RAITRE: perchè il cinema francese sì e il nostro no?

13 views
Skip to first unread message

ernesto

unread,
Sep 6, 2007, 1:36:47 PM9/6/07
to
Iacona fa domande ma non quelle giuste: perchè il cinema francese sì e il
nostro no? Perchè il cinema francese è sopravvissuto bene all'arrivo della
TV e il nostro no?
Eppure eravamo molto davanti al cinema francese sul finire degli anni
Settanta.
Che è successo in Italia?

Chiederlo a chi deve vivere e lavorare nello spettacolo è cattiveria!

Dovrebbero dire che la colpa fu di Craxi e di Berlusconi, perchè Craxi diede
a Berlusconi le frequenze TV nazionali per decreto in cambio di tangente e
Berlusconi, con le sue tre reti legali ma illegittime, inondò l'Italia di
film comprati a due soldi.
Le sale cinematografice italiane si vuotarono. L'industria cinematografica
sparì.

In Francia non ci fu un Craxi, non ci fu un Berlusconi (ci provò ma lo
cacciarono!) e così il cinema francese ebbe più tempo per adattarsi,
studiare nuove regole, nuove forme di finanziamento eccetera.

Noi perdemmo miliardi all'anno di valuta pregiata, perdemmo dignità e
presenza, perdemmo centomila posti di lavoro. La vulgata berlusconcia è che
il piduista ha "creato" migliaia di posti di lavoro ma tace sulla
distruzione di un numero di posti di lavoro VENTI VOLTE SUPERIORE.

Ma si può chiedere di dare la giusta risposta a chi poi dovrà lavorare nello
spettacolo asfissiato dal mafiopiduista?

No.

e.


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/

un fake di Alberto

unread,
Sep 6, 2007, 2:28:37 PM9/6/07
to
ernesto <e...@libero.it> wrote:

> Iacona fa domande ma non quelle giuste: perchč il cinema francese sě e il
> nostro no?

Molto vero. Anche se mi sembra che dal contesto, senza prendere di petto
l'argomento, le responsabilita' dell'assenza della politica siano
emerse. Sia nella esplicita lamentazione di Piccioni circa il fatto che
Rutelli non abbia fatto seguire i fatti alle promesse, sia nel continuo
riferimento alla necessita' assoluta di un ripensamento delle misure
fiscali per le produzioni. Oltre che, come ha detto Luchetti,
all'introduzione di piccoli prelievi alla francese su chi sui film ci
campa.

> In Francia non ci fu un Craxi, non ci fu un Berlusconi (ci provň ma lo
> cacciarono!) e cosě il cinema francese ebbe piů tempo per adattarsi,


> studiare nuove regole, nuove forme di finanziamento eccetera.

Vero anche questo, e voglio credere che non se ne sia parlato
nell'illusione di esserci liberati finalmente di Silvio, e di poterci
risparmiare finalmente di parlarne di continuo, cominciando a
ricostruire quello che si puo' ricostruire.

Felice di rileggerti da queste parti, provvedo a riaggiornare il watch
file per non rischiare di perdermi i tuoi post (era rimasto settato
sull'indirizzo "ernesto.alto@" eccetera). Curiosa coincidenza, proprio
poche ore fa stavo sfogliando, col consueto piacere, la mia copia di
"Voglio entrare nel cinema" dopo aver riletto sulla biografia di
Frayling il famoso incipit subacqueo di "C'era una volta in America".
--
UFV:Il comune senso del pudore(.avi)/Copying Beethoven/The
Eagle Has Landed(.avi) - http://www.albertofarina.tk

maitre Aliboron

unread,
Sep 6, 2007, 3:14:56 PM9/6/07
to
> Dovrebbero dire che la colpa fu di Craxi e di Berlusconi, perchè Craxi
> diede
> a Berlusconi le frequenze TV nazionali per decreto in cambio di tangente e
> Berlusconi, con le sue tre reti legali ma illegittime, inondò l'Italia di
> film comprati a due soldi.
> Le sale cinematografice italiane si vuotarono. L'industria cinematografica
> sparì.

Che poi mi pare fosse una tesi sostenuta da Federico Fellini...

--
maitre Aliboron


il cuggino di nico

unread,
Sep 7, 2007, 1:26:46 PM9/7/07
to
un fake di Alberto wrote:

> Vero anche questo, e voglio credere che non se ne sia parlato
> nell'illusione di esserci liberati finalmente di Silvio

ottimista :)
i suoi successori sono peggio
e se continua cosi' torneranno presto
http://www.repubblica.it/2007/09/sezioni/politica/piano-sicurezza/amato-pacato/amato-pacato.html


N.

Corrado Farina

unread,
Sep 8, 2007, 4:57:07 AM9/8/07
to
maitre Aliboron <alib...@despammed.com> wrote:

...che però, con "I clown", è stato il primo ad "aprire" alla
televisione, facendo sì che questa diventasse una delle principali fonti
di finanziamento dei film, contribuendo a trasformarne la maggior parte
in prodotti paratelevisivi. E berlusconi, se non sbaglio, era ancora di
là da venire.

cf


--
http://www.corradofarina.tk

Corrado Farina

unread,
Sep 8, 2007, 4:57:07 AM9/8/07
to
il cuggino di nico <miocu...@a.b.c> wrote:

> un fake di Alberto wrote:
>
> > Vero anche questo, e voglio credere che non se ne sia parlato
> > nell'illusione di esserci liberati finalmente di Silvio
>
> ottimista :)
> i suoi successori sono peggio

I suoi successori? Quando mai se n'è andato? Sta solo scaldando i
muscoli in attesa di tornare sul ring.

cf
--
http://www.corradofarina.tk

un fake di Alberto

unread,
Sep 8, 2007, 5:14:58 AM9/8/07
to
Corrado Farina <corrado...@tiscalinet.it.invalid> wrote:

> > Che poi mi pare fosse una tesi sostenuta da Federico Fellini...
>

> ...che perň, con "I clown", č stato il primo ad "aprire" alla
> televisione, facendo sě che questa diventasse una delle principali fonti


> di finanziamento dei film, contribuendo a trasformarne la maggior parte
> in prodotti paratelevisivi.

Diciamo pure che, dopo aver affondato almeno un paio di produttori,
rivolgersi alla Rai era quasi un modo per salvaguardare la salute
dell'industria cinematografica, eh.
--
UFV:La signora senza camelie(.avi)/Shrek the Third/Il comune senso
del pudore(.avi)/Copying Beethoven - http://www.albertofarina.tk

Corrado Farina

unread,
Sep 8, 2007, 5:31:17 AM9/8/07
to
un fake di Alberto <sin...@iaciners.org.invalid> wrote:

> Corrado Farina <corrado...@tiscalinet.it.invalid> wrote:
>
> > > Che poi mi pare fosse una tesi sostenuta da Federico Fellini...
> >

> > ...che però, con "I clown", è stato il primo ad "aprire" alla
> > televisione, facendo sì che questa diventasse una delle principali fonti


> > di finanziamento dei film, contribuendo a trasformarne la maggior parte
> > in prodotti paratelevisivi.
>
> Diciamo pure che, dopo aver affondato almeno un paio di produttori,
> rivolgersi alla Rai era quasi un modo per salvaguardare la salute
> dell'industria cinematografica, eh.

Mica tanto vero: i produttori dei suoi film precedenti si chiamavano
Ponti & De Laurentiis, Angelo Rizzoli sr e Alberto Grimaldi. L'unico ad
avere qualche difficioltà è stato l'ultimo, ma credo che le noie
censorie passate con Bertolucci e Pasolini ne abbiano colpa molto più di
Fellini.

Ma tu non ti stacchi mai da Eudora e McSoup? Ritorna a scrivere,
scioperato!

cf


--
http://www.corradofarina.tk

un fake di Alberto

unread,
Sep 8, 2007, 5:48:05 AM9/8/07
to
Corrado Farina <corrado...@tiscalinet.it.invalid> wrote:

> Mica tanto vero: i produttori dei suoi film precedenti si chiamavano
> Ponti & De Laurentiis, Angelo Rizzoli sr e Alberto Grimaldi. L'unico ad
> avere qualche difficioltà è stato l'ultimo, ma credo che le noie
> censorie passate con Bertolucci e Pasolini ne abbiano colpa molto più di
> Fellini.

De Laurentiis credo che pianga ancora oggi i soldi spesi nelle
scenografie del Mastorna, no?

> Ma tu non ti stacchi mai da Eudora e McSoup? Ritorna a scrivere,
> scioperato!

Il sabato e' sacro, esco e porto mia moglie a fare shopping, da bravo
milanese.

maitre Aliboron

unread,
Sep 8, 2007, 6:55:57 AM9/8/07
to
> ...che però, con "I clown", è stato il primo ad "aprire" alla
> televisione, facendo sì che questa diventasse una delle principali fonti
> di finanziamento dei film, contribuendo a trasformarne la maggior parte
> in prodotti paratelevisivi. E berlusconi, se non sbaglio, era ancora di
> là da venire.

Magati non si rendeva conto che stava aprendo
un vaso di Pandora...

Comunque la tesi sopra riportata l'ho sentita
sul programma radiofonico "I magnifici", in
onda periodicamente su Radio 24, nella
settimana dedicata a Federico Fellini.

Ne approfitto per fare un po' di pubblicita'
a questo programma e alla radio in generale,
visto che il programma "I magnifici" e' molto
legato al mondo del cinema e della televisione.

Il programma e' molto piacevole da ascoltare e
pieno di notizie storiche, ricostruzioni, informazioni,
curiosita' su un determinato personaggio del
mondo dello spettacolo. Consigliatissimo.

Se volete lo potete ascoltare in streaming sul
sito di radio24. Questa settimana il personaggio
e' Sergio Leone. Un tempo si potevano ascoltare
anche le puntate passate dedicate per esempio
a Troisi, Fellini, Hitchcock, Kubrick, Pasolini,
Belushi, De Filippo, Dietrich.

Adesso ci ho provato ma l'archivio pare vuoto.

maitre Aliboron


il cuggino di nico

unread,
Sep 8, 2007, 7:34:20 AM9/8/07
to
Corrado Farina wrote:

pensavo alla Brambilla

N.

Corrado Farina

unread,
Sep 9, 2007, 2:36:42 AM9/9/07
to
un fake di Alberto <sin...@iaciners.org.invalid> wrote:

> Corrado Farina <corrado...@tiscalinet.it.invalid> wrote:
>
> > Mica tanto vero: i produttori dei suoi film precedenti si chiamavano
> > Ponti & De Laurentiis, Angelo Rizzoli sr e Alberto Grimaldi. L'unico ad
> > avere qualche difficioltà è stato l'ultimo, ma credo che le noie
> > censorie passate con Bertolucci e Pasolini ne abbiano colpa molto più di
> > Fellini.
>
> De Laurentiis credo che pianga ancora oggi i soldi spesi nelle
> scenografie del Mastorna, no?

Sì, ma molto tempo DOPO "I clown"



> > Ma tu non ti stacchi mai da Eudora e McSoup? Ritorna a scrivere,
> > scioperato!
>
> Il sabato e' sacro, esco e porto mia moglie a fare shopping, da bravo
> milanese.

E mentre lei fa shopping, suppongo, tu ti apparti con il portatile in un
angolo dotato di wi-fi... :-)

p


--
http://www.corradofarina.tk

Corrado Farina

unread,
Sep 9, 2007, 2:36:42 AM9/9/07
to
il cuggino di nico <miocu...@a.b.c> wrote:


> pensavo alla Brambilla
>
> N.

Ah, bene, anche se molto dipende da come ci pensavi... Comunque meglio
che pensare al suo capo. :-)

cf


--
http://www.corradofarina.tk

Message has been deleted
Message has been deleted
Message has been deleted

maitre Aliboron

unread,
Sep 9, 2007, 3:48:43 AM9/9/07
to
> che ciazzegga l'arradio col cinemaz ?

sono entrambi mezzi di comunicazionez, spettacoloz, culturaz?

--
maitre Aliboron


Message has been deleted

AP

unread,
Sep 9, 2007, 4:31:22 AM9/9/07
to
On Sun, 09 Sep 2007 10:21:17 +0200, Henry wrote:

> maitre Aliboron:


>>> che ciazzegga l'arradio col cinemaz ?
>>
>> sono entrambi mezzi di comunicazionez, spettacoloz, culturaz?
>>
>

> Anvediz , se imparaz semprez qualcosaz de nuovozzzzz

Ma perche' rispondete a scirio?


--
www.iaciners.org


Hiryuu

unread,
Sep 9, 2007, 4:37:44 AM9/9/07
to
On Thu, 06 Sep 2007 17:36:47 GMT, e...@libero.it (ernesto) wrote:

>Dovrebbero dire che la colpa fu di Craxi e di Berlusconi, perchè Craxi diede
>a Berlusconi le frequenze TV nazionali per decreto in cambio di tangente e
>Berlusconi, con le sue tre reti legali ma illegittime, inondò l'Italia di
>film comprati a due soldi.
>Le sale cinematografice italiane si vuotarono. L'industria cinematografica
>sparì.

Guarda, a me pare di ricordare che già un bel po' prima che che Craxi
desse a Berlusconi le frequenze nazionali, il cinema italiano
esprimesse soprattutto liceali che seducono il prof, commissari
monnezza et similia. Appena a seguire vennero i Vanzina.
Poteva durare, un cinema basato su cotanti capolavori? Imho no.

un fake di Alberto

unread,
Sep 9, 2007, 4:50:24 AM9/9/07
to
Corrado Farina <corrado...@tiscalinet.it.invalid> wrote:

> > De Laurentiis credo che pianga ancora oggi i soldi spesi nelle
> > scenografie del Mastorna, no?
>
> Sì, ma molto tempo DOPO "I clown"

No no.

- aprile/maggio '66 ( pre-produzione e casting )
- 18 luglio si sbaraccano gli uffici del Mastorna a Dinocittà
- ottobre/novembre '66 ( azione giudiziaria di De Laurentiis vs FF;
annuncio nuova data inizio riprese )
- 30.06.66 ( comunicato annuncio riprese )
- 29.09.69 ( comunicato annuncio riprese )

Message has been deleted

Corrado Farina

unread,
Sep 9, 2007, 6:00:46 AM9/9/07
to
un fake di Alberto <sin...@iaciners.org.invalid> wrote:

> Corrado Farina <corrado...@tiscalinet.it.invalid> wrote:
>
> > > De Laurentiis credo che pianga ancora oggi i soldi spesi nelle
> > > scenografie del Mastorna, no?
> >
> > Sì, ma molto tempo DOPO "I clown"
>
> No no.
>
> - aprile/maggio '66 ( pre-produzione e casting )
> - 18 luglio si sbaraccano gli uffici del Mastorna a Dinocittà
> - ottobre/novembre '66 ( azione giudiziaria di De Laurentiis vs FF;
> annuncio nuova data inizio riprese )
> - 30.06.66 ( comunicato annuncio riprese )
> - 29.09.69 ( comunicato annuncio riprese )

Oops... :-(

--
http://www.corradofarina.tk

un fake di Alberto

unread,
Sep 10, 2007, 3:53:21 AM9/10/07
to
Hiryuu <hiryuu-sp...@libero.it> wrote:

> Guarda, a me pare di ricordare che già un bel po' prima che che Craxi
> desse a Berlusconi le frequenze nazionali, il cinema italiano
> esprimesse soprattutto liceali che seducono il prof, commissari
> monnezza et similia. Appena a seguire vennero i Vanzina.
> Poteva durare, un cinema basato su cotanti capolavori? Imho no.

Stai semplificando parecchio, la realta' era un bel po' piu' complessa.

Dimmi un anno qualsiasi del periodo a cui alludi e andiamo a vedere
concretamente che cosa c'era.
--
UFV:Io non sono qui/La signora senza camelie(.avi)/Shrek the Third
Il comune senso del pudore(.avi) - http://www.albertofarina.tk

Message has been deleted

un fake di Alberto

unread,
Sep 10, 2007, 8:27:19 AM9/10/07
to
Hiryuu <hiryuu-sp...@libero.it> wrote:

> Diciamo il 1983, va'.

Diciamo 1982/83, cosi' apro il librino della produzione italiana di
quell'anno, edito dall'ANICA, e abbiamo una lista reale, non filtrata in
alcun modo, per avere un campione di quello che si faceva in Italia in
quel periodo - che era piu' o meno quello dell'inizio della crisi nera.

In ordine alfabetico, in quella stagione furono realizzati (entro il 31
marzo 1983, tempo utile per rientrare nel volumetto di quell'anno):

Acapulco, prima spiaggia a sinistra
Adamo ed Eva la prima storia d'amore
Amici miei atto II
L'angelo custode
Apocalisse di un terremoto
Le armi e gli amori
Arrivano i miei
Assassinio al cimitero etrusco
Ator l'invincibile
Attila, flagello di Dio
L'Ave Maria - L'artista
Bingo Bongo
Blade Violent (I violenti)
Bolle di sapone
Bonnie e Clyde all'italiana
I briganti
I cacciatori del cobra d'oro
Calderon
I camionisti
Cane e gatto
La casa del tappeto giallo
Cicciabomba
Come dire...
Conquest
Il conte Tacchia
Copkiller
Core mio
Corri come il vento Kiko
Delitto sull'autostrada
Dieci giorni che sconvolsero il mondo
Dio li fa e poi li accoppia
Di padre in figlio
Dolce e selvaggio
Duetto
E' forte un casino
E la nave va...
Il generale dell'armata morta
Gianburrasca
Giggi il bullo
Giocare d'azzardo
Giovani, belle... probabilmente ricche
Giuramento
Grand Hotel Excelsior
Grunt
La guerra del ferro - Ironmaster
Gunan il guerriero
Incontro nell'ultimo paradiso
Io, Chiara e lo scuro
Italian Boys
In viaggio con papa'
Lui, lei cioe' noi
Madonna che silenzio c'e' stasera
Malamore
Massimamente folle
1990 I guerrieri del Bronx
Il mondo di Yor
No grazie il caffe' mi rende nervoso
Notturno con grida
I nuovi barbari
Occhei, occhei
Il padrone del mondo
Pappa e ciccia
Il pianeta azzurro
Pin il monello
Porca vacca
Poveri ma ricchi
Pover'ammore
Processo a caterina Ross
Pronto... Lucia
La ragazza di Trieste
Il ras del quartiere
Il regalo
Sangraal la spada di fuoco
Sapore di mare
Sbirulino
Sciopen
Sconcerto Rock
Scoop
Scusa se e' poco
Scusate il ritardo
Sesso e volentieri
Si ringrazia la regione Puglia per averci fornito i milanesi
Sogni mostruosamente proibiti
Il sommergibile piu' pazzo del mondo
Spaghetti House
Stangata napoletana - La trastola
State buoni se potete
Storia d'amore e d'amicizia
Storia di Piera
Lo studente
Sturmtruppen n. 2
Tenebre
Testa o croce
Thor il conquistatore
Il tifoso, l'arbitro, il calciatore
Ti spacco il muso, bimba
Tradimento
La Traviata
Il trono di fuoco
Tumiturbi
Tunnel
Turbo Time
Una di troppo
Un povero ricco
Vado a vivere da solo
Vai avanti tu che mi viene da ridere
Via degli specchi
Violenza in un carcere femminile
La voce
Viuulentemente mia
Zeder

Prossimi giorni ragioniamo su questi titoli, ok?
--
UFV:La bestia nel cuore(DVD)/Io non sono qui/La signora senza
camelie(.avi)/Shrek the Third - http://www.albertofarina.tk

Enrico Battocchi

unread,
Sep 10, 2007, 8:32:20 AM9/10/07
to
Il Mon, 10 Sep 2007 14:27:19 +0200, un fake di Alberto ha scritto:

> Massimamente folle

Questo me l'hanno regalato per Natale, VHS ex noleggio (ovviamente: non
credo esista in altra forma).
Però non l'ho ancora visto, aspettavo l'occasione, come fate voi alcolici
con le bottiglie di vino buono.

un fake di Alberto

unread,
Sep 10, 2007, 9:01:22 AM9/10/07
to
Enrico Battocchi <enrico.b...@gmail.com> wrote:

Ricordo che sembrava qualcosa di realmente agghiacciante. Per tutta Roma
si vedevano manifesti con il sosia di Benigni seduto sulla tazza e una
didascalia (o un fumetto) che diceva, mi sembra, "Ei* ragazzi e' una
cosa folle, anzi, massimamente folle" (*potrei ricordare male ma mi pare
ci fosse anche il refuso, questo o un altro).

Qualcuno che gia' allora detestava Benigni (che era invece ancora nei
suoi tempi d'oro) aveva spennarellato sul manifesto "E' tutta l'ironia
di cui e' capace". Roba da fare causa all'imitatore, in effetti.

Il film credo sia a stento uscito. Sono andato a vedere che dice il
Giusti, e apprendo che il sosia benignesco si chiama(va?) Mireno Scali.
Anche Giusti ricorda i manifesti che dicevo sopra, col particolare in
piu' che il Benigni-fake sul cesso aveva in mano l'Unita'.

Joe Silver

unread,
Sep 10, 2007, 9:05:51 AM9/10/07
to
Il Mon, 10 Sep 2007 14:27:19 +0200, un fake di Alberto ha scritto:

> Hiryuu <hiryuu-sp...@libero.it> wrote:
>
>> Diciamo il 1983, va'.
>
> Diciamo 1982/83, cosi' apro il librino della produzione italiana di
> quell'anno, edito dall'ANICA, e abbiamo una lista reale, non filtrata in
> alcun modo, per avere un campione di quello che si faceva in Italia in
> quel periodo - che era piu' o meno quello dell'inizio della crisi nera.
>
> In ordine alfabetico, in quella stagione furono realizzati (entro il 31
> marzo 1983, tempo utile per rientrare nel volumetto di quell'anno):

[...]

> Prossimi giorni ragioniamo su questi titoli, ok?

In effetti non vedo nessun capolavoro epocale e nemmeno tanti titoli
meritevoli, tra quelli che conosco.

E poi tanta robaccia, tra cui il mio primo film visto al cinema.

Ma scommetto che la classifica dei più visti sia ancora più sconfortante :-)


--
Joe
'All right, but apart from sanitation, medicine, education, wine, public
order, irrigation, roads, the fresh-water system and public health...
what have the Romans ever done for us ?'

Enrico Battocchi

unread,
Sep 10, 2007, 9:19:50 AM9/10/07
to
Il Mon, 10 Sep 2007 15:01:22 +0200, un fake di Alberto ha scritto:

> Ricordo che sembrava qualcosa di realmente agghiacciante. Per tutta Roma
> si vedevano manifesti con il sosia di Benigni seduto sulla tazza e una
> didascalia (o un fumetto) che diceva, mi sembra, "Ei* ragazzi e' una
> cosa folle, anzi, massimamente folle" (*potrei ricordare male ma mi pare
> ci fosse anche il refuso, questo o un altro).

Quasi giusto: è testualmente
EI RAGAZZI,
E' UNA COSA FOLLE, CHE DICO:
"MASSIMAMENTE FOLLE!"

> Qualcuno che gia' allora detestava Benigni (che era invece ancora nei
> suoi tempi d'oro) aveva spennarellato sul manifesto "E' tutta l'ironia
> di cui e' capace". Roba da fare causa all'imitatore, in effetti.

Bella questa!

> Il film credo sia a stento uscito. Sono andato a vedere che dice il
> Giusti, e apprendo che il sosia benignesco si chiama(va?) Mireno Scali.
> Anche Giusti ricorda i manifesti che dicevo sopra, col particolare in
> piu' che il Benigni-fake sul cesso aveva in mano l'Unita'.

Peraltro sulla VHS manco è accreditato: ci sono solo i nomi di Lionello,
Bracardi (Giorgio) e Francesca Romana Coluzzi.

un fake di Alberto

unread,
Sep 10, 2007, 9:26:48 AM9/10/07
to
Joe Silver <arg...@NOSPAMiaciners.org> wrote:

> In effetti non vedo nessun capolavoro epocale e nemmeno tanti titoli
> meritevoli, tra quelli che conosco.

Beh, diciamo che una decina di titoli d'essai non da buttar via (che ho
visto oppure di cui ho sentito parlare quantomeno con rispetto) ci sono.

> La casa del tappeto giallo

> Copkiller


> E la nave va...
> Il generale dell'armata morta

> Giocare d'azzardo
> Il pianeta azzurro
> La ragazza di Trieste
> Il regalo
> Sciopen
> Scoop
> Spaghetti House
> State buoni se potete
> Storia di Piera
> La Traviata
> Via degli specchi
> Zeder

Se ci metti che era anche la stagione dell'esordio alla regia di
Benigni, dei primi, non spregevoli, film di Nuti da solo quando ancora
si affidava per la regia a Ponzi, che c'era un Argento ancora
(abbastanza) in forma, che di comici che al botteghino funzionavano
sempre ce n'erano ancora diversi (Celentano, Villaggio, Montesano,
Pozzetto e altri) e che quindi non ci si doveva affidare al film (ai due
o tre film) di Natale, che quell'anno i Vanzina realizzavano "Sapore di
mare", che c'era ancora tutto il sottobosco dei falsi Conan e fughe da
New York girati per l'esportazione (ma "I guerrieri del Bronx" di
Castellari fece ancora un po' di incasso in Italia - il fondo del
mercato crollo' con "I nuovi barbari" e quindi Hiruyu ha effettivamente
azzeccato, non so se per caso oppure facendo prima una ricerca, un anno
abbastanza di passaggio), che esistevano ancora i film di Nino D'Angelo,
le sceneggiate, i documentari sensazionalistici, che c'erano ancora
attivi Fellini e Ferreri da una parte, dall'altra un Alvaro Vitali che
si godeva gli ultimi scampoli della sua breve stagione da protagonista,
e in mezzo il prolifico Festa Campanile, che esordiva la Torrini, che
Troisi era al secondo film, come stagione non era mica ancora male,
anche se erano gli anni dell'esplosione vera e propria della crisi
televisiva.

E non c'erano sicuramente solo liceali seducenti e poliziotti incazzati.
Quello e' un pregiudizio da bar, ma basta dare un'occhiata ai titoli per
scoprire come stavano le cose.

> E poi tanta robaccia, tra cui il mio primo film visto al cinema.

Quale? :-)

> Ma scommetto che la classifica dei più visti sia ancora più sconfortante :-)

Quella non ce l'ho sottomano, dovrei investire un'ottantina di euro nei
due volumi che mi mancano di "Platea in piedi" (e non e' detto che non
lo faccia nei prossimi giorni, ma ora devo finire di scrivere una cosa
ed e' meglio che il newsgroup lo chiuda o non consegnero' in tempo).

un fake di Alberto

unread,
Sep 10, 2007, 9:29:38 AM9/10/07
to
Enrico Battocchi <enrico.b...@gmail.com> wrote:

> Il Mon, 10 Sep 2007 15:01:22 +0200, un fake di Alberto ha scritto:
>
> > Ricordo che sembrava qualcosa di realmente agghiacciante. Per tutta Roma
> > si vedevano manifesti con il sosia di Benigni seduto sulla tazza e una
> > didascalia (o un fumetto) che diceva, mi sembra, "Ei* ragazzi e' una
> > cosa folle, anzi, massimamente folle" (*potrei ricordare male ma mi pare
> > ci fosse anche il refuso, questo o un altro).
>
> Quasi giusto: è testualmente
> EI RAGAZZI,
> E' UNA COSA FOLLE, CHE DICO:
> "MASSIMAMENTE FOLLE!"

Minchia, mi spavento di me stesso. Come possa essere che qualche mio
neurone abbia conservato questa informazione per tutto questo tempo
davvero non lo so. Soprattutto se penso a quanta roba di qualche
effettiva rilevanza mi sono, invece, dimenticato. :-(

(E' riportato sulla copertina del tuo VHS, immagino?)

Enrico Battocchi

unread,
Sep 10, 2007, 10:17:14 AM9/10/07
to
Il Mon, 10 Sep 2007 15:29:38 +0200, un fake di Alberto ha scritto:

> (E' riportato sulla copertina del tuo VHS, immagino?)

Sì. Vuoi una scansione?

susanna

unread,
Sep 17, 2007, 8:28:44 AM9/17/07
to
Joe Silver ha scritto


::: Prossimi giorni ragioniamo su questi titoli, ok?


::
:: In effetti non vedo nessun capolavoro epocale e nemmeno tanti titoli
:: meritevoli, tra quelli che conosco.
::
:: E poi tanta robaccia, tra cui il mio primo film visto al cinema.
::
:: Ma scommetto che la classifica dei più visti sia ancora più
:: sconfortante :-)


Cos'e' che non va?
A me del 1982 risultano anche:
GLI OCCHI, LA BOCCA;Bellocchio Marco
LA NOTTE DI SAN LORENZO;Taviani Vittorio e Paolo
IL MONDO NUOVO;Scola Ettore

Non sono mica bruscoletti.


susanna

un fake di Alberto

unread,
Sep 17, 2007, 9:02:48 AM9/17/07
to
susanna <su...@eliminami.libero.anchequesto.it> wrote:

> Cos'e' che non va?
> A me del 1982 risultano anche:
> GLI OCCHI, LA BOCCA;Bellocchio Marco
> LA NOTTE DI SAN LORENZO;Taviani Vittorio e Paolo
> IL MONDO NUOVO;Scola Ettore

Probabile che fossero nel volumetto dell'anno prima - ci sono sempre un
po' di accavallamenti.

Ma prossimamente rimedio le fonti per gli incassi dei piu' visti di
allora, cosi' finiamo il discorso. Ci saranno certamente un po' di
celentanoidi, comunque.
--
UFV:The Red Shoes(DVD)/Cinqueperdue(DVD)/Sketches of Frank Gehry
Dirty Mary Crazy Larry(.avi) - http://www.albertofarina.tk

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages