l'accertamento della simultaneità è un problema ingegneristico e non fisico

35 views
Skip to first unread message

Giovanni

unread,
Aug 8, 2022, 7:03:31 AMAug 8
to
> fortuna...@gmail.com ha scritto:
> Alla mia animazione
> <https://www.geogebra.org/m/wfb7kaup>
> ho aggiunto ............

Tutte le aggiunte che fai sono un'inutile complicazione.

Il problema alla radice della RR è la sedicente simultaneità relativa.

Per Einstein cioè, a prescindere dalle velocità coinvolte (piccolissime, piccole, grandi o grandissime), la simultaneità è sempre relativa, ed è in base a ciò che ne ricava la contrazione cinematica delle lunghezze e la dilatazione cinematica del tempo.

Se dunque si riesce a dimostrare che la simultaneità, a prescindere dalle velocità coinvolte (piccolissime, piccole, grandi o grandissime), è sempre assoluta, viene meno anche tutto il resto, e quindi anche la contrazione cinematica delle lunghezze e la dilatazione cinematica del tempo.

Dimostrare che la simultaneità è sempre assoluta è solo un problema tecnico impostabile nell'ambito della fisica classica come ho fatto vedere, e non solo, qui: https://sites.google.com/view/rotellavslorentz/home

Un problema tecnico, quello dell'accertamento della simultaneità, che in generale, oltre che prescindere dalle velocità coinvolte, prescinde anche dai riferimenti inerziali e dalla luce, e che in particolare, se le velocità coinvolte sono piccole, diventa un problema risolvibile anche matematicamente usando proiettili e trasformazioni di Galileo.

Quello che non riusciamo a fare, e che Einstein con le trasformazioni di Lorentz (basate sulla scemenza fisica della simultaneità relativa) ci ha illuso per oltre 100 anni, di esserci riuscito, è comporre matematicamente le velocità quando quest'ultime sono prossime alla velocità limite c, composizione impossibile con le trasformazioni di Galileo.

Se però le trasformazioni di Lorentz sono delle semplici formule matematiche sganciate dalla fisica, non credo che sia impossibile trovarne delle altre, sostitutive ed altrettanto utili.

Giovanni

Giovanni

unread,
Aug 9, 2022, 9:24:37 AMAug 9
to
> io stesso Giovanni ho scritto:
> Quello che non riusciamo a fare, e che Einstein con le
> trasformazioni di Lorentz (basate sulla scemenza fisica
> della simultaneità relativa) ci ha illuso per oltre 100 anni,
> di esserci riuscito, è comporre matematicamente le velocità
> quando quest'ultime sono prossime alla velocità limite c,
> composizione impossibile con le trasformazioni di Galileo.
> Se però le trasformazioni di Lorentz sono delle semplici
> formule matematiche sganciate dalla fisica, non credo
> che sia impossibile trovarne delle altre, sostitutive ed altrettanto utili.

Ho intuito bene, già nel 1910 Vladimir Sergeyevitch Ignatowky è riuscito nell'impresa matematica (e non fisica) di ricavare le trasformazioni di Lorentz senza le scemenze: della simultaneità relativa, della contrazione cinematica delle lunghezze e della dilatazione cinematica del tempo:
https://youtu.be/HO9P_SDigf8

Giovanni.



Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages