Il fisco è una opinione: due commercialisti, due pareri opposti!!!

10 visualizzazioni
Passa al primo messaggio da leggere

Magicoplanare

da leggere,
28 lug 2009, 09:29:2228/07/09
a
Ciao.
Volendo usufruire dell'agevolazione IVA per l'installazione di due
condizionatori a pompa di calore, � ancora necessaria la presentazione del
"modulo"?
Anche da questo articolo risulta che non sia pi� necessario:
http://www.edilone.it/Edilizia-Iva-al-0-permanente-per-le-ristrutturazioni_news_manutenzione_x_2402.html

Ed � necessario dimostrare di essere il proprietario dell'appartamento?
Oppure, pi� semplicemente, l'installatore deve compilare una normale fattura
(con applicazione dell'IVA al 10% sul montaggio e su una quota del
condizionatore pari al montaggio... mentre sul resto si ha l'IVA al 20%)
senza alcun onere amministrativo/burocratico da parte mia?
Il mio commercialista mi ha detto che non serve compilare un modulo ne
dimostrare di essere proprietari di casa, il suo invece (a detta
dell'installatore)
ritiene che l'IVA al 10% sia solo sulla manodopera e pretende che io faccia
una autodichiarazione in cui dimostri di essere il proprietario di casa.
Chi ha ragione?
Da quello che ho letto su internet credo abbia ragione il mio, ma come �
possibile che l'installatore queste cose non le sappia?

Ciao

dr. Liza�d

da leggere,
28 lug 2009, 09:47:4528/07/09
a
Il costruttore vuole liberarsi da ogni responsabilit� in caso di un futuro
controllo fiscale nei tuoi confronti. Probabilmente la responsabilit�
sull'eventuale IVA non versata si ripartirebbe tra acquirente e cedente in
modo solidale. Quindi normale che l'installatore voglia la tua
dichiarazione.
Ma in sostanza, se tu sei sicuro di non frodare la legge, che problema hai a
firmare un pezzo di carta in cui dichiari cose vere?


Magicoplanare

da leggere,
28 lug 2009, 09:55:4028/07/09
a

"dr. Liza�d" <n...@spam.com> ha scritto nel messaggio
news:h4mv58$kd9$1...@alix.livenet.it...


Ciao dr. Liza�d e grazie per la risposta.
Io non sono il proprietario di casa e non voglio frodare la legge.
La casa non � di mia propriet� ma il mio commercialista ritiene che questo
non sia un ostacolo per l'applicazione dell'agevolazione IVA al 20%.
Il commercialista dell'installatore ritiene invece che l'agevolazione
suddetta sia valida solo nel caso in cui si � proprietari di casa.
Inoltre ritiene, sempre il suo commercialista, che l'IVA al 10% sia solo
sulla mano d'opera.
Chi c'azzecca dei due?

Rag. Sergio Lo Cascio - Tributarista

da leggere,
28 lug 2009, 10:23:5128/07/09
a

"Magicoplanare" <magico...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:wrDbm.42431$1s6....@twister2.libero.it...

> Chi c'azzecca dei due?

Nessuno dei 2.

Occorre fare una distinzione tecnica sul tipo d'intervento edilizio che si
sta effettuando.
Se presenti una pratica edilizia in comune (Dia o Permesso di Costruire)
correlata ad un intervento di ristrutturazione edilizia o risanamento
conservativo - art. 3 comma 1 lettere c) d) del dpr 380/2001
http://www.bosettiegatti.com/info/norme/statali/2001_0380.htm l'iva � gi� da
anni a regime al 10%. Occorre presentare la richiesta di iva agevolata al
venditore (se compri direttamente il bene finito dal venditore) e
all'installatore (se esegue solo l'installazione) oppure solo
all'installatore (se compra il bene finito e installa) e l'aliquota
agevolata del 10% spetta su tutto l'ammontare della spesa.

Diversamente, se in base al regolamnento edilizio non sei obbligato a
presentare nessun progetto in Comune, rientri nella casistica della
manutenzione straordinaria (molti Comuni pretendono anche per la
manutenzione straordinaria la presentazione di un progetto o Dia, a seconda
di quello che fai) oppure ordinaria - lettere a) b) del TU edilizia
380/2001.

Per questi tipi d'intervento, l'Italia sta usufruendo della proroga per
l'aliquota iva agevolata del 10%, ma occorre che il bene venga comprato e
installato direttamente dall'installatore (non si pu� comprare direttamente
dalla ditta con aliquota agevolata del 10%) e l'installatore deve fare una
proporzione tra la manodopera e il valore del bene significativo e
l'agevolazione ti spetta solo su una parte.

In quest'ultimo caso, non � necessario la presentazione di una
dichiarazione, poich� in ogni caso l'aliquota ridotta � riconosciuta
dall'attuale legge, riprorogata gi� diverse volte (stiamo parlando di
manutenzione ordinaria e straordinaria).

Chi la pu� richiedere?? Chiunque, ovvere chi ne ha il titolo, quindi anche
l'inquilino.

Ciao

--
Rag. Sergio Lo Cascio - Tributarista

Magicoplanare

da leggere,
28 lug 2009, 11:05:3428/07/09
a

"Rag. Sergio Lo Cascio - Tributarista" <loca...@interfree.it> ha scritto
nel messaggio news:XRDbm.42439$1s6....@twister2.libero.it...

>
> Occorre fare una distinzione tecnica sul tipo d'intervento edilizio che si
> sta effettuando.
> Se presenti una pratica edilizia in comune (Dia o Permesso di Costruire)
> correlata ad un intervento di ristrutturazione edilizia o risanamento
> conservativo - art. 3 comma 1 lettere c) d) del dpr 380/2001
> http://www.bosettiegatti.com/info/norme/statali/2001_0380.htm l'iva � gi�
> da anni a regime al 10%. Occorre presentare la richiesta di iva agevolata
> al venditore (se compri direttamente il bene finito dal venditore) e
> all'installatore (se esegue solo l'installazione) oppure solo
> all'installatore (se compra il bene finito e installa) e l'aliquota
> agevolata del 10% spetta su tutto l'ammontare della spesa.


Non devo fare alcun intervento di ristrutturazione edilizia, si tratta solo
di una semplice installazione di due condizionatori a pompa di calore:
quindi non dovrei - in base a quanto tu stesso hai detto - presentare alcuna
DIA per ristrutturazioni.

> Diversamente, se in base al regolamnento edilizio non sei obbligato a
> presentare nessun progetto in Comune, rientri nella casistica della
> manutenzione straordinaria (molti Comuni pretendono anche per la
> manutenzione straordinaria la presentazione di un progetto o Dia, a
> seconda di quello che fai) oppure ordinaria - lettere a) b) del TU
> edilizia 380/2001.

Dovrei quindi rientrare in questo secondo caso. Per� non ho idea se il
comune in cui risiedo imponga degli obblighi particolari (Dia o Progetto).
Da quello che mi dici mi sembra di capire che - se rientro nella
manutenzione ordinaria - non c'� obbligo alcuno. Ma l'installazione di due
condizionatori che tipo di manutenzione �? Ordinaria? Straordinaria?
La situazione si complica.


>
> Per questi tipi d'intervento, l'Italia sta usufruendo della proroga per
> l'aliquota iva agevolata del 10%, ma occorre che il bene venga comprato e
> installato direttamente dall'installatore (non si pu� comprare
> direttamente dalla ditta con aliquota agevolata del 10%) e l'installatore
> deve fare una proporzione tra la manodopera e il valore del bene
> significativo e l'agevolazione ti spetta solo su una parte.

OK

> In quest'ultimo caso, non � necessario la presentazione di una
> dichiarazione, poich� in ogni caso l'aliquota ridotta � riconosciuta
> dall'attuale legge, riprorogata gi� diverse volte (stiamo parlando di
> manutenzione ordinaria e straordinaria).

OK, nessuna dichiarazione.

> Chi la pu� richiedere?? Chiunque, ovvere chi ne ha il titolo, quindi anche
> l'inquilino.

OK, non devo essere il proprietario per beneficiare dell'agevolazione.


Quindi, se non ho interpretato male le tue parole, l'installatore (dal quale
ho acquistato il pacchetto completo: materiali + installazione) dovrebbe
semplicemente applicarmi l'IVA al 10% senza alcun obbligo da parte mia?
Sempre che l'intervento sia ordinario.

Se � cos�... � il mio commercilista ad aver ragione.

Ciao e Grazie.


Rag. Sergio Lo Cascio - Tributarista

da leggere,
28 lug 2009, 11:28:1628/07/09
a

"Magicoplanare" <magico...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:2tEbm.44049$9f6....@twister1.libero.it...

> Non devo fare alcun intervento di ristrutturazione edilizia, si tratta
> solo di una semplice installazione di due condizionatori a pompa di
> calore: quindi non dovrei - in base a quanto tu stesso hai detto -
> presentare alcuna DIA per ristrutturazioni.

Se non intervieni sugli impianti esistenti, ok.

> Dovrei quindi rientrare in questo secondo caso. Per� non ho idea se il
> comune in cui risiedo imponga degli obblighi particolari (Dia o Progetto).

Veramente il discorso � inverso, nel senso che non siamo in presenza,
sicuramente, di una manutenzione ordinaria, ma di una straordinaria. In base
al TU edilizia occorrerebbe la Dia nella maggior parte dei casi,
ma.......spesso i Comuni vanno in deroga (e spesso non lo possono fare, ma
lo fanno lo stesso).

> Da quello che mi dici mi sembra di capire che - se rientro nella
> manutenzione ordinaria - non c'� obbligo alcuno. Ma l'installazione di due
> condizionatori che tipo di manutenzione �? Ordinaria? Straordinaria?
> La situazione si complica.

Sicuramente � straordinaria, almeno se metti l'unit� esterna attaccata al
muro o alla facciata.
So che alcuni comuni ricadenti in zona sismica, addirittura richiedono la
presentazione della denuncia al Genio Civile per l'applicazione di 2 staffe
fetecchiose.......

> Quindi, se non ho interpretato male le tue parole, l'installatore (dal
> quale ho acquistato il pacchetto completo: materiali + installazione)
> dovrebbe semplicemente applicarmi l'IVA al 10% senza alcun obbligo da
> parte mia?

Si.

> Sempre che l'intervento sia ordinario.

Sempre che l'intervento non ricada in una ristrutturazione edilizia.

> Se � cos�... � il mio commercilista ad aver ragione.

Se l'intervento non ricade in una ristrutturazione edilizia, si, ma questo
particolare occorre saperlo prima di dare la risposta e occorre sapere cosa
prevedono i regolamenti Comunali, ma siccome la risposta non la conosci
manco tu, entrambi i commercialisti non c'hanno azzeccato.

:-))

Ciao

--

Magicoplanare

da leggere,
28 lug 2009, 11:39:3928/07/09
a

"Rag. Sergio Lo Cascio - Tributarista" <loca...@interfree.it> ha scritto
nel messaggio news:kOEbm.44062$9f6....@twister1.libero.it...

>
>
> Se l'intervento non ricade in una ristrutturazione edilizia, si, ma questo
> particolare occorre saperlo prima di dare la risposta e occorre sapere
> cosa prevedono i regolamenti Comunali, ma siccome la risposta non la
> conosci manco tu, entrambi i commercialisti non c'hanno azzeccato.
>
> :-))
>
> Ciao
>
> --
> Rag. Sergio Lo Cascio - Tributarista


Grazie per le info.
Credo di aver capito... anche se non ne sono molto sicuro.
Ho telefonato a due ditte installatrici di Roma (bei siti internet e
scintillanti punti vendita) e dell'IVA al 10% non ne sanno nulla: mi hanno
risposto che l'IVA � al 20% e non sono al corrente di alcuna agevolazione.
Ho mal di testa :-)
Grazie comunque.


Rag. Sergio Lo Cascio - Tributarista

da leggere,
28 lug 2009, 12:33:2528/07/09
a

"Magicoplanare" <magico...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:%YEbm.44064$9f6....@twister1.libero.it...

> Ho mal di testa :-)
> Grazie comunque.

E' come ti ho detto.

Sulla ristrutturazione edilizia e restauro/risanamento conservativo, fissa
al 10%: cerca la Tab. A parte III dpr 633/72 (IVA) e guarda il n. 127
duodecies e quaterdecies.

Sulla manutenzione ordinaria e straordinaria provvisoria al 10% secondo
quanto disposto dall'art. 7 della L. 488/99, riprorogato, ultimamente, dalla
L. 244/2007 fino al 31/12/2011.

Magicoplanare

da leggere,
1 ago 2009, 13:30:2901/08/09
a

"Rag. Sergio Lo Cascio - Tributarista" <loca...@interfree.it> ha scritto
nel messaggio news:pLFbm.42498$1s6....@twister2.libero.it...

>
> "Magicoplanare" <magico...@libero.it> ha scritto nel messaggio
> news:%YEbm.44064$9f6....@twister1.libero.it...
>> Ho mal di testa :-)
>> Grazie comunque.
>
> E' come ti ho detto.


Non ho dubbi che sia cos� (sono anche riuscito a convincere l'installatore,
risparmiando quasi un 10% di IVA che avrei versato inutilmente allo stato)
ma non capisco perch� molti negozianti (che offrono il pacchetto completo:
Condizionatori + Installazione) continuano ad applicare l'IVA al 20%!!!
Evidentemente i loro commercialisti non sono bravi come quelli che
frequentano questo NG :-)

Ciao e grazie.


Spataro

da leggere,
16 set 2009, 23:02:3416/09/09
a
Prima di tutto grazie per i consigli dati.

Una domanda forse sciocca, perdonatemi.

Che rapporto c'e' tra l'Iva al 10% e un'opera senza pratica per la
detrazione (36%) ?

Penso a lavori per sostituire i tubi in bagno, o sostituzione di cavi
elettrici, senza dia.

Mi chiedo se per avere il 10% sia necessario avviare l'intera pratica
per la detrazione, o se siano indipendenti le une dalle altre.

Insomma: basta che l'azienda che interviene esponga il 10% senza
alcuna altra formalita' ?

Grazie ancora

Spataro

Rispondi a tutti
Rispondi all'autore
Inoltra
0 nuovi messaggi