[OT] Versi per la libertà

36 visualizzazioni
Passa al primo messaggio da leggere

Maria

da leggere,
23 mar 2002, 05:21:1223/03/02
a
C'č qualcuno cosě gentile da tradurla?

Ammanittati lu ventu
si criditi
ca vi scummina li capiddi
lu ventu ca trasi dintra li casi
pi cunnurtari lu chiantu
lu ventu ca trasi dintra li casi.
Ammanittati lu chiantu
si criditi
di cuitari lu munnu
lu chiantu ca matura dintra li petti
e sdirrubba li mura e astuta li cannili
e sdirrubba li mura e astuta li cannili.
Ammanittati la fami
si criditi
d'addifinnirivi li garruna
ma la fami nunn'avi vrazza
lu chiantu nunn'avi affruntu
ma la fami nunn'avi vrazza
lu chiantu nunn'avi affruntu
lu ventu nun sapi sbarri.
Ammanittati l'ummiri
che di notti vannu pi li jardina
a mettiri banneri supra li petri
e chiamanu a vuci forti li matri
ca nunn'annu cchiů sonnu
e vigghianu d'arreri li porti
ammanittati li morti.
Ammanitati li morti
si criditi.

ponka

da leggere,
24 mar 2002, 10:58:2924/03/02
a
Per quanto ho potuto capire i versi sono belli, ma chi li ha scritti?
Ciao
Ponka
"Maria" <mariaz...@tiscalinet.it> ha scritto nel messaggio
news:a7ie3c$mtn$1...@lacerta.tiscalinet.it...

Giuseppe B.

da leggere,
25 mar 2002, 03:27:0925/03/02
a
Ciao Maria
di questo testo ecco la traduzione a cura di Lucio Zinna

Versi per la libertà

Ammanettate il vento,
se credete
che vi scompiglia i capelli
il vento che penetra nelle case
a placare il pianto.

Ammanettate il pianto,
se credete
di quietare il mondo,
il pianto che matura nei petti
e fa crollare i muri
e spegne le candele.

Ammanettate la fame
se credete
di proteggervi i garretti
ma la fame non ha braccia
il pianto non ha pudore
il vento non conosce sbarre.

Ammanettate le ombre
che di notte vanno per i giardini
a mettere bandiere sulle pietre
e a gran voce chiamano le madri
che non hanno più sonno
e vegliano dietro le porte.
Ammanettate i morti
se credete.


Saluti
Giuseppe B.

"Maria" <mariaz...@tiscalinet.it> wrote in message
news:a7ie3c$mtn$1...@lacerta.tiscalinet.it...

> C'è qualcuno così gentile da tradurla?


>
> Ammanittati lu ventu
> si criditi
> ca vi scummina li capiddi
> lu ventu ca trasi dintra li casi
> pi cunnurtari lu chiantu
> lu ventu ca trasi dintra li casi.
> Ammanittati lu chiantu
> si criditi
> di cuitari lu munnu
> lu chiantu ca matura dintra li petti
> e sdirrubba li mura e astuta li cannili
> e sdirrubba li mura e astuta li cannili.
> Ammanittati la fami
> si criditi
> d'addifinnirivi li garruna
> ma la fami nunn'avi vrazza
> lu chiantu nunn'avi affruntu
> ma la fami nunn'avi vrazza
> lu chiantu nunn'avi affruntu
> lu ventu nun sapi sbarri.
> Ammanittati l'ummiri
> che di notti vannu pi li jardina
> a mettiri banneri supra li petri
> e chiamanu a vuci forti li matri

> ca nunn'annu cchiù sonnu


> e vigghianu d'arreri li porti
> ammanittati li morti.
> Ammanitati li morti
> si criditi.


--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG

Giuseppe B.

da leggere,
26 mar 2002, 09:10:2526/03/02
a
Si tratta di Paolo Messina, nato a Palermo, il 2/1/1923.
La poesia è del 1955, dovrebbe essere stata pubblicata nel 1985 dalle
Officine Grafiche del Mediterraneo in una raccolta intitolata “Rosa
fresca aulentissima”.
Scusa per eventuali imprecisioni, ma non posseggo il libro.
Saluti.
Giuseppe B.

"ponka" <po...@libero.it> wrote in message
news:_Tmn8.65360$%g7.21...@twister2.libero.it...

> Per quanto ho potuto capire i versi sono belli, ma chi li ha scritti?
> Ciao
> Ponka

Maria

da leggere,
26 mar 2002, 16:45:0126/03/02
a
Le tue notizie sono più precise di quelle che avrei potuto fornire io.
Infatti
conosco questo brano solo perchè è stato musicato da Pippo Pollina ed è
contenuto nel suo ultimo cd, intitolato, appunto, "Versi per la libertà".
Ciao. Maria

P.S. Grazie per la traduzione
"Giuseppe B." <giusep...@tiscalinet.it> ha scritto nel messaggio
news:3a9d37381176b4acd67...@mygate.mailgate.org...

Rispondi a tutti
Rispondi all'autore
Inoltra
0 nuovi messaggi