sul tanto decantato esperimento di Hafele-Keating ecco cosa scrive Harry Ricker

28 views
Skip to first unread message

Giovanni

unread,
Aug 9, 2022, 7:01:54 AMAug 9
to
Non c'è praticamente nessuno più qualificato per esprimere un giudizio conclusivo sull'esperimento di Hafele-Keating del 1971, si tratta infatti di Louis Essen, un esperto nel campo della misurazione del tempo e inventore dell'orologio al cesio. Ebbene Louis Essen ha scritto che l'accuratezza degli orologi non era sufficiente per dedurre il risultato dichiarato, ovvero che gli orologi sui due aerei non avevano una precisione sufficiente per dimostrare l'effetto di dilatazione del tempo.

Ecco le esatte parole di Louis Essen scritte e pubblicate a ottobre del 1978:

- "poiché la differenza tra i singoli orologi era di 300 ns, poco o nessun significato può essere attribuito ai risultati medi; gli sperimentatori inoltre non hanno usato tutti i risultati e hanno applicano un'analisi statistica di cui non vengono forniti dettagli"

L'implicazione è che gli orologi scelti per l'esperimento, ha prodotto risultati che concordavano con la teoria, per appunto dimostrare che la RR era verificata dall'esperimento.

In un'analisi eseguita successivamente da AG Kelly, è emerso che i documenti sperimentali erano stati manipolati per produrre i risultati voluti. Kelly infatti riuscì ad ottenne i dati grezzi, e verificò che i dati sperimentali erano stati "cucinati" da Hafele-Keating, che infatti eliminarono i dati sperimentali che non potevano essere considerati validi per la RR.

Harry Ricker

Luciano Buggio

unread,
Aug 9, 2022, 7:26:18 AMAug 9
to
Bravo.

MI scrisse il Prof. Umberto Bartocci di Perugia in una
comunicazione personale del 24.08.2000, seguita dalla pubblicazione di
un lavoro che aveva recensito:

"In effetti, comincio ad avere sempre più dubbi sull'attendibilità dei
fisici, storici, ecc, dell'establishment su OGNI questione che
trattano.
Ho appena fatto da referee ad un lavoro interessantissimo di un
irlandese che smaschera gli 'imbrogli' di quei due che avevano mandato
degli orologi su aerei intorno al mondo, per far tornare le cose a
favore della Relatività. Una storia davvero incredibile: qui sì che si
sarebbe di fronte ad un caso clamoroso di 'disonestà' scientifica, ma
evidentemente ben ricompensata da parte di chi ha interesse nel
sostenere certe 'fame', e tu sai bene a chi mi riferisco (mi
piacerebbe sapere dove se ne stanno ora Hafele e Keating, quale
cattedra in quale università americana gli hanno dato, dove se ne
stanno a godere tranquillamente il malfatto...)"
----------------

Poi si parla tanto di GPS.

Hatch, ex presidente dell' Institute of Navigation e direttore (2004)
del Navigation Sistems Engineering presso la NavCom Technologies è uno
fra i più eminenti esperti mondiali del sistema di posizionamento
globale (GPS). Riguardo alla questione se il GPS comprovi o meno la
validità della Relatività Speciale, egli è giunto a conclusioni
diametralemtne opposte rispetto a quelle di Clifford Will. In
"Relativity and GPS" egli sostiene che l'effetto della velocità
osservato sugli orologi del GPS contraddice totalmente le previsioni
della Relatività Speciale.

(Hatch, Ronald R. "Relativity and GPS, Part.I" - Galilean
electrodynamics 6(4): 51-57 -1995

Ciao e grazie.

Luciano Buggio

Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages