H 266 locale abitazione (SOGGIORNO E CUCINA DEL PIANO TERRA) edificazione del 1998 circa-SANATORIA

40 views
Skip to first unread message

DGE

unread,
Jan 19, 2021, 10:03:41 AMJan 19
to
in caso di sanatoria anche per altre cose per poi fare 110%, voi come vi
comportate, essendo questi locali oggetto di leggere modifiche dei
tramezzi e muri esterni.
Siamo in piemonte
DGE

www.studiomirano.it

unread,
Jan 19, 2021, 10:42:07 AMJan 19
to
a mio avviso la tolleranza del 2% non è applicabile all'altezza interna,
quindi se è stato edificato nel 1998, non è conforme e non è sanabile.

Ci sono però sentenze favorevoli da cui sembra si possa applicare il
buon senso

cerca la sentenza :
TAR del Piemonte sez. II n. 1061/2015
qui:
https://www.giustizia-amministrativa.it/provvedimenti-tar-piemonte






--
www.studiomirano.it

castore

unread,
Jan 19, 2021, 11:05:12 AMJan 19
to
art 34/bis
comma 2: "fuori dai casi di cui al comma 1, limitatamente agli immobili
non sottoposti a tutela ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio
2004, n. 42, costituiscono inoltre tolleranze esecutive le irregolarità
geometriche e le modifiche delle finiture degli edifici di minima
entità, la diversa collocazione degli impianti e opere interne eseguite
durante i lavori per l’attuazione di titoli abilitativi edilizi, a
condizione che non comportino violazione della disciplina urbanistica ed
edilizia e non pregiudichino l’agibilità dell’immobile."

L'art. 34-bis comma 3:
le tolleranze esecutive di cui ai commi 1 e 2 realizzate nel corso di
precedenti interventi edilizi, non costituendo violazioni edilizie, sono
dichiarate dal tecnico abilitato, ai fini dell’attestazione dello stato
legittimo degli immobili, nella modulistica relativa a nuove istanze,
comunicazioni e segnalazioni edilizie ovvero, con apposita dichiarazione
asseverata allegata agli atti aventi per oggetto trasferimento o
costituzione, ovvero scioglimento della comunione, di diritti reali.

www.studiomirano.it

unread,
Jan 19, 2021, 11:09:44 AMJan 19
to
l'interpretazione di solito è che l'altezza minima non rientra in queste
tolleranze

il 266 in luogo del 270 costituisce violazione della norma edilizia e
potrebbe pregiudicare l'agibilità


--
www.studiomirano.it

castore

unread,
Jan 19, 2021, 5:35:12 PMJan 19
to
sono d'accordo ma nella domanda iniziale non si parlava di altezze ma solo

Ghost Dog

unread,
Jan 20, 2021, 2:12:44 AMJan 20
to
Il 19/01/2021 17:09, www.studiomirano.it ha scritto:
Sulle altezze sono d'accordo con te, non è derogabile

DGE

unread,
Jan 20, 2021, 2:45:13 AMJan 20
to
Di conseguenza insanabile e non si presenta sanatoria e se la tiene così
e non ci fa nulla (nè sanatoria propedeutoca al 110%, ne cila/scia per
altri lavori edili)!!


Nel lazio hanno fatto una specifica per le strutture sanitarie ma varrà
anche x le abitazioni (penso)
https://tinyurl.com/yyls2npx
DGE
ps bel casino

www.studiomirano.it

unread,
Jan 20, 2021, 2:54:30 AMJan 20
to

>>
> sono d'accordo ma nella domanda iniziale non si parlava di altezze ma solo
> >>> di leggere modifiche dei
> >>> tramezzi e muri esterni.

lo ha scritto nell'oggetto !!!


--
www.studiomirano.it

Ghost Dog

unread,
Jan 20, 2021, 3:35:28 AMJan 20
to
In realtà se becchi un tecnico dell'UT "comprensivo" una sanatoria te la
rilascai, però vale un po' quel che vale...
Quando è stato commesso l'abuso?Perchè se è ante'75 puoi attaccarti a quello

DGE

unread,
Jan 20, 2021, 3:43:09 AMJan 20
to
1998 è l'edificazione;
si che il comune puo' anche rilasciarla tanto autocertifica tutto il
tecnico (IO in questo caso) e loro posso anche sbattersene eh, anzi so
che lo fanno eh!
Ho provato a spedire una mail all'asl vediamo se mi risponde (in caso ve
lo dico)
DGE
Mi faccio sempre il problema se domani vendono e un tecnico dei
compratori mi fa le pulci?

Gabriele Pranzo

unread,
Jan 20, 2021, 10:42:59 AMJan 20
to
On Wed, 20 Jan 2021 08:12:41 +0100, Ghost Dog
<ghost_dog_don't_wo...@g.it> wrote:

>Sulle altezze sono d'accordo con te, non è derogabile

Lo so che si dice sempre che non si può andare al di sotto
dell'altezza minima, ma a dire la verità non capisco perchè: non è
questione di deroga, ma di tolleranze. L'art. 34 bis mi sembra
abbastanza chiaro, soprattutto ove dice " Il mancato rispetto
dell’altezza, [...] delle singole unità immobiliari non costituisce
violazione edilizia se contenuto entro il limite del 2 per cento delle
misure previste nel titolo abilitativo".

Ciao ciao.

--
gabriele pranzo-zaccaria
http://tinyurl.com/studioarchitettura

Ghost Dog

unread,
Jan 20, 2021, 11:35:51 AMJan 20
to
Il 20/01/2021 16:42, Gabriele Pranzo ha scritto:
> On Wed, 20 Jan 2021 08:12:41 +0100, Ghost Dog
> <ghost_dog_don't_wo...@g.it> wrote:
>
>> Sulle altezze sono d'accordo con te, non è derogabile
>
> Lo so che si dice sempre che non si può andare al di sotto
> dell'altezza minima, ma a dire la verità non capisco perchè: non è
> questione di deroga, ma di tolleranze. L'art. 34 bis mi sembra
> abbastanza chiaro, soprattutto ove dice " Il mancato rispetto
> dell’altezza, [...] delle singole unità immobiliari non costituisce
> violazione edilizia se contenuto entro il limite del 2 per cento delle
> misure previste nel titolo abilitativo".
>
> Ciao ciao.
>
L'art 34 come al solito è confuso, ma se ci pensi fa riferimento ai
parametri urbanistici e dice che sono ammissibili ma "a condizione che
non comportino violazione della disciplina urbanistica ed edilizia"
quindi IMHO si riferisce lall'altezza della costruzoine,mentre le
caratteristiche della abitazioni sono demandate ai regolamenti edilizi
comunali (art.4 del TU) che a loro volta fanno riferimento al DM del
1975 che stabilisce dei minimi, quindi, IMHO (e anche secondo gli
orientamenti giurisprudenziali) nel momento che la tua difformità
"infrange" un parametro non è più ammissibile

Ciao,
GD

www.studiomirano.it

unread,
Jan 20, 2021, 11:51:45 AMJan 20
to
esatto
concordo

alcuni addirittura si spingono a dire che i regolamenti edilizi, laddove
in certi casi consentano di considerare l'altezza media nei recuperi ,
non valgono in quanto in contrasto con il R.E.

in questi casi in Piemonte abbiamo la DGR 1 agosto 2003, n. 20-10187

--
www.studiomirano.it

castore

unread,
Jan 20, 2021, 3:49:41 PMJan 20
to
Il 20/01/2021 08:54, www.studiomirano.it ha scritto:
>
>>>
>> sono d'accordo ma nella domanda iniziale non si parlava di altezze ma
>> solo
>>  >>> di leggere modifiche dei
>>  >>> tramezzi e muri esterni.
>
> lo ha scritto nell'oggetto !!!
>
>

ehhhhh, hai ragione, ho letto solo il corpo del post

DGE

unread,
Jan 22, 2021, 3:17:49 AMJan 22
to
Aggiornamento,
parlato al telefono informalmente con ASL (alla mail non mi rispondevano),
mi hanno detto che loro non si esprimono sulla questione che dovrebbe
chiarirla la regione piemonte;
ma mi ha detto come la vede lui (dottore che dava pareri edilizia):

a) possibile sanatoria in quanto non è un abuso edilizio che sta nel 2%
(io non la vedo proprio così ma va bene)

b) il problema che si puo' dare solo agibilità del fabbricato ma quel
fabbricato non avrà mai la abitabilità
DGE

www.studiomirano.it

unread,
Jan 22, 2021, 3:32:14 AMJan 22
to

> Aggiornamento,
> parlato al telefono informalmente con ASL (alla mail non mi rispondevano),
> mi hanno detto che loro non si esprimono sulla questione che dovrebbe
> chiarirla la regione piemonte;

ovviamente ...................


> b) il problema che si puo' dare solo agibilità del fabbricato ma quel
> fabbricato non avrà mai la abitabilità
> DGE


hai scritto giusto ?
Perchè è da circa 20 anni che non esiste più differenza tra agibilità ,
abitabilità, ecc....


Guarda, se on fosse che le spese legali e i tempi sarebbero alttissime e
lunghissimi, in casi del genere dovrebbero risolvere tutti così:

- autodenuncia dell'abuso
- l'ufficio tecnico deve procedere per forza con ordine di ripristino
- ricorso davanti al TAR contro l'ordine di ripristino
- il TAR probabilmente ti da ragione pechè sono differenze minime

così non costringono nessun tecnico a dichiarare il falso

in questo modo farebbero in fretta a cambiare le norme





--
www.studiomirano.it

DGE

unread,
Jan 22, 2021, 3:40:24 AMJan 22
to
Ma è il dottore che mi ha fatto la distinzione, anche perchè la SCA
parla solo di agibilità e non piu' di abitabilità , così cmq mi ha detto
lui.
Beh ma si potrebbe anche fare sanatoria e non fare la SCA.

Ma infatti adesso prima ci penso ancora se farla, che propedeutica al 110%
Certi colleghi mi dicono che mi faccio troppe seghe mentali e di andare
avanti, ma molti certificano qualsiasi cosa.

In commissione edilizia ho fatto rimandare indietro da rivedere una
sanatoria di capannone con uffici , mensa , spogliatoi che avevano
aperture (dove le avevano) piccolissime.
DGE


Ghost Dog

unread,
Jan 22, 2021, 3:48:00 AMJan 22
to
Il 22/01/2021 09:17, DGE ha scritto:

> Aggiornamento,
> parlato al telefono informalmente con ASL (alla mail non mi rispondevano),
> mi hanno detto che loro non si esprimono sulla questione che dovrebbe
> chiarirla la regione piemonte;
> ma mi ha detto come la vede lui (dottore che dava pareri edilizia):
>
> a) possibile sanatoria in quanto non è un abuso edilizio che sta nel 2%
> (io non la vedo proprio così ma va bene)
>
> b) il problema che si puo' dare solo agibilità del fabbricato ma quel
> fabbricato non avrà mai la abitabilità
> DGE


I pareri "informali" non valgono nulla, o hai qualcosa di scritto da
poter allegare alla pratica così da non rischiare di certificare il
falso, oppure ti conviene lasciare perdere.
peraltro la regione Piemonte IMHO non può chiarire nulla, gli standards
igienico sanitari sono stabiliti da un DM nazionale, e non mi risulta
che le regioni possano derogare (se non per particolari casi e sempre
sotto l'ombrello di una legge nazionale, tipo i recuperi sottotetti etc)
E' ua bella gatta da pelare.....

DGE

unread,
Jan 22, 2021, 4:00:37 AMJan 22
to
Infatti è per quello che ci sto a pensare e avevo mandato la mail
alla asl, stamani parlo con il tecnico comunale x altre discordanze e
poi ci penso, solo che so gia' che se non lo faccio io ne trova altri
100 colleghi che la fanno loro la sanatoria e il resto ecc
DGE

DGE

unread,
Jan 22, 2021, 4:06:47 AMJan 22
to
Il 22/01/2021 09:47, Ghost Dog ha scritto:
Eh te che faresti , la faresti la sanatoria e poi tralasci la SCA? o cosa?
puoi esporti con il tuo pensiero fosse capitato a te
DGE

www.studiomirano.it

unread,
Jan 22, 2021, 4:20:25 AMJan 22
to

>
> Eh te che faresti , la faresti la sanatoria e poi tralasci la SCA? o cosa?
> puoi esporti con il tuo pensiero fosse capitato a te
> DGE

è difficile valutare i casi altrui
l'ufficio tecnico cosa ti dice ?
che 266 va bene ?
se sì, allora presenti con 266 ( non con SCIA ma con PDC!!)
se invece pretende che scrivi 270, allora non farla



--
www.studiomirano.it

DGE

unread,
Jan 22, 2021, 4:34:27 AMJan 22
to
che cambia da SCia a PDC che tanto asseveri sempre che tutto a posto?
giusto x capire cosa mi sfugge eh!
DGE

www.studiomirano.it

unread,
Jan 22, 2021, 4:53:39 AMJan 22
to
innanzitutto in teoria è una dichiarazione e non una asseverazione

per il resto la mia riposta era ovviamente provocatoria, perchè sai che
tanto non accetterebbero una soluzione simile, il PdC non verrebbe mai
rilasciato.
Ciò ti da la risposta: NON SI PUO' FARE


--
www.studiomirano.it

Ghost Dog

unread,
Jan 22, 2021, 5:37:34 AMJan 22
to
Il 22/01/2021 10:20, www.studiomirano.it ha scritto:
>
>>
Sono d'accordo con Studiomirano, richiesta di PDC in cui in relazione
scrivi che " a parere dello scrivente, in considerazione delle
tolleranze geometriche di cui all'art bla bla bla" l'accertamento di
conformità può essere rilasciato e questo lo riporterei anche nella
asseverazione degli standards.
Il tecnico comunale è quindi costretto a darti il consenso e tu NON hai
dichiarato il falso da nessuna parte.
Se invece te lo boccia voglio vedere se il cliente trova il filibustiere
di turno che assevera tutto lui.
GD

www.studiomirano.it

unread,
Jan 22, 2021, 6:16:59 AMJan 22
to

> Se invece te lo boccia voglio vedere se il cliente trova il filibustiere
> di turno che assevera tutto lui.
> GD


c'è anche una altra considerazione da fare

nel momento in cui avvisi l'ufficio tecnico comunale che lì è alto 266,
lui lo sa.

Se un altro tecnico collega presenta con scritto 270 e l'UTC non dice
nulla, si aprono profili di corresponsabilità interessanti.

Tra l'altro, a dirla tutta , si aprono profili di corresponsabilità
interessanti anche nel momento in cui ti dice "scrivimi 270" e tu
presenti con scritto "270".
In situazioni del genere quindi andare sempre agli incontri con un terzo
testimone (terzo estraneo).


--
www.studiomirano.it

Ghost Dog

unread,
Jan 22, 2021, 6:20:09 AMJan 22
to
Non serve a nulla andare ocn testimone, se tu asseveri il falso sei tu
il responsabile,anche se ti ha detto di farlo il tecnico dell'UT

www.studiomirano.it

unread,
Jan 22, 2021, 6:47:31 AMJan 22
to

>
> Non serve a nulla andare ocn testimone, se tu asseveri il falso sei tu
> il responsabile,anche se ti ha detto di farlo il tecnico dell'UT
>

ovviamente sì, la responsabilità non viene meno (anzi, potrebbe
aumentare perchè vi era un accordo.....)

ma si aggiunge quella dell'UTC che ti ha indotto a farlo e che ha
rilasciato il PdC sapendolo

ovviamente sono situazioni spiacevoli da evitare ( e devo riconoscere
che di solito gli UTC sono comunque corretti sotto questi aspetti )

però prendiamo il caso di un PdC rilasciato con la scritta "270": in una
situazione "normale" , se viene fuori qualche problema, l'UTC
sepmlicemente annulla con autotutela e la colpa è del tecnico che ha
presentato che ha indotto l'UTC a commettere un errore ( perchè ha
scritto 270 anzichè 266).

invece nella situazione che ho prospettato io, dove è dimostrabile che
l'UTC "sapeva", allora (siccome potrebbe venire fuori un reato....) può
anche avere un maggior interesse a non annullare sostenendo (di fronte
ai terzi che hanno fatto nascere il problema )che in effetti anche 266
va bene perchè vi è una differenza minima. A questo punto il tecnico non
ha dichiarato il falso.

Sono tutte considerazioni solo così per parlare, poi in realtà è tutto
piuttosto più complesso. Però è comunque una tutela in più.

Tornado a prima concordiamo su PDC con scritto 266, assolutamente no
SCIA con 270.















--
www.studiomirano.it

DGE

unread,
Jan 22, 2021, 8:19:36 AMJan 22
to
Responso ufficio tecnico:
Premesso che bisogna fare i calcoli ma visto che all'epoca della
costruzione avevano quasi esaurito la cubatura probabilmente non si
riesce a sanare x l'epoca dell'abuso (non conforme all'epoca), adesso si
in quanto hai possibilità del 20% x unifamiliare (conforme nel 2021).
DEtto questo il tecnico parla con amministrazione e farebbe fare un PDC
ma preferirebbe vedere scritto 2.7;
ma adesso attendiamo un mesetto che dovrebbe farsi fare un parere legale
dove (come mi ha detto che ha gia' fatto in altro comune), poi potrebbe
accettare la sanatoria con PDC se e solo se è almeno conforme adesso e
abbia il parere avvocato.
.... bel casino
DGE



www.studiomirano.it

unread,
Jan 22, 2021, 8:42:45 AMJan 22
to

>>
>>
>
> Responso ufficio tecnico:
> Premesso che bisogna fare i calcoli ma visto che all'epoca della
> costruzione avevano quasi esaurito la cubatura probabilmente non si
> riesce a sanare x l'epoca dell'abuso (non conforme all'epoca), adesso si
>  in quanto hai possibilità del 20% x unifamiliare (conforme nel 2021).
> DEtto questo il tecnico parla con amministrazione e farebbe fare un PDC
> ma preferirebbe vedere scritto 2.7;

a ecco.............

> ma adesso attendiamo un mesetto che dovrebbe farsi fare un parere legale
> dove (come mi ha detto che ha gia' fatto in altro comune), poi potrebbe
> accettare la sanatoria con PDC se e solo se è almeno conforme adesso e
> abbia il parere avvocato.
> .... bel casino
> DGE
>
>
>

per il resto si tratterebbe di "sanatoria giurisprudenziale" , discorso
che va avanti da decenni


forse la questione verrà superata dalla nuova disciplina sulle
costruzioni, ecco una BOZZA NON VIGENTE:

Art 38
Accertamento di conformità per violazioni conformi alla sopravvenuta
disciplina urbanistica ed edilizia

1. Fatti salvi i casi di esclusione di cui al comma 2, e ferme restando
le ulteriori condizioni disposte dal comma 3 per i
casi ivi specificati, l’attuale proprietario dell’immobile può
ottenere il titolo abilitativo in sanatoria per interventi
urbanistico-edilizi eseguiti in violazione della disciplina urbanistica
ed edilizia vigente all’epoca della realizzazione, a
condizione che detti interventi risultino conformi alla
disciplina urbanistica ed edilizia vigente al momento della
presentazione della domanda di accertamento di conformità.




--
www.studiomirano.it

DGE

unread,
Jan 22, 2021, 11:26:19 AMJan 22
to
e' CERTO CHE SI ASSEVERA il falso che allo stato attuale facendo anche
PDC in sanatoria art 36 affermi (ammesso che non stai nel 2% della
volumetria, lasciando per ora perdere altezza inferiore a 270) sia nella
richiesta che nell'asseverazione la doppia conformità dell'intervento.

Come ha scritto Mirano magari se le modifiche al testo unico daranno la
possibilità di fare quella che è la cosidetta sanatoria gurisprudenziale
allora il discorso cambia
DGE

Il grande fardello

unread,
Jan 22, 2021, 12:13:37 PMJan 22
to
In news:ru7085$m4u$1...@gioia.aioe.org,
www.studiomirano.it <a...@a.com> typed:
> On 19/01/2021 17:05, castore wrote:
>> Il 19/01/2021 16:03, DGE ha scritto:
>>> in caso di sanatoria anche per altre cose per poi fare 110%, voi
>>> come vi comportate, essendo questi locali oggetto di leggere
>>> modifiche dei tramezzi e muri esterni.
>>> Siamo in piemonte
>>> DGE
>>
>> art 34/bis
>> comma 2: "fuori dai casi di cui al comma 1, limitatamente agli
>> immobili non sottoposti a tutela ai sensi del decreto legislativo 22
>> gennaio 2004, n. 42, costituiscono inoltre tolleranze esecutive le
>> irregolarità geometriche e le modifiche delle finiture degli edifici
>> di minima entità, la diversa collocazione degli impianti e opere
>> interne eseguite durante i lavori per l'attuazione di titoli
>> abilitativi edilizi, a condizione che non comportino violazione
>> della disciplina urbanistica ed edilizia e non pregiudichino
>> l'agibilità dell'immobile." L'art. 34-bis comma 3:
>> le tolleranze esecutive di cui ai commi 1 e 2 realizzate nel corso di
>> precedenti interventi edilizi, non costituendo violazioni edilizie,
>> sono dichiarate dal tecnico abilitato, ai fini dell'attestazione
>> dello stato legittimo degli immobili, nella modulistica relativa a
>> nuove istanze, comunicazioni e segnalazioni edilizie ovvero, con
>> apposita dichiarazione asseverata allegata agli atti aventi per
>> oggetto trasferimento o costituzione, ovvero scioglimento della
>> comunione, di diritti reali.
>
> l'interpretazione di solito è che l'altezza minima non rientra in
> queste tolleranze
>
> il 266 in luogo del 270 costituisce violazione della norma edilizia e
> potrebbe pregiudicare l'agibilità

Allora in montagna, dove l'altezza minima è di 2,40, muoiono tutti di
tubercolosi?
--
Ciao
____________________________
Il bue è lento ma la terra è paziente


Il grande fardello

unread,
Jan 22, 2021, 12:18:55 PMJan 22
to
In news:ru8n27$1m44$1...@gioia.aioe.org,
DGE <nonte...@email.it> typed:
W il buon senso della Rogione Lazio!

Ghost Dog

unread,
Jan 22, 2021, 12:19:01 PMJan 22
to
No, semplicemente sono ammesse altezze in deroga, così come per tutti
gli edifici ante '75.

Il grande fardello

unread,
Jan 22, 2021, 12:32:59 PMJan 22
to
In news:ru6sc7$msb$1...@gioia.aioe.org,
DGE <nonte...@email.it> typed:
> in caso di sanatoria anche per altre cose per poi fare 110%, voi come
> vi comportate, essendo questi locali oggetto di leggere modifiche dei
> tramezzi e muri esterni.
> Siamo in piemonte
> DGE

tread interessante,
incominciamo da capo per un'altezza di H 2,695?

Ghost Dog

unread,
Jan 22, 2021, 12:50:03 PMJan 22
to
Il 22/01/2021 18:32, Il grande fardello ha scritto:
> In news:ru6sc7$msb$1...@gioia.aioe.org,
> DGE <nonte...@email.it> typed:
>> in caso di sanatoria anche per altre cose per poi fare 110%, voi come
>> vi comportate, essendo questi locali oggetto di leggere modifiche dei
>> tramezzi e muri esterni.
>> Siamo in piemonte
>> DGE
>
> tread interessante,
> incominciamo da capo per un'altezza di H 2,695?
>
Puoi certificare l'abitabilità, l'arrotondamento matematico ti da ragione :)

Gabriele Pranzo

unread,
Jan 25, 2021, 6:48:43 AMJan 25
to
On Wed, 20 Jan 2021 17:35:48 +0100, Ghost Dog
<ghost_dog_don't_wo...@g.it> wrote:

>L'art 34 come al solito è confuso, ma se ci pensi fa riferimento ai
>parametri urbanistici e dice che sono ammissibili ma "a condizione che
>non comportino violazione della disciplina urbanistica ed edilizia"

Lo dice "al di fuori dei casi di cui al comma 1", che è esattamente il
comma in cui si parla delle altezze, distacchi, cubatura. Rimango
della mia idea.

Ghost Dog

unread,
Jan 25, 2021, 9:06:42 AMJan 25
to
Il 25/01/2021 12:48, Gabriele Pranzo ha scritto:
> On Wed, 20 Jan 2021 17:35:48 +0100, Ghost Dog
> <ghost_dog_don't_wo...@g.it> wrote:
>
>> L'art 34 come al solito è confuso, ma se ci pensi fa riferimento ai
>> parametri urbanistici e dice che sono ammissibili ma "a condizione che
>> non comportino violazione della disciplina urbanistica ed edilizia"
>
> Lo dice "al di fuori dei casi di cui al comma 1", che è esattamente il
> comma in cui si parla delle altezze, distacchi, cubatura. Rimango
> della mia idea.
>
> Ciao ciao.
>

Il problema è che il TU fa riferimento ai parametri urbanistici e non
igienico sanitari.E' il solito casino della normativa italiana, in cui
le leggi fanno riferimenti ad altri leggi.

La maggior parte dei tecnici comunali la interpreta in maniera estensiva
e considera le tolleranze anche sulle altezze interne, ma se becchi il
tizio rognoso non hai difesa.
Su questo sono d'accordo con Pagliai, che qui fa una articolata disamina
con la cronologia delle normative
https://www.studiotecnicopagliai.it/altezza-interna-270-ml-nelle-abitazioni-analisi-e-riferimenti-normativi/
Ciao,
GD

Aladino

unread,
Jan 25, 2021, 9:28:58 AMJan 25
to
Ghost Dog <ghost_dog_don't_wo...@g.it> wrote:

> Il problema è che il TU fa riferimento ai parametri urbanistici e non
> igienico sanitari.E' il solito casino della normativa italiana, in cui
> le leggi fanno riferimenti ad altri leggi.

In FVG, di solito si fa riferimento alla legge regionale (urbanistica)
che prevede un altezza di 2,50 per i locali abitabili. Non ho mai
sentito nessuno mettere in discussione questa altezza (tra l'altro
ulteriormente derogata in casi di recuperi dell'esistente).
Però io è da anni che nutro dubbi sulla validità di tale norma, visto
che si tratta di norma igenico sanitaria, al pari della distanza dei 10
metri tra pareti finestrate, che si sa non essere derogabile da
normative regionali.
Da quanto ne so, la regione (a statuto autonomo) ha titolo di legiferare
per la normativa edilizia/urbanistica, ma non in materia
igenico-sanitaria.
Mi chiedo come mai questa norma non sia ancora stata messa in
discussione...

--
Per rispondere, togliere -NOSPAM- dall'indirizzo.

Gabriele Pranzo

unread,
Jan 25, 2021, 9:40:11 AMJan 25
to
On Mon, 25 Jan 2021 15:06:39 +0100, Ghost Dog
<ghost_dog_don't_wo...@g.it> wrote:

>Il problema è che il TU fa riferimento ai parametri urbanistici e non
>igienico sanitari.E' il solito casino della normativa italiana, in cui
>le leggi fanno riferimenti ad altri leggi.

Capisco, ma a mio avviso il DPR 380 prevale, perchè definisce il
concetto di tolleranza che, in sostanza, non rileva ai fini normativi.
Dopodiché in giurisprudenza, come al solito, vale tutto e pure il suo
contrario e ho trovato sentenze che vanno in entrambe le direzioni.
Certo è che l'ultima versione del DPR 380 mi sembra più chiara
rispetto a prima e spero che porterà le pubbliche amministrazioni
verso una direzione di maggiore buon senso.

Per il caso di specie, direi che vale la pena anche di dare
un'occhiata al DL semplificazioni: «le disposizioni di cui al decreto
del Ministro per la sanità 5 luglio 1975, pubblicato sulla Gazzetta
Ufficiale n. 190 del 18 luglio 1975, si interpretano nel senso che i
requisiti relativi all'altezza minima e i requisiti igienico-sanitari
dei locali di abitazione ivi previsti non si considerano riferiti agli
immobili che siano stati realizzati prima della data di entrata in
vigore del medesimo decreto e che siano ubicati nelle zone A o B, di
cui al decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, o in zone a queste
assimilabili, in base alla normativa regionale e ai piani urbanistici
comunali»

www.studiomirano.it

unread,
Jan 25, 2021, 10:12:25 AMJan 25
to


> un'occhiata al DL semplificazioni: «le disposizioni di cui al decreto
> del Ministro per la sanità 5 luglio 1975, pubblicato sulla Gazzetta
> Ufficiale n. 190 del 18 luglio 1975, si interpretano nel senso che i
> requisiti relativi all'altezza minima e i requisiti igienico-sanitari
> dei locali di abitazione ivi previsti non si considerano riferiti agli
> immobili che siano stati realizzati prima della data di entrata in
> vigore del medesimo decreto e che siano ubicati nelle zone A o B, di
> cui al decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, o in zone a queste
> assimilabili, in base alla normativa regionale e ai piani urbanistici
> comunali»
>


commento personale su questa disposizione:

- a cosa serve? Se c'è una cosa che era pacifica era che il DM 1975 non
era applicabile agli edifici fatti prima dello stesso ( ovvio.......)

- allora vuol forse dire che il DM 1975 non si applica agli edifici
delle zona A e B per interventi fatti anche ****DOPO**** il 1975 ?


- preso alla lettera lascia il dubbio che per gli edifici ricadenti in
aree diverse da A e B il DM 1975 vada applicato anche per gli edifici
fatti prima del 1975............





--
www.studiomirano.it

Gianluca

unread,
Aug 19, 2021, 5:18:23 AMAug 19
to
Il 25/01/21 15:06, Ghost Dog ha scritto:
>
> Il problema è che il TU fa riferimento ai parametri urbanistici e non
> igienico sanitari.E' il solito casino della normativa italiana, in cui
> le leggi fanno riferimenti ad altri leggi.
>
> La maggior parte dei tecnici comunali la interpreta in maniera estensiva
> e considera le tolleranze anche sulle altezze interne, ma se becchi il
> tizio rognoso non hai difesa.
> Su questo sono d'accordo con Pagliai, che qui fa una articolata disamina
> con la cronologia delle normative
> https://www.studiotecnicopagliai.it/altezza-interna-270-ml-nelle-abitazioni-analisi-e-riferimenti-normativi/
>
> Ciao,
> GD
>

Riprendo questo lungo thread perché mi capita una caso simile.

Ero convinto anch'io che i 2,70 interni non fossero derogabili perché
derivanti da norme sanitarie che nell'art. 34 bis del 380/01, modificato
dalla L.120/2020, non vengono mai nominate.

Alla fine mi pare che tutti siate rimasti sulle posizioni iniziali,
quindi niente di fatto, o sbaglio?


Gianluca

Aladino

unread,
Aug 19, 2021, 8:17:22 AMAug 19
to
Gianluca <pcgc...@libero.it> wrote:

> Alla fine mi pare che tutti siate rimasti sulle posizioni iniziali,
> quindi niente di fatto, o sbaglio?
Mi chiedo spesso quanto siano valide queste leggi regionali (che qui
nessuno contesta):
https://lexview-int.regione.fvg.it/FontiNormative/xml/xmllex.aspx?anno=1985&legge=44
https://lexview-int.regione.fvg.it/FontiNormative/xml/xmllex.aspx?anno=2009&legge=19#art39

E spesso mi trovo a discutere con clienti/imprese che avendone la
possibilità, è meglio tenere almeno 5/10 cm. in più dei 2,50...
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages