In tutto questo c'è qualcosa di vero??Domanda su SCN!!

5 views
Skip to first unread message

carl...@alice.it

unread,
Mar 4, 2008, 9:35:01 AM3/4/08
to
Salve a tutti..mi presento come Carlo.
Non faccio il mio vero nome per ovvi motivi...mi spiace per chi mi
considerarà vigliacco ma sto cercando di proteggere l'identità di un
mio familiare che è fuoriuscito da scn!!

Da qualche tempo leggo con estremo interesse il forum dedicato a
Scientology e avrei alcune domande da porre a voi tutti..in particolar
modo ai fuoriusciti che come me hanno avuto esperienze all'interno
della chiesa(chiamiamola così va!!).
Ma prima vi racconto un pò la mia esperienza !
Per chi non avesse interesse a leggerla andate alla parte finale dove
vi ho posto le domande famose..


Premetto che la mia partecipazione in attivo si è limitata alla
frequentazione di alcuni corsi base(comunicazione e soppressione) e
alla partecipazione ad alcune conferenze,proiezioni di
video,spiegazioni ,dimostrazioni di auditing e così via....
La mia esperienza deriva quasi unicamente dalla partecipazione di un
mio familiare che invece entrò nell ORG come auditor e rimase
all'interno alcuni anni frequentando per più di un anno un corso di
qualificazione alla sede di Copenaghen.Il resto deriva dalle mie
letture dei libri di Scientology...e al tormentoso maneggiamento a cui
sono stato sottoposto da parte dei membri .

Innanzitutto ho potuto toccare con mano l'atteggiamento aggressivo da
parte dei membri di scn che pretendevano che io mi associassi a
loro...;all'inizio gentilezza e complimenti per farmi sentire una
persona utile ...un membro di una famiglia,benaccetto e
benvoluto...poi cambiarono di fronte ai miei reiterati rifiuti(avevo
altri sogni nella vita e per quanto a quei tempi fossi interessato
alle terapie di scn....non avevo prove a riguardo della loro
validità).

Insomma un contratto da un miliardo di anni mi sembrava un pò troppo
per chi come me nemmeno aveva mai contattato un engram!!

Ad un certo punto il maneggiamento si fece ancora più
pesante....persino sotto casa;ricordo che mi mandarono una bella donna
(non rammento i nomi e cmq non li farei se li rammentassi per ovvi
motivi) forse perchè si accorsero che ero più interessato alle sue
gambe e al suo seno che non al busto di Ron Hubbard..

Ricordo ancora una delle raffinate frasi per convincermi ad entrare .
-"Non hai paura che una volta morto...il tuo thetan entri in un
sasso???"-
Ovviamente non avevo questa paura...e tra l'altro ricordo che le feci
la battuta per cui ritenevo che un sasso tutto sommato non conducesse
questa infame esistenza..ma lei non rise.
Tempo dopo ricevetti una telefonata,la milionesima ormai, in cui
ritentarono da capo..e a quel punto venne fuori la violenza...
Giuro che rimasi stupefatto perchè tutto sommato di scn avevo
conosciuto solo la parte gentile,insistente
magari,ossessiva,pallosa,testarda...ma gentile e rispettosa dei membri
di scn (molti erano veramente simpatici)e questa tipa in particolare
era una che elargiva sempre sorrisi.
Quel giorno di fronte al mio ennesimo e pacato rifiuto sbottò urlando
come una matta con una ferocia che mi spaventò .
Mi disse cose tipo - "Non risolverai mai i tuoi problemi e rimarrai in
eterno una persona effetto di chiunque ti stia attorno...Non sarai mai
clear e sarai condannato a soffrire e a morire e morire e tutte le
volte a reiniziare da capo devi venire...devi venire!!"-.
Ovviamente non ricordo testualmente le parole,nè il nome di questa
signora di mezza età...ma rimasi colpito perchè per la prima volta
toccai con mano la verità di una delle tante voci ,che prima di quel
momento consideravo soppressive ,che circolavano su scn..a cui
onestamente non avevo mai creduto..perchè dissentivano dalla realtà
che avevo conosciuto e anche da alcune frasi che ricordavo di Ron!!

Dietro la voce di questa donna sentivo le voci degli altri membri che
ridacchiavano e telefonavano ad altri clienti ;nessuno di loro
sembrava disturbato dalle grida della collega...nessuno che le disse
magari qualcosa tipo.."Oh ma che succede!!??"-"Stai calma!", e così
via....
Lei gridava e minacciava e dietro questi ridacchiavano e continuavano
le loro conversazioni come nulla fosse.
Capii che evidentemente non doveva essere un atteggiamento che li
coglieva di sorpresa e un terribile sospetto si fece evidenza dentro
di me.
Non sarà che tutte le voci che i soppressivi facevano girare su scn
erano vere???
Per alcuni può sembrare poco o come dicono molti scientologist,fu solo
sfortuna.. avevo trovato il membro fuori etica..tutto lì.,..ma per me
che cmq già da tempo avevo intravisto molti segnali di allarme..bastò
e avanzò per tagliare i rapporti del tutto.

Altri segnali che precedentemente mi insospettirono fu il loro
atteggiamento sui soldi.Ron diceva che tutto sommato il denaro era
solo un gioco,uno dei tanti nel mest,privo di tutta quella grande
importanza....eppure i membri sui pagamenti non transigevano e ricordo
come fossero dannatamente insistenti.Io spesso sollevavo obiezioni
quando cercavano di convincermi a farmi fare un prestito ,allora in
lire,di circa 10 milioni per iniziare il ponte.
Gli ricordavo che non avevo un lavoro stabile e sicuro e non avrei
avuto quei soldi,inoltre non avevo prove che sarebbero stati ben
spesi....ma loro sorridevano....dovevo solo maneggiare i miei
genitori,la banca e me stesso...il denaro è solo un gioco e una volta
clear ne avrei fatto a palate.
"Se è solo un gioco come mai è così importante per voi??Perchè non
concedete il pagamento a rate??Perchè è tutto così dannatamente
caro....mica sono Tom Cruise io!! E perchè se uno rivuole indietro i
soldi perchè una terapia non funziona gli deve essere vietato
effettuare altre terapie e continuare sul ponte??"
A queste domande nicchiavano con risposte tipo le tasse...gli alti
costi...etc etc..l'espansione e così via....ma io dovevo guardare al
mio portafogli e regolarmente sorridevo,promettevo,temporeggiavo
perchè ricordo benissimo che fino a chè non avessi in qualche modo
dimostrato di accondiscendere alle loro opinioni non mi avrebbero
permesso di andarmene in pace...Ma poi non facevo nulla...avevo
troppa paura del gioco denaro,non avendo mai avuto un soldo tutta la
vita.

Altra cosa erano i SUCCESSI....;i corsi basi erano per lo più conditi
di dati ovvi...ma ricordo come premevano perchè scrivessi i
successi..quando invece avrei solo dovuto scrivere...-"ste cose già le
sapevo,mica sono cretino!!"-Captavo quel medesimo disagio anche in
altri studenti nella classe...e difatti i successi il più delle volte
erano un cumulo di scemenze e altre ovvietà....conditi dagli
applausi...forzati!! Non volevo ammetterlo perchè fiducioso della mia
intelligenza e delle loro buone intenzioni ma quell'auto incensarsi mi
insospettiva...in genere chiudevo il pensiero dicendomi che era la mia
buona vecchia mente reattiva che voleva insudicaire col dubbio
qualcosa che forse mi avrebbe portato a smascherarla...Questo era il
pensiero con cui spesso mettevo i dubbi a tacere...era un lavorio
mentale continuo per tranquillizzarsi e autoconvincersi...se non
perchè convinti dalle teorie di ron ..lo facevo perchè impaurito
dall'ammettere che mi stessi comportando da idiota e che fossi vittiam
di un condizionamento...per orgoglio non potevo ammetterlo.

E poi gli OVERT e i WITHOLD...mi insospettiva come i più gravi fossero
sempre e cmq quelli contro SCN e non magari l'omicidio o lo stupro!!!
E ricordo con vergogna l'essere stato costretto a scrivere come OVERT
e WITHOLD dei sacrosanti (per un adolescente come lo ero io ) atti di
sana masturbazione....mi sentii veramente umiliato..
Ma forse una delle cose più sconvolgenti fu conoscere un CLEAR e un OT
3.

Stando a quanto scrive Ron queste persone dovrebbero compiere
miracoli,basta leggere in una qualunque della riviste SOURCE..le
famose esperienze OT per rimanere allibiti da quei resoconti..
Gente che ferma il tempo,esce dal corpo,parla con gli spiriti e così
via...
La clear che conobbi venne a casa mia in una delle micro-conferenze
organizzate per maneggiare la famiglia...Non sapevo che lo fosse ,lei
si presentò ma ricordo come questa donna mi sembrasse svampita,come
allucinata,fuori dalla realtà...Guardava spesso verso l'alto e aveva
un sorriso fisso,quasi da pubblicità.Non sembrava una persona che
fosse lì con noi e rammento lo sguardo mio e di una mia amica che
aveva voluto partecipare,che la stavamo appunto prendendo in giro
senza farcene accorgere,quando questa disse.."io sono CLEAR!".Fu come
un sogno che si sbriciolò...talemtne convinto che un clear avesse
l'aspetto o cmq l'atteggiamento di una persona sicura di sè...presente
e forte e non di una tipa stralunata con gli occhi che le
roteavano..che rideva da sola.

Un OT 3 invece mentre guidava la macchina non riusciva a cambiare bene
le marce e quando una macchina gli sfanalò con gli abbaglianti (come
si fa spesso per segnalare blocchi della polizia ad esempio) mi chiese
-"Perchè ha fatto così?"...ricordo che era un individuo sporco,con
forfora abbondantissima sulle spalle e trasandato.
Ovviamente quando mi dissero che lui era OT 3 non volli crederci e
inizia a pensare che qualcosa davvero non abdava.
Mi aspttavo ben di più da un OT 3 !! Sembrava poco sano
insomma...confuso...mi fece pena...specie quando raccontò che era un
imprenditore un tempo e che avevo venduto il negozio per scn...Aveva
anche divorziato dalla moglie soppressiva!!
Rammentai i dati della soppressione e ricordo quanto a quei tempi mi
impaurivo ogni vota che una persona mi criticava o mi obbiettava anche
minimamente...-"Oddio...anch lui è un soppressivo!!".
Ricordo la sensazione di essere cirocondato...di sentirsi attaccato
ovunque ...di vedere le altre persone come malvagie e di come
destabilizzasse l'intravedere dei soppressivi in persone che
amavi,desideravi o con cui eri cresciuto...e come solo alla org mi
sentissi tranquillo.
Scandagliavo le mie giornate facendo attenzione ai lock,agli atti
soppressivi,a non commettere overt a non essere troppo effetto degli
altri..in un logorio mentale di pensieri di controllo e critica senza
fine...una vera paranoia!!Non era mai abbastanza il controllo che
esercitavi e ciò che facevi per migliorarti!!
Inziai a capire che era ciò che volevano...
La goccia fu il mio familiare che un giorno entrò in camera (tornato
da copenaghen) dicendomi....-"so che non abbiamo avuto buoni rapporti
in questi ultimi anni ma tra qualche anno arriveranno loro (gli
alieni ! Markab o qualche altra civiltà soppressiva!!)....non c'è
tempo per le liti dobbiamo mettere tutto da parte per il futuro e
combattere assieme!!!"
Iniziai a infomarmi in internet preoccupato e arrivai su Alt
Scientology e lessi il famoso MURO DEL FUOCO....non potevo
crederci....una idiozia degna del peggior scrittore di
fantascienza!!!!
Per anni mi avevano detto che leggerlo mi avrebbe fatto
impazzire....invece stavo ridendo o piangendo non rammento!!!
Il mio familaire usci l'anno successivo e mi raccontò molte
cose ...tra cui l'esitenza di una ETICA infernale ,di cui io intravidi
solo alcune avvisaglie.
Vide di persona persone punite,per scemenze,a non mangiare con gli
altri e a non essere degnati di parola..allontanati da tutti.
Questa è la mia esperienza...

Ora le domande..


Appurato che SCN è nella sua struttura organizzativa e gerarchica una
associazione paramilitare con ambizioni politiche (prima che
spirituali) di persone che mirano non tanto a fare soldi per sè ( che
ne so per arricchirsi e sperperarli in beni di lusso e donne..cosa per
cui al limite li potrei capire meglio se fosse quello lo scopo )ma
semmai per conquistare il mondo e non intendo solo nel senso di
esapndersi ovunque aprendo org e chiese..:

La mia domanda è..

come è possibile che artisti e persone ritenute intelligenti ,
considerate le promesse che la TECH di RON fa..( non parlo di
semplice benessere psicofisico...ma di poteri OT e vite passate e voi
tutti sapete bene di cosa parlo)...come è possibile che molta gente
arrivi ad ot VIII o anche semplicemente a Clear e non si pongano il
problema di averli o meno questi poteri???E non si pongano il problema
che le terapie funzionino....
Voglio dire...esteriorizzarsi non può solo essere una sensazione,viene
descritta come un esperienza reale e fisica...uno non può credere di
averlo fatto senza averlo fatto davvero!!Questo almeno è quello che
penso io per logica..Io non potrei ad esempio considerarmi un OT VIII
e rimanere all'interno della chiesa e fare donazioni per migliaia di
dollari se non avessi delle evidenti prove dei poteri thetan...
Quindi,questi sostenitori di SCN,come Tom Cruise..hanno questa
evidenza o vivono in uno stato di perenne allucinazione ed esaltazione
che li porta a credere di esteriorizzarsi,fermare il tempo etc etc??
E' possibile ingannarsi da soli su simili cose???Oppure è possibile
tacere a se stessi una volta avuta l'evidenza che non ci sono questi
poteri??
...o qualcosa veramente accade??
Non ve lo chiedo perchè cerco prove della validità della Tech di
Ron...per rientrare in SCN (nemmen pagato lo farei!!!) ma perchè
ricordo ancora i resoconti che mi raccontava il mio familaire sulle
sue vite passate....sembrava così reale,così convinto...;inoltre
ricordo bene di amici che poi in scn non entrarono mai ma che
contattarono degli engram e ricordo la loro sorpresa genuina..il loro
stupore...per non parlare di un tizio a milano che mi fece una specie
di lettura del pensiero..così per darmi una dimostrazione...dopo mie
lunghe insistenze..
Indovinò un numero...niente di chè..ma insomma lo indovinò alla prima
e con sicurezza...Fortuna???
Quello che mi chiedo è come è possibile arrivare e proseguire fino ad
ot VIII senza veriifcare la realtà di tali promesse????
C'è qualcosa che funziona in scn a livello di auditing???Come mai così
tanto successo e fondamentalismo??


Grazie...

Ignis

unread,
Mar 4, 2008, 10:35:53 AM3/4/08
to
On 4 Mar, 15:35, carle...@alice.it wrote:
> CUT

benvenuto e grazie per averci raccontato la tua storia.

> come è possibile che artisti e persone ritenute intelligenti ,
> considerate le promesse che la TECH  di RON  fa..( non parlo di
> semplice benessere psicofisico...ma di poteri OT  e vite passate e voi
> tutti sapete bene di cosa parlo)...come è possibile che molta gente
> arrivi ad ot VIII o anche semplicemente a Clear e non si pongano il
> problema di averli o meno questi poteri???E non si pongano il problema
> che le terapie funzionino....

Questi aspetti sono stati a lungo dibattuti su questo newsgroup.
Vado a naso, non ricordo con precisione.. rileggi alcuni interventi di
Giaga e Bryce

> CUT


> Quindi,questi sostenitori di SCN,come Tom Cruise..hanno questa
> evidenza o vivono in uno stato di perenne allucinazione ed esaltazione
> che li porta a credere di esteriorizzarsi,fermare il tempo etc etc??
> E' possibile ingannarsi da soli su simili cose???Oppure è possibile
> tacere a se stessi una volta avuta l'evidenza che non ci sono questi
> poteri??

Credo entrambe le cose. Altri ti risponderanno compiutemente. Solo una
cosa: Tom Cruise non è così diverso da molti altri uomini almeno in
termini di debolezze, paure, timori, ecc..

> CUT


> Indovinò un numero...niente di chè..ma insomma lo indovinò alla prima
> e con sicurezza...Fortuna???

Non credo. Ci vuole molto poco a fare piccoli giochi di prestigio o
ritenere (e far ritenere) di avere super poteri solo affermando cose
palusibili ... .. ma ci sono decine di modi per indovinare un numero
o piuttosto far credere di averlo indovinato.

Poi magari davvero indovina i numeri e immagino che il tuo amico
attualmente giochi al lotto vincendo sempre .. vero?

> Quello che mi chiedo è come è possibile arrivare e proseguire fino ad
> ot VIII senza veriifcare la realtà di tali promesse????
> C'è qualcosa che funziona in scn a livello di auditing???Come mai così
> tanto successo e fondamentalismo??
>

Non vedo affatto tutto questo successo in Scn anzi ... vero è invece
il fondamentalismo...

Salut
ign

carl...@alice.it

unread,
Mar 4, 2008, 10:57:54 AM3/4/08
to
ti ringrazio per la tua risposta....cercherò i post che mi hai
suggerito allora.
Grazie ancora!

erni

unread,
Mar 4, 2008, 5:49:09 PM3/4/08
to
Caro Carlo,

grazie per averci scritto e benvenuto.

Trova un OT ex scientologista e fatti spiegare e/o dimostrare la cosa
in privato.

erni.

Ignis

unread,
Mar 5, 2008, 11:12:04 AM3/5/08
to
On 4 Mar, 15:35, carle...@alice.it wrote:
>CUT

Qui un pò di risposte:

http://xenu.freewinds.cx/txt/funziona.htm

Ign

Iilaiel

unread,
Mar 8, 2008, 3:00:40 AM3/8/08
to
On 4 Mar, 15:35, carle...@alice.it wrote:
> altri..in un logorio mentale di pensieri di ...
>
> leggi tutto

Sull'esteriorizzazione: tieni conto che la sensazione (in alcuni casi
allucinazione) di separarsi dal proprio corpo è molto presente in
diversi tipi di disturbo della personalità (dalla psicosi alle
sindormi dissociative, ecc).
Se conti tutto lo stress, i traumi, le umiliazioni, la carenze di
sonno e spesso cibo che arrivare a clear o OT comporta è facile che
molte persone possano sviluppare seri disturbi della personalità
Altri punti da considerare sono l'auto suggesione, che ti può portare
a ricostruirti delle false mamorie\sensazioni molto realistiche, e
anhce l'induzione ipnotica dell'auditing.
Questo considerando solo gli aspetti in buona fede della cosa.

Mettici anche che siamo animali greagari, con la tendenza a seguire il
"leader forte". Se il leader ha sufficienti doti persuasive può
arrivare a far credere e fare veraemnte di tutto.
Pensa solo a casi come Jones Town, Waco, il tempio del sole,
alquaeda,ecc... tanto più i leader sono carismatici e abili nel
martellare i soggetti, tanto più forti diventano i condizionamenti e
le suggestioni.

Giaga

unread,
Mar 8, 2008, 4:48:01 AM3/8/08
to

>"Iilaiel" <aleiste...@hotmail.it> ha scritto nel messaggio
>news:096b9a40-7c84-4a90...@13g2000hsb.googlegroups.com...

Sul'esteriorizzazione il discorso diventa complesso.

Io la provai in modo marcato e sensibile UNA sola volta in 11 anni e il
fatto avvenne in un momento non sospetto, ovvero quando mi ero da poco
avvicinato al movimento e stavo ricevendo una seduta da un auditor in
addestramento. Quell'auditor era poco esperto e molto preoccupato di ciò che
stava facendo perchè dall'esito di quella seduta dipendeva la sua promozione
sul corso (ma questo l'ho capito solo tempo dopo, in quel momento non
immaginavo proprio che ci fosse così tanta pressione sugli auditor che
stavano per completare i loro corsi).

xxx_Breve spiegazione tecnica_xxx

Stavamo facendo un'azione che tecnicamente si definisce come Listing and
Nulling (Elencare ed annullare), che riassunta pressappoco funziona così:

L'auditor pone una domanda di Listing al "pc/paziente". Es:

"Quali cambiamenti autodeterminati hai avuto in questa vita?"

Il pc/paziente pensa ai vari cambiamenti specifici e localizzabili che gli
vengono in mente e li esprime. Es:

1-"Lasciare la scuola"
2-"Troncare i rapporti con Paperoga"
3-"Quando mi sono trasferito a Filadelfia"
4-"Iscrizione a Scientology"
5-"Decisione di cambiar vita"

L'Auditor deve limitarsi a trascrivere ESATTAMENTE la risposta come
espressa dal pc lettera per lettera, senza modificarne nulla.

Una volta finita l'elencazione, l'Auditor passa poi ad Annullare l'elenco,
il che significa che le voci scritte dettate dal pc vengono verificate al
meter con una proceduta piuttosto complessa (Le cosiddette leggi del Listing
and Nulling sono circa 30 e definiscono le modalità con cui si va
rintracciare LA voce principale di quell'elenco).

Un volta effettuata questa procedura (che non è per nulla semplice) ci si
ritrova in possesso con quella che è LA voce GIUSTA relativamente alla
domanda posta.
(ad es: "Troncare i rapporti con Paperoga").

A quel punto l'Auditor deve INDICARE con "Tono 40" al pc quale è la voce
rintracciata:

"Ti indico che la tua voce è - Troncare i rapporti con Paperoga - "

Nell'istante immediatamente successivo all'indicazione della voce possono
succedere varie cose:

se tutto è giusto (secondo le tecniche di Hubbard, ovviamente) il meter deve
ISTANTANEAMENTE (ovvero in sincrono con l'ultima sillaba dell'indicazione)
iniziare un'ampia, placida e regolare oscillazione dell'ago (il cosiddetto
ago libero), se invece l'ago fa qualunque altra azione o il pc si mostra
perplesso, significa che si è incappati in uno degli errori di auditing più
seri ovvero la cosiddetta INDICAZIONE SBAGLIATA (la voce indicata al pc non
era quella giusta).

Se così è stato occorre immediatamente riparare la cosa utilizzando una
lista (la cosiddetta L4BRB) che contiene domande apposite per correggere
quello specifico errore.

Nota a margine:
questa breve illustrazione tecnica spiega anche come mai sia necessario
mantenere una relazione scritta di tutto quanto avviene in una seduta,
perchè deve SEMPRE essere possibile ricostruire quanto avvenuto (a volte
anche anni dopo nel corso di revisioni) in modo da correggere eventuali
errori tecnici che un auditor potrebbe aver fatto. I fogli di lavoro delle
sedute vanno perciò a costituire una specie di "cartella clinica" del pc.
Purtroppo questa necessità tecnica produce lo spiacevole e (indesiderato?)
effetto collaterale di creare archivi che contengono dati sensibili inerenti
la privacy delle persone, con tutte le conseguenze negative che ciò può
avere .. data la mentalità belligerante che Scientology ha nei confronti
degli ex.

xxx_fine della breve spiegazione tecnica_xxx

Tornando all'esteriorizzazione ... ero nel mezzo dell'elencazione e stavo
pensando a quali altre voci fornire all'auditor quando avvenne una cosa che
tuttora trovo inspiegabile.

Iniziai a sentire la testa leggera leggera (da notare che ero seduto
comodamente e super rilassato senza nessuna aspettativa strana o che altro)
e di colpo - con mia immensa sorpresa - mi sentìi localizzato a circa mezzo
metro alla destra della mia testa. Il tutto durò solo pochi secondi ma feci
in tempo a vedermi l'orecchio destro e a provare una sensazione fortissima
di esser fuori dal corpo.

L'Auditor si accorse che qualcosa stava accadendo e agì in modo tecnicamente
ineccepibile: dapprima mi chiese la classica domanda che fa un auditor
quando non capisce cosa stia succedendo:

"Cosa succede?"

Al che io con sorpresa e con una tranquillità totale, mai provata prima (e
mai più neanche dopo) in vita mia cercai di spiegare in qualche modo la
strana cosa che mi era accaduta.

L'auditor allora, come insegna LRH, pose fine delicatamente e quietamente
alla seduta, in quanto un'esteriorizzazione è un fenomeno finale che è
superiore a qualunque altro fenomeno finale e quando avviene occorre
terminare quietamente qualunque cosa si stesse facendo.

Io uscii da quella seduta volando e questa condizione di pace totale e di
capacità di affrontare senza batter ciglio qualunque contrarietà della vita
durò alcuni giorni.

Ricordo molto bene che qualche ora dopo quella seduta dovetti affrontare un
mio amico incazzatissimo per un serio contrattempo che gli era successo.
Io che di norma ero (e sono di nuovo) piuttosto nervoso e facile ad esser
preso dall'ansia, riuscìi a tranquillizzarlo con una calma che mi parve
soprannaturale.

Oggi ripensando a quell'episodio non so che spiegazione razionale dargli in
quanto nessuno mi aveva ancora parlato seriamente dell'esteriorizzazione e
quando ne avevo letto avevo pensato che fossero solo esagerazioni figurate,
un po' come un riferimento generico alla parte spirituale delle persone.

Io non la credevo possibile, ma nonostante questo la sperimentai.

Nella vita - come tutti - ho avuto piccoli svenimenti, giramenti di testa,
abbassamenti di pressione, ecc... ma quella era una cosa del tutto diversa,
una cosa che nella mia vita ho provato solo in quell'occasione.

In seguito ho ricevuto centinaia e centinaia ore di auditing, ma un fenomeno
come quello non l'ho mai più sperimentato (a parte una seduta di sec check
dove anche lì uscìi volando a tre metri da terra dalla gioia, ma in quel
caso non si trattava di esteriorizzazione).

Giaga


carl...@alice.it

unread,
Mar 8, 2008, 8:22:26 AM3/8/08
to
Grazie per il tuo racconto Giaga..è stato veramente istruttivo.In
questi giorni..facendo anche ricerche mirate tra i vecchi post del
forum ho notato come generalmente chi vive simili esperienze
problematiche (inspiegabili) diciamo..esteriorizzazione o altro che
sia...anche a distanza di anni e alla luce di molte e plausibili
spiegazioni tecniche,scientifiche o meno che siano di tale
fenomeno..mantiene un certo sgomento...o cmq una certa difficoltà a
ridurre l'episodio a mero effetto mentale indotto appunto da ipnosi o
altro.
Chi prova simili esperienze difficilmente accetta certe riduzioni non
tanto perchè vuol crederci...nè tantomeno per l'orgoglio di non voler
passare da stupidi o creduloni ma perchè genuinamente passando
l'evento al vaglio di ogni ipotesi cmq non trova spiegazioni che la
soddisfino.Benchè perfettamente spiegabile in altra sede ..nulla
toglie che il fenomeno di per sè possa essere esistito...specie quando
poi analizzando l'evento vengono fuori particolari condizioni per cui
le spiegazioni plausibili non calzerebbero più così perfettamente.
Inoltre tali spiegazioni il più delle volte provengono da chi non le
ha mai provate e quindi non è testimone delle peculiari e non
testimoniabili differenze che esistono tra il fenomeno di per sè e il
suo doppio riproducibile col trucco o con l'ipnosi.
Dire che l'esteriorizzazione è solo un allucinazione indotta
dall'ipnosi può andar bene se al momento che ti esteriorizzi magari
sei in uno stato emotivo o di coscienza alterato o se sei sotto
l'influsso di droghe..vedi tutto confuso o nebbioso o vedi cose che
poi consapevolmente a posteriori ti rendi conto che in quella stanza
dove accade il fenomeno per dire non ci sono....ma quando una persona
si sente fuori dal corpo al punto di vedere per dire cosa ha dietro la
schiena,veramente intendo,non dico che per forza sia una vera
esteriorizzazione ma dico che è un fenomeno che non può semplicemente
essere ridotto a mera allucinazione..se di fenomeno mentale si
tratta,bè bisognerebbe studiarlo e capire come funziona e non chiudere
la cosa come semplice allucinazione.
Spesso nelle spiegazioni scientifiche,come in quelle non scientifiche
ci sono dei paradossi comuni...in entrambi i casi c'è un accettazione
di una realtà e una mancanza di indagine a mia detta colpevole.
Anche io ho fatto un pò di auditing con un auditor in addestramento e
non ho avuto nessun tipo di fenomeno,ma il nostro era auditing sulla
comunicazione se non sbaglio....non so come sia il book one o il ned e
così via ma all'effetto ipnotico di certe sessioni credo poco...in
quanto al limite potrei dire che certe domande ripetute possono al
limite metterti in uno stato di noia.Non credo che l'ipnosi sia uno
stato mentale in cui è così facile cadere....specialemente ad un
livello tale da giustificare allucinazioni così intense..;può calare
l'attenzione,puoi entrare in uno stato di dormiveglia...ma nel caso di
Giaga mi sembra che la piena consapevolezza sia scontata e fuor di
dubbio.
Con questo ripeto non voglio dire che ciò che dice scn è vero...dico
solo che non si può capire il suo "successo" ,nel senso del fervore
con cui è seguita dagli adepti,solo basandolo sull'effetto della
manipolazione e della paura e del controllo che induce.
Se si basasse solo su quello credo che SCN sarebbe già
sparita....difatti questi tre fattori,oltre alla richiesta assillante
di soldi ,semmai sono le motivazioni per cui uno esce da SCN..in
assenza di fenomeni.
Nel mio caso per dire fuoriuscire da SCN è stato facilissimo e senza
alcun trauma o difficoltà nel reinserimento nella società...è stao
come smettere di andare in palestra..tutto qui ..o di frequentare un
qualche tipo di corso.. proprio perchè non ho mai avuto nessun tipo di
fenomeno e la manipolazione non aveva un appiglio reale su cui
appoggiarsi nella mia mente per fuorviare il mio senso della realtà.
Il mio familiare che invece entrò nello staff e studiò da auditor dopo
aver contattato alcuni engram,vite passate e così via..allucinazioni o
meno che fossero..preparò nella sua mente un terreno fertile per far
attecchire la vera manipolazione.
E' proprio la vividezza consapevole con cui ,chi li
sperimenta,rammenta questi fenomeni a dare lo slancio decisivo per
affiliarsi.
Senza considerare questo fattore non si potrebbe capire un simile
attaccamento....il problema che potrei porre è...viene prima la
manipolazione e poi il fenomeno...o vine prima il fenomeno e poi la
vera manipolazione.Secondo me è vero il secondo caso...in quanto chi
come me non ha mai provato niente di niente in genere dura ben poco
dentro SCN.

Alessia Guidi

unread,
Mar 8, 2008, 9:49:07 AM3/8/08
to
On Sat, 8 Mar 2008 10:48:01 +0100, "Giaga" <giagam...@gmail.it>
wrote:


>
>Iniziai a sentire la testa leggera leggera (da notare che ero seduto
>comodamente e super rilassato senza nessuna aspettativa strana o che altro)
>e di colpo - con mia immensa sorpresa - mi sentìi localizzato a circa mezzo
>metro alla destra della mia testa. Il tutto durò solo pochi secondi ma feci
>in tempo a vedermi l'orecchio destro e a provare una sensazione fortissima
>di esser fuori dal corpo.
>
>L'Auditor si accorse che qualcosa stava accadendo e agì in modo tecnicamente
>ineccepibile: dapprima mi chiese la classica domanda che fa un auditor
>quando non capisce cosa stia succedendo:
>
>"Cosa succede?"
>
>Al che io con sorpresa e con una tranquillità totale, mai provata prima (e
>mai più neanche dopo) in vita mia cercai di spiegare in qualche modo la
>strana cosa che mi era accaduta.


Mi piace come racconti le cose.
Una curiosità: il meter che tutto vede, e che soprattutto dovrebbe
misurare gli stati spirituali più che mentali, come mai non "legge"
una "esteriorizzazione"?


>
>L'auditor allora, come insegna LRH, pose fine delicatamente e quietamente
>alla seduta, in quanto un'esteriorizzazione è un fenomeno finale che è
>superiore a qualunque altro fenomeno finale e quando avviene occorre
>terminare quietamente qualunque cosa si stesse facendo.

Cioè l'auditor aveva dedotto che ti eri esteriorizzato dal tuo
racconto, e non da una lettura specifica? A me questa sembra grossa.
Ma grossa grossa.

Al

Alessia Guidi

unread,
Mar 8, 2008, 1:16:25 PM3/8/08
to
On Sat, 8 Mar 2008 05:22:26 -0800 (PST), carl...@alice.it wrote:

>Grazie per il tuo racconto Giaga..è stato veramente istruttivo.In
>questi giorni..facendo anche ricerche mirate tra i vecchi post del
>forum ho notato come generalmente chi vive simili esperienze
>problematiche (inspiegabili) diciamo..esteriorizzazione o altro che
>sia...anche a distanza di anni e alla luce di molte e plausibili
>spiegazioni tecniche,scientifiche o meno che siano di tale
>fenomeno..mantiene un certo sgomento...o cmq una certa difficoltà a
>ridurre l'episodio a mero effetto mentale indotto appunto da ipnosi o
>altro.

Posto che sono d'accordo con te sullo sgomento che si prova davanti a
certi fenomeni quando li si vivono personalmente mi chiedo: quanti tra
chi li hanno sperimentati si sono mai sottoposti a ipnosi "o altro"?
Per escludere che da essi derivino credo bisognerebbe innanzitutto
provare "l'altro".

I commenti che siamo soliti aggiungere noi scetticoni sono solo altre
direzioni in cui guardare, non risposte certe. Anche perchè ho sentito
descrivere l'"esteriorizzazione" in parecchi modi diversi.

>Chi prova simili esperienze difficilmente accetta certe riduzioni non
>tanto perchè vuol crederci...nè tantomeno per l'orgoglio di non voler
>passare da stupidi o creduloni ma perchè genuinamente passando
>l'evento al vaglio di ogni ipotesi cmq non trova spiegazioni che la
>soddisfino.Benchè perfettamente spiegabile in altra sede ..nulla
>toglie che il fenomeno di per sè possa essere esistito...specie quando
>poi analizzando l'evento vengono fuori particolari condizioni per cui
>le spiegazioni plausibili non calzerebbero più così perfettamente.

Fornire altre possibili spiegazioni non significa negare l'evento, ma
solo suggerire chiavi di lettura diverse per quell'evento. Che magari
è anche noto in psicologia, o psichiatria, o fisiologia, o neurologia.
Solo che la risposta la cerchiamo altrove, "dove ci porta il cuore", e
non tra gli studiosi del settore.

Giusto per darti un'idea degli "strani scherzi" che possono capitarci
ti suggerisco la lettura di "L'uomo che scambiò la moglie per un
cappello" di Sacks. Lui affronta casi gravi, complessi e
irreversibili. Ma quando mia zia è stata colpita da afasia
(fortunatamente regredita) era fuori come un balcone e parlava
"aramaico".

Bada bene, non voglio dire che esistono risposte certe ad ogni
fenomeno, o che le mie chiavi di lettura sono meglio delle tue. Solo
che magari certi eventi fenomenici sono noti da decenni a chi si
occupa di mente e cervello, ma semplicemente NOI non li conosciamo, e
cerchiamo di darci le risposte che più ci piacciono. Un esempio su
tutti la paralisi del sonno, e chiunque l'abbia mai provata sa che
cosa intendo. Io non sapevo che cosa fosse nè che esistesse, l'ho
scoperta studiando. E' una cosa notissima, studiata e spiegata, ma che
sta alla base dei racconti di rapimenti alieni mentre si dorme.

>Inoltre tali spiegazioni il più delle volte provengono da chi non le
>ha mai provate e quindi non è testimone delle peculiari e non
>testimoniabili differenze che esistono tra il fenomeno di per sè e il
>suo doppio riproducibile col trucco o con l'ipnosi.

Anche su questo ti dò ragione. Ma racconti di "esteriorizzazioni" che
ho sentito fare, avallati dall'ambiente scientologico, rispecchiano
esperienze che anche io ho avuto in condizioni particolari. Io non
sono nella testa di un altro mentre le vive, posso ascoltare un
racconto e ravanare nel mio vissuto per trovare qualcosa che sia
paragonabile. Ad esempio, tante "esteriorizzazioni" avvengono mentre
si fissa l'attenzione su qualcosa, o si "svuota la mente". Sono
effetti ben noti della meditazione, ad esempio.

>Dire che l'esteriorizzazione è solo un allucinazione indotta
>dall'ipnosi può andar bene se al momento che ti esteriorizzi magari
>sei in uno stato emotivo o di coscienza alterato o se sei sotto
>l'influsso di droghe..vedi tutto confuso o nebbioso o vedi cose che
>poi consapevolmente a posteriori ti rendi conto che in quella stanza
>dove accade il fenomeno per dire non ci sono....ma quando una persona
>si sente fuori dal corpo al punto di vedere per dire cosa ha dietro la
>schiena,veramente intendo,non dico che per forza sia una vera
>esteriorizzazione ma dico che è un fenomeno che non può semplicemente
>essere ridotto a mera allucinazione..

perchè no? Voglio dire, hai mai avuto allucinazioni senza fare uso di
droghe, senza averlo mai fatto? Cosa fa la differenza tra uno stato
alterato di coscienza e uno no? E che cosa induce uno stato di
coscienza alterato? A proposito, hai mai sentito parlare di ipnosi
naturalistica? Di solito quando si parla di ipnosi si pensa a Giucas
Casella, ma esiste anche la forma naturalistica (vedi Melton Erikson).

>Spesso nelle spiegazioni scientifiche,come in quelle non scientifiche
>ci sono dei paradossi comuni...in entrambi i casi c'è un accettazione
>di una realtà e una mancanza di indagine a mia detta colpevole.

Il punto è che, come è accaduto a Giaga, spesso sono fenomeni "cogli
l'attimo" che possono essere ricostruiti solo sul racconto e
l'esperienza soggettiva, a meno che non acquisiscano frequenza
patologica. Le spiegazioni scientifiche si rifanno alla casistica e al
noto, quelle non scientifiche alla libera interpretazione. C'è una
bella differenza ;-)


>Anche io ho fatto un pò di auditing con un auditor in addestramento e
>non ho avuto nessun tipo di fenomeno,ma il nostro era auditing sulla
>comunicazione se non sbaglio....non so come sia il book one o il ned e
>così via ma all'effetto ipnotico di certe sessioni credo poco...

Domanda: che cosa sai di ipnosi, a parte le hubbardate che ogni
scientologo si sorbisce e assorbe?

>Con questo ripeto non voglio dire che ciò che dice scn è vero...dico
>solo che non si può capire il suo "successo" ,nel senso del fervore
>con cui è seguita dagli adepti,solo basandolo sull'effetto della
>manipolazione e della paura e del controllo che induce.

No, e infatti io non sostengo queste tesi. Scientology affascina per
ben altri motivi, imho. Soprattutto per un mix particolare di motivi
ed "esperienza" (rif. Snapping, Conway&Siegelman,
http://xenu.com-it.net/libri/snapping/index.htm - istruttivo).
In questo senso credo si possa anche inquadrare l'esperienza
raccontata da Erni.


>Nel mio caso per dire fuoriuscire da SCN è stato facilissimo e senza
>alcun trauma o difficoltà nel reinserimento nella società...è stao
>come smettere di andare in palestra..tutto qui ..o di frequentare un
>qualche tipo di corso.. proprio perchè non ho mai avuto nessun tipo di
>fenomeno e la manipolazione non aveva un appiglio reale su cui
>appoggiarsi nella mia mente per fuorviare il mio senso della realtà.

Ti è mancato lo "snapping"... ;-)

>E' proprio la vividezza consapevole con cui ,chi li
>sperimenta,rammenta questi fenomeni a dare lo slancio decisivo per
>affiliarsi.

Concordo in pieno. Il valore dell'esperienza personale. Ecco perchè
TUTTI i gruppi di un certo tipo insistono così tanto affinchè si
"provi". Premesso che certe tesi di Conway&Siegelman mi lasciano un
po' perplessa (es l'ologramma), ma resta una lettura interessante.

>Senza considerare questo fattore non si potrebbe capire un simile
>attaccamento....il problema che potrei porre è...viene prima la
>manipolazione e poi il fenomeno...o vine prima il fenomeno e poi la
>vera manipolazione.

La seconda che hai detto, imho. E' il fenomeno, appunto, che abbatte
tutte le barriere. L'averlo "sperimentato personalmente", e
naturalmente prima di DUBITARE DI NOI STESSI E DELLE NOSTRE PERCEZIONI
ce ne vuole. E' questo, in definitiva, che ci frega. L'ego... ;-)

Al

Giaga

unread,
Mar 9, 2008, 5:34:49 AM3/9/08
to

"Alessia Guidi" <alessi...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:mmh5t3d4ptbct3fu3...@4ax.com...

> On Sat, 8 Mar 2008 05:22:26 -0800 (PST), carl...@alice.it wrote:
>
> Posto che sono d'accordo con te sullo sgomento che si prova davanti a
> certi fenomeni quando li si vivono personalmente mi chiedo: quanti tra
> chi li hanno sperimentati si sono mai sottoposti a ipnosi "o altro"?
> Per escludere che da essi derivino credo bisognerebbe innanzitutto
> provare "l'altro".

Ti rispondo volentieri.
Prima di Scientology fui in terapia da uno psicologo/psicoanalista per
alcuni mesi.

Quel terapeuta mi mise in trance ipnotica per alcune volte, e ti assicuro
che si tratta di due cose assolutamente diverse,
almeno nella mia esperienza.

> Fornire altre possibili spiegazioni non significa negare l'evento, ma
> solo suggerire chiavi di lettura diverse per quell'evento. Che magari
> è anche noto in psicologia, o psichiatria, o fisiologia, o neurologia.
> Solo che la risposta la cerchiamo altrove, "dove ci porta il cuore", e
> non tra gli studiosi del settore.

Qui infatti ci sono le possibili spiegazioni scientifiche del fenomeno.
Si tratta di scoperte recenti

http://www.uaar.it/news/2007/08/23/viaggiare-fuori-dal-proprio-corpo-unesperienza-ricreata-laboratorio/
http://faculty.washington.edu/chudler/obe.html
http://www.jneurosci.org/cgi/content/abstract/25/3/550
http://archives.cnn.com/2002/TECH/science/09/19/coolsc.outofbody/

L'argomento venne anche trattato a modo loro da Elio e le Storie Tese, che a
loro tempo ebbero una breve esperienza come Scientologist
http://www.marok.org/Elio/Discog/esco.htm

Giaga

Giaga

unread,
Mar 9, 2008, 6:00:54 AM3/9/08
to

"Alessia Guidi" <alessi...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:7r85t3ddnmpui2cc2...@4ax.com...

No è una cosa normalissima.

Le esteriorizzazioni sul meter sono assai difficili da distinguere, l'unico
movimento dell'ago che potrebbe essere associato ad una esteriorizzazione
(ma non solo) è il cosiddetto "Theta-bop", ovvero una vibrazione dell'ago
di pochi mm che si ripete 5-10 volte al secondo; e anche se l'Auditor la
dovesse individuare con certezza non è detto che sia causata da
un'esteriorizzazione, per cui è necessario chiedere SEMPRE al pc che cosa
stia accadendo.

L'unica eccezione sono le letture su domande relative ad overt perchè quelli
di solito un pc tende a nasconderli.

Comunque con l'introduzione della GAT questo punto è cambiato, prima se il
meter leggeva su qualcosa il pc veniva "perseguitato" dall'Auditor anche se
non trovava nessuna risposta alla domanda che aveva reagito. Dopo la GAT se
il meter legge su qualcosa e il pc risponde NO con ago libero
si finisce lì.

Esempio:

PRIMA DELL'INTRODUZIONE DELLA GAT
-Auditor "Hai un problema del tempo presente?" (il meter reagisce in modo
istantaneo)
-PC: "No" (sul NO del pc il meter dà ago libero ma l'auditor continua lo
stesso)
-Auditor: "OK. Mentre ti facevo la domanda hai pensato a qualcosa?"
-PC: "No"
-Auditor. "Ok. Verifico per lettura falsa. ... "
A questo punto se il meter non reagiva su lettura falsa ci si trovava in un
vicolo cieco, il pc iniziava ad innervosirsi e aveva luogo una rottura di
arc relativa alla seduta in corso, la cosa si impantanava e magari bisognava
ricorrere ad una lista di riparazione per mettere a posto le cose.
Totale 20-30 minuti ( a volte anche ore se ci si instradava in una catena di
rotture di arc precedenti con relativi overt) per poi tornare al punto di
partenza.
Tempo e soldi buttati al vento.

DOPO L'INTRODUZIONE DELLA GAT
Auditor "Hai un problema del tempo presente?" (il meter reagisce in modo
istantaneo)
-PC: "No" (sul NO del pc il meter dà ago libero)
-Auditor: "OK. Il tuo ago è libero."

e in pochi secondi la cosa era risolta.

Giaga


Alessia Guidi

unread,
Mar 9, 2008, 2:56:46 PM3/9/08
to
On Sun, 9 Mar 2008 10:34:49 +0100, "Giaga" <giagam...@gmail.it>
wrote:

>
>"Alessia Guidi" <alessi...@libero.it> ha scritto nel messaggio
>news:mmh5t3d4ptbct3fu3...@4ax.com...
>> On Sat, 8 Mar 2008 05:22:26 -0800 (PST), carl...@alice.it wrote:
>>
>> Posto che sono d'accordo con te sullo sgomento che si prova davanti a
>> certi fenomeni quando li si vivono personalmente mi chiedo: quanti tra
>> chi li hanno sperimentati si sono mai sottoposti a ipnosi "o altro"?
>> Per escludere che da essi derivino credo bisognerebbe innanzitutto
>> provare "l'altro".
>
>Ti rispondo volentieri.
>Prima di Scientology fui in terapia da uno psicologo/psicoanalista per
>alcuni mesi.
>
>Quel terapeuta mi mise in trance ipnotica per alcune volte, e ti assicuro
>che si tratta di due cose assolutamente diverse,
>almeno nella mia esperienza.

Uau! E cos'è la trance ipnotica? Voglio dire, che cosa si prova? Come
te l'ha indotta? Hai mai provato qualcosa di simile ricevendo auditing
o facendo i TRs? Gli oggettivi?
Ma soprattutto, com'è che ti hanno preso in Scn con un passato di
questo tipo?

>
>> Fornire altre possibili spiegazioni non significa negare l'evento, ma
>> solo suggerire chiavi di lettura diverse per quell'evento. Che magari
>> è anche noto in psicologia, o psichiatria, o fisiologia, o neurologia.
>> Solo che la risposta la cerchiamo altrove, "dove ci porta il cuore", e
>> non tra gli studiosi del settore.
>
>Qui infatti ci sono le possibili spiegazioni scientifiche del fenomeno.
>Si tratta di scoperte recenti
>
>http://www.uaar.it/news/2007/08/23/viaggiare-fuori-dal-proprio-corpo-unesperienza-ricreata-laboratorio/
>http://faculty.washington.edu/chudler/obe.html
>http://www.jneurosci.org/cgi/content/abstract/25/3/550
>http://archives.cnn.com/2002/TECH/science/09/19/coolsc.outofbody/
>

Grazie, appena ho tempo leggo.

Al

Alessia Guidi

unread,
Mar 9, 2008, 2:56:47 PM3/9/08
to
On Sun, 9 Mar 2008 11:00:54 +0100, "Giaga" <giagam...@gmail.it>
wrote:

>
>"Alessia Guidi" <alessi...@libero.it> ha scritto nel messaggio
>news:7r85t3ddnmpui2cc2...@4ax.com...
>> On Sat, 8 Mar 2008 10:48:01 +0100, "Giaga" <giagam...@gmail.it>
>> wrote:
>>
>> Cioè l'auditor aveva dedotto che ti eri esteriorizzato dal tuo
>> racconto, e non da una lettura specifica? A me questa sembra grossa.
>> Ma grossa grossa.
>
>No è una cosa normalissima.
>
>Le esteriorizzazioni sul meter sono assai difficili da distinguere, l'unico
>movimento dell'ago che potrebbe essere associato ad una esteriorizzazione
>(ma non solo) è il cosiddetto "Theta-bop", ovvero una vibrazione dell'ago
>di pochi mm che si ripete 5-10 volte al secondo; e anche se l'Auditor la
>dovesse individuare con certezza non è detto che sia causata da
>un'esteriorizzazione, per cui è necessario chiedere SEMPRE al pc che cosa
>stia accadendo.

A me, comunque, sembra grossa lo stesso. Nel senso che l'e-meter e
l'auditor non sono in grado di vedere con certezza uno dei fenomeni
più macroscopici del thetan, quello a cui Scn dovrebbe tendere
(capacità di operare in esteriorizzazione stabile se non erro).

Al


Giaga

unread,
Mar 9, 2008, 8:19:39 PM3/9/08
to

"Alessia Guidi" <alessi...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:jia8t3p8rs5d0a9bq...@4ax.com...

No Ale, a me sembrerebbe assai più strano se esistesse uno strumento in
grado di misurare qualcosa che non è di questo universo (ovvero il thetan).
Ti assicuro che è assai difficile capire che cosa stia succedendo ad una
persona se non glielo chiedi esplicitamente, l'Auditor non legge nel
pensiero ma
comunica. Inoltre non dimenticare che un thetan è invisibile, incolore,
insapore, senza massa, senza carica elettrica, senza posizione tranne quando
considera di
essere posizionato ecc... ecc

Giaga


Alessia Guidi

unread,
Mar 11, 2008, 3:49:52 AM3/11/08
to
On Mon, 10 Mar 2008 01:19:39 +0100, "Giaga" <giagam...@gmail.it>
wrote:

>
>"Alessia Guidi" <alessi...@libero.it> ha scritto nel messaggio
>news:jia8t3p8rs5d0a9bq...@4ax.com...
>> On Sun, 9 Mar 2008 11:00:54 +0100, "Giaga" <giagam...@gmail.it>
>> wrote:
>
>> A me, comunque, sembra grossa lo stesso. Nel senso che l'e-meter e
>> l'auditor non sono in grado di vedere con certezza uno dei fenomeni
>> più macroscopici del thetan, quello a cui Scn dovrebbe tendere
>> (capacità di operare in esteriorizzazione stabile se non erro).
>>
>> Al
>
>No Ale, a me sembrerebbe assai più strano se esistesse uno strumento in
>grado di misurare qualcosa che non è di questo universo (ovvero il thetan).

Perdona se ti sembrerò tonta. Non sto parlando di uno strumento che
misura qualcosa che non è di questo universo, ma di uno strumento che
misura i suoi *fenomeni*, ed è questo che in definitiva dovrebbe fare
il meter. Se è in grado di misurare un rock slam e un ago libero
dovrebbe anche essere in grado di misurare un'esteriorizzazione, visto
che è accompagnata da fenomeni fisici che sei stato in grado di
descrivere ed è solo da quei fenomeni fisici che decidi di esserti
esteriorizzato. E sono fenomeni potenti, giusto?

Sui livelli poi c'è un colloqui diretto con il/i thetan, dal momento
che il bank personale è stato eliminato.


>Ti assicuro che è assai difficile capire che cosa stia succedendo ad una
>persona se non glielo chiedi esplicitamente, l'Auditor non legge nel
>pensiero ma comunica. Inoltre non dimenticare che un thetan è invisibile, incolore,
>insapore, senza massa, senza carica elettrica, senza posizione tranne quando
>considera di essere posizionato ecc... ecc

Per cui non dovrebbe nemmeno esteriorizzarsi ma essere in cielo in
terra e in ogni luogo?

Alessia

Giaga

unread,
Mar 11, 2008, 5:10:46 AM3/11/08
to

"Alessia Guidi" <alessi...@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:po9ct3lon9pvmtq5q...@4ax.com...

Si.

Un thetan si "posiziona" (se così si può dire) solo in base a dove considera
di essere posizionato
ma in realtà non è MAI da nessuna parte.
In realtà un thetan non E' in questo universo fisico .. ma nell'universo
theta (appunto) che è un universo
distinto da questo universo fisico.
Poi egli si intrappola da sè considerando di essere localizzato nel MEST e
di solito in un corpo cui si "attacca" a causa degli implant ricevuti,
ma in realtà lui non è parte dell'universo MEST, lui è al di fuori da questo
universo.

Ma pur essendone estraneo un thetan può creare effetti su questo universo, e
non è detto che l'effetto fisico che il thetan crea sul corpo quando
considera di esserne localizzato al di fuori (ovvero in caso di
esteriorizzazione) sia molto diverso dall'effetto che il thetan crea sul
corpo quando considera di esserne all'interno o quando sposta immagini
mentali (in realtà ricreandole all'istante) nella mente.
Il meter misura solo le reazioni della mente e del corpo alle sollecitazioni
del thetan, e dato che quando un thetan si esteriorizza mantiene il
controllo del corpo in modo simile a quando vi è interiorizzato, le reazioni
che induce sul corpo non sono molto diverse e così anche le letture del
meter.

Infatti le letture del meter possono avere origini molto diverse tra loro,
solo comunicando con il pc è possibile capire a cosa la lettura fosse
dovuta.

Ad esempio, il movimento dell'ago che potrebbe avere maggior attinenza con
una esteriorizzazione è il cosiddetto theta-bop.
Le definizioni che ne offre Hubbard (o chi per lui abbia scritto i dati
relativi alle azioni dell'ago del meter) sono le seguenti

xxx definizioni di THETA -BOP xxxx

1. È una piccola danza costante dell'ago. Su una larghezza di un ottavo di
un pollice circa (a seconda della sensibilità impostata può essere di mezzo
Pollice), l'ago va su e giù, forse cinque o dieci volte al secondo. Sale, si
blocca, cade, si blocca, sale, si blocca, cade, si blocca, ecc ... sempre
con la stessa ampiezza, come una forcella che vibra. Si tratta di una
distanza costante e di una velocità costante.
Un Theta bop significa "morte", "lasciare", "non voglio essere qui". Esso è
causato da uno yoyo del preclear come thetan che vibra fuori e dentro il
corpo oppure
tra posizioni nel corpo. È come se l'ago facesse un salto tra due picchi in
una stretta valle.
(EME, p. 16)

2. Una piccola o di danza a livello costante l'ago. A seconda del
Impostazione della sensibilità può da un ottavo a mezzo pollice di
larghezza. E '
Molto rapida, forse cinque o dieci volte al secondo. (BIEM, p. 43)

3. Una lettura diagnostica, una sorta di yoyo-in e out. Non importa quanto
ampio sia Theta bop.
Può essere anche a tutto quadrante. La maggior parte dei theta bops farlo si
prolungano nel tempo.
Una caduta ed una risalita alla stessa identica velocità con la stessa
ampiezza sarebbe un
theta-bop a singolo movimento. Un theta bop si stoppa in egual modo ad
entrambe le estremità.

xxx fine definizioni di theta-bop xxx

Inoltre negli esercizi al meter si spiega che questa azione dell'ago si può
attivare facendo pensare un pc a soggetti quali:
una esteriorizzazione, un'operazione chirurgica, al desiderio di abbandonare
qualcosa o qualcuno, ferite gravi e shock violenti.

La cosa interessante è che effettivamente questa è un'azione del meter RARA
da vedere, ma se si mette al meter una persona e la si fa pensare
intensamente ad uno di questi soggetti il theta bop appare, anche se magari
solo per qualche secondo.

Quindi se in una seduta un auditor vede un theta bop non sa affatto da cosa
potrebbe essere causato (un'esteriorizzazione? il ricordo di un'operazione
chirurgica? la voglia di abbandonare la seduta?) per cui deve cercare di
capire che stia succedendo, tra l'altro senza MAI interrompere bruscamente
il pc da quello che si sta facendo in quel momento onde non spezzare il
ciclo di comunicazione dell'auditing.

Sull'interpretazione delle letture del meter poi (come sempre) Hubbard a
volte si contraddice, perchè in alcuni bollettini afferma che il METER non
sbaglia mai e che un Auditor deve credere solo al meter e mai al pc; poi
però in altri bollettini dice invece che una lettura del meter indica solo
che c'è stata una reazione e che occorre comunicare con il pc per scoprire a
cosa la reazione fosse dovuta.

Fortunatamente per i pc negli ultimi tempi l'indicazione più elastica e
"ragionevole" (in senso buono) è stata privilegiata rispetto a quella più
restrittiva e meccanica che costringeva i pc a dare letteralmente la caccia
alle farfalle per poter risolvere qualunque reazione del meter.

Ovviamente tutto ciò va inteso come ipotesi e non come affermazione certa e
non significa affatto che io condivida tali spiegazioni, ma questa è il modo
in cui un Auditor o un C/S mediamente addestrati vedono la cosa.

Aggiungo come nota personale che penso sarebbe interessante far studiare la
correlazione tra pensiero e letture del meter (o di un misuratore di GSR) in
un laboratorio scientifico , con tutte le verifiche incrociate necessarie.

Giaga


Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages