"Infinite Storm" (2022) e la bravissima Naomi Watts

81 views
Skip to first unread message

ilMusso

unread,
Jun 23, 2022, 2:03:24 PM6/23/22
to
Inizio parlando della fantastica Naomi Watts, diventata un mio idolo!

Era da qualche tempo che avevo nel mirino questa bravissima attrice
britannica. Era da un po' che guardando i suoi film mi dicevo che
sembra avere qualcosa di speciale. E ora, dopo averla vista
all'opera nel recente "Infinite Storm" (*), ho capito di non avere
bisogno di ulteriori conferme.

(* https://it.wikipedia.org/wiki/Infinite_Storm
https://www.imdb.com/title/tt14060232/)

A diversi miei amici e conoscenti la Watts piace da oltre vent'anni,
fin dai tempi di "Mulholland Drive", "The Ring", "21 grammi", "La
promessa dell'assassino" e il remake di "Funny Games". Ricordo che
all’epoca uno di loro mi aveva fatto una testa così per
l'interpretazione dell'attrice nel testé citato "La promessa
dell'assassino", non riuscendo però a coinvolgermi più di tanto. E,
per dirla tutta, non ero rimasto particolarmente impressionato
neanche, qualche anno dopo, per l’interpretazione di Naomi in "The
Impossible", film che aveva consentito alla medesima di ottenere
numerosi riconoscimenti e premi, compresa una nomination agli
Oscar (nove anni dopo quella avuta per “21 grammi”) e una ai
Golden Globes. Mi accorgevo, sì, della bravura dell’attrice, ma per
qualche ragione non ne rimanevo preso oltre il dovuto.

Che cos’è poi successo, allora? E’ successo che in questi ultimi
mesi mi sono imbattuto in tre film un po’ fuori dagli schemi, in cui
la performance della Watts è a mio avviso eccellente. Prima mi
sono imbattuto nel poco conosciuto “L’ora del lupo”, del 2019; poi
in “Corsa contro il tempo - The Desperate Hour”, del 2021; infine,
qualche giorno fa, nello splendido “Infinite Storm”. Tutti e tre i
suddetti film hanno su IMDb un voto scadente, rispettivamente 4,9
per “L’ora del lupo”, 4,7 per “Corsa contro il tempo - The Desperate
Hour” e 5,1 per “Infinite Storm” (meno della media del 5, dunque),
ma a me sono piaciuti per il loro schema di base – una trama
semplice, secca e priva di fronzoli - e, soprattutto, come dicevo,
per quanto ha offerto la Watts. Adesso di quest'ultima, voglio
procurarmi “Shut In” (2016), “Luce” (2019) e “Penguin Bloom”
(2020), che mi sembra abbiano un’impostazione abbastanza
simile a quella dei sopra citati film.

E vengo a “infinite Storm”.

La pellicola, che è stata coprodotta dall'attrice, è basata su una
storia vera, e precisamente su un episodio accaduto alla
scalatrice e soccorritrice volontaria statunitense Pam Bales
nell’ottobre 2010 quando un’escursione di routine di questa si
trasformò in una missione di salvataggio in condizioni
atmosferiche (e non solo) avverse, cambiando poi la vita della
soccorritrice per la particolarità e le dinamiche dell’evento.

Diretto dalla regista polacca Małgorzata Szumowska con la
collaborazione del connazionale Michał Englert, il film è
interamente incentrato su due figure, quella della protagonista
Bales/Watts e quella del giovane da salvare.

Pochissime ma belle le selezioni musicali, cinque in tutto.

“Infinite Storm”, che pur essendo su un gradino un po’ più
basso mi ha in parte ricordato lo stupendo “Land” di Robin
Wright (**), non è ancora uscito in lingua italiana; in rete però
è già disponibile un file con i sub Ita.

(** film, del 2021, su cui avevo qui postato il topic
https://groups.google.com/g/it.arti.cinema/c/86CJrtnwvak/m/TLrPe2PhAgAJ
ad aprile dello scorso anno)

Torno ora specificamente su Naomi.

Negli altri due film di cui sopra ho parlato la storia è incentrata
completamente sulla protagonista Watts, che da sola regge
tutto il film. In “Corsa contro il tempo - The Desperate Hour”,
addirittura, la storia inizia con lei che mentre fa jogging in un
parco viene raggiunta da una telefonata con cui viene messa al
corrente che un uomo armato sta tenendo in ostaggio diversi
studenti nella scuola di suo figlio, e prosegue per tutto il resto
del film con lei che, continuando a correre, cerca disperatamente di
rientrare - tra l’altro infortunandosi a una caviglia – e intanto
gestisce brillantemente la situazione per mezzo del suo cellulare,
arrivando a fornire un contributo determinante alle forze di polizia
intervenute nella scuola. Detto en passant, la cinquantatreenne
Naomi sembra particolarmente adatta, con il suo corpo non
muscoloso ma asciutto e sufficientemente tonico, a ruoli “fisici”
come quelli avuti in “Corsa contro il tempo - The Desperate Hour”
e “Infinite Storm”.

Concludendo, Naomi Watts come attrice mi piace un sacco.

Come persona, non saprei.

Leggo che suo padre fu a suo tempo road manager e tecnico del
suono dei mitici Pink Floyd (a proposito di musica, aggiungo che
la Watts si è cimentata come cantante in un paio dei film da lei
interpretati). Per quanto attiene al campo sentimentale, leggo che
ha avuto una relazione di due anni con Heath Ledger una ventina
d’anni fa, che è stata successivamente sposata per undici anni
con Liev Schreiber, con cui ha due figli, e che da cinque anni ha
una relazione con Billy Crudup (piccola curiosità: Schreiber e
Crudup sono due degli attori protagonisti di “Spotlight”, uno dei
miei film preferiti di sempre). Leggo anche che è piuttosto
dinamica nei campi dell’attivismo, della beneficenza e della
filantropia, e che da circa quindici anni è appassionata di
meditazione trascendentale.

In ogni caso, di lei apprezzo tantissimo che non sia rifatta, che
nei film si mostri senza problemi al naturale con le sue rughe,
che abbia una predilezione per produzioni indipendenti, che
rischi del suo (investe economicamente in molti dei suoi film
pur sapendo di presentare sul mercato pellicole non facili),
nonché che per i suoi ruoli scelga spesso film con temi tragici
e personaggi che subiscono perdite o grandi sofferenze.

WinterMute

unread,
Jun 23, 2022, 2:41:31 PM6/23/22
to
il giorno Thu, 23 Jun 2022 11:03:21 -0700 (PDT)
ilMusso <spon...@gmail.com> ha scritto:

> [...]
>
> E vengo a “infinite Storm”.
>
> La pellicola, che è stata coprodotta dall'attrice, è basata su una
> storia vera, e precisamente su un episodio accaduto alla
> scalatrice e soccorritrice volontaria statunitense Pam Bales
> nell’ottobre 2010 quando un’escursione di routine di questa si
> trasformò in una missione di salvataggio in condizioni
> atmosferiche (e non solo) avverse, cambiando poi la vita della
> soccorritrice per la particolarità e le dinamiche dell’evento.
>
> Diretto dalla regista polacca Małgorzata Szumowska con la
> collaborazione del connazionale Michał Englert, il film è
> interamente incentrato su due figure, quella della protagonista
> Bales/Watts e quella del giovane da salvare.
>
> Pochissime ma belle le selezioni musicali, cinque in tutto.
>
> “Infinite Storm”, che pur essendo su un gradino un po’ più
> basso mi ha in parte ricordato lo stupendo “Land” di Robin
> Wright (**), non è ancora uscito in lingua italiana; in rete però
> è già disponibile un file con i sub Ita.
>
> [...]

buonasera,

innanzitutto ti ringrazio per la segnalazione che sembra alquanto interessante.
sinceramente non conoscevo questo titolo ma devo ammettere di essere poco ferrato
sulle uscite più recenti.
uno di questi giorni credo proprio che cercherò di procurarmelo anche se non è stato
ancora doppiato non mi disturba vedere un film in lingua originale anzi...

p.s.: benché, di norma, siano abbastanza affidabili personalmente non ho mai preso i
voti di imdb come oro colato (per così dire).
in linea di massima danno un'idea attendibile (come dicevo) tuttavia ritengo che non
ci si dovrebbe fare troppo influenzare e aggiungo che non di rado mi è capitato di
essere in netto disaccordo con il voto di turno (sia in positivo che in negativo
ovviamente).

saluti.

--
◈ [WinterMute] @ [debian «-» bookworm | testing] ◈

ilMusso

unread,
Jul 2, 2022, 7:07:57 AM7/2/22
to
Per postare questo mio scritto devo confessare che non avevo mai
visto, a parte qualche scena velocemente, "Mulholland Drive". Ma non
ho problemi ad ammetterlo. Il fatto e', semplicemente, che non sono
granche' portato per quel tipo di film di Lynch.

Qualche giorno fa ho pero' voluto guardare il film in questione.

Bene, non solo il film non mi e' dispiaciuto (ha un suo indubbio
fascino), ma ho potuto ammirare l'interpretazione straordinaria
della Watts: molto brava in tutte le scene, super in alcune, da urlo
nella scena del provino (a quel livello ho visto solo Katharine e in
parte Meryl).

noquarter

unread,
Nov 9, 2022, 9:38:45 AM11/9/22
to
Il giorno sabato 2 luglio 2022 alle 13:07:57 UTC+2 ilMusso ha scritto:
> ...da urlo
> nella scena del provino (a quel livello ho visto solo Katharine e in
> parte Meryl).

visto ieri sera e ho fatto un postappost
li è anche gran direzione dell'attrice con l'effetto sorpresa appunto di come lo stesso scritto venga interpretato in maniera così diversa (cinema nel cinema tralaltro)
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages