che roba è

20 views
Skip to first unread message

Patrizio Marozzi

unread,
Jun 30, 2021, 1:15:02 PMJun 30
to



perche esiste l'invidia psicologica? è un concetto appunto sulla diversità delle teorie che si applicano delle varie conoscenze in materia? O può considerarsi l'ignoranza di queste per quelli nei confronti della conoscenza del paziente E il paziente si affligge anch'esso nell'invidia psicologica come chiunque non sia paziente? E in somma analisi senza analisi perche l'invidia psicologica può esistere e può non esistere come fosse possibile scegliere?

elledi

unread,
Jul 3, 2021, 3:30:02 AMJul 3
to
Il 29/06/21 10:02, Patrizio Marozzi ha scritto:
>
>
>
> perche esiste l'invidia psicologica?

scusa l' ignoranza ma.. cos'è? esiste un' invidia non psicologica? é
come domandare perchè esiste un' emozione psicologica. Diventa un ossimoro.
L'invidia, come diceva Green si divide in due: invidia di vita e invidia
di morte.
Con la prima invidio l'altro per poterlo imitare, uguagliare o superare.
Mi è di riferimento attivo-positivo, sviluppa creatività, lavoro,
energia, vita.
Quella di morte è aggressiva-distruttiva. Faccio sempre l'esempio del
pastore: se tu hai 3 pecore e io 2, te ne uccido una così siamo pari.
Però se mi sento molto minoritario, oppresso, incapace, perdente, che
non potrò mai arrivare ad avere 3 o 4 pecore, raggiungerti e magari
superarti, allora te le uccido tutte e io prevalgo.

Il resto mi è incomprensibile.
sorry.

Patrizio Marozzi

unread,
Jul 15, 2021, 2:05:03 AMJul 15
to
Ma sai nel gioco degli scacchi per esempio si può dire ch'è possibile non giocare, appunto perche si può scegliere di essere in uno schema o no. L'affronto tra la sopravvivenza e la morte può implicare la decisione di sapere o di non invidiare. Cioè, anche, se conosco non invidio appunto perche posso sapere. Ora tra ciò ch'è indispensabile e ciò ch'è vero, può esservi come affermare per gioco: Intorno e Attorno alla felicità c'è tanta bugia che cerca di renderla infelice o che cerca di diventare felice. Così per volontà e pensiero l'essere umano può rendersi non un concetto ma scegliere di non invidiare, come non odiare qualora la questione potrebbe manifestarsi per ostilità. Anche come possibilità non soltanto di ciò ch'è già fatto, ma anche che può fare. Del resto se non fosse possibile ciò, in senso relativo, e non soltanto come vita personale, non sapremmo neanche capire se si gioca a scacchi per esempio nel medesimo gioco e regole. Compreso che si gioca, Certo potremmo chiederci se si possono modificare le regole e renderle partecipe in chi gioca. Ciò sempre nell'ambito incruento del gioco perche tale può essere.
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages