quando smetteremo di dire la scemenza fisica sulla diversità del tempo ?

182 views
Skip to first unread message

Giovanni

unread,
Oct 23, 2021, 8:54:46 AMOct 23
to
> > io stesso Giovanni ho scritto:
> > Ecco dimostrato tutto ciò con banali conti aritmetici da
> > scuola elementare che il tempo è l'arcinoto spazio:
> > 40075 Km (1 giorno=equatore)
> > 1669,79 Km (1 ora)
> > 27,83 Km (1 minuto)
> > 463,83 m (1 secondo)
> > 40075 Km (1 giorno)
> > 14627375 Km = circa 14,6 Gm (1 anno=365giorni)
> > 29561924875 Km = circa 29,562 Tm = attuale anno 2021
> > 29,576 Tm = anno 2022
> > 29,591 Tm = anno 2023
> > (canonicamente: K=10^3 --- M=10^6 --- G=10^9 --- T=10^12)
> > - velocità a cui ruota la Terra intorno al suo asse polare = 40075 Km / 40075 Km = 1
> > - a che velocità corrispondono i canonici 100 Km/h = 100 Km /1669,79 Km = circa 0,06
> > ovvero circa 6 centesimi della rotazione polare terrestre
> > - a che velocità si muove la luce = 300000000 m/sec = 300000000 m / 463,83 m = circa 646789 volte,
> > ovvero la velocità della luce è circa 646789 volte la rotazione polare terrestre

> Dino Bruniera ha scritto:
> Qui di seguito proverò a dimostrarti il rallentamento del tempo, almeno
> in base alla mia teoria.
> 1. Almeno per la mia teoria, il secondo è il tempo nel quale la luce
> percorre 299.792.458 metri, misurato con un orologio situato nel luogo
> dello spazio dove la luce sta transitando.
> E questo vale per tutti i luoghi dell'Universo, sia lontani che vicini
> agli oggetti celesti.

Ripeto con altre parole:

- Il "1 secondo" che misura l'orologio situato nel luogo dello spazio dove la luce sta transitando, corrisponde in realtà ai 463,83 m percorsi, lungo l'equatore terrestre, da un punto geometrico della linea giorno-notte del pianeta Terra.

Il che è talmente vero che tutti gli orologi conosciuti vengono sincronizzati con le variazione delle rotazioni polari del pianeta Terra, inserendo o togliendo, ogni tanto, 1 secondo:
https://it.wikipedia.org/wiki/Secondo_intercalare

Intendo chiarire ancora meglio la cosa.

Immaginiamo che il pianeta Terra dimezzi istantaneamente la sua velocità di rotazione polare (appunto la velocità intorno all'asse che passa per i suoi 2 poli), in tal caso, in accordo a ciò facciamo da circa 50 anni con il secondo intercalare, semplicemente dimezziamo la velocità di rotazione delle lancette di tutti gli orologi conosciuti, ed in modo che 1 secondo corrisponde ancora ai suddetti 463,83 metri, e sempre perché i medesimi 463,83 metri sono quelli percorsi, lungo l'equatore terrestre, da un punto geometrico della linea giorno-notte del pianeta Terra, anche dopo il suddetto dimezzamento della velocità di rotazione polare terrestre.

DOMANDA: vogliamo smetterla si o no di dire la scemenza fisica che il tempo è una distinta grandezza fisica e non l'arcinoto spazio ?

Giovanni.

Dino Bruniera

unread,
Oct 23, 2021, 12:29:33 PMOct 23
to
Dato che ha iniziato un nuovo 3D con lo post che hai pubblicato
nell'altro 3D, ti ripeto qui di seguito la mia risposta.

Credo di averti dimostrato negli altri post che un orologio posizionato
vicino alla superficie del Sole, misura il tempo più lentamente rispetto
ad un orologio posizionato vicino alla superficie della Terra.

Tu mi fai altri esempi nei quali gli orologi, tutti posizionati vicino
alla superficie della Terra, misurerebbero il tempo alla stessa
velocità. Suoi tuoi esempi avrei delle osservazioni da fare, almeno in
base alla mia teoria, ma non te le faccio perché non c'entrano con la
mia dimostrazione.

Dino Bruniera

Giovanni

unread,
Oct 23, 2021, 1:14:36 PMOct 23
to
> > passa per i suoi 2 poli), in tal caso, in accordo a ciò che facciamo da
> > circa 50 anni con il secondo intercalare, semplicemente dimezziamo
> > la velocità di rotazione delle lancette di tutti gli orologi conosciuti,
> > ed in modo che 1 secondo corrisponde ancora ai suddetti 463,83 metri,
> > e sempre perché i medesimi 463,83 metri sono quelli percorsi, lungo
> > l'equatore terrestre, da un punto geometrico della linea giorno-notte
> > del pianeta Terra, anche dopo il suddetto dimezzamento della velocità
> > di rotazione polare terrestre.
> > DOMANDA: vogliamo smetterla si o no di dire la scemenza fisica che
> > il tempo è una distinta grandezza fisica e non l'arcinoto spazio ?

> Credo di averti dimostrato negli altri post che un orologio posizionato
> vicino alla superficie del Sole, misura il tempo più lentamente rispetto
> ad un orologio posizionato vicino alla superficie della Terra.

Non hai dimostrato un bel niente perché, ripeto con altre parole, il tempo, noi essere umani, lo usiamo da circa 50 anni per quello che veramente è, sebbene senza esserne consapevoli, è cioè il noto spazio, ed infatti, nonostante la Terra rallenti o acceleri la sua rotazione polare, ad 1 secondo facciamo sempre corrispondere i 463,83 metri percorsi, lungo l'equatore terrestre, da un punto geometrico della linea giorno-notte del pianeta Terra.

Nello specifico, sempre facendo corrispondere 1 secondo ai suddetti 463,83 metri:

- quando, quasi sempre, inseriamo 1 secondo intercalare ai nostri orologi, è perché la Terra ha rallentato, e quindi rallentiamo anche i nostri orologi, ma in tal modo 1 secondo diventa più pesante, ovvero è più lungo, pur rimanendo numericamente uguale a 1 come prima del rallentamento imposto ai nostri orologi

- quando, quasi mai, togliamo 1 secondo intercalare ai nostri orologi, è perché la Terra ha accelerato, e quindi acceleriamo anche i nostri orologi, ma in tal modo 1 secondo diventa più leggero, ovvero è più corto, pur rimanendo numericamente uguale a 1 come prima dell'accelerazione imposta ai nostri orologi.

Se dunque prendi, come dici di aver fatto anche tu, e scritto nel tuo libro, la velocità della luce per definire 1 secondo e per definire 1 metro, accade:

- che quando la Terra rallenta, allora la velocità della luce numericamente aumenta, rimanendo uguale a se stessa, dato che il secondo si è appesantito (esempio: se la Terra rallenta della metà, c aumenta del doppio)

- e che quando la Terra accelera, allora la velocità della luce numericamente diminuisce, rimanendo uguale a se stessa, dato che il secondo si è alleggerito (esempio: se la Terra accelera del doppio, c diminuisce della metà)

DI conseguenza non c'è nulla di fisico nell'utilizzare la velocità della luce per definire 1 secondo e per definire 1 metro, per cui se lo fanno è una scemenza fisica.

Giovanni.




Dino Bruniera

unread,
Oct 23, 2021, 4:08:10 PMOct 23
to
Per dimostrare il rallentamento del tempo, ho usato l'esperimento di
Shapiro perché è il più semplice da spiegare. Infatti lo ho usato anche
nell'eBook divulgativo. Ma ci sono anche altri esperimenti che lo
dimostrano, e cioè:

Esperimento di Hafele-Heating i cui link sono:
https://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_di_Hafele-Keating
http://hyperphysics.phy-astr.gsu.edu/hbase/Relativ/airtim.html

Esperimento di Pound e Rebka
https://en.wikipedia.org/wiki/Pound%E2%80%93Rebka_experiment

Inoltre anche il sistema di navigazione satellitare, il GPS, dimostra il
rallentamento del tempo.

Quindi anche se nel caso da te presentato, il tempo non rallenta, non
significa che non rallenta negli esperimenti da me citati, che sono
sostenuti anche dagli einsteinisti, oltre che dalla mia teoria.

Comunque tu puoi benissimo dire che non ho dimostrato un bel niente,
anche perché non sono mai stato bravo a spiegarmi, soprattutto ora, che
sto scrivendo con una mano sola.

Dino Bruniera

Giovanni

unread,
Oct 24, 2021, 5:17:28 AMOct 24
to
> Dino Bruniera ha scritto:
> Per dimostrare il rallentamento del tempo, ho usato l'esperimento di
> Shapiro perché è il più semplice da spiegare. Infatti lo ho usato anche
> nell'eBook divulgativo. Ma ci sono anche altri esperimenti che lo
> dimostrano, e cioè:
>
> Esperimento di Hafele-Heating i cui link sono:
> https://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_di_Hafele-Keating
> http://hyperphysics.phy-astr.gsu.edu/hbase/Relativ/airtim.html
>
> Esperimento di Pound e Rebka
> https://en.wikipedia.org/wiki/Pound%E2%80%93Rebka_experiment
>
> Inoltre anche il sistema di navigazione satellitare, il GPS, dimostra il
> rallentamento del tempo.
>
> Quindi anche se nel caso da te presentato, il tempo non rallenta, non
> significa che non rallenta negli esperimenti da me citati, che sono
> sostenuti anche dagli einsteinisti, oltre che dalla mia teoria.

Gli esperimenti che citi non possono nel modo più assoluto dimostrare sedicenti proprietà fisiche dirette sul tempo, ma al massimo, e indirettamente, dimostrare qualcosa che attiene al movimento, perché, dal punto di vista cinematico, il mondo fisico reale, contempla solo lo spazio e il movimento, con la pistola fumante, che è il secondo intercalare:

https://it.wikipedia.org/wiki/Secondo_intercalare

senza contare la scemenza fisica della simultaneità relativa.

Il tempo ripeto è solo uno strumento matematico (dal valore effettivo mutevole, sebbene numericamente sempre identico a se stesso) e non un ente fisico, ovvero è uno spazio particolare sempre in crescita e legato alla rotazione polare terrestre, infatti:

- "1 secondo" numericamente vale sempre 1, ma sta diventando sempre più pesante, perché il movimento lungo l'equatore di un punto geometrico della linea giorno-notte, diventa sempre lento quando percorrere i famosi 463,83 metri a causa del rallentamento polare della Terra

Giovanni.





Dino Bruniera

unread,
Oct 24, 2021, 9:14:02 AMOct 24
to
Il 24/10/2021 11:17, Giovanni ha scritto:
>> Dino Bruniera ha scritto:
>> Per dimostrare il rallentamento del tempo, ho usato l'esperimento di
>> Shapiro perché è il più semplice da spiegare. Infatti lo ho usato anche
>> nell'eBook divulgativo. Ma ci sono anche altri esperimenti che lo
>> dimostrano, e cioè:
>>
>> Esperimento di Hafele-Heating i cui link sono:
>> https://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_di_Hafele-Keating
>> http://hyperphysics.phy-astr.gsu.edu/hbase/Relativ/airtim.html
>>
>> Esperimento di Pound e Rebka
>> https://en.wikipedia.org/wiki/Pound%E2%80%93Rebka_experiment
>>
>> Inoltre anche il sistema di navigazione satellitare, il GPS, dimostra il
>> rallentamento del tempo.
>>
>> Quindi anche se nel caso da te presentato, il tempo non rallenta, non
>> significa che non rallenta negli esperimenti da me citati, che sono
>> sostenuti anche dagli einsteinisti, oltre che dalla mia teoria.
>
> Gli esperimenti che citi non possono nel modo più assoluto dimostrare sedicenti proprietà fisiche dirette sul tempo, ma al massimo, e indirettamente, dimostrare qualcosa che attiene al movimento, perché, dal punto di vista cinematico, il mondo fisico reale, contempla solo lo spazio e il movimento, con la pistola fumante, che è il secondo intercalare:
>
> https://it.wikipedia.org/wiki/Secondo_intercalare
>

Visto che tu non accetti che gli esperimenti da me citati, dimostrino il
rallentamento del tempo, proverò io a seguire te, almeno finché ce la
faccio.

E comincio dal secondo intercalare, che è il secondo che ogni tanto
viene aggiunto agli orologi atomici per sincronizzarsi con il tempo
universale, il quale viene misurato tramite l'osservazione di quasar
molto distanti.
E se verifichi la tabella sulla destra della pagina web che mi hai
segnalato, risulta che in 45 anni (dal 1972 al 2016) sono stati aggiunti
27 secondi (uno alla volta, ma sempre in più e mai in meno). Il che
significa che gli orologi atomici sulla Terra sono andati sempre più
lentamente rispetto al tempo universale.

Cosa significa questo fatto, se non che il tempo sulla Terra è andato
più lento rispetto al tempo universale, probabilmente a causa del moto
della Terra rispetto allo spazio, che in base alla mia teoria fa
rallentare il tempo?


Ed ora vorrei anche precisare che il tempo universale usato per
sincronizzare gli orologi atomici, non è lo stesso della mia teoria,
perché è quello di quasar molto distanti, ma comunque di luoghi
influenzati da campi gravitazionali, mentre quello della mia teoria è
relativo a luoghi non influenzati da alcun campo gravitazionale e quindi
è più veloce ed è lo stesso per tutto l'Universo.

Dino Bruniera

Giovanni

unread,
Oct 24, 2021, 10:13:53 AMOct 24
to
> > io stesso Giovanni ho scritto:
> > Gli esperimenti che citi non possono nel modo più assoluto
> > dimostrare sedicenti proprietà fisiche dirette sul tempo, ma
> > al massimo, e indirettamente, dimostrare qualcosa che attiene
> > al movimento, perché, dal punto di vista cinematico, il mondo
> > fisico reale, contempla solo lo spazio e il movimento, con la
> > pistola fumante, che è il secondo intercalare:
> > https://it.wikipedia.org/wiki/Secondo_intercalare

> Dino Bruniera ha scritto:
> Visto che tu non accetti che gli esperimenti da me citati, dimostrino il
> rallentamento del tempo, proverò io a seguire te, almeno finché ce la
> faccio.
> E comincio dal secondo intercalare, che è il secondo che ogni tanto
> viene aggiunto agli orologi atomici per sincronizzarsi con il tempo
> universale, il quale viene misurato tramite l'osservazione di quasar
> molto distanti.

Devi andare al sodo ed oltre quello che è scritto su Wikipedia, e quindi cancellare le canoniche mappe concettuali sul tempo.

L'ultima volta che è stato aggiunto 1 secondo intercalare a tutti gli orologi conosciuti, è avvenuto allo scadere del 31 dicembre 2016, e ciò a causa del rallentamento della rotazione polare della Terra, cosa, quest'ultima, che sempre nel 2016 ha provocato che ad 1" secondo" non corrispondevano più i 463,83 metri (ovvero: equatore diviso 24, risultato diviso 60 e ancora risultato diviso 60), ma qualcosa in meno.

Aggiungendo 1 secondo allo scadere del 31 dicembre 2016 abbiamo fatto di nuovo corrispondere NUMERICAMENTE 1 secondo ai nostri 463,83 metri, come a prima del 2016.

Visto che la Terra dal 2016 fisicamente e realmente gira attorno all'asse polare più lentamente di prima, per cui lungo l'equatore più lentamente un punto geometrico, della linea giorno-notte, raggiunge i nostri 463,83 metri, e visto che NUMERICAMENTE "1 secondo" è rimasto uguale "1 secondo", allora solo una cosa può essere realmente cambiata dal 2016, e cioè è cambiata l'EFFETTIVA CONSISTENZA NON NUMERICA di "1 secondo", infatti dal 2016 "1 secondo" è diventato NON NUMERICAMENTE più pesante, ovvero "1 secondo" è diventato NON NUMERICAMENTE più lungo.

Ovvero: non può essere che la Terra abbia rallentato le sue rotazioni polari dal 2016 rispetto a prima, e contemporaneamente, sempre dal 2016, sia sempre lì i nostri 463,83 metri e contemporaneamente "1 secondo" dal 2016 sia rimasto uguale a "1 secondo" di prima del 2016.

Giovanni.


Dino Bruniera

unread,
Oct 24, 2021, 1:00:16 PMOct 24
to
Il 24/10/2021 16:13, Giovanni ha scritto:
>>> io stesso Giovanni ho scritto:
>>> Gli esperimenti che citi non possono nel modo più assoluto
>>> dimostrare sedicenti proprietà fisiche dirette sul tempo, ma
>>> al massimo, e indirettamente, dimostrare qualcosa che attiene
>>> al movimento, perché, dal punto di vista cinematico, il mondo
>>> fisico reale, contempla solo lo spazio e il movimento, con la
>>> pistola fumante, che è il secondo intercalare:
>>> https://it.wikipedia.org/wiki/Secondo_intercalare
>
>> Dino Bruniera ha scritto:
>> Visto che tu non accetti che gli esperimenti da me citati, dimostrino il
>> rallentamento del tempo, proverò io a seguire te, almeno finché ce la
>> faccio.
>> E comincio dal secondo intercalare, che è il secondo che ogni tanto
>> viene aggiunto agli orologi atomici per sincronizzarsi con il tempo
>> universale, il quale viene misurato tramite l'osservazione di quasar
>> molto distanti.
>
> Devi andare al sodo ed oltre quello che è scritto su Wikipedia, e quindi cancellare le canoniche mappe concettuali sul tempo.


Quindi non ti va bene considerare quanto esposto sulla pagina web che mi
hai segnalato.
Va bene.
Vediamo se riesco a seguirti ancora.

>
> L'ultima volta che è stato aggiunto 1 secondo intercalare a tutti gli orologi conosciuti, è avvenuto allo scadere del 31 dicembre 2016, e ciò a causa del rallentamento della rotazione polare della Terra, cosa, quest'ultima, che sempre nel 2016 ha provocato che ad 1" secondo" non corrispondevano più i 463,83 metri (ovvero: equatore diviso 24, risultato diviso 60 e ancora risultato diviso 60), ma qualcosa in meno.

E già qui non mi trovo.
Perché se si è dovuto aggiungere 1 secondo agli orologi atomici sulla
Terra, significa che segnavano un secondo in meno, quindi dividendo il
totale delle circonferenze percorse, per un numero di secondi inferiore,
il risultato dovrebbe essere maggiore dei 463,83 metri e non qualcosa in
meno, come hai scritto tu.

E qui mi fermo, per ora.

Ho sbagliato qualcosa?

Dino Bruniera
Message has been deleted

Giovanni

unread,
Oct 24, 2021, 3:08:27 PMOct 24
to
> > io stesso Giovanni ho scritto:
> > L'ultima volta che è stato aggiunto 1 secondo intercalare a
> > tutti gli orologi conosciuti, è avvenuto allo scadere del 31
> > dicembre 2016, e ciò a causa del rallentamento della rotazione
> > polare della Terra, cosa, quest'ultima, che sempre nel 2016
> > ha provocato che ad 1" secondo" non corrispondevano più i
> > 463,83 metri (ovvero: equatore diviso 24, risultato diviso 60
> > e ancora risultato diviso 60), ma qualcosa in meno.

> Dino Bruniera ha scritto:
> E già qui non mi trovo.
> Perché se si è dovuto aggiungere 1 secondo agli orologi atomici sulla
> Terra, significa che segnavano un secondo in meno, quindi dividendo il
> totale delle circonferenze percorse, per un numero di secondi inferiore,
> il risultato dovrebbe essere maggiore dei 463,83 metri e non qualcosa in
> meno, come hai scritto tu.

Allora, le cose sono apparentemente complicate perché il rallentamento della rotazione polare della Terra è troppo esiguo e non istantaneo.

Senza ledere di generalità, non cambia per niente la sostanza se immaginiamo un massiccio dimezzamento istantaneo della velocità di rotazione polare della Terra, con conseguenze però immediatamente comprensibili e quindi immediatamente estendibili al caso reale (quello con il rallentamento troppo esiguo e non istantaneo).

Immaginiamo, appunto, che all'alba dell' 1.10.2021 la velocità di rotazione polare delle Terra si è istantaneamente dimezzata, e di ciò ce ne siamo resi conto non solo attraverso gli orologi atomici, ma anche attraverso gli usuali orologi, e anche attraverso i nostri stessi occhi, perché abbiamo visto la successiva alba, molto più tardi del previsto, e gli orologi (atomici e non) ne hanno certificato l'entità, ovvero che la nuova alba del 2.10.2021 è arrivata ben 48 ore dopo invece delle solite 24 ore.

Cosa sta succedendo dall'alba dell' 1.10.2021 al percorso lungo l'equatore del nostro punto geometrico X sulla linea giorno-notte del nostro pianeta Terra ? ... sta succedendo che procede a velocità dimezzata, ovvero che ad "1 secondo" non corrispondono più i 463,83 metri da prima dell' 1.10.2021, ma da allora corrispondono i nuovi (463,83 / 2) metri, e quindi corrispondono i nuovi 231,91 metri.

In linea con quello che abbiamo fatto fino a prima dell' 1.10.2021 con l'introduzione del secondo intercalare, all'alba di domani mattina la velocità di tutti gli orologi conosciuti verranno rallentati della metà, ed in modo che di nuovo ad "1 secondo" corrispondono di nuovo i nostri 463,83 metri.

Da prima dell' 1.10.2021 a dopo domani mattina, cosa è successo al nostro "1 secondo" ? ... che numericamente è rimasto uguale a se stesso, ma nella sostanza si appesantito del doppio, diventando non numericamente due volte più lungo, con ciò comportando ad esempio (il più clamoroso) che la velocità cella luce c, sebbene sia fisicamente rimasta la stessa, numericamente varrà, a misurarla sperimentalmente da dopo domattina, non più 300.000 Km/sec ma varrà ben 600.000 Km/sec.

DOMANDA: è si o no arrivato il momento di smetterla di dire la scemenza fisica che il tempo è una distinta grandezza fisica e non un semplice espediente matematico (come ad esempio lo è una radice quadrata) che utilizza per giunta l'arcinoto spazio in una particolare versione sempre in crescita ?

Giovanni.

Dino Bruniera

unread,
Oct 24, 2021, 4:26:04 PMOct 24
to
Il 24/10/2021 21:08, Giovanni ha scritto:
>>> io stesso Giovanni ho scritto:
>>> L'ultima volta che è stato aggiunto 1 secondo intercalare a
>>> tutti gli orologi conosciuti, è avvenuto allo scadere del 31
>>> dicembre 2016, e ciò a causa del rallentamento della rotazione
>>> polare della Terra, cosa, quest'ultima, che sempre nel 2016
>>> ha provocato che ad 1" secondo" non corrispondevano più i
>>> 463,83 metri (ovvero: equatore diviso 24, risultato diviso 60
>>> e ancora risultato diviso 60), ma qualcosa in meno.
>
>> Dino Bruniera ha scritto:
>> E già qui non mi trovo.
>> Perché se si è dovuto aggiungere 1 secondo agli orologi atomici sulla
>> Terra, significa che segnavano un secondo in meno, quindi dividendo il
>> totale delle circonferenze percorse, per un numero di secondi inferiore,
>> il risultato dovrebbe essere maggiore dei 463,83 metri e non qualcosa in
>> meno, come hai scritto tu.
>

Dopo quanto hai riportato del mio post, c'era una domanda, che non hai
riportato, ma che faccio io, e cioè:

E qui mi fermo, per ora.

Ho sbagliato qualcosa?

Ma tu l'hai tagliata e, naturalmente, non hai risposto.
Il che non mi consente di seguire la tua dimostrazione precedente.


> Allora, le cose sono apparentemente complicate perché il rallentamento della rotazione polare della Terra è troppo esiguo e non istantaneo.

Ed io ti rispondo che anche i rallentamenti del tempo misurati nella
realtà, sono sempre esigui.
Per esempio il rallentamento del tempo misurato nell'esperimento di
Shapiro (viaggio di fotoni tra Terra e Venere, di andata e ritorno) è di
circa 0,0002 secondi su 1.000 secondi del viaggio.

>
> Senza ledere di generalità, non cambia per niente la sostanza se immaginiamo un massiccio dimezzamento istantaneo della velocità di rotazione polare della Terra, con conseguenze però immediatamente comprensibili e quindi immediatamente estendibili al caso reale (quello con il rallentamento troppo esiguo e non istantaneo).
>
> Immaginiamo, appunto, che all'alba dell' 1.10.2021 la velocità di rotazione polare delle Terra si è istantaneamente dimezzata, e di ciò ce ne siamo resi conto non solo attraverso gli orologi atomici, ma anche attraverso gli usuali orologi, e anche attraverso i nostri stessi occhi, perché abbiamo visto la successiva alba, molto più tardi del previsto, e gli orologi (atomici e non) ne hanno certificato l'entità, ovvero che la nuova alba del 2.10.2021 è arrivata ben 48 ore dopo invece delle solite 24 ore.
>
> Cosa sta succedendo dall'alba dell' 1.10.2021 al percorso lungo l'equatore del nostro punto geometrico X sulla linea giorno-notte del nostro pianeta Terra ? ... sta succedendo che procede a velocità dimezzata, ovvero che ad "1 secondo" non corrispondono più i 463,83 metri da prima dell' 1.10.2021, ma da allora corrispondono i nuovi (463,83 / 2) metri, e quindi corrispondono i nuovi 231,91 metri.
>
> In linea con quello che abbiamo fatto fino a prima dell' 1.10.2021 con l'introduzione del secondo intercalare, all'alba di domani mattina la velocità di tutti gli orologi conosciuti verranno rallentati della metà, ed in modo che di nuovo ad "1 secondo" corrispondono di nuovo i nostri 463,83 metri.
>

E, a livello fisico reale, come avverrebbe questo dimezzamento della
velocità degli orologi?
Ti stai rendendo conto che questo fenomeno significherebbe che il tempo
è rallentato, almeno così come considerato dalla mia teoria?

> Da prima dell' 1.10.2021 a dopo domani mattina, cosa è successo al nostro "1 secondo" ? ... che numericamente è rimasto uguale a se stesso, ma nella sostanza si appesantito del doppio, diventando non numericamente due volte più lungo, con ciò comportando ad esempio (il più clamoroso) che la velocità cella luce c, sebbene sia fisicamente rimasta la stessa, numericamente varrà, a misurarla sperimentalmente da dopo domattina, non più 300.000 Km/sec ma varrà ben 600.000 Km/sec.

Quindi salterebbe anche l'invarianza della velocità della luce, anche se
è stata dimostrata talmente tanto che il metro è stato definito come lo
spazio percorso dalla luce in 1/299.792.458 secondi?

>
> DOMANDA: è si o no arrivato il momento di smetterla di dire la scemenza fisica che il tempo è una distinta grandezza fisica e non un semplice espediente matematico (come ad esempio lo è una radice quadrata) che utilizza per giunta l'arcinoto spazio in una particolare versione sempre in crescita ?
>
Ed io ti rispondo che puoi pensarla come vuoi.

Dino Bruniera


Giovanni

unread,
Oct 24, 2021, 8:12:11 PMOct 24
to
> > io stesso Giovanni ho scritto:
> > In linea con quello che abbiamo fatto fino a prima
> > dell' 1.10.2021 con l'introduzione del secondo intercalare,
> > all'alba di domani mattina la velocità di tutti gli orologi
> > conosciuti verranno rallentati della metà, ed in modo
> > che di nuovo ad "1 secondo" corrispondono di nuovo
> > i nostri 463,83 metri.

> Dino Bruniera ha scritto:
> E, a livello fisico reale, come avverrebbe questo dimezzamento della
> velocità degli orologi?

A livello fisico non avviene un bel niente, ma semplicemente si interviene tecnicamente, e per esempio facendosi consegnare dai cittadini l'orologio di casa che posseggono, in cambio di una copia del medesimo orologio, ma con le lancette che girano a velocità dimezzata rispetto alla velocità delle lancette dell'orologio che hanno consegnato.

DOMANDA: è si o no arrivato il momento di smetterla di dire la scemenza fisica che il tempo è una distinta grandezza fisica e non un semplice espediente matematico (come ad esempio lo è una radice quadrata) che utilizza per giunta l'arcinoto spazio in una particolare versione sempre in crescita ?

Ma temo che anche stavolta non risponderai ... il tuo cervello è troppo inzuppato delle mappe concettuali canoniche sul tempo.

Giovanni.


Dino Bruniera

unread,
Oct 25, 2021, 4:01:57 AMOct 25
to
Invece, come sempre, ti rispondo.

Tu puoi dire ciò che vuoi del tempo. Ma in ogni caso se le lancette
dell'orologio che lo misura, girano a velocità dimezzata, almeno per la
mia teoria, significa che ha rallentato del 50%.

Punto.

Dino Bruniera

Message has been deleted

Giovanni

unread,
Oct 25, 2021, 4:42:00 AMOct 25
to
> Dino Bruniera ha scritto:
> Tu puoi dire ciò che vuoi del tempo. Ma in ogni caso se le lancette
> dell'orologio che lo misura, girano a velocità dimezzata, almeno per la
> mia teoria, significa che ha rallentato del 50%.

Gli orologi non misurano il tempo ma lo spazio, se infatti stanotte hai guardato l'orologio e segnava 00:00:01 vuol dire che dall'inizio del giorno corrente 25.10.2021, il punto geometrico X della linea giorno-notte del pianeta Terra ha percorso lungo l'equatore terrestre 463,83 metri.

Anzi, gli orologi non sono nemmeno classificabili come PERFETTI misuratori dello spazio, perché quando la Terra rallenta la sua velocità di rotazione polare, gli orologi (quelli atomici) se ne accorgono, per cui rallentiamo anche la cadenza di tutti gli orologi conosciuti, ma così appesantendo il peso della sua unità temporale, con ciò provocando un (impercettibile, fortunatamente, ma reale) cambiamento numerico di tutte le nostre costanti fisiche in cui entra in gioco anche il tempo.

Conclusione: gli orologi misurano lo spazio e il tempo è un banale espediente matematico.

Giovanni.

Dino Bruniera

unread,
Oct 25, 2021, 5:45:29 AMOct 25
to
Ma nella mia teoria io posso considerare il tuo spazio come il mio
tempo, e così se il tuo X rallenta, per la mia teoria è il tempo che
rallenta.

Dino Bruniera

Giovanni

unread,
Oct 25, 2021, 7:35:56 AMOct 25
to
> > io stesso Giovanni ho scritto:
> > Conclusione: gli orologi misurano lo spazio
> > e il tempo è un banale espediente matematico.

> Dino Bruniera ha scritto:
> Ma nella mia teoria io posso considerare il tuo spazio come il mio
> tempo, e così se il tuo X rallenta, per la mia teoria è il tempo che
> rallenta.

Intanto quello che in questo thread ho scritto, non è una teoria (mia o di qualcun altro), ma sono delle mie dimostrazioni perentorie uscite indenni dal mio contraddittorio con te.

Poi continui a scrivere cose che dimostrano che tu o non capisci o fai finta di non capire.

Anche quello a cui sto rispondendo adesso, dimostra ciò.

Infatti: io ti ho fatto vedere che il sedicente tempo non è una nuova grandezza fisica, ma in realtà è l'arcinoto spazio peraltro artificiosamente utilizzato in modo maldestro , e tu insisti a ritrasformalo da maldestro spazio in tempo ... mah !

Giovanni.



Dino Bruniera

unread,
Oct 25, 2021, 8:20:02 AMOct 25
to
Tu non puoi pretendere che io sia convinto delle tue "dimostrazioni",
anche perché non sono compatibili con la mia teoria, che è frutto di
ormai qualche anno di studi e ricerche da parte mia.
E neanche che io effettui un completo contraddittorio con te, anche
perché in base alle recenti esperienze che ho avuto con te, sarebbe
lungo e difficile, tenendo anche conto che attualmente ho molta
difficoltà a scrivere dato che debbo farlo con una mano sola.

Se vuoi avere dei riconoscimenti dovresti farle valutare da dei bravi
fisici, che però non sono disponibili a farlo se contrastano con le
teorie einsteiniane.
Quindi devi trovare altre strade, come sto facendo io ed anche qualche
altro frequentatore di questi NG.

Dino Bruniera

Giovanni

unread,
Oct 25, 2021, 9:36:29 AMOct 25
to
> Dino Bruniera ha scritto:
> Tu non puoi pretendere che io sia convinto delle tue "dimostrazioni",

E perché no, ? ... soprattutto dato che non sei riuscito s confutare le mie dimostrazioni.

> anche perché non sono compatibili con la mia teoria, che è frutto di
> ormai qualche anno di studi e ricerche da parte mia.

Se è per questo le mie dimostrazioni sul tempo non sono per niente compatibili nemmeno con le teorie einsteniane con le quali hanno lavorato e lavorano per un'intera vita forse milioni e milioni di studiosi ... e quindi ... che cosa prova ciò ... che forse le mie dimostrazioni sul tempo sono automaticamente false ?

> E neanche che io effettui un completo contraddittorio con te, anche
> perché in base alle recenti esperienze che ho avuto con te,

dove sono avvenuti altri tranquilli e regolari contraddittori

> sarebbe lungo e difficile,

Quindi sono per te difficili poche operazioni aritmetiche elementari che consistono nel suddividere l'equatore terrestre per 24 e così via. e difficile le annesse semplici e quasi immediate considerazioni !

> tenendo anche conto che attualmente ho molta
> difficoltà a scrivere dato che debbo farlo con una mano sola.

Puoi riprendere in mano quando vuoi questo contraddittorio a guarigione avvenuta, ma comunque non c'è modo di confutare le mie dimostrazioni ... sono troppo elementari e scontate.

> Se vuoi avere dei riconoscimenti dovresti farle valutare da dei bravi
> fisici, che però non sono disponibili a farlo se contrastano con le
> teorie einsteiniane.
> Quindi devi trovare altre strade, come sto facendo io

Non mi interessano i riconoscimenti ma solo i contraddittori.

> ed anche qualche
> altro frequentatore di questi NG.

Sono qui per questo ... appunto disponibile ai contraddittori.

Giovanni.


Dino Bruniera

unread,
Oct 25, 2021, 11:45:08 AMOct 25
to
Il 25/10/2021 15:36, Giovanni ha scritto:
>> Dino Bruniera ha scritto:
>> Tu non puoi pretendere che io sia convinto delle tue "dimostrazioni",
>

cut

>
> Non mi interessano i riconoscimenti ma solo i contraddittori.
>
>> ed anche qualche
>> altro frequentatore di questi NG.
>
> Sono qui per questo ... appunto disponibile ai contraddittori.
>

Poiché navigando in rete ricordavo di aver trovato delle pagine web dove
veniva affermato che il tempo non esiste, ho provato a fare una ricerca
con la chiave "il tempo non esiste" ed ho trovato parecchi link, tra i
quali c'è anche un libro e dei video di Carlo Rovelli.
Per cui anche se io non la penso così, devo ammettere che non sei
l'unico a pensarla così. Ma non sono io l'interlocutore più adeguato ad
avere un contraddittorio con te su questo tema.
Sia perché ho cominciato a dedicare del tempo alla fisica una volta in
pensione e quindi non posso definirmi un fisico, che perché il tempo che
posso dedicare alla fisica lo sto dedicando alla mia teoria. Prima per
svilupparla ed ora soprattutto per riuscire a farla dibattere da fisici
esperti, perché almeno finora non sono riuscito ad ottenerlo neanche a
pagamento.
Tempo fa mi sono rivolto perfino al ministro dell'università e ricerca
per chiedergli di mettere a disposizione di questo NG un ricercatore di
fisica, dato che ve ne sono centinaia in Italia pagati dallo stato, ma
senza ottenere alcuna risposta.

Ma sapendo che ci sono dei fisici anche divulgatori che la pensano
almeno in modo simile a te, non potresti comprare i loro libri e, caso
mai, metterti in contatto con loro?
Comunque sei messo meglio di me, perché io non ho trovato alcun fisico
che la pensa almeno in modo simile a me.

Dino Bruniera



Massimo 456b

unread,
Oct 25, 2021, 2:03:39 PMOct 25
to
Dino Bruniera <dino.b...@gmail.com> ha scritto:
Quando usi la parola esistere devi fare molta attenzione.
Il tempo esiste nella misura in cui l'indeterminato futuro si
travasa nel determinato passato.
Questo particolare stato mentale che caratterizza la percezione
del tempo si chiama aspettativa.
Ora possiamo considerare un oggetto un osservatore?
Per oggetto posso considerare un semplicissimo orologio al muro.
Prendi due osservatori.
Uno a un metro di distanza uno a due.
Il tempo dell'orologio pare uguale.
Pare ovvio anche che al secondo uno seguira' il due per entrambi.
Eppure... per uno dei due il secondo successivo arriva un po'
prima perche' l'orologio e' piu' vicino.
Per ottenere una sincronia totale con quell'orologio a muro
dovresti essere talmente vicino che te lo dovresti ficcare dentro
la testa.
Ecco che hai una immagine del tempo come stato mentale.
Siccome osservatore e osservato non coincideranno mai e' la misura
del tempo a non esistere ma il tempo esiste eccome.


> Dino Bruniera
>
>
>
>


--


ciao
Massimo

¤¤¤¤¤¤¤¤¤¤¤¤¤¤¤¤
la password e' pippo


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/

Dino Bruniera

unread,
Oct 25, 2021, 3:07:08 PMOct 25
to
Guarda che non sono io ad affermare che il tempo non esiste, ma
Giovanni, naturalmente se ho capito bene, perché l'ho dedotto da una
discussione non troppo precisa che ho avuto con lui.

Per la mia teoria il tempo esiste eccome, tanto che ho definito il
secondo come il tempo nel quale la luce percorre 299.792.458 metri
rispetto a luogo dello spazio dove sta transitando.

Dino Bruniera


Giovanni

unread,
Oct 26, 2021, 4:20:42 AMOct 26
to
> Massimo 456b ha scritto:
> Per ottenere una sincronia totale con quell'orologio a muro
> dovresti essere talmente vicino che te lo dovresti ficcare dentro
> la testa.

Scemenze einsteniane ... Einstein era fissato con gli orologi e su come sincronizzarli, era anche fissato con la luce e la simultaneità, e ha rincretinito e sta rincretinendo milioni di esseri umani ... per ottenere una sincronia totale fra due orologi lego con tre laccetti le lancette delle ore, dei minuti e dei secondi.

Rassegnati: il mondo fisico reale dal punto di vista cinematico, contempla solo spazio e movimento.

> Siccome osservatore e osservato non coincideranno mai e' la misura
> del tempo a non esistere ma il tempo esiste eccome.

E la supercazzola prematurata ha lo scalpellamento a destra o a sinistra ?

Giovanni.

Giovanni

unread,
Oct 26, 2021, 4:37:48 AMOct 26
to
> Dino Bruniera ha scritto:
> Poiché navigando in rete ricordavo di aver trovato delle pagine web dove
> veniva affermato che il tempo non esiste, ho provato a fare una ricerca
> con la chiave "il tempo non esiste" ed ho trovato parecchi link, tra i
> quali c'è anche un libro e dei video di Carlo Rovelli.

Bisogna andare più alle radici di dove è arrivato Rovelli, ovvero mettendo in discussione l'esistenza fisica stessa del continuo e abbracciare il discreto, e di conseguenza diventando il tempo, un semplice "trucco matematico" per fare i conti ... e guarda caso è esatttamente quello che ho fatto vedere anche in questo threed.

Giovanni.

Massimo 456b

unread,
Oct 26, 2021, 5:38:57 AMOct 26
to
Giovanni <giann...@gmail.com> ha scritto:
> > Massimo 456b ha scritto:
>> Per ottenere una sincronia totale con quell'orologio a muro
>> dovresti essere talmente vicino che te lo dovresti ficcare dentro
>> la testa.
>
> Scemenze einsteniane ... Einstein era fissato con gli orologi e su come sincronizzarli, era anche fissato con la luce e la simultaneità, e ha rincretinito e sta rincretinendo milioni di esseri umani ... per ottenere una sincronia totale fra due orologi lego con tre laccetti le lancette delle ore, dei minuti e dei secondi.

questa e' molto carina.
Ma il legamento di moti meccanici di due orologi, uno qui e uno su
Andromeda ti darebbe molti problemi. Spero che lo spago sia molto
elastico.

> Rassegnati: il mondo fisico reale dal punto di vista cinematico, contempla solo spazio e movimento.

Rassegnati: la realta' in se' e' roba per quei matti di filosofi :)

>> Siccome osservatore e osservato non coincideranno mai e' la misura
>> del tempo a non esistere ma il tempo esiste eccome.
>
> E la supercazzola prematurata ha lo scalpellamento a destra o a sinistra ?

antani! sempre nei secoli dei secoli :)

> Giovanni.

Giovanni

unread,
Oct 26, 2021, 6:04:26 AMOct 26
to

> > io stesso Giovanni ho scritto:
> > Scemenze einsteniane ... Einstein era fissato con gli orologi
> > e su come sincronizzarli, era anche fissato con la luce e la
> > simultaneità, e ha rincretinito e sta rincretinendo milioni di
> > esseri umani ... per ottenere una sincronia totale fra due orologi
> > lego con tre laccetti le lancette delle ore, dei minuti e dei secondi.

> Massimo 456b ha scritto:
> questa e' molto carina.
> Ma il legamento di moti meccanici di due orologi, uno qui e uno su
> Andromeda ti darebbe molti problemi. Spero che lo spago sia molto
> elastico.

Un laccetto fino ad Andromeda è solo un problema tecnico e non un problema fisico ... potrebbe per esempio benissimo già esistere nell'Universo una civiltà aliena superevoluta che sia riuscita a portare un laccetto da una galassia a un'altra.

Ma la fissazione centrale di EInstein è la simultaneità, leggiti solo le prime 3 pagine del suo famigerato articolo del 1905 dal titolo: "L'elettrodinamica dei corpi in movimento" ( https://tinyurl.com/3xh5hfb3 ), ebbene ti metterai le mani nei capelli.

Einstein infatti riteneva che Alice, per stabilire che anche per lei fosse simultaneo un evento, che Bob in moto relativo rispetto ad Alice, accerta essere per lui, tale, occorrono degli orologi sincroni e la velocità della luce ... nulla di più falso, ma non solo non sono affatto necessari orologi sincroni e la velocità della luce, ma ad usare la velocità della luce, data la sua invariabilità, si finisce per cadere in un epico errore sistematico, a cui incredibilmente Einstein dà anche un nome, la simultaneità relativa.

Giovanni.




Massimo 456b

unread,
Oct 26, 2021, 6:09:01 AMOct 26
to
Giovanni <giann...@gmail.com> ha scritto:
ricordati che non stai parlando a un fisico ma a uno che "gli
piace" la filosofia.
Odio gli esperimenti mentali.
Sono fatti di nulla.
Se io fossi Bob con Alice farei cose molto piu' divertenti :)
Se usassi la mente sarei solo un inguaribile onanista.

Giovanni

unread,
Oct 26, 2021, 8:19:47 AMOct 26
to
> > io stesso Giovanni ho scritto:
> > Ma la fissazione centrale di EInstein è la simultaneità,
> > leggiti solo le prime 3 pagine del suo famigerato articolo
> > del 1905 dal titolo: "L'elettrodinamica dei corpi in movimento"
> > ( https://tinyurl.com/3xh5hfb3 ), ebbene ti metterai le mani
> > nei capelli.
> > Einstein infatti riteneva che Alice, per stabilire che anche per
> > lei fosse simultaneo un evento, che Bob in moto relativo rispetto
> > ad Alice, accerta essere per lui, tale, occorrono degli orologi
> > sincroni e la velocità della luce ... nulla di più falso, ma non solo
> > non sono affatto necessari orologi sincroni e la velocità della
> > luce, ma ad usare la velocità della luce, data la sua invariabilità,
> > si finisce per cadere in un epico errore sistematico, a cui
> > incredibilmente Einstein dà anche un nome, la simultaneità relativa.

> Massimo 456b ha scritto:
> ricordati che non stai parlando a un fisico ma a uno che "gli
> piace" la filosofia.

Nelle prime 3 pagine del famigerato articolo di Einstein di cui ripeto il link https://tinyurl.com/3xh5hfb3 c'è solo qualche operazione aritmetica, il resto sono incredibili e ridicole considerazioni di EInstein che non ha nulla della fisica, ma solo solo ossessioni di EInstein,
E non occorre la laurea per capirlo ma un diploma di scuola superiore.

Purtroppo nemmeno un esercito di diplomati potrà mai mettere a tacere i relativisti, ma anche solo una decina di filosofi stimati e popolari, potrebbe finalmente farlo ... e sarebbe ormai ora.

> Odio gli esperimenti mentali.
> Sono fatti di nulla.

Non ci sono esperimenti mentali nelle prime 3 pagine del predetto articolo del 1905 ma, ripeto, scemenze fisiche, valutabili come tali da uno diplomato di scuola superiore.

Giovanni.

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages