EDS: Il cocktail perfetto (nenroza)

33 views
Skip to first unread message

nenroza

unread,
Aug 25, 2021, 11:05:49 AM8/25/21
to
Finalmente il chiosco 23, decido i panini, come mettere i tavoli e i turni dei ragazzi. Ancora non si fidano a lasciarmi fare le assunzioni, però posso dire la mia, ma soprattutto posso chiamarlo come mi pare, quando gli ho detto che l’insegna la pagavo io mi hanno dato dello scemo, ma poi mi hanno lasciato fare, “Il Cocktail Perfetto”.

Fare il barista in spiaggia è una rottura di cazzi, intendiamoci, ma è la mia vita, e non cambierei questi pochi mesi estivi con niente al mondo. All’inizio non era così, tanto stress e tanto caos, poi pian piano ho affinato le mie strategie di sopravvivenza, e sono arrivato al punto di godermela.

Ci sono queste quattro ragazze che vengono da circa una settimana, si mettono al loro tavolino in tarda serata, consumano poco ma sono davvero un bel vedere. Tre gran fighe, e lo sanno, delle macchine da guerra, mentre la quarta è una monachella, l'ho notata solo dopo tre giorni perché si è divorata un toast come fosse uno squalo, ripulendo la salsa rosa dal piatto con le dita, e poi slap, in bocca. Finito il toast, finita la magia, torna la monachella.

Il Cocktail Perfetto funziona così, la gente mi chiede di provarlo, e allora spiego, con tono solenne, che non esiste il Perfetto Cocktail in assoluto, ma che ognuno deve trovare il proprio, e che la mia missione in questa vita è di aiutarli nel loro percorso. Quindi mi metto a fare domande a chi ho di fronte, e mentre ci chiacchero gli preparo Il Cocktail Perfetto, mettendo ingredienti in base all'evolversi della conversazione. Onestamente non sono tutti capolavori, dipende molto da chi ho di fronte, dall'interesse che mi sciuscita... e da quanto tempo decido di perderci. Se ve lo state chiedendo la risposta è si, con le donne funziona.

Questa sera ho l'utimo turno, mi piace perché c'è poca gente e ho il tempo di sistemare le cose per il giorno dopo. Al bancone c'è la monachella da sola, e mi chiede "mi fai un Perfetto Cocktail?", è mia!

Avete presente quella cosa che o ce l'hai o non ce l'hai, io ce l'ho.
Non le rispondo subito, le do le spalle e mentre pulisco la macchina del caffè prendo a recitarle il mio pezzo forte "non esiste Il Cocktail Perfetto, ognuno deve trovare il proprio, e se mi permetti di aiutarti questa sera proveremo a cercare il tuo, prova a parlarmi un po' di te adesso". D'improvviso questa si mette a ridere a crepapelle, io mi giro di scatto e mi guardo attorno per capire che succede, che cosa ha visto, e quella ride con la bocca spalancata, e mi guarda, cazzo sta ridendo di me, "Ma davvero questa cosa funziona con le donne?". Resto senza parole, lei si accorge che sono in imbarazzo "Scusa, non volevo offendere, si comunque è un idea originale".

Con una battuta mi ha smontato completamente, esco completamente da personaggio e iniziamo a parlare di tante cose, dividiamo una bottiglia di birra mentre faccio una cosa che non faccio mai con i clienti, le parlo di me. La sera vado a casa contento, e la mattina torno al chiosco con la speranza di rivederla, e invece no, ci sono le tre tigri, gli porto da bere e gli chiedo come mai non c'è anche Lucia con loro, e si mettono a ridere. Lucia è tornata a casa, si sposa la settimana prossima, aveva fatto qualche giorno a zonzo con le amiche in spiaggia come addio al nubilato.

Un urlo dalla spiaggia, "Aiuto! Aiuto!". Una signora sbraccia e al suo fianco un uomo a terra, mollo le ragazze e le corro incontro, mi chino sull'uomo che non respira, dico di chiamare subito i soccorsi e inizio a pompare, uno-due.. venti, sento il rumore di qualcosa che mi cede sotto le mani, una sensazione schifosa, però bisogna continuare, uno-due.. venti, sono una pozza di sudore, ma posso tenere il ritmo, la gente si accalca attorno a me, ma che cazzo vogliono, li ammazzerei tutti, uno-due...venti, perché non mi ha detto che si stava per sposare, che quello era il suo cazzo di ultimo giorno, uno-due.. venti..

Arrivano i bagnini, vanno avanti loro, io mi trascino a quattro zampe sotto all'ombrellone più vicino e mi lascio cadere sulla sabbia, mi gira un po' la tesa, ma è una cosa che ci stà, mi basta stare un po' tranquillo. mentre prendo fiato torno a pensare a bar, se ho ordinato il pane per i toast per il weekend, devo ricordarmi di controllare subito. Arriva l'ambulanza e lo porta via, dopo mezz'ora torna tutto tranquillo, la sera al bar tutti che mi chiedono come sta il tipo adesso, ma io non lo so, non me ne frega un cazzo, monachella di merda.


un paraculo


Rimuda Riccardomustodario

unread,
Aug 27, 2021, 10:08:18 AM8/27/21
to
> Arrivano i bagnini, vanno avanti loro, io mi trascino a quattro zampe sotto all'ombrellone più vicino e mi lascio cadere sulla sabbia, mi gira un po' la tesa, ma è una cosa che ci stà, mi basta stare un po' tranquillo. mentre prendo fiato torno a pensare a bar, se ho ordinato il pene

Basito!
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages