Casa con riscaldamento non convenzionale

129 views
Skip to first unread message

gigivi

unread,
Oct 12, 2004, 6:16:44 AM10/12/04
to
Buongiorno a tutti,
Fra circa 2 anni comincierò i lavori di ristrutturazione per la
trasformazione di una stalla in sasso a faccia vista(costruita nel 1908) in
un immobile ad uso abitativo.
La pianta della casa è di 17,30 x 9,30 mt e sarà sviluppata su 3 piani
(l'ultimo avrà una pianta inferiore 11,25 x 9,30)
Le altezze dei piani saranno circa 3-3,2 metri (tranne una parte del primo
piano 5 x 5 mt che avrà l'altezza di 6 metri fino al sottotetto con travi in
legno a vista).
Verrà ristrutturata usando solo materiali "orignali" e legni antichi. I
pavimenti saranno in parte in rovere antico e in parte in cotto antico
(ripulito e trattato).
Odio i termosifoni e i termoconvettori e vorrei riscaldarla (riscaldamento
ambientale e acqua calda) tramite un impianto non "convenzionale".
La mia idea è combinare un impianto con pannelli solari (o celle
fotovoltaiche) con camini e stufe ad aria calda (penso che sia questa il
nome corretto) per creare acqua calda propagata da tubi sotto-pavimento.
L'idea di combinare i due tipi è data dall'elevato volume d'aria presente
all'interno che, secondo le mie informazioni, non sarebbe riscaldata
abbastanza da una sola tipologia di riscaldamento
Il punto è che il geometra che mi segirà i lavori non conosce molto la
tecnologia perciò avrò bisogno di qualcuno che possa indicarmi dove posso
trovare documentazioni o progetti già eseguiti.

Vi ringrazio tutti

Gigivi


Carburo

unread,
Oct 12, 2004, 8:26:25 AM10/12/04
to

Non hai pensato anche ad una stufa ad accumulo?


Carburo

unread,
Oct 12, 2004, 11:12:00 AM10/12/04
to

> In effetti la confusione è tanta, hai ragione.
> La mia idea è quella di cercare di essere più indipendente possibile
> ma non rischiare di tenere la casa al freddo (mia moglie mi
> ucciderebbe) nel fare questo se il risultato è creare di qualcosa di
> ecologico ancora meglio, ma anch'io avevo sentito che almeno fino ad
> ora i costi sono molto alti (chissa nel 2006).
> Le stufe in Maiolica sono, per me, più arredamento che utili, i miei
> genitori ne possidono una in taverna che scalda molto un raggio di 3
> metri ma poco altrove.
> Mi hanno parlato molto bene di questa nuova tecnologia dei tubi sotto
> pavimento (molto più piccoli di diametro e molto più vicini uno
> all'altro) che possono tranquillamente riscaldare un ambiente fino a
> 3 metri d'altezza e possono essere alimentati in vari modi.
>
> forse ora hai capito un po' meglio quello che vorrei fare

Si, forse si, ma ho capito anche che hai le idee un po' confuse.

1)
Le stufe ad accumulo (non necessariamente in maiolica!) non sono
assolutamente un elemento più di arredo che altro. Ovviamente non sto
parlando delle (pur bellissime) stufe di Castellamonte o di inserti in ghisa
mascherati con un po' di ceramica intorno.
Mi riferisco a stufe che qui non nomino per non fare pubblicità, ma che se
vuoi ti indico in priv (vedi indirizzo al fondo). Sono costruite su progetto
specifico in mattoni refrattari e scaldano da bestia per almeno 10 ore con
UNA carica di legna (circa 15-18 kg).
Costano molto ma consumano poco, inquinano niente e sono belle.
2)
Poi mi parli di riscaldamento a pannelli radianti: ottima cosa, magari nella
parte della casa non raggiungibile dalla stufa, come integrazione. La
sorgente di calore può essere una caldaia a condensazione di ottima marca, e
l'impianto DEVE essere predisposto per essere inegrato in qualunque momento
con acqua calda prodotta da collettori a tubi sotto vuoto. Li installerai
quando il loro rapporto costo/rendimento/costo dei comb.fossili sarà più
favorevole.
Per ora installa solo la superficie di collettori necessaria a produrre
acqua calda sanitaria.

Scrivi in priv. se vuoi chiarimenti.

architettosecci AT awn PUNTO it

gigivi

unread,
Oct 13, 2004, 3:13:11 AM10/13/04
to
CUT

>
> Si, forse si, ma ho capito anche che hai le idee un po' confuse.
>
> 1)
> Le stufe ad accumulo (non necessariamente in maiolica!) non sono
> assolutamente un elemento più di arredo che altro. Ovviamente non sto
> parlando delle (pur bellissime) stufe di Castellamonte o di inserti in
ghisa
> mascherati con un po' di ceramica intorno.
> Mi riferisco a stufe che qui non nomino per non fare pubblicità, ma che se
> vuoi ti indico in priv (vedi indirizzo al fondo). Sono costruite su
progetto
> specifico in mattoni refrattari e scaldano da bestia per almeno 10 ore con
> UNA carica di legna (circa 15-18 kg).
> Costano molto ma consumano poco, inquinano niente e sono belle.

Si mi interessa l'indirizzo, inviamelo pure. Grazie

> 2)
> Poi mi parli di riscaldamento a pannelli radianti: ottima cosa, magari
nella
> parte della casa non raggiungibile dalla stufa, come integrazione. La
> sorgente di calore può essere una caldaia a condensazione di ottima marca,
e
> l'impianto DEVE essere predisposto per essere inegrato in qualunque
momento
> con acqua calda prodotta da collettori a tubi sotto vuoto. Li installerai
> quando il loro rapporto costo/rendimento/costo dei comb.fossili sarà più
> favorevole.
> Per ora installa solo la superficie di collettori necessaria a produrre
> acqua calda sanitaria.

QUi non mi è molto chiaro, Ok la caldaia a condensazione, ma quale
combustibile devo usare ?
A proposito mi mandi per favore, qualche ottima marca di questo tipo di
caldaia, grazie
E i tubi sottovuoto .... da predisporre ? Non ho capito

ti mando una copia anche in privato

grazie

Gigivi

taglia...@gmail.com

unread,
Dec 10, 2016, 4:54:04 AM12/10/16
to
Buongiorno, mi potreste fornire nominativi per l'installazione di una ottima stufa ad accumulò? O indicarmi nominativi di un esperto fumista in zona Pavia/Milano.
Grazie

taglia...@gmail.com

unread,
Dec 10, 2016, 4:54:05 AM12/10/16
to

biggs....@gmail.com

unread,
Aug 25, 2017, 4:42:57 AM8/25/17
to
Ciao Gigivi
, ho letto il tuo articolo sulle stufe maioliche. Puoi consigliare una buona cosa che posso fare su misura per il nostro camino? Siamo a Bellagio, sul Lago di Como. Grazie 328 359 7173
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages