[confEDSsore] Il suo nome è Tex... Tex Willer!

39 views
Skip to first unread message

il confessore

unread,
Jan 17, 2001, 4:43:10 AM1/17/01
to
Il suo nome è Tex... Tex Willer!

Tex è seduto davanti a una di quelle tremende zuccheriere
dell'ottocento. Versa il caffè in una tazzina d'alluminio e ci
aggiunge sette cucchiaini di zucchero. Quando beve il primo sorso,
s'accorge che è amaro. Ne aggiunge ancora altri due, e lo manda giù
d'un colpo. Era il quinto caffè che si faceva e mai che gli venisse
buono. Ma questo succedeva perché stava da solo e non c'era Kit
Carson; perché come fa il caffè Kit Carson, nel west, non c'è nessuno.
E mica è bravo a farlo sulla cucina a gas, che lì sono bravi tutti;
no, Kit mette tre rami secchi a croce, nella prateria, che non ho mai
capito come fanno a reggersi o a non bruciare, e sotto ci appende una
cuccumella, sporca neanche a parlarne, e ti fa un caffè come nel west
non lo fa nessun altro. Poi, quando ne versa una tazza a Tex, non
perde occasione per dire "Vecchio Satanasso". A Tex, il caffè veniva
uno schifo, ecco perché lo zucchero da aggiungere non bastava mai.

Allora, dopo un po' s'attacca alla borraccia e si scola una buona dose
di whisky. Si fuma una sigaretta e poi tracanna ancora. Passa un'ora
prima che rimonti a cavallo. Si sente un po' nervoso per tutto quel
caffè che ha bevuto, e anche un po' brillo. Però dice: "Mi sento
nervoso!"

A Tex ogni tanto gli prende la nostalgia di Lilith, la figlia di
Freccia Rossa, il grande capo dei Navajos. Le voleva bene a Lilith,
non tanto perché era una donna... che, si sa, le donne a Tex... Ma gli
aveva salvato la vita quella volta che stava legato al palo della
tortura. E mica ti puoi mettere a fare lo schizzinoso quando sei
legato al palo della tortura con tutt'intorno un centinaio di
pellerossa pronti a farti la festa come solo gli indiani la sanno
fare. No, non fai lo schizzinoso. Se un'indiana, per di più bella e
figlia del capo, ti dice che ti ama e ti vuole sposare, tu non solo le
dici di sì, ma ti metteresti pure a cantarglielo, se te lo chiedesse.
Tex non glielo cantò a Lilith, ma in quattro e quattr'otto se la
sposò.

Con il rito indiano, naturalmente. Freccia Rossa, con un coltellaccio
aveva inciso i polsi a entrambi e poi li aveva tenuti legati assieme
giusto il tempo per dare modo al sangue di mescolarsi. Ma oggi non li
fanno più, gli indiani, questi matrimoni, coi tempi che corrono.

Per questo Tex era diventato il capo dei Navajos alla morte di Freccia
Rossa: perché aveva sposato Lilith con il patto di sangue! E s'è fatto
chiamare Aquila della Notte, e si mette il wampum sulla fronte e
quelle belle giacchette con le frange al campo indiano, nel suo tepee.

Quando un gruppo di banditi e commercianti corrotti aveva ucciso
Lilith per certi loro sporchi traffici, non sto neanche a perdere
tempo per dire cosa gli fece Tex quando li acciuffò, che di cinquanta
o sessanta che erano non ne rimasero che i pezzi sparsi di tre o
quattro.

Ma Lilith gli era rimasta nel cuore, e la rimpiangeva. Ogni tanto,
almeno. Specialmente quando se ne andava in giro per la prateria da
solo, e non c'era non dico Kit Carson che gli faceva il caffè come dio
comanda, ma neanche il suo pard indiano Tiger Jack (così com'è
scritto, che non vi venga in mente di chiamarlo Taigher Jeck!).

E poi, si sa, Tex di donne ha conosciuto soltanto Lilith, che di
questo Freud avrebbe qualcosa da dire. Così come, altro fatto strano,
non si è mai capito che sia di destra o di sinistra, ma si sa che
piace di qua e di là, tant'è che pure dentro i covi delle Brigate
Rosse ce ne hanno trovati a pacchi. Forse perché è un eroe solitario,
o al massimo con due o tre pards.

Cavalca solitario nella prateria per un paio d'ore, mentre tirava un
forte vento e tutt'intorno gli svolazzano quei cespugli tondi di
arbusti che adesso non mi ricordo come si chiamano e anzi non so
nemmeno se hanno un nome, ma che sempre si vedono svolazzare nei film
western quando nella prateria c'è un forte vento, e che ultimamente un
ragazzino americano se li è messi a vendere su Internet ed è diventato
miliardario perché li comprano i ricchi texani e li mettono nei
giardini delle loro belle ville, così quando tira un forte vento
questi cespugli svolazzano di qua e di là e loro escono in giardino e
si mettono il cappello alla cow-boy e gridano "giddap" oppure
"yippie", tutti contenti di essere texani.

Anche Tex è texano.

Cavalca nella prateria finché non incontra un gruppo di pellerossa.
Dice: "Sono Aquila della Notte."

E quelli: "Noi siamo Sioux!"

E Tex, nervoso: "Cerco Lilith."

"Guarda, Aquila (confidenziale), noi siamo Sioux. "

"Vabbe', non importa, dammene un'altra."

Il capo dei Sioux, molto seccato: "Parla bene, Aquila della Notte
(formale), se non vuoi che ti scotenniamo!"

"Scusa, allora" dice Tex, che fa impennare il cavallo e se ne va.

Cavalca, cavalca, nella prateria, che anche se è tutta spoglia, tranne
quei cosi che svolazzano, c'è sempre il rischio di incontrare tipi
strani, come quel Signore degli Abissi che poi ci hanno fatto pure un
film, che quando seppi che Tex lo impersonava Giuliano Gemma per poco
non mi venne il vomito.

Cavalca, cavalca, Tex arriva in uno di quei villaggi polverosi del
west. Lega la bestia alla staccionata ed entra di filato nel saloon.
"Dammi una birra!" dice, mentre siede a un tavolo. "Anzi, no, dammi
una bottiglia di whisky, che voglio scacciare Lilith dalla mente."

"Da mangiare che porto: una bistecca alta tre dita, seppellita da una
montagna di patatine fritte?" dice l'uomo dietro al banco, che sapeva
che a Tex lo fanno impazzire bistecche e patatine, che dev'essere una
specie di pubblicità sublimale in previsione di mucca pazza.

"Puah! Ho lo stomaco pieno di bistecche e patatine fritte."

"Che ti faccio, allora?" chiede l'uomo, con la faccia tanto
esterrefatta che ci potevi affiggere sopra un avviso di taglia.

Nel frattempo si avvicina una donna, una di quelle che sempre girano
attorno a Tex quando entra in un saloon, ma mai che riescano non dico
ad andarci a letto ma almeno a scambiarci un bacio, sempre per quella
storia di cui dovrebbe interessarsi Freud.

"Ci penso io a lui, Jò" dice la donna. E con un gesto repentino si
siede sulle sue ginocchia.

"Ah!" dice Tex. E pensa "vecchia maliarda". Ma allunga una mano sulla
coscia della donna e sente la giarrettiera. "Hai le gambe toste come
quelle di un bisonte della prateria" dice.

"Trovi?" fa la donna.

E Tex: "Per tutta la prateria con il mio cavallo ho corso, ed ora
dammi il morso..."

"..."

"... Oh, scusami sai, ma ho sempre a che fare con i cavalli. Volevo
dire dammi un bacio..."

Tex è così. E' diventato così da quando gli è morto il papà. Il papà
Gianluigi... Gianluigi Bonelli. Dopo che se ne era già andato anche
l'altro genitore, l'Aurelio Galeppini, il mitico Galep.

---------------------------------------------
- il testo qua sopra non è mio.
- e allora di chi è?
- lo saprai a suo tempo.
- "suo" di chi?
- ma quante domande fai... leggi e commenta, invece!

bfran...@iname.com

unread,
Jan 17, 2001, 7:52:07 AM1/17/01
to
On Wed, 17 Jan 2001 10:43:10 +0100, wrote:

>Il suo nome č Tex... Tex Willer!
>
Dr. Giagnori I suppose?

In ogni caso č quello che fino ad ora mi č piaciuto di piů. Ne ho
altri 14 da leggere :)

(-:F

Mario Giagnori

unread,
Jan 17, 2001, 8:42:43 AM1/17/01
to

<bfran...@iname.com> wrote

> Dr. Giagnori I suppose?

Io, Tex, in quel modo? Noooooo.

Mario


stirner

unread,
Jan 17, 2001, 9:09:33 AM1/17/01
to

il confessore ha scritto nel messaggio
<4pna6t8sfno0lfin8...@4ax.com>...

>Il suo nome è Tex... Tex Willer!


carino e scritto bene ma non c'è l'EDS.
stir


bfran...@iname.com

unread,
Jan 17, 2001, 9:08:41 AM1/17/01
to
On Wed, 17 Jan 2001 14:42:43 +0100, wrote:


>Io, Tex, in quel modo? Noooooo.
>

troppo irrispettoso?

(-:F

Mario Giagnori

unread,
Jan 17, 2001, 9:26:19 AM1/17/01
to

<bfran...@iname.com> wrote in message

> troppo irrispettoso?

mi fa lo stesso effetto di quando venni a sapere che John Wayne...

vabbe', lasciamo perdere.

Mario


Gilgamesh

unread,
Jan 17, 2001, 9:49:05 AM1/17/01
to

il confessore ha scritto nel messaggio

>Il suo nome è Tex... Tex Willer!
>


La comprensione del testo presuppone un background willeriano che non tutti
hanno.
L'ho salvato perchè è tra le cose più divertenti lette ultimamente.

Sono notevoli:

>Tex è seduto davanti a una di quelle tremende zuccheriere
>dell'ottocento.

(...)

la scena della caffettiera ...


>
>E poi, si sa, Tex di donne ha conosciuto soltanto Lilith, che di
>questo Freud avrebbe qualcosa da dire. Così come, altro fatto strano,
>non si è mai capito che sia di destra o di sinistra, ma si sa che
>piace di qua e di là, tant'è che pure dentro i covi delle Brigate
>Rosse ce ne hanno trovati a pacchi. Forse perché è un eroe solitario,
>o al massimo con due o tre pards.

il pezzetto sopra ... :)

>
>Cavalca solitario nella prateria per un paio d'ore, mentre tirava un
>forte vento e tutt'intorno gli svolazzano quei cespugli tondi di

>arbusti che adesso non mi ricordo come si chiamano (...)

Un po' fuori luogo rispetto al resto il pezzo sopra e quanto viene dopo ...

>
>Cavalca nella prateria finché non incontra un gruppo di pellerossa.
>Dice: "Sono Aquila della Notte."
>
>E quelli: "Noi siamo Sioux!"
>


La scenetta con i Siù: esilarante!


Complimenti all'ignoto autore(che senz'altro non ha più 20 anni!)

Gil

bfran...@iname.com

unread,
Jan 17, 2001, 10:00:46 AM1/17/01
to
On Wed, 17 Jan 2001 15:26:19 +0100, wrote:


>mi fa lo stesso effetto di quando venni a sapere che John Wayne...
>
>vabbe', lasciamo perdere.
>

Come lasciamo perdere? Il giorno che si sono dimenticati di inibirmi
il sever news tu lasci perdere!!!???

(-:F

"L'unico indiano buono è un indiano morto"
JW


bfran...@iname.com

unread,
Jan 17, 2001, 10:06:53 AM1/17/01
to
On Wed, 17 Jan 2001 15:49:05 +0100, wrote:


>La comprensione del testo presuppone un background willeriano che non tutti
>hanno.

Non concordo, trattasi di cultura generale. A scuola invece di farsi
gli spinelli potrebbero leggere Tex :))

(-:F

Bianca

unread,
Jan 17, 2001, 10:22:44 AM1/17/01
to

> Il suo nome è Tex... Tex Willer!

Bello, divertente e anche un po' commovente.
Forse si poteva evitare il finalino esplicativo:

> Tex è così. E' diventato così da quando gli è morto il papà. Il papà
> Gianluigi... Gianluigi Bonelli. Dopo che se ne era già andato anche
> l'altro genitore, l'Aurelio Galeppini, il mitico Galep.

visto che la notizia della morte di Bonelli e' passata per tutti i
media. Sarebbe stato ancora piu' evocativo.
Anche questo e' tra i miei preferiti.
bianca

Bianca

unread,
Jan 17, 2001, 10:54:34 AM1/17/01
to

<bfran...@iname.com> ha scritto

> Dr. Giagnori I suppose?

naaaa: Mario non citerebbe mai Freud ;-)

bianca


Pikkiatella

unread,
Jan 17, 2001, 10:57:21 AM1/17/01
to

il confessore <pissi...@baub.au> wrote in message
4pna6t8sfno0lfin8...@4ax.com...


> questi cespugli svolazzano di qua e di là e loro escono in giardino e
> si mettono il cappello alla cow-boy e gridano "giddap" oppure
> "yippie", tutti contenti di essere texani.

ROTFL!


> Tex è così. E' diventato così da quando gli è morto il papà. Il papà
> Gianluigi... Gianluigi Bonelli. Dopo che se ne era già andato anche
> l'altro genitore, l'Aurelio Galeppini, il mitico Galep.

Bello. Bello in tutto. Ben scritto, bella storia, divertente e triste
e tutto quello che c'è in mezzo.
Salvato :))))))

Voto questo :)

Pikkia/almeno credo :)

AhiRa

unread,
Jan 17, 2001, 11:24:33 AM1/17/01
to

>Il suo nome č Tex... Tex Willer!
la cosa che mi piace di piu' in questo racconto e' che sembra di
leggerlo in fumetto.
Bello!
Onestamente con la consegna dell'eds poco ci azzecca,almeno secondo
quello che avevo capito io, tuttavia e' proprio un bel racconto.
E secondo me potrebbe anche essere del Giagnori.
AhiRa

Mario Giagnori

unread,
Jan 17, 2001, 12:58:12 PM1/17/01
to

AhiRa <ah...@inthenet.sm> ha scritto

> Bello!

Ahira, parliamone. Ho dato una scorsa ai commenti e ho visto che a te
i racconti ti sono piaciuti tutti, con un giudizio che va dal bello al
meraviglioso, conditi da porzioni varie di invidia :-))

> E secondo me potrebbe anche essere del Giagnori.

Nego decisamente. E al prossimo che fa questa sporca insinuazione gli
metto un fiammifero da cucina tra le dita dei piedi e poi gli do
fuoco. :-))

Mario

AhiRa

unread,
Jan 17, 2001, 4:09:28 PM1/17/01
to
"Mario Giagnori" wrote:


>Ahira, parliamone. Ho dato una scorsa ai commenti e ho visto che a te
>i racconti ti sono piaciuti tutti, con un giudizio che va dal bello al
>meraviglioso, conditi da porzioni varie di invidia :-))

ho già spiegato in altre occasioni, ma non mi pesa ripetermi, che in
genere io commento solo le cose che mi piacciono. Preferisco tacere
sulle cose che non mi convincono, vuoi perchè non mi pare carino nei
confronti dell'autore, vuoi perchè mi piace pensare ed esprimermi al
positivo. Posta questa condizione si spiega facilmente la mia scelta
di aggettivi.

>Nego decisamente.
Ok ma non era mica un insulto :)

>E al prossimo che fa questa sporca insinuazione gli
>metto un fiammifero da cucina tra le dita dei piedi e poi gli do
>fuoco. :-))

la mia insinuazione era di un candore estremo, nego assolutamente che
fosse in qualche modo sporca! :)
AhiRa

VALERIA

unread,
Jan 17, 2001, 5:06:39 PM1/17/01
to
Divertentissimo.
Ciao, Valeria

il confessore <pissi...@baub.au> wrote in message
4pna6t8sfno0lfin8...@4ax.com...

> Il suo nome č Tex... Tex Willer!
>

> Anche Tex č texano.

bfran...@iname.com

unread,
Jan 18, 2001, 4:16:39 AM1/18/01
to

>> E secondo me potrebbe anche essere del Giagnori.
>
>Nego decisamente. E al prossimo che fa questa sporca insinuazione gli
>metto un fiammifero da cucina tra le dita dei piedi e poi gli do
>fuoco. :-))
>
Però ... quasi quasi lo faccio con altri testi :))

hihihi

(-:F

Elvio Cipollone

unread,
Jan 18, 2001, 9:02:57 AM1/18/01
to
On Wed, 17 Jan 2001 10:43:10 +0100, il confessore <pissi...@baub.au>
wrote:

>Il suo nome č Tex... Tex Willer!
>

Una domanda mi sorge spontanea: perché non l'hai postato prima?

Gran bel pezzo di scrittura cmq.

Elvio

Mario Giagnori

unread,
Jan 18, 2001, 11:36:07 AM1/18/01
to

AhiRa <ah...@inthenet.sm> ha scritto

> ho già spiegato in altre occasioni, ma non mi pesa ripetermi,

Scherzavo. :-))


Mario


AhiRa

unread,
Jan 18, 2001, 12:59:32 PM1/18/01
to

>> ho già spiegato in altre occasioni, ma non mi pesa ripetermi,
>
>Scherzavo. :-))
maddai!
chi l'avesse mai direbbe!
AhiRa

Ombra

unread,
Jan 18, 2001, 1:35:09 PM1/18/01
to

<bfran...@iname.com> ha scritto

> Non concordo, trattasi di cultura generale. A scuola invece di farsi
> gli spinelli potrebbero leggere Tex :))

O fare entrambe le cose.


Ombra

unread,
Jan 18, 2001, 1:35:53 PM1/18/01
to

"AhiRa" <ah...@inthenet.sm> ha scritto

> E secondo me potrebbe anche essere del Giagnori.

Secondo me è di Ulderico.


Bianca

unread,
Jan 18, 2001, 1:49:35 PM1/18/01
to

"Ombra" <om...@e-basta.org> ha scritto

> Secondo me è di Ulderico.

Guarda, l'avevo pensato anch'io. Ma poi, questa frase:

> Freccia Rossa, con un coltellaccio aveva inciso i polsi ...

Non so, magari e' un refuso, ma non credo che Ulderico separerebbe con
una virgola il soggetto dal verbo.
E comunque, troppe virgole dappertutto per essere Ulderico.

bianca
(potrei avere cannato in pieno, ma ogni autore ha i suoi tic e i suoi
tac ;-)


AhiRa

unread,
Jan 18, 2001, 1:56:00 PM1/18/01
to
"Ombra" wrote:


>O fare entrambe le cose.

non concordo...sul tipo di droga... ci si dovrebbe fare di coca prof e
alunni. Si vivificano i neuroni e si fissano i ricordi.
E un bidello dovrebbe essere preposto alla stesura delle strisce
all'ingresso della scuola qualche minuto prima del suono della
campanella. Il tutto dovrebbe avvenire in ordine, rapidamente e in
silenzio.
AhiRa

Mario Giagnori

unread,
Jan 19, 2001, 3:23:19 AM1/19/01
to

Ombra <om...@e-basta.org> ha scritto:

> O fare entrambe le cose.

In effetti, Tex assieme a Cochise si fa quei calumet... :-))

Mario


Gaez

unread,
Jan 21, 2001, 6:03:10 AM1/21/01
to
Bello.
Gaez
P.S.- Ma il figlio di Tex?
Voglio dire, se lui, insomma, con le donne, freud, Kit Carson
molto intimo, Taigher Gek faccia di palta, insomma, la prova del dna č stata
fatta?
In parole povere io ho sempre pensato che Tex fosse gay e con le donne
nisba. Allora i casi sono due:
o inseminazione artificiale o Taigher Gek. Che poi č la stessa cosa. Penso.
Mah..


pippi mezzacalza

unread,
Jan 22, 2001, 4:54:41 AM1/22/01
to
***
molto simpatico e ben scritto )

pippi mezzacalza


il confessore <pissi...@baub.au> wrote in message
4pna6t8sfno0lfin8...@4ax.com...

> Il suo nome è Tex... Tex Willer!


>
> Tex è seduto davanti a una di quelle tremende zuccheriere

> dell'ottocento. Versa il caffè in una tazzina d'alluminio e ci
> aggiunge sette cucchiaini di zucchero. Quando beve il primo sorso,
> s'accorge che è amaro. Ne aggiunge ancora altri due, e lo manda giù
> d'un colpo. Era il quinto caffè che si faceva e mai che gli venisse
> buono. Ma questo succedeva perché stava da solo e non c'era Kit
> Carson; perché come fa il caffè Kit Carson, nel west, non c'è nessuno.
> E mica è bravo a farlo sulla cucina a gas, che lì sono bravi tutti;
> no, Kit mette tre rami secchi a croce, nella prateria, che non ho mai
> capito come fanno a reggersi o a non bruciare, e sotto ci appende una
> cuccumella, sporca neanche a parlarne, e ti fa un caffè come nel west
> non lo fa nessun altro. Poi, quando ne versa una tazza a Tex, non
> perde occasione per dire "Vecchio Satanasso". A Tex, il caffè veniva
> uno schifo, ecco perché lo zucchero da aggiungere non bastava mai.
>
> Allora, dopo un po' s'attacca alla borraccia e si scola una buona dose
> di whisky. Si fuma una sigaretta e poi tracanna ancora. Passa un'ora
> prima che rimonti a cavallo. Si sente un po' nervoso per tutto quel
> caffè che ha bevuto, e anche un po' brillo. Però dice: "Mi sento
> nervoso!"
>
> A Tex ogni tanto gli prende la nostalgia di Lilith, la figlia di
> Freccia Rossa, il grande capo dei Navajos. Le voleva bene a Lilith,
> non tanto perché era una donna... che, si sa, le donne a Tex... Ma gli
> aveva salvato la vita quella volta che stava legato al palo della
> tortura. E mica ti puoi mettere a fare lo schizzinoso quando sei
> legato al palo della tortura con tutt'intorno un centinaio di
> pellerossa pronti a farti la festa come solo gli indiani la sanno
> fare. No, non fai lo schizzinoso. Se un'indiana, per di più bella e
> figlia del capo, ti dice che ti ama e ti vuole sposare, tu non solo le
> dici di sì, ma ti metteresti pure a cantarglielo, se te lo chiedesse.
> Tex non glielo cantò a Lilith, ma in quattro e quattr'otto se la
> sposò.
>
> Con il rito indiano, naturalmente. Freccia Rossa, con un coltellaccio
> aveva inciso i polsi a entrambi e poi li aveva tenuti legati assieme
> giusto il tempo per dare modo al sangue di mescolarsi. Ma oggi non li
> fanno più, gli indiani, questi matrimoni, coi tempi che corrono.
>
> Per questo Tex era diventato il capo dei Navajos alla morte di Freccia
> Rossa: perché aveva sposato Lilith con il patto di sangue! E s'è fatto
> chiamare Aquila della Notte, e si mette il wampum sulla fronte e
> quelle belle giacchette con le frange al campo indiano, nel suo tepee.
>
> Quando un gruppo di banditi e commercianti corrotti aveva ucciso
> Lilith per certi loro sporchi traffici, non sto neanche a perdere
> tempo per dire cosa gli fece Tex quando li acciuffò, che di cinquanta
> o sessanta che erano non ne rimasero che i pezzi sparsi di tre o
> quattro.
>
> Ma Lilith gli era rimasta nel cuore, e la rimpiangeva. Ogni tanto,
> almeno. Specialmente quando se ne andava in giro per la prateria da
> solo, e non c'era non dico Kit Carson che gli faceva il caffè come dio
> comanda, ma neanche il suo pard indiano Tiger Jack (così com'è
> scritto, che non vi venga in mente di chiamarlo Taigher Jeck!).


>
> E poi, si sa, Tex di donne ha conosciuto soltanto Lilith, che di
> questo Freud avrebbe qualcosa da dire. Così come, altro fatto strano,
> non si è mai capito che sia di destra o di sinistra, ma si sa che
> piace di qua e di là, tant'è che pure dentro i covi delle Brigate
> Rosse ce ne hanno trovati a pacchi. Forse perché è un eroe solitario,
> o al massimo con due o tre pards.
>

> Cavalca solitario nella prateria per un paio d'ore, mentre tirava un
> forte vento e tutt'intorno gli svolazzano quei cespugli tondi di

> arbusti che adesso non mi ricordo come si chiamano e anzi non so
> nemmeno se hanno un nome, ma che sempre si vedono svolazzare nei film
> western quando nella prateria c'è un forte vento, e che ultimamente un
> ragazzino americano se li è messi a vendere su Internet ed è diventato
> miliardario perché li comprano i ricchi texani e li mettono nei
> giardini delle loro belle ville, così quando tira un forte vento


> questi cespugli svolazzano di qua e di là e loro escono in giardino e
> si mettono il cappello alla cow-boy e gridano "giddap" oppure
> "yippie", tutti contenti di essere texani.
>

> Anche Tex è texano.


>
> Cavalca nella prateria finché non incontra un gruppo di pellerossa.
> Dice: "Sono Aquila della Notte."
>
> E quelli: "Noi siamo Sioux!"
>

> E Tex, nervoso: "Cerco Lilith."
>
> "Guarda, Aquila (confidenziale), noi siamo Sioux. "
>
> "Vabbe', non importa, dammene un'altra."
>
> Il capo dei Sioux, molto seccato: "Parla bene, Aquila della Notte
> (formale), se non vuoi che ti scotenniamo!"
>
> "Scusa, allora" dice Tex, che fa impennare il cavallo e se ne va.
>
> Cavalca, cavalca, nella prateria, che anche se è tutta spoglia, tranne
> quei cosi che svolazzano, c'è sempre il rischio di incontrare tipi
> strani, come quel Signore degli Abissi che poi ci hanno fatto pure un
> film, che quando seppi che Tex lo impersonava Giuliano Gemma per poco
> non mi venne il vomito.
>
> Cavalca, cavalca, Tex arriva in uno di quei villaggi polverosi del
> west. Lega la bestia alla staccionata ed entra di filato nel saloon.
> "Dammi una birra!" dice, mentre siede a un tavolo. "Anzi, no, dammi
> una bottiglia di whisky, che voglio scacciare Lilith dalla mente."
>
> "Da mangiare che porto: una bistecca alta tre dita, seppellita da una
> montagna di patatine fritte?" dice l'uomo dietro al banco, che sapeva
> che a Tex lo fanno impazzire bistecche e patatine, che dev'essere una
> specie di pubblicità sublimale in previsione di mucca pazza.
>
> "Puah! Ho lo stomaco pieno di bistecche e patatine fritte."
>
> "Che ti faccio, allora?" chiede l'uomo, con la faccia tanto
> esterrefatta che ci potevi affiggere sopra un avviso di taglia.
>
> Nel frattempo si avvicina una donna, una di quelle che sempre girano
> attorno a Tex quando entra in un saloon, ma mai che riescano non dico
> ad andarci a letto ma almeno a scambiarci un bacio, sempre per quella
> storia di cui dovrebbe interessarsi Freud.
>
> "Ci penso io a lui, Jò" dice la donna. E con un gesto repentino si
> siede sulle sue ginocchia.
>
> "Ah!" dice Tex. E pensa "vecchia maliarda". Ma allunga una mano sulla
> coscia della donna e sente la giarrettiera. "Hai le gambe toste come
> quelle di un bisonte della prateria" dice.
>
> "Trovi?" fa la donna.
>
> E Tex: "Per tutta la prateria con il mio cavallo ho corso, ed ora
> dammi il morso..."
>
> "..."
>
> "... Oh, scusami sai, ma ho sempre a che fare con i cavalli. Volevo
> dire dammi un bacio..."


>
> Tex è così. E' diventato così da quando gli è morto il papà. Il papà
> Gianluigi... Gianluigi Bonelli. Dopo che se ne era già andato anche
> l'altro genitore, l'Aurelio Galeppini, il mitico Galep.
>

> ---------------------------------------------
> - il testo qua sopra non è mio.
> - e allora di chi è?
> - lo saprai a suo tempo.
> - "suo" di chi?
> - ma quante domande fai... leggi e commenta, invece!


Paperoga

unread,
Jan 22, 2001, 10:55:14 AM1/22/01
to

Gilgamesh ha scritto nel messaggio

>Complimenti all'ignoto autore(che senz'altro non ha più 20 anni!)
Oserei aggiungere: e che non e' femmina!

Paperoga

Kirone dal lavoro

unread,
Feb 28, 2001, 8:59:56 PM2/28/01
to
il confessore <pissi...@baub.au> wrote in
<4pna6t8sfno0lfin8...@4ax.com>:

IMHO sequitur

>"Puah! Ho lo stomaco pieno di bistecche e patatine fritte."

"foderato"?

Cmq, da qui in poi scade un po', alla ricerca di un finale, penso.


--
ciriciao from kirone
togliere il punto tra "lib" ed "ero", che ci sta per antispam

gringo

unread,
May 27, 2022, 5:14:50 AMMay 27
to

Questo pezzo di Mario Giagnori era veramente esilarante!
Sono passati solo 21 anni :-)

gilg
> "Puah! Ho lo stomaco pieno di bistecche e patatine fritte."

Soviet_Mario

unread,
May 28, 2022, 3:01:00 PMMay 28
to
On 27/05/22 11:14, gringo wrote:
>
> Questo pezzo di Mario Giagnori era veramente esilarante!
> Sono passati solo 21 anni :-)
>
> gilg

CUT

gustoso, anche se non lo trovo esilarante, ma piuttosto
sarcastico / ironico.
Piaciuto ! danke schön



--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)

Dan

unread,
May 30, 2022, 5:15:04 AMMay 30
to
Il 27/05/2022 11:14, gringo ha scritto:
>
> Questo pezzo di Mario Giagnori era veramente esilarante!
> Sono passati solo 21 anni :-)
>
> gilg
>
>
> Il giorno mercoledì 17 gennaio 2001 alle 10:43:10 UTC+1 il confessore ha scritto:
>> Il suo nome è Tex... Tex Willer!

Sì, carino ma non lo definirei nemmeno io "esilarante". Io ci sarei
andato più pesante, ma ironizzare su un personaggio come Tex è come
sparare sulla croce rossa. Da bambino non mi stava per niente simpatico,
perché mi faceva incazzare il fatto che vinceva sempre lui, contro
qualunque avversario. Faceva a cazzotti con un energumeno grosso il
doppio di lui? nessun problema. Lo stendeva in quattro e quattr'otto.
Sfidava Buffalo Bill a una gara di tiro? Lo stracciava facendo
addirittura acrobazie sul cavallo.
Un albo si intitolava "solo contro cento" e naturalmente Tex sterminava
un centinaio di cattivoni. E poi chissà come, le pallottole dei suoi
avversari gli fischiavano sempre attorno (zip, zip) mentre i suoi colpi
erano precisissimi, al punto che tranciava una fune da 20 metri con un
colpo della sua Colt, nessun problema, e sempre al primo colpo. Sarà
stato ferito ad una spalla uno zilione di volte, al punto che,
poveretto, doveva essere sciancato come un olivo colpito da un fulmine.
Macché, neanche un dolorino alla spalla.
E poi era capo della tribù Navajos, intelligentissimo, astutissimo,
insomma un superuomo. Dovevano ancora arrivare i fumetti Marvel, con gli
eroi che erano sì super, ma avevano qualche debolezza umana, tipo Devil
che era cieco o l'omoragno che era timido con le donne e doveva
rattopparsi il costume da supereroe con ago e filo la sera e poi era un
incompreso e tutti lo consideravano con sospetto, porello. O Silver
Surfer che scontava la condanna di non potersi allontanare dalla Terra e
ogni tanto veniva preso dallo sconforto. O i fantaquattro con il povero
Ben (la cosa) che non si poteva ritrasformare in omo ed era per questo
'ncazzatissimo. ecc.
Io leggevo Zagor, sul quale ironizzavo meno di una settimana fa con un
amico per il suo ambiguo rapporto con Cico (mah...)

Comunque grazie per il tuffo nel passato di IAS, che è una piccola
miniera d'oro.
Dan


Soviet_Mario

unread,
May 30, 2022, 11:44:16 AMMay 30
to
condivido, e condividevo già da bambino, questa allergia ai
would-be "VINCENTI".
Di fatti nel mondo Marvel, i miei preferiti erano Hulk,
Sub-Mariner e Adam Warlock.
Odiavo i western e tenevo sempre per i nativi americani, etc etc
Tex ... non ho mai potuto leggerne uno intero consecutivo.
Zagor era in effetti affascinante come ambientazione,
lugubre e misteriosa (non ne avevo ma ne aveva centinaia un
mio "amico" o quel che era).
Direi che Chico è l'equivalente di Sancho Panza, uno
sparring partner.

P.S.
non mi dispiacerebbe (ma andrà deserto, e non lo faccio)
aprire un altro 3D su quelle che io chiamo (e non so se sia
il loro nome né se abbiano una dignità di categoria
"ufficiale") i PERSONAGGI FUNZIONALI.
Degli sparring partners dei pezzi grossi.
Io talvolta li uso anche in modo "cinico".
Non sempre sono marginali in senso quantitativo, ma spesso
sono personaggi piatti e stereotipati, con un chiarissimo
mandato limitato e poca libertà di manovra, prevedibili, che
servono solo a far risaltare una qualche virtù o difetto di
altre figure preminenti. Sono quindi persone incomplete,
come manichini con qualcosa appiccicato giusto per le scene
che devono girare e stop. Sono quindi anche in un certo modo
"a misura" dei veri protagonisti.

Voi ne usate ? Vi fate scrupoli ad abusare dei personaggi, o
siete cinici pure voi ?


>
> Comunque grazie per il tuffo nel passato di IAS, che è una
> piccola miniera d'oro.
> Dan
>
>


Dan

unread,
May 31, 2022, 4:50:42 AMMay 31
to
Se c'è una tecnica che mi disturba assai è quel modo di introdurre i
personaggi di certi autori, soprattutto di letteratura popolare americana.

"Joe stava seduto sul suo lussuoso yacht ormeggiato a Portofino.
Consultò il Rolex che teneva al polso, sorseggiando un Moscow Mule
mentre guardava verso il molo. Joe aveva subito abusi da bambino da
parte dello zio, ma aveva saputo gettarsi tutto alle spalle ed oggi era
un affermato uomo d'affari. Tuttavia era diventato cinico e
spregiudicato, e nessun sentimento appariva mai nei suoi gelidi occhi
azzurro ghiaccio.
Finalmente dal molo vide spuntare la snella figura di Jill, inguainata
in un miniabito di Versace. Jill era una ex attricetta i cui sogni si
erano infranti non appena aveva fatto ingresso nel mondo del cinema. Il
suo primo marito era un regista di scarso talento che le aveva promesso
la fama, ma nessuna fama era giunta e così Jill l'aveva lasciato per
fuggire con un macchinista. Ma nemmeno questo rapporto era durato e
Jill..." ecc. ecc.

Sono personaggi di cartone, che l'autore tenta di umanizzare con qualche
caratterizzazione di tipo psicologico molto convenzionale e che trovo
abbastanza vomitevole. Questione di gusti, immagino.

Quando introduco un personaggio funzionale, devo ammettere che non lo
descrivo neanche. Non c'è motivo di caratterizzarlo se non ha un ruolo
preciso nella vicenda. Se il mio personaggio "organico" (protagonista,
co-protagonista...) va alla stazione di polizia a fare una denuncia, non
comincio a descrivere il funzionario che la raccoglie con fuffa del tipo
"Greg lavorava in polizia da quasi trent'anni. Da bambino..." ecc. ecc.

Detto questo, è abbastanza difficile tracciare una linea netta tra
personaggi veri e propri e "sparring partner".

Io tendo a caratterizzare i personaggi attraverso i dialoghi. Il
personaggio funzionale "si definisce da sé", ovvero può essere
funzionale in maggiore o minor misura. Se il funzionario di polizia
c'entra nella vicenda solo perché "deve" esserci un funzionario che
raccoglie la denuncia, beh non lo definisco affatto. Una pennellata, due
frasi convenzionali e via.
Se però un personaggio funzionale interagisce in misura cospicua con la
vicenda, qualcosa dovrò fargli dire e fare, e queste cose che fa e che
dice lo definiranno. Ed eccoci al punto: se quello che dice e fa il PF è
tutto scontato e convenzionale, e può benissimo capitare, è molto meglio
usarlo in questo modo "limitato", invece di volergli appiccicare addosso
a tutti i costi una lacrimevole vicenda pregressa, solo per
"umanizzarlo" in modo fittizio.

Quindi, arrivo faticosamente alla conclusione, direi che li uso.

Magari potremmo postare qualche esempio. Tra l'altro, non ci avevo mai
pensato in modo analitico, questa risposta è fatta a caldo, grazie per
lo spunto di riflessione.
Dan

Soviet_Mario

unread,
May 31, 2022, 9:09:03 PMMay 31
to
M-E-R-A-V-I-G-L-I-O-S-O ! ! !
semplicemente da manuale.

>
> Sono personaggi di cartone, che l'autore tenta di umanizzare
> con qualche caratterizzazione di tipo psicologico molto
> convenzionale e che trovo abbastanza vomitevole. Questione
> di gusti, immagino.

sì sì, capisco, ma non non sono sicuro di avere ben
descritto il contesto.
Ad es., nel tuo grandioso esempio, chi dei due lo
classifichi personaggio funzionale ?

Mi spiego meglio, non intendevo funzionali "alla storia", al
fatto di scrivere, ma "funzionali tra loro", ossia costruire
sparring partners su misura.
E caratterizzati lo stretto essenziale per svolgere la loro
funzione (che è complementare, o di intralcio, a qualche
necessità degli attori di prima grandezza)

>
> Quando introduco un personaggio funzionale, devo ammettere
> che non lo descrivo neanche. Non c'è motivo di
> caratterizzarlo se non ha un ruolo preciso nella vicenda.

e allora non mi ero spiegato.
Ce l'ha il ruolo preciso.
Il punto è proprio che chiamo FUNZIONALI de personaggi
stereotipati che implementano solo poche funzioni, quelle
che servono ad esigenze di altri, hanno un mandato limitato
e preciso da assolvere.

> Se
> il mio personaggio "organico" (protagonista,
> co-protagonista...) va alla stazione di polizia a fare una
> denuncia, non comincio a descrivere il funzionario che la
> raccoglie con fuffa del tipo "Greg lavorava in polizia da
> quasi trent'anni. Da bambino..." ecc. ecc.

beh quello lo definirei solo una comparsa, non un
personaggio funzionale.

>
> Detto questo, è abbastanza difficile tracciare una linea
> netta tra personaggi veri e propri e "sparring partner".

naturalmente è vero.
Credo però che solo un autore di buono spessore riesca ad
avere un grande "range" di sviluppo dei vari personaggi.
Presumo (idea mia, nata da autopercezione) che un autore
medio riesca a gestire poche "categorie" : star di prima
grandezza, di seconda grandezza, comparse, personaggi
funzionali o di complemento.

Poi a volte si perde il controllo di qualcosa e qualche
stella tramonta, e qualche personaggetto da la scalata.
Capita, non tutto è programmabile.
Ho usato qualche personaggio funzionale in cui ho preso
gusto e che è debordato in senso QUANTITATIVO (e gioco forza
un po' anche acquisendo più spessore) al di là delle
intenzioni principali.

>
> Io tendo a caratterizzare i personaggi attraverso i
> dialoghi.

io invece ... boh :D no, non saprei dire.
Sui protagonisti è un mix di dialoghi e di "voce narrante
impersonale" di cui non saprei quantificare i contributi. E
lo stesso dicasi per i "funzionali".

> Il personaggio funzionale "si definisce da sé",
> >ovvero può essere funzionale in maggiore o minor misura.

sei meno "drakoniano" di me allora, nel senso di più
equilibrato. Io ho delle tendenze all'estremizzazione
notevolmente forti. E non solo nei personaggi funzionali.
Invero anche i miei protagonisti sono stereotipati molto spesso.

> Se
> il funzionario di polizia c'entra nella vicenda solo perché
> "deve" esserci un funzionario che raccoglie la denuncia, beh
> non lo definisco affatto. Una pennellata, due frasi
> convenzionali e via.

sì sì, ma questa è la classica comparsa

> Se però un personaggio funzionale interagisce in misura
> cospicua con la vicenda, qualcosa dovrò fargli dire e fare,
> e queste cose che fa e che dice lo definiranno.

sì, ma io mi chiedevo se ti ponessi il problema di
"umiliare" un personaggio, facendogli fare quasi sempre cose
simili, perché lui/lei serve soltanto per quello alle
esigenze "superiori".
Cioè il mio dubbio è se "stereotipare" ed appiattire creasse
problemi di coscienza. Non tanto di gusto, proprio di
abusare di figure create in modo così spregiudicato

> Ed eccoci al
> punto: se quello che dice e fa il PF è tutto scontato e
> convenzionale, e può benissimo capitare, è molto meglio
> usarlo in questo modo "limitato", invece di volergli
> appiccicare addosso a tutti i costi una lacrimevole vicenda
> pregressa, solo per "umanizzarlo" in modo fittizio.

ah ! interessante.
In genere in effetti li uso e abuso così, grettamente.
Qualche volta però, un paio di figure del genere che si sono
espanse troppo, poi mi sono sentito in dovere di ispessirle,
e di motivare il perché erano così com'erano, di
giustificare le loro idiosincrasie etc.


>
> Quindi, arrivo faticosamente alla conclusione, direi che li
> uso.
>
> Magari potremmo postare qualche esempio.

eh, boh ... non credo che estratti chiarirebbero. Andrebbe
scritto qualcosa fatto per essere piccolo già alla fonte.

> Tra l'altro, non ci
> avevo mai pensato in modo analitico, questa risposta è fatta
> a caldo, grazie per lo spunto di riflessione.

a te. Anche del bellissimo esempio iniziale. Sei stato
severissimo e acidissimo, ma adoro queste stigmatizzazioni
:D :D :D
anzi mo' me le rileggo di nuovo :D

Dan

unread,
Jun 7, 2022, 3:55:26 PMJun 7
to
Occazzo, ecco che mi fai concettualizzare... :-) ehm direi che ancora
non si sa. Spetta un momento diobono. Ho appena introdotto due figurine
di cartone e tu già mi chiedi chi è il funzionale... eehhh!

> Mi spiego meglio, non intendevo funzionali "alla storia", al fatto di
> scrivere, ma "funzionali tra loro", ossia costruire sparring partners su
> misura.
> E caratterizzati lo stretto essenziale per svolgere la loro funzione
> (che è complementare, o di intralcio, a qualche necessità degli attori
> di prima grandezza)
>
>>
>> Quando introduco un personaggio funzionale, devo ammettere che non lo
>> descrivo neanche. Non c'è motivo di caratterizzarlo se non ha un ruolo
>> preciso nella vicenda.
>
> e allora non mi ero spiegato.
> Ce l'ha il ruolo preciso.
> Il punto è proprio che chiamo FUNZIONALI de personaggi stereotipati che
> implementano solo poche funzioni, quelle che servono ad esigenze di
> altri, hanno un mandato limitato e preciso da assolvere.
>
Infatti mi sa che non avevo capito bene il concetto di personaggio
funzionale. Io l'avevo assimilato alla comparsa.

>> Se il mio personaggio "organico" (protagonista, co-protagonista...) va
>> alla stazione di polizia a fare una denuncia, non comincio a
>> descrivere il funzionario che la raccoglie con fuffa del tipo "Greg
>> lavorava in polizia da quasi trent'anni. Da bambino..." ecc. ecc.
>
> beh quello lo definirei solo una comparsa, non un personaggio funzionale.
>
>>
>> Detto questo, è abbastanza difficile tracciare una linea netta tra
>> personaggi veri e propri e "sparring partner".
>
> naturalmente è vero.
> Credo però che solo un autore di buono spessore riesca ad avere un
> grande "range" di sviluppo dei vari personaggi.
> Presumo (idea mia, nata da autopercezione) che un autore medio riesca a
> gestire poche "categorie" : star di prima grandezza, di seconda
> grandezza, comparse, personaggi funzionali o di complemento.
>
> Poi a volte si perde il controllo di qualcosa e qualche stella tramonta,
> e qualche personaggetto da la scalata. Capita, non tutto è programmabile.
> Ho usato qualche personaggio funzionale in cui ho preso gusto e che è
> debordato in senso QUANTITATIVO (e gioco forza un po' anche acquisendo
> più spessore) al di là delle intenzioni principali.
>
Io ho il sospetto che questa categoria dei personaggi funzionali sia una
tua creazione.
Tu stai dicendo in pratica che quando un personaggio è limitato,
improbabile, privo di spessore e stereotipato, esso non è semplicemente
un personaggio "brutto", viene nobilitato dall'appartenenza ad una ben
precisa categoria di personaggi: i personaggi funzionali, destinatari di
una qualche dignità. Ma in che modo non sono semplicemente degli
artifici (bruttini)?
Questa obbiezione naturalmente cade completamente quando il tono del
racconto sia volutamente di un certo tipo. Hai presente la letteratura
epica, il piè-veloce Achille ecc.? Lì la tipizzazione dei personaggi ha
un senso, come potrebbe averlo in racconti fantasy di tipo epico. In
tale contesto l'epos prende il sopravvento e i personaggi possono essere
ridotti allo stereotipo di se stessi, magari esclusi i pochi comprimari
dei quali il lettore può condividere qualche emozione, mentre tutto
attorno il vero protagonista è un qualche oscuro destino, un capriccio
degli dei, e le figure umane sono apprezzabili solo per il loro eroismo
o la loro saggezza, (non per la fortuna).
>>
>> Io tendo a caratterizzare i personaggi attraverso i dialoghi.
>
> io invece ... boh :D no, non saprei dire.
> Sui protagonisti è un mix di dialoghi e di "voce narrante impersonale"
> di cui non saprei quantificare i contributi. E lo stesso dicasi per i
> "funzionali".
>
>> Il personaggio funzionale "si definisce da sé", >ovvero può essere
>> funzionale in maggiore o minor misura.
>
> sei meno "drakoniano" di me allora, nel senso di più equilibrato. Io ho
> delle tendenze all'estremizzazione notevolmente forti. E non solo nei
> personaggi funzionali.
> Invero anche i miei protagonisti sono stereotipati molto spesso.
>
>> Se il funzionario di polizia c'entra nella vicenda solo perché "deve"
>> esserci un funzionario che raccoglie la denuncia, beh non lo definisco
>> affatto. Una pennellata, due frasi convenzionali e via.
>
> sì sì, ma questa è la classica comparsa
e infatti io avevo fatto l'uguaglianza personaggio funzionale = comparsa.
>
>> Se però un personaggio funzionale interagisce in misura cospicua con
>> la vicenda, qualcosa dovrò fargli dire e fare, e queste cose che fa e
>> che dice lo definiranno.
>
> sì, ma io mi chiedevo se ti ponessi il problema di "umiliare" un
> personaggio, facendogli fare quasi sempre cose simili, perché lui/lei
> serve soltanto per quello alle esigenze "superiori".
> Cioè il mio dubbio è se "stereotipare" ed appiattire creasse problemi di
> coscienza. Non tanto di gusto, proprio di abusare di figure create in
> modo così spregiudicato
>
Ma sai che, in effetti, ho sempre un certo rispetto per il personaggio!?
Devo ammettere.
Io ora che ci penso il problema dei personaggi me lo pongo. Come una
specie di responsabilità, di attenzione.
Oooh adesso scopro di essere uno scrittore psicopatico. ;-)
Direi che quindi tendo a non usare PF, ma uso abitualmente delle
comparse, e cerco di limitare al massimo il numero di personaggi.

Un personaggio se non è una mera comparsa dovrebbe avere sempre una sua
definizione. Però anche qui è un casino: se i personaggi cominciano ad
essere decine, queste regole saltano.

>> Ed eccoci al punto: se quello che dice e fa il PF è tutto scontato e
>> convenzionale, e può benissimo capitare, è molto meglio usarlo in
>> questo modo "limitato", invece di volergli appiccicare addosso a tutti
>> i costi una lacrimevole vicenda pregressa, solo per "umanizzarlo" in
>> modo fittizio.
>
> ah ! interessante.
> In genere in effetti li uso e abuso così, grettamente. Qualche volta
> però, un paio di figure del genere che si sono espanse troppo, poi mi
> sono sentito in dovere di ispessirle, e di motivare il perché erano così
> com'erano, di giustificare le loro idiosincrasie etc.
>
>
La responsabilità verso il personaggio alla fine giunge!... :-)

Soviet_Mario

unread,
Jun 8, 2022, 10:00:31 AMJun 8
to
On 07/06/22 21:55, Dan wrote:
> Il 01/06/2022 03:08, Soviet_Mario ha scritto:
>> On 31/05/22 10:50, Dan wrote:
>>> Il 30/05/2022 17:44, Soviet_Mario ha scritto:
>>>> On 30/05/22 11:15, Dan wrote:

CUT

>> sì sì, capisco, ma non non sono sicuro di avere ben
>> descritto il contesto.
>> Ad es., nel tuo grandioso esempio, chi dei due lo
>> classifichi personaggio funzionale ?
>
> Occazzo, ecco che mi fai concettualizzare... :-) ehm direi
> che ancora non si sa. Spetta un momento diobono. Ho appena
> introdotto due figurine di cartone e tu già mi chiedi chi è
> il funzionale... eehhh!

ecco, appunto, hanno circa pari rango.

Io intendo che più che non lo "sviluppo" in profondità,
dettaglio ed ampiezza della presenza nel testo, definisco
funzionale un personaggio SUBORDINATO alle esigenze di un
altro, primario, e sviluppato solo nella misura necessaria a
svolgere il ruolo "funzionale"

>
>> Mi spiego meglio, non intendevo funzionali "alla storia",
>> al fatto di scrivere, ma "funzionali tra loro", ossia
>> costruire sparring partners su misura.
>> E caratterizzati lo stretto essenziale per svolgere la
>> loro funzione (che è complementare, o di intralcio, a
>> qualche necessità degli attori di prima grandezza)
>>
>>>
>>> Quando introduco un personaggio funzionale, devo
>>> ammettere che non lo descrivo neanche. Non c'è motivo di
>>> caratterizzarlo se non ha un ruolo preciso nella vicenda.
>>
>> e allora non mi ero spiegato.
>> Ce l'ha il ruolo preciso.
>> Il punto è proprio che chiamo FUNZIONALI de personaggi
>> stereotipati che implementano solo poche funzioni, quelle
>> che servono ad esigenze di altri, hanno un mandato
>> limitato e preciso da assolvere.
>>
> Infatti mi sa che non avevo capito bene il concetto di
> personaggio funzionale. Io l'avevo assimilato alla comparsa.

no, la comparsa risponde solo a esigenze generiche e temporanee.

Un funzionale è come il drone al seguito del "fighter" :D
mah ... no dai, è solo una questione terminologica.

> Tu stai dicendo in pratica che quando un personaggio è
> limitato, improbabile, privo di spessore e stereotipato,
> esso non è semplicemente un personaggio "brutto", viene
> nobilitato dall'appartenenza ad una ben precisa categoria di
> personaggi: i personaggi funzionali, destinatari di una
> qualche dignità. Ma in che modo non sono semplicemente degli
> artifici (bruttini)?

no, mica è ovvia la corrispondenza. Un personaggio
funzionale viene CREATO ab-initio appositamente per
rispondere alle necessità di qualche altro di maggiore
grandezza, e progettato solo nella misura necessaria al suo
ruolo. Questo lo lascia in effetti più "incompleto" che non
piatto e cartonato. Ma stereotipato sì, può essere.


> Questa obbiezione naturalmente cade completamente quando il
> tono del racconto sia volutamente di un certo tipo. Hai
> presente la letteratura epica, il piè-veloce Achille ecc.?
> Lì la tipizzazione dei personaggi ha un senso, come potrebbe
> averlo in racconti fantasy di tipo epico.

esatto. Il problema degli stereotipi o ARCHETIPI (o usando
la lingua musicale) è lo "stile" portante della mia famiglia
di libri paralleli (la plurilogia), laddove i leitmotif sono
equiparati a "building blocks" con caratteristiche omologhe
nelle diverse branche e più o meno differenziate (processo
di "fork", dal gergo informatico).


> In tale contesto
> l'epos prende il sopravvento e i personaggi possono essere
> ridotti allo stereotipo di se stessi, magari esclusi i pochi
> comprimari dei quali il lettore può condividere qualche
> emozione, mentre tutto attorno il vero protagonista è un
> qualche oscuro destino, un capriccio degli dei, e le figure
> umane sono apprezzabili solo per il loro eroismo o la loro
> saggezza, (non per la fortuna).

ecco, questo è già più vicino, ma hai allargato il campo
anche, e forse ancor più, ai PROTAGONISTI imho. Ed in
effetti la prototipizzazione la faccio anche sui
protagonisti. Non sono mai personaggi completi e credibili,
assolvono al loro ruolo, interpretano la categoria generale
di cui fanno parte. Ma su di loro non mi faccio scrupoli,
perché in genere sono grandi nel bene o grandi nel male, ma
hanno una loro "dignità".
I funzionali invece, specie le femmine, le maltratto un
pochino :\ ohi ohi

(oh, ho anche eroine eh, alquanto fulgide ed indomite, mica
solo servette)


>>>
>>> Io tendo a caratterizzare i personaggi attraverso i
>>> dialoghi.
>>
>> io invece ... boh :D no, non saprei dire.
>> Sui protagonisti è un mix di dialoghi e di "voce narrante
>> impersonale" di cui non saprei quantificare i contributi.
>> E lo stesso dicasi per i "funzionali".
>>
>>> Il personaggio funzionale "si definisce da sé", >ovvero
>>> può essere funzionale in maggiore o minor misura.
>>
>> sei meno "drakoniano" di me allora, nel senso di più
>> equilibrato. Io ho delle tendenze all'estremizzazione
>> notevolmente forti. E non solo nei personaggi funzionali.
>> Invero anche i miei protagonisti sono stereotipati molto
>> spesso.
>>
>>> Se il funzionario di polizia c'entra nella vicenda solo
>>> perché "deve" esserci un funzionario che raccoglie la
>>> denuncia, beh non lo definisco affatto. Una pennellata,
>>> due frasi convenzionali e via.
>>
>> sì sì, ma questa è la classica comparsa
> e infatti io avevo fatto l'uguaglianza personaggio
> funzionale = comparsa.

forse avrei dovuto parlare di personaggi subordinati alle
esigenze narrative di altri personaggi, e quindi maltrattati
e stiracchiati come occorre. Il che va a scapito della
credibilità come "persone complete".
Come mi hai fatto notare col tuo paragone di Achille e delle
opere greche, in effetti lo faccio anche coi protagonisti
(ho pochissimi personaggi credibili e quasi mai i
principali), ma nel loro caso manco mi pongo il problema di
coscienza.
Sono personaggi "didattici" : devono trasportare il senso
complessivo della storia, il messaggio

>>
>>> Se però un personaggio funzionale interagisce in misura
>>> cospicua con la vicenda, qualcosa dovrò fargli dire e
>>> fare, e queste cose che fa e che dice lo definiranno.
>>
>> sì, ma io mi chiedevo se ti ponessi il problema di
>> "umiliare" un personaggio, facendogli fare quasi sempre
>> cose simili, perché lui/lei serve soltanto per quello alle
>> esigenze "superiori".
>> Cioè il mio dubbio è se "stereotipare" ed appiattire
>> creasse problemi di coscienza. Non tanto di gusto, proprio
>> di abusare di figure create in modo così spregiudicato
>>
> Ma sai che, in effetti, ho sempre un certo rispetto per il
> personaggio!? Devo ammettere.

eh appunto ! Anche a me scatta il problema.
Ad essere del tutto sincero, non tanto per il personaggio in
sé, ma per la luce negativa che l'abuso di personaggio,
potrebbe, indirettamente ... si è capito, eh :D :D :D

> Io ora che ci penso il problema dei personaggi me lo pongo.
> Come una specie di responsabilità, di attenzione.
> Oooh adesso scopro di essere uno scrittore psicopatico. ;-)

no no ! Anzi ... è il timore mio quello ! Che uno legga e
dica : ma questo deve essere proprio una merda, se
"concepisce" che un personaggio possa subire queste angherie
! Mica narra vicende vere, le inventa, le ha concepite lui :
allora è una merda.

> Direi che quindi tendo a non usare PF, ma uso abitualmente
> delle comparse, e cerco di limitare al massimo il numero di
> personaggi.
>
> Un personaggio se non è una mera comparsa dovrebbe avere
> sempre una sua definizione. Però anche qui è un casino: se i
> personaggi cominciano ad essere decine, queste regole saltano.

MOLTE decine, sovente.
Ma per darti un'idea dell'ordine di grandezza, la Plurilogia
(5 libri e mezzo, esclusi due sequel impostati a metà)
sfiora per ora 3800 pagine. Normale che la numerosità dei
personaggi sia gestibile a fatica (a suon di glossari,
tabelle e quanto. Mi son fatto persino un programma con
openSCAD per rappresentare i "profili caratteriali"
graficamente pescando dati da tabelle numeriche, pensa te.

>
>>> Ed eccoci al punto: se quello che dice e fa il PF è tutto
>>> scontato e convenzionale, e può benissimo capitare, è
>>> molto meglio usarlo in questo modo "limitato", invece di
>>> volergli appiccicare addosso a tutti i costi una
>>> lacrimevole vicenda pregressa, solo per "umanizzarlo" in
>>> modo fittizio.
>>
>> ah ! interessante.
>> In genere in effetti li uso e abuso così, grettamente.
>> Qualche volta però, un paio di figure del genere che si
>> sono espanse troppo, poi mi sono sentito in dovere di
>> ispessirle, e di motivare il perché erano così com'erano,
>> di giustificare le loro idiosincrasie etc.
>>
>>
> La responsabilità verso il personaggio alla fine giunge!... :-)
>

chissà, se inventeranno il reato di abuso di figura inventata.
Beh, tanto quando sarà solo l'anonimato mi salverà
dall'incriminazione gravissima di non avere incluso nessun
personaggio di colore scuro, e di avere introdotto varie
lesbiche ma nessun gay maschio. Ce ne sarebbe per un
linciaggio in pubblica piazza.

Dan

unread,
Jun 9, 2022, 4:17:53 PMJun 9
to
Il 08/06/2022 15:59, Soviet_Mario ha scritto:

>
> Io intendo che più che non lo "sviluppo" in profondità, dettaglio ed
> ampiezza della presenza nel testo, definisco funzionale un personaggio
> SUBORDINATO alle esigenze di un altro, primario, e sviluppato solo nella
> misura necessaria a svolgere il ruolo "funzionale"
>
Ok, chiarito questo, allora devo di nuovo cambiare la mia originaria
affermazione:
Si, li uso
modificata successivamente in:
no, non li uso
riportandola all'originale:
sì, li uso.
Ripensando alla questione e applicando la nuova categoria "personaggio
funzionale" ho scoperto con orrore che un mio personaggio (tale
Cattaneo) è a tutti gli effetti un PF. E' un burocrate di una
organizzazione in cui è stato infilato grazie a raccomandazioni, e
mantiene contatti poco chiari con una potente Famiglia siciliana.
Dato che l'originalità non ci manca, siore e siori, la trama comprende
questo giovane pilota destinato alla prima missione umana extramarziana,
ahimé rampollo di una nota famiglia con vaghe appartenenze di stile mafioso.
Quando riesce faticosamente a conquistarsi un posto all'accademia
militare per diventare astronauta viene convocato da questo Cattaneo,
che neanche conosceva, e scopre che la lunga mano della Famiglia
controlla ogni sua mossa.
Ecco come ho trattato il Cattaneo:
Minima caratterizzazione, nessuna descrizione dell'aspetto fisico del
Cattaneo.
-------------------
«Spero che tu ti trovi bene qui...» cominciò Cattaneo, facendo cenno di
sedermi con un sorriso.
Dopo i convenevoli di rito scoprii che anche Cattaneo era di Catania, e
manco a dirlo era in stretto contatto con parecchi personaggi importanti
della Famiglia. Io mi scervellavo per capire quali misteriosi interessi
potesse avere la Famiglia nelle imprese spaziali, senza riuscirci.
Il mio interlocutore parlava con tono di grande cortesia e sottolineava
le sue parole con piccoli gesti delle mani, (come facciamo sempre noi
italiani) oppure enfatizzando certe parole, come se fossero allusioni a
qualcosa di misterioso di cui non si potesse parlare apertamente. A
volte taceva significativamente, come per assicurarsi che le
implicazioni di quello che andava dicendo fossero ben chiare nella mente
di chi lo ascoltava.
-------------------
Dato che il racconto è in prima persona, qui inserisco le considerazioni
del protagonista:
-------------------
Il risultato fu una conversazione surreale, in cui io capivo pochissimo
ma fingevo di comprendere tutto alla perfezione, ed ero in realtà
propenso a pensare che Cattaneo, con tutte le sue arie da cospiratore e
allusioni, fosse un perfetto deficiente.
--------------------
Ahimé vedo che non sto trattando troppo bene il Cattaneo, il
protagonista (cioè il lettore) già lo ha inquadrato (male).
---------------------
«La Famiglia è molto fiera di te», diceva intanto Cattaneo, «e anche se
hai tutte le carte in regola per essere stato ammesso, mmm, non è stato
facile farti entrare qua dentro». E qui una strizzatina d'occhio.
Mi sentii svuotato. «Come sarebbe... farmi entrare qua dentro!»
balbettai. «Sono qui grazie alla borsa di studio che mi sono duramente
conquistato all'università, e non ho mai chiesto favori a nessuno».
Cattaneo continuò in tono leggero: «Ma certo, hai fatto tutto da solo,
eh io lo so, figurarsi se tu ti abbasseresti a chiedere un favore!
Orgoglioso, sei. E questo va bene. Ma la Famiglia ti tiene in gran
considerazione.» Un indice ammonitore esibito da Cattaneo fu
accompagnato da una significativa pausa.
...omissis...
Con un sorrisetto rassicurante intanto Cattaneo, anzi il cugino Alfredo,
stava proseguendo.
«La famiglia ti protegge. Pensa che avevano quasi deciso di mandare un
altro al posto tuo, un giovane molto brillante, un inglese, ovviamente
per motivi di opportunità diciamo politica, ma per fortuna un cugino
faceva parte della commissione per la valutazione delle domande e così
ha impedito che questa ingiustizia venisse perpetrata.»
...omissis...
Il colloquio con Cattaneo si chiuse cordialmente come era iniziato,
ecc. ecc.

Questo Cattaneo mi serve per presentare la situazione del protagonista e
per intervenire di tanto in tanto fornendo informazioni al medesimo.

Ahimè, sembra proprio un PF, e se penso alla maniera in cui l'ho
trattato, devo ammettere che è un po' privo di spessore. E' in effetti
un signor nessuno, però non è escluso che lo presenti meglio dopo, nelle
sue successive apparizioni. Vediamo come l'ho trattato all'incontro
successivo.
---------------------
Fui convocato da Cattaneo, che fu più fumoso che mai nelle sue
argomentazioni e nei riferimenti a imprecisate volontà esterne che
imponevano... misure straordinarie... ecc.
«In pratica il candidato italiano per la missione, l'astronauta
Giambardelli, con moltissime ore di permanenza nella stazione spaziale e
vasta esperienza, ha dovuto dare forfait per motivi di salute.» Era vero
e ne ero profondamente dispiaciuto. Avevo conosciuto Giambardelli
durante la mia unica permanenza nella stazione spaziale, durata poco
meno di un mese, e non c'era il minimo dubbio sul fatto che dovesse
essere lui il nostro rappresentante nazionale. Ogni nazione aveva
proposto i propri candidati per la missione e sarebbe stato politically
correct sceglierli in modo equilibrato tra le varie nazionalità.
«Ma adesso ti confiderò una cosa, mmm, questa missione secondo me manco
si farà.»
L'affermazione di Cattaneo confermava i più neri dubbi che circolavano
al centro dopo la notizia delle intenzioni degli americani. Dunque
eravamo fuori gioco?
«Non si farà?» risposi stupidamente, troppo scosso per pensare a
qualcosa di intelligente da dire.
«Mmm... qualcuno ha deciso così» concluse con tono da cospiratore
Cattaneo, guardandosi bene dal dire chi era quel qualcuno.
«Ma ci sarebbe una formalità, l'Italia ha bisogno di presentare un altro
candidato, anche se poi non se ne farà nulla, tu capisci, dobbiamo far
finta di niente, ma stai tranquillo, l'ultima cosa che rischi è partire
per Plutone»
Stavolta non mi venne niente da dire.
«Quindi guarda, numerose persone in Italia sono molto interessate a
sostenere questa cosa, mmm, la partecipazione italiana alla missione.
Come saprai parecchie nazioni europee si sono già tirate indietro, ma
l'Italia... l'Italia questo non deve farlo. Queste persone...» e qui
Cattaneo fece una pausa per farmi capire che quelle persone erano legate
alla Famiglia, avevano chissà quali interessi in comune, dagli appalti
per la costruzione di alloggi per il personale al trasporto dei
materiali... non so e non voglio sapere...
«... queste persone hanno investito capitali enormi in questa impresa e
bisogna impedire che tutti questi sforzi siano vanificati. Sarebbe una
rovina.»
Io lasciai uscire il fiato che avevo trattenuto e dissi con un filo di
voce: «Quindi dovrei presentarmi come candidato per la missione?»
Cattaneo assunse un'aria addolorata. «Come ti ho detto è una formalità,
si tratta solo di una candidatura politica, naturalmente tu non ti
muoverai di qui, non hai nulla da temere.»
-------------------------
Ecc. Ecc.
Non mi pare di aver migliorato la ragione di esistere del povero
Cattaneo: è un mero strumento convenzionale, di cui mi servo biecamente,
devo ammetterlo. Sigh.
Alla terza volta (che ometto per decenza) Cattaneo non si smentisce e
non migliora.
Sono quindi ora consapevole del fatto che ho creato un personaggio
bruttissimo, e che avrei fatto meglio a non caratterizzarlo affatto,
riassumendo le sue informazioni in due righe. Che mi fregava di
Cattaneo? Che bisogno avevo di creare un simile disgraziato? La verità è
che lo scrittore è in fondo un sadico, tutte le peripezie che fa vivere
ai suoi personaggi sono raffinate forme di tortura.

>
> chissà, se inventeranno il reato di abuso di figura inventata.
> Beh, tanto quando sarà solo l'anonimato mi salverà dall'incriminazione
> gravissima di non avere incluso nessun personaggio di colore scuro, e di
> avere introdotto varie lesbiche ma nessun gay maschio. Ce ne sarebbe per
> un linciaggio in pubblica piazza.
>
>

Ayè :-)
Dan

Soviet_Mario

unread,
Jun 10, 2022, 9:28:06 AMJun 10
to
On 09/06/22 22:17, Dan wrote:
> Il 08/06/2022 15:59, Soviet_Mario ha scritto:
>

intanto ti ringrazio del sequitur, che attendevo.
E del pezzo.
Devo dire che è possibile che abbiamo età simili ed abbiamo
fatto una parte di letture simili. Perché (anche se credo
che tu scriva mediamente un po' meglio di me) scriviamo in
modo simile, e tante frasi me le vedo costruite in modo che
mi sembra naturalissimo. Intendo proprio "familiare". Se
scrivessi qualche parte di una mia storia, non sono sicuro
che saprei riconoscere dopo qualche tempo se l'hai scritta
tu. Non mi capita di frequente una cosa simile.

Altra cosa bizzarra che mi ha colpito : l'idea di ibridare
una tematica SciFi spaziale con una tematica mafiosa.

Ecco, pure in questo in uno dei miei libri (GEG di Napoli)
ho innestato un Napoletano (un tuttofare sfuggito di misura
ai giri della Camorra) in uno scenario fantasy con
Dimensioni Parallele, magia e vampiri. Volevo proprio che
gli ingredienti stridessero come cocci di vetro tritati, era
nato come sperimentazione, e poi è sfuggito di mano e ha
fatto come Ercole nella culla che ha strozzato i serpenti ed
è sopravvissuto.


Forte quell'"Orgoglioso sei" :D

Cmq sì : quel Cattaneo mi pare esattamente lo sparring
partner subordinato alle esigenze del protagonista e della
storia.

Però non percepisco nessuna angheria nei suoi confronti né
esigenza di ispessirlo.

Si intuisce che non ha e non deve avere ambizioni da Star, e
un lettore non ha aspettative di sorta su un personaggio
così (imho). È grigio.
Penserei che abbia ricevuto l'approfondimento che gli
spettava. Una via di mezzo tra protagonista e comparsa. Anzi
probabilmente volerlo caratterizzare a completo sortirebbe
l'effetto alla Hûgo quando parte per digressioni che dopo un
po' ti dici : per carità, beelle interessanti, ma quando
cazzo finiscono e si torna ad immergersi nel flusso principale ?

Diverso sarebbe sotto caratterizzare un personaggio con
caratteristiche estreme, tipo boh, un serial killer, un
veterano pluridecorato alla Rambo. Su personaggi con
marcatori di attenzione nitidi, probabilmente si ingenerano
più aspettative.
Mah.
Vabbè, a rileggerci prima o poi.

P.S.
c'entra una minchia, ma ... hai mai sentito parlare di SFT
(semi-fungible tokens) dedicati all'editoria ?
Tra l'altro ho visto che per i progenitori (NFT) sono
rappresentate TUTTE tutte tutte le arti, primarie e ludiche,
TRANNE la scrittura. E che porcoddue ! Immagini, video,
modelli 3D, carte da gioco, musica, eventi, tokenizzano
tutto, ma Ebooks sinora nisba.
Me ne sto interessando lentamente, anche se ad oggi ci
capisco ancora davvero poco


CUT

> Ayè :-)
> Dan
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages