ready to rape other nights
>Un po' forte. "Rape" è proprio "stuprare" come atto fisico. Non mi
>sembra il caso di usarlo qui, bisogna mettersi un po' anche dal lato
>dell'inglese, non solo da quello di De André.

L'espressione e' forte anche in italiano. Non e' certo uso comune della
nostra lingua associare al sorgere del sole lo stupro della notte.

>Moved to pity not yielding to grudge
>
>>(moved to a pity not yielding to grudge)
>Come vedi ho accolto la tua versione con una correzione.

Probabilmente per la metrica dovrai mettere movèd, accentato.

"Pity" nel
>senso di "pietà" è un "uncountable noun" e non può essere preceduto da
>nessun articolo o determinante;

giusto


>E hai fatto comunque bene a provarci. Ho accolto volentieri alcune tue
>soluzioni (particolarmente bella quel "moved to pity" ecc., errore a
>parte). Ti devo solo dire che la fretta è mortale nemica di ogni
>traduzione. Nessuno ti corre dietro,

Beh, non e' proprio cosi'. Non avevo molto tempo, la traduzione l'ho fatta
in
un'ora o qualcosa meno. Se avessi davvero il tempo di fare una traduzione
seria, continuerei quella che ho iniziato, dall'inglese all'italiano, in
endecasillabi, del Paradise Lost di Milton. Di cui al momento e' in
circolazione, che io sappia, solo un'orrenda traduzione che si ritiene in
versi semplicemente perche' va a capo ogni poche parole:-(

>Ciao e alla prox.

ciao
Loderingo


Loderingo

da leggere,
16 gen 2000, 03:00:0016/01/00
a

WalterPi ha scritto nel messaggio <85r81h$opj$1...@fe1.cs.interbusiness.it>...
>Io poi provvederò, come al solito, a mettere il tutto sul mio sito

dedicato
>a Faber, nella pagina per gli anglosassoni (sempre che nessuno di voi abbia
>da ridire).

Ci mancherebbe. Ciao e grazie:-)
Lod


Riccardo Venturi

da leggere,
17 gen 2000, 03:00:0017/01/00
a
>nell'uovo, è una mia deformazione professionale
>
>non ricordo che fai
L'inteprete e il traduttore professionale, ed insegno Teoria e tecnica
della traduzione simultanea ad una scuola interpreti.


>E' vero che Testament e' poco usato, se non nell'espressione "Last will and
>testament", pero' cio' non toglie che possa essere utilizzato (come mi
>conferma il Webster's Dictionary), e il fatto che abbia anche un rimando
>biblico mi sembra positivo.

Non so che dirti, ma continuo a preferire "will"...confessandoti una
cosa ovvia: che non solo ogni traduttore di professione, ma anche
chiunque conosca una qualsiasi lingua straniera, ha la propria
sensibilità linguistica necessariamente costruita con l'esperienza e
con la pratica. Sottoporrò comunque la questione ai miei amici di
ICLing, pur essendo certo che neanche tra i madrelingua vi sarà
completo accordo.

>Sono sempre contrario a tradurre con due espressioni diverse due frasi che
>nella versione originale sono identiche.

È appunto la tua sensibilità verso un testo. La mia è diversa :-)))

>Conservare la lettera dei comandamenti non mi sembrava indispensabile (e a
>dirla tutta non ho una versione inglese della Bibbia, e quindi non conoscevo
>la forma inglese del comandamento:) )
>Cmq De Andre' usa la tautologia (o figura etimologica) di cui tu parli
>(nominare il nome)

Non ci siamo capiti: se tu dici il comandamento in italiano, dirai
sempre: "Non nominare il nome di Dio invano". Non ti sogneresti mai di
dire, che so io, "non dire il nome di Dio invano" oppure "non
esprimere il nome di Dio invano". In inglese si dice, è si è sempre
detto, "Thou shalt not take the name of the Lord in vain". Solo così.

>>No. "Hearken" (anche "harken") è un imperativo difettivo che si usa
>>(arcaicamente) esclusivamente nelle allocuzioni retoriche.
>
>Posso citare un esempio a mio favore:
>
>"For man will hearken to his glozing lies"

>dal Paradiso Perduto di John Milton.
A mio parere non si può tradurre una canzone di De André andando a
scovare esempi d'una tale parola o d'un uso di una tale parole in
Milton (e neanche nelle mie amatissime ballate, beninteso). "Hearken"
(usato comunque al 99% in senso allocutivo; tu usi il Webster, ma io
uso l' OED..:-) è un verbo arcaico, usato perdipiù attualmente, quando
è usato, in senso ironico (al pari di "yclept" e altra roba del
genere). Usarlo poi come normale verbo rimane a mio parere una
forzatura non accettabile, malgrado il più che illustre esempio che
hai fornito.

>Non ho capito bene se stai usando una metrica precisa ovvero se stai solo
>cercando di far si' che il tutto sia cantabile. Let me know!

Seconda ipotesi. Quelle di De André sono appunto canzoni e sto
tentando di rendere nella forma inglese più cantabile possibile.

>
>(Qui accolgo la tua versione correggendo solo lo "asked it" in "asked
>>them". Si trattava evidentemente di una svista).
>
>No. Nell'originale De Andre' dice:
>bacia la mano...
>perche' LE chiedevi
>(dunque asked IT, la mano)

Mai sentito parlare di "Sprachinterferenz" o "interferenza
linguistica"?. In italiano può andar bene chiedere a una mano, ad un
inglese questo suonerebbe quanto meno strano. Si chiede al legittimo
proprietario della mano.

>Scusa, ma non sono per niente d'accordo (e quando mai? dirai tu).

Non c'entra essere o non essere d'accordo, stai semplicemente e
legittimamente difendendo una tua scelta che io non condivido, tutto
qui.

> Non c'e' nessun errore, imho. La frase e' chiarissima, e anche se al momento non mi
>viene in mente un esempio che possa suffragare la mia opinione, sono certo
>che ne esistano molti. Quindi mi tengo il mio errore (errare e' umano,
>perseverare diabolico, ehehehe).

Un suggerimento da "addetto ai lavori": quando traduci cerca di
basarti più sulla tua esperienza personale di pratica della lingua che
su -pur gloriosi- esempi letterari. Rischi di parlare ed usare una
lingua che non esiste.

>
>. A mio parere non si può
>>forzare l'espressione "to cut (o: slit) the throat" in un participio
>>composto.
>
>La cosa che mi piace dell'inglese e' che consente operazioni del genere.

Non sempre. Ma qui la trattazione teorica del problema sarebbe troppo
lunga ed OT. Se ti interessa, ne parleremo in privato; gli indirizzi
email sono come sempre in fondo al post.


>Non so, in ogni caso to empty non ha alcun bisogno di essere seguito da out
>per tradurre l'italiano "vuotare" o "svuotare". Puoi aggiungere out, non e'
>un errore, ma empty va benissimo anche da solo (He emptied his glass).
>>La frase biblica è "thou shalt not waste thy semen". Avrai sicuramente
>>capito che ho lasciato quante più espressioni bibliche mi è stato
>>possibile..

Dev'essere seguito da "out" quando significa "svuotare" nel senso di
"ripulire = rubare, sgraffignare" ecc (al pari di "clean out"), che è
giusto il senso che si ha nel verso di De André. Il semplice "to
empty" io lo uso quando devo svuotare qualcosa dall'acqua (come ad
esempio mi è disgraziatamente accaduto oggi nel mio bagno, mi si sono
intasati gli scarichi) o da una materia solida.

Benvenuto nella giungla dei phrasal verbs!


>No, ricorro ancora all'amato Webster's:
>mistake: to take (someone or something) to be another. Quindi mi sembra
>applicabile al nostro caso.

Non proprio, ma qui ammetto tranquillamente di basarmi sulla pratica
della lingua e non sui quei perfettamente fallaci (o fallacemente
perfetti) strumenti detti "dizionari".
La differenza tra "mistake" e "confuse" è di involontarietà e
volontarietà. "Mistake" è un verbo interamente involontario, indica un
errore non dipendente dalla propria volontà (non per niente:
"mistake", come sostantivo, significa "errore"). "Confuse" copre
invece anche un ambito di volontarietà. Esempio pratico: In una frase
come "Mi piace confondere il piacere e l'amore" potresti usare solo
"confuse", qui siamo in presenza di un atto volontario. Non potresti
mai usare "mistake" qui. E mi sembra che il "confondere il piacere e
l'amore" di Tito sia stato, nella sua vita, un atto volontario.

>>>(but did not create no pain)
>>Loderingo alias WW, che mi combini qui??? Mi metti due negazioni???
>
>Benche' a rigore non consentito, l'uso delle due negazioni e' ampiamente
>diffuso nel linguaggio comune. A tale proposito cito un verso di una
>celeberrima canzone dei Pink Floyd
>"We don't need no education"
>e di una meno celebre canzone di George Michael:
>"won't tell you no lie"

E come, da una parte mi prendi un uso miltoniano di un verbo già di
per sé arcaico come "hearken", e dall'altra un colloquialismo estremo
citandomi i Pink Floyd e George Michael? Attenzione, WW: un testo deve
avere una sua unitarietà di base, la mistura di forme arcaiche e
colloqualismi ha, in inglese come in italiano, un irresistibile
effetto comico.
Sono comunque convinto del fatto che le tue doppie negazioni sono nate
da una disattenzione, e non certamente pensando scientemente ai Pink
Floyd :-)))


>AAAAARRRGGGGGGHHHHHHH
>a three-minute-shame-time for me.
>Sometimes it happens

"Shit happens", come si legge su certi adesivi comunissimi sulle auto
negli Stati Uniti..:-)))


>To swear regge by. Riporto un esempio nobilissimo:
>"Swear not _by_ the moon, th'inconstant moon that monthly changes in her
>circled orb"
>Romeo and Juliet

?? No ho mai affermato il contrario. Volevo semplicemente dirti che,
avendo spergiurato Tito su "se stesso", avresti caso mai dovuto dire
"by myself" (che però in inglese comune suona: "da me", "da solo":
I've done it by myself) e non "by me". Capito adesso? :-)))
PS: "Giurare sulla Bibbia" si dice "swear ON the Bible", però...:-), e
quando il verbo significa "tirare bestemmie, imprecare", si dice
"swear AT someone".

>>>(slides down the sun, beyond the dunes)
>>Prima cosa: mi sono sbagliato io, il sole scivola "al di là dalle
>>dune", non "dalle nubi".
>
>Avevo capito la distrazione

Sono venti e più anni che mi canto a memoria il "Testamento di Tito" e
quell'errore lo faccio regolarmente. Non so perché, ma oramai mi sono
fissato che il sole scivola al di là dalle nubi; fissazione passata
anche nella traduzione inglese.


>L'espressione e' forte anche in italiano. Non e' certo uso comune della
>nostra lingua associare al sorgere del sole lo stupro della notte.

Idealmente il ragionamento non fa una grinza. Ci devo pensare, "the
sun rapes other nights...", uhmmm...forte sul serio, forte e inusuale.
In italiano, "violentare" è spesso usato metaforicamente ("violentare
la verità", "violentare la sintassi" ecc.) ma "stuprare" no. E "rape",
lo ripeto, è proprio "stuprare". Da sviluppare. Voglio sottoporre la
frase ad un madrelingua inglese per sentire come gli suona.

>
>>Moved to pity not yielding to grudge
>>
>>>(moved to a pity not yielding to grudge)
>>Come vedi ho accolto la tua versione con una correzione.
>Probabilmente per la metrica dovrai mettere movèd, accentato.

Certo naturalmente. Fra parentesi: invece dell'accento io uso di
solito la dieresi in questo caso (movëd), ma è una mia scelta.


>Beh, non e' proprio cosi'. Non avevo molto tempo, la traduzione l'ho fatta
>in
>un'ora o qualcosa meno. Se avessi davvero il tempo di fare una traduzione
>seria, continuerei quella che ho iniziato, dall'inglese all'italiano, in
>endecasillabi, del Paradise Lost di Milton. Di cui al momento e' in
>circolazione, che io sappia, solo un'orrenda traduzione che si ritiene in
>versi semplicemente perche' va a capo ogni poche parole:-(

Beh, di fronte ad una cosa del genere non posso che farti il mio più
sincero "in bocca al lupo". Per le ballate angloscozzesi io ci ho
messo diciassette anni, capisco bene la cosa.

Salute,

FCh

da leggere,
17 gen 2000, 03:00:0017/01/00
a
>Per esempio, alcune delle tue soluzioni mi sembrano buone o perlomeno
>accettabili, e quindi le accolgo e le inserisco a formare questa
>versione alternativa; altre mi sembrano meno buone (e semplicemente le
>ignoro), mentre altre ancora sono a mio parere da respingere e/o
>scorrette (ed in questo caso te ne do rigorosa motivazione).
>Il tutto, ovviamente, in piena libertà e spirito di collaborazione.
>Tieni solo presente che in certe cose sono abituato a fare il pelino
>nell'uovo, è una mia deformazione professionale (accettando poi
>serenamente che altri lo facciano a me, ovvio).


Excuse me, can you, please, repost the corrected translation?
sso' ttroppo pigrooo!!! :)
Fabrizio.

Loderingo

da leggere,
17 gen 2000, 03:00:0017/01/00
a

Riccardo Venturi <05868...@iol.it> ha scritto nel messaggio
<388259ec...@diesel.cu.mi.it>...

>L'inteprete e il traduttore professionale, ed insegno Teoria e tecnica
>della traduzione simultanea ad una scuola interpreti.

Va be', allora mi fido:)))

>chiunque conosca una qualsiasi lingua straniera, ha la propria
>sensibilità linguistica necessariamente costruita con l'esperienza e
>con la pratica. Sottoporrò comunque la questione ai miei amici di
>ICLing, pur essendo certo che neanche tra i madrelingua vi sarà
>completo accordo.

Grazie, fammi sapere. Sai, io l'inglese lo conosco molto piu' dai libri che
dalla pratica, ed e' probabile, percio', che mi capiti di utilizzare forme
di fatto inutilizzate al giorno d'oggi.

>Non ci siamo capiti: se tu dici il comandamento in italiano, dirai
>sempre: "Non nominare il nome di Dio invano". Non ti sogneresti mai di
>dire, che so io, "non dire il nome di Dio invano" oppure "non
>esprimere il nome di Dio invano". In inglese si dice, è si è sempre
>detto, "Thou shalt not take the name of the Lord in vain". Solo così.

O.K. mi ero un po' arrampicato sugli specchi:-) Condivido la tua
osservazione.

ma io
>uso l' OED..:-)

Presuntuoso! :-)

è un verbo arcaico, usato perdipiù attualmente, quando
>è usato, in senso ironico (al pari di "yclept"

Va be', ma li' arriviamo a Chaucer addirittura.

>Seconda ipotesi. Quelle di De André sono appunto canzoni e sto
>tentando di rendere nella forma inglese più cantabile possibile.

Ricevuto.

>Mai sentito parlare di "Sprachinterferenz" o "interferenza
>linguistica"?. In italiano può andar bene chiedere a una mano, ad un
>inglese questo suonerebbe quanto meno strano. Si chiede al legittimo
>proprietario della mano.

Pero' non e' un po' forzato usare them collegandolo ad un plurale (il padre
e la madre) che compare solo nella frase precedente per poi essere
sostituito dal termine "mano"?
Sei certo che non si possa usare ask riferendosi ad una mano?
In effetti neanche a me suona bene, ripensandoci.

>Un suggerimento da "addetto ai lavori": quando traduci cerca di
>basarti più sulla tua esperienza personale di pratica della lingua che
>su -pur gloriosi- esempi letterari. Rischi di parlare ed usare una
>lingua che non esiste.

Non hai torto, pero' la frase continua a non suonarmi male, per quanto forse
non di uso comune.

>Non sempre. Ma qui la trattazione teorica del problema sarebbe troppo
>lunga ed OT. Se ti interessa, ne parleremo in privato; gli indirizzi
>email sono come sempre in fondo al post.

Se trovo il tempo ci provo.

>Dev'essere seguito da "out" quando significa "svuotare" nel senso di
>"ripulire = rubare, sgraffignare" ecc (al pari di "clean out"), che è
>giusto il senso che si ha nel verso di De André. Il semplice "to
>empty" io lo uso quando devo svuotare qualcosa dall'acqua (come ad
>esempio mi è disgraziatamente accaduto oggi nel mio bagno, mi si sono
>intasati gli scarichi) o da una materia solida.

mmmmhhhhhhhhhh

>
"Mistake" è un verbo interamente involontario, indica un
>errore non dipendente dalla propria volontà (non per niente:
>"mistake", come sostantivo, significa "errore"). "Confuse" copre
>invece anche un ambito di volontarietà. Esempio pratico: In una frase
>come "Mi piace confondere il piacere e l'amore" potresti usare solo
>"confuse", qui siamo in presenza di un atto volontario.

Non so, sono costretto a fidarmi:-) Pero' non sono nemmeno certo che nella
canzone di De Andre' l'atto sia del tutto volontario. Tito pensa, in fondo,
che l'amore possa vivere anche non a scopo procreativo.

>avere una sua unitarietà di base, la mistura di forme arcaiche e
>colloqualismi ha, in inglese come in italiano, un irresistibile
>effetto comico.

Non riesco a trattenermi. Anche quando scrivo mi piace mischiare. Forse ho
confuso il serio e il faceto:-)
ma non ho creato un errore.

>Sono comunque convinto del fatto che le tue doppie negazioni sono nate
>da una disattenzione, e non certamente pensando scientemente ai Pink
>Floyd :-)))

No, giuro che ero sicuro che mi sarebbero state rinfacciate. Anche perche'
di disattenzioni non se ne possono inanellare tre. Lo so benissimo che di
norma la doppia negazione non si usa in inglese.

>"Shit happens", come si legge su certi adesivi comunissimi sulle auto
>negli Stati Uniti..:-)))

Citazione da Forrest Gump:)

>?? No ho mai affermato il contrario. Volevo semplicemente dirti che,
>avendo spergiurato Tito su "se stesso", avresti caso mai dovuto dire
>"by myself" (che però in inglese comune suona: "da me", "da solo":
>I've done it by myself) e non "by me". Capito adesso? :-)))

Ci sono arrivato, si' :-(

>PS: "Giurare sulla Bibbia" si dice "swear ON the Bible", però...:-)

terro' presente.

, e
>quando il verbo significa "tirare bestemmie, imprecare", si dice
>"swear AT someone".

Questo lo sapevo.

>fissato che il sole scivola al di là dalle nubi;

alle volte lo fa.

>Certo naturalmente. Fra parentesi: invece dell'accento io uso di
>solito la dieresi in questo caso (movëd), ma è una mia scelta.

Mi sa che anche l'accento (o dieresi) e' un espediente un po' arcaicizzante.
Mi sbaglio?

>Beh, di fronte ad una cosa del genere non posso che farti il mio più
>sincero "in bocca al lupo". Per le ballate angloscozzesi io ci ho
>messo diciassette anni, capisco bene la cosa.

'Azz, bell'incoraggiamento. Per ora ho tradotto un centinaio di versi, tra
cui il cosiddetto "Inno alla luce" (incipit del terzo libro), un brano di
una bellezza spaventosa.

ciao
Lod

WakkoWarner

da leggere,
18 gen 2000, 03:00:0018/01/00
a

FCh ha scritto nel messaggio <85v2dk$12s$1...@pc1.spin.it>...

>Excuse me, can you, please, repost the corrected translation?
>sso' ttroppo pigrooo!!! :)

Io non ho fatto una mia versione, pero' posso postarti quella che Riccardo
ha inviato come sua temporaneamente definitiva:)

First, Thou shalt have no God but Me.
Often this thing made me think
Different people, come from the East
said that it was just the same
Though they believ’d in a different god,
they haven't done me no harm
Though they believ’d in a different god
No harm have they done to me.

Thou shalt not take the name of the Lord,


The name of thy God, in vain.
Nay, when a dagger did pierce my side
I cried out my pain and His Name;
But maybe He was busy, or maybe too tired
And did not hear all my pain,

Thou shalt honour thy Father and Mother,


Thou shalt honour their stick, too,

And kiss the hand that broke your nose
>That time you asked them for food

When my father’s heart ceased to beat
I did not feel pain at all
When my father’s heart ceased to beat
I did not feel pain at all.

Thou shalt hallow the Lord’s holy days,
‘twas easy for a thief like me

To get into temples resounding with psalms


Of slaves, of their masters and all;
Yet I’ve never laid bound to an altar in chains

To be slaughter’d like a sheep,

Yet I’ve never laid bound to an altar in chains
To be slaughter’d like a sheep.

Fifth commandment: Thou shalt not steal,
And this must I have kept, for sure,

When I cleanëd out the pockets and purses

Of many an authorised thief,


But I was an outlaw and robb’d in my own name,
The others, in the name of the Lord,
But I was an outlaw and robb’d in my own name,
The others, in the name of the Lord.

Thou shalt not commit impure acts,
>That is, do not waste your semen

Get a woman pregnant anytime you love her,

>and you will be faithful to God

Then lust disappears and the child remains

And many do starve by hunger;

I’ve often confused my pleasure with love

But I have created no sorrow.

Seventh commandment: Thou shalt not kill


Otherwise, you won't deserve Heaven
If you want heaven deserve;
Well, see how this holy Commandment of God
Was nail’d thrice to a wooden cross;
Look at this Nazarene dying in pain

And a thief’s dying the same death,

Look at this Nazaren dying in pain
And a thief’s dying the same death.

Thou shalt not bear false witness, yes,.
Help them though to kill a man
They know by heart all of God's Law
But always forget their forgiveness;
I’ve sworn false by God and my honour

But I can feel no remorse,
I have sworn false by God and my honour
But, nay, I can feel no remorse.

Thou shalt not covet other people’s things,
Nor lust after another man’s wife;
Go tell it to those most lucky of men
Who do have a woman and wealth,

In other men's beds, still warm with love,


I did not feel remorse,
Yesterday’s envy isn’t all over yet
Today I envy you your life.

But now that the evening is drawing near

Washing the pain from my eyes)
And the sun is sliding down beyond the dunes

To violate other nights,


I’m looking, mother, at this dying man,
Mother, I’m now feeling grief,
Moved to pity not yielding to grudge

Mother, I am learning to love.

Dovrebbe essere questa, grosso modo, la versione aggiornata. Ciao
WW

FCh

da leggere,
19 gen 2000, 03:00:0019/01/00
a
>Dovrebbe essere questa, grosso modo, la versione aggiornata. Ciao
>WW


eeeh no!!! e quante volte mi cambi nick? :)
Ciao, Fabrizio.

WakkoWarner

da leggere,
20 gen 2000, 03:00:0020/01/00
a

FCh ha scritto nel messaggio <863nbb$l29$1...@pc1.spin.it>...

>>Dovrebbe essere questa, grosso modo, la versione aggiornata. Ciao
>>WW
>
>
>eeeh no!!! e quante volte mi cambi nick? :)

WW=WakkoWarner=Loderingo
Facile no?
ciao


Rispondi a tutti
Rispondi all'autore
Inoltra
0 nuovi messaggi