(Erni) Scientology. Parole utili per ragionare, con AGGIUNTA DI SIGNIFICATO - Parte 4

16 views
Skip to first unread message

Alessia Guidi

unread,
Oct 15, 2021, 10:04:23 AM10/15/21
to
Erni mi prega di postare queste sue riflessioni.

==========================


Titolo: Scientology. Parole utili per ragionare, con AGGIUNTA DI SIGNIFICATO - Parte 4

In questa parte 4, tratto nella parte finale, l'espressione "condizione di Dubbio".

Prendendo spunto dall'articolo "1984" di Giaga, su Allarme Scientology:
Articolo <<"1984", il Grande Fratello e la Chiesa di Scientology>>, sotto-capitolo "4) Un nuovo linguaggio",
---
http://www.allarmescientology.it/libri/1984/02.htm#a5
---
continuo la compilazione dei significati delle parole gergali di Scientology utili per ragionare.

Ritornando a "1984", nel sotto-capitolo su Allarme Scientology qui trattato, Giaga parla di teorie sul linguaggio.
Cioè DEL LINGUAGGIO CHE UNA PERSONA USA, E DELL'INFLUENZA DI QUESTO LINGUAGGIO SUL SUO MODO DI PENSARE.

Tratto ora la parte dell'articolo relativa al romanzo "1984".
Cito dal sito:
********************************************************************
<< - La lingua nel mondo del Grande Fratello -

Nel romanzo di Orwell il linguaggio elaborato dal Partito del Grande Fratello (Neolingua) gioca un ruolo importante nel condizionare gli individui.

Vediamo alcuni punti su questi importanti concetti:

[...] Fine della Neolingua non era soltanto quello di fornire un mezzo di espressione per la concezione del mondo e per le abitudini mentali proprie ai seguaci del Socing, ma soprattutto quello di rendere impossibile ogni altra forma di pensiero.

Era sottinteso come, una volta che la Neolingua fosse stata definitivamente adottata e l'Archelingua (l'inglese comune, NdR), per contro, dimenticata, un pensiero eretico (e cioè un pensiero in contrasto con i principi del Socing) sarebbe stato letteralmente impensabile, per quanto almeno il pensiero dipende dalle parole con cui è suscettibile di essere espresso. [...] (pag. 316)

Orwell poi si sofferma sulla struttura e le particolarità della Neolingua:

[...] Il vocabolario B consisteva di parole che erano state create deliberatamente per scopi politici, vale a dire parole che avevano non solo, in ogni caso, un significato politico, ma che erano per l'appunto destinate ad imporre un atteggiamento mentale, in una direzione desiderata, nella persona che ne faceva uso. [...] (pag. 319)

[...] Una persona cresciuta con la Neolingua come sua sola lingua non avrebbe mai saputo che EGUALE aveva avuto un tempo anche il significato secondario di "eguale politicamente", e che la parola LIBERO aveva avuto quello di "intellettualmente libero"; così come una persona che non conosca per niente la tecnica del gioco degli scacchi non può essere a parte dei significati secondari delle parole regina o torre. [...] (pag. 325)

Orwell ci mostra anche come la funzione della Neolingua venga vista dai membri del Partito:

[...] Syme diede un altro morso al suo pezzo di pane nero, lo masticò in fretta e poi riprese:
"Non ti accorgi che il principale intento della neolingua consiste proprio nel semplificare al massimo le possibilità del pensiero? Giunti che saremo alla fine, renderemo il delitto di pensiero, ovvero lo psicoreato, del tutto impossibile perché non ci saranno più parole per esprimerlo.[...]

Ogni anno ci saranno meno parole, e la possibilità di pensare delle proposizioni sarà sempre più ridotta.[...]

La neolingua è il Socing, e il Socing è la neolingua" aggiunse con una specie di mistica soddisfazione. "Non hai mai pensato, caro Winston, che per l'anno 2050 nemmeno un solo essere umano sarà in grado di capire il significato d'una conversazione come quella che stiamo tenendo ora? [...] (pag. 56/57) >>
********************************************************************



Continuo qui la parte sulle AGGIUNTE DI SIGNIFICATO alle parole gergali di Scientology utili per ragionare.
Aggiungo la trattazione dell'espressione "Condizione di Dubbio".


### Condizione ###


UNA DEFINIZIONE ITALIANA

Da "lo ZINGARELLI 2008", definizione 3 di "condizione" (le parole fra 2 asterischi sono in corsivo nell'originale; quelle fra due cancelletti sono in grassetto nell'originale):

<< 3 Situazione psicologica, fisica e sim.: *oggi non sono in buone condizioni* |
Situazione, modo di essere: *c. umana* |
Situazione sociale: *occorre migliorare la c. di vita del popolo; c. operaia* |
#* Mettere in c. di,*# mettere in grado: *l'ho messo in c. di parlare* |
#*(est.)*# Posizione economica o sociale: *gente di ogni c. ; una famiglia di c. elevata* |
Situazione, stato, aspetto: *condizioni del tempo; quel vestito è in pessime condizioni.* >>


UN'AGGIUNTA DI SIGNIFICATO DI SCIENTOLOGY:

Dal dizionario amministrativo MODERN MANAGEMENT TECHNOLOGY DEFINED[1], ecco la parte iniziale della definizione 1 di "CONDITION", pag.99 (le parole fra due cancelletti sono in grassetto nell'originale; le mie note sono fra due parentesi quadre):

<< 1. a #condition# is an operating state.
Organizationally, it's an operating state and oddly
enough in the mest universe [= universo fisico] there are several
formulas [= procedure] connected with these states.[...]>>

(mia traduzione)
1. una #condizione# è uno stato operativo.
Organizzativamente, è uno stato operativo e stranamente
nell'universo mest [= fisico] ci sono diverse formule [= procedure]
connesse con questi stati. [...]


CONFRONTO

- Una definizione italiana (def. 3 Zingarelli 2008), riassumo: Situazione psicologica, fisica, sociale, economica, stato delle cose, aspetto delle cose.

- Una definizione di Scientology, riassumo: organizzativamente uno stato operativo, connesso con una procedura di Scientology di qualche tipo.

Una persona potrebbe usare, per sbaglio (quando la situazione non lo richiede), la definizione di Scientology al posto di quella italiana. Sopratutto se usa continuamente le 'condizioni di Etica di Scientology'. E quindi fare in questo caso ragionamenti inutili e/o sbagliati.


ESEMPIO 1:

Una persona guarda un ufficio e lo vede in grande disordine.
Quindi pensa: << In che condizione è? >>
Se usa la definizione suddetta di Scientology, potrebbe pensare:

1) << Dunque, la settimana scorsa c'era un po' più di disordine. Se facessi un grafico, la linea sarebbe un po' IN SALITA, quindi sarei nella "condizione di Normale Operatività". >>

2) << Ma se entra il mio capo e lo vede, rischio un brutto richiamo: sono nella "condizione di Pericolo" ? >>

3) << Però vista la grande confusione potrei anche essere in una "condizione di Non Esistenza" ? >>

NOTA: ogni condizione ha una formula (procedura) diversa.

<< Controllo il libro INTRODUZIONE ALL'ETICA DI SCIENTOLOGY[2] per capire in che condizione di Etica sono e quale formula (una certa procedura di Scientology) attuare per mettere in ordine l'ufficio. >>

Invece di mettere subito ordine all'ufficio, la persona perde tempo a cercare la formula giusta per ... mettere in ordine.

In questo caso si ha un rallentamento nel risolvere situazioni che normalmente possono essere risolte con semplici ragionamenti.
Ed in certi casi, la situazione verrebbe risolta dopo troppo tempo.


ESEMPIO 2:

Una persona osserva il suo aspetto e vede che si veste in modo molto trasandato.
Quindi pensa: << In che condizione sono? >>

Se usa la definizione suddetta di Scientology, potrebbe pensare:

1) << Dunque, la settimana scorsa il mio aspetto era leggermente più trasandato. Se facessi un grafico, la linea sarebbe IN SALITA, quindi il mio aspetto sarebbe nella "condizione di Normale Operatività". >>

2) << Ma se mi vedono alcuni miei vecchi amici, rischio un brutto giudizio da essi. Sono quindi nella "condizione di Pericolo" ? >>

3) << Però visto il pessimo aspetto che ho, sono invece nella "condizione di Non Esistenza" ? >>

<< Vado a controllare nel libro INTRODUZIONE ALL'ETICA DI SCIENTOLOGY[2] per capire in quale condizione di Etica mi trovo, per capire come apparire più ordinato e quindi quale formula (una certa procedura di Scientology) usare. >>

Anche in questo caso si ha un rallentamento nel risolvere situazioni che normalmente possono essere migliorate rapidamente con semplici ragionamenti.
E anche qui, la situazione (la trasandatezza dell'aspetto) potrebbe essere risolta dopo troppo tempo.



### Condizione di Non Esistenza ###

Cito da Ragiona.org.
---
http://www.ragiona.org/rag_000020.htm
---
*********************
<< Secondo Ron Hubbard, quando una persona inizia un nuovo lavoro o assume un nuovo incarico, si viene a trovare in una condizione che Hubbard chiama di "Non Esistenza", perché nessuno o quasi nessuno sa che tale persona è stata assunta o che ha adesso questo nuovo incarico. Cioè per tutti o quasi tutti i suoi colleghi "non esiste" come persona che ha quel posto o incarico.

Dal libro "INTRODUZIONE ALL'ETICA DI SCIENTOLOGY"[2], sotto-capitolo "Condizione di Non Esistenza - (Formula per un Posto Nuovo)", pag.104:

"In genere si illude di essere ora "IL _________" (nuovo titolo). Cerca di partire in una Condizione di Potere, dato che abitualmente è ben consapevole del suo nuovo status o anche di quello che aveva prima. Ma in realtà egli è l'unico ad esserne consapevole. Tutti gli altri, eccetto forse il Funzionario del Personale, sono del tutto ignari del fatto che abbia assunto questo suo nuovo status.

Perciò inizia in uno stato di Non Esistenza.">>
*********************

Una persona potrebbe pensare che quando viene appena assunta è, in qualche modo in una condizione DI NON ESISTENZA E QUINDI IN QUALCHE MODO NON ESISTERE.

Questo potrebbe fuorviare nel ragionamento, e potrebbe anche sminuire una persona.



### Condizione di Dubbio ###

UNA DEFINIZIONE DI SCIENTOLOGY

Citazione dal libro "INTRODUZIONE ALL'ETICA DI SCIENTOLOGY"[1], pag.101.

"Quando non si riesce a prendere una decisione riguardo ad un individuo, un gruppo, un'org[*] o un progetto, esiste una Condizione[*] di Dubbio."

[*] Org: in genere, organizzazione di Scientology.

[*] Condizione: qui a grandi linee vuole dire condizione sociale rispetto al gruppo dovuta alle proprie azioni od opinioni.

La "condizione di Dubbio", nella scala delle condizioni di Etica di Scientology, è AL DI SOTTO della "condizione di Non Esistenza".
Vedi libro "INTRODUZIONE ALL'ETICA DI SCIENTOLOGY"[1], cap.4 "Le Statistiche e le Condizioni di Esistenza", sotto-capitolo "Le Condizioni - Stati Operativi", pag.71.

La parte pericolosa di questa aggiunta di significato è che la condizione di dubbio è al di sotto della condizione di non esistenza.

Quindi una persona potrebbe inconsapevolmente pensare:
"Visto che la condizione di Dubbio è al di sotto della condizione di Non Esistenza, allora è una condizione brutta. Meglio non starci.".
E se ha un dubbio che non riesce a risolvere su qualcosa, POTREBBE IGNORARE IL DUBBIO E FARE FINTA DI NIENTE.

E fare finta che un dubbio non esista, perché essere in dubbio sarebbe una cosa brutta, sminuisce la capacità di ragionare.


### LE PAROLE ED ESPRESSIONI SEGUENTI SARANNO TRATTATE IN FUTURO ###

- Condizione di Nemico.

- Critica.

- Critico di Scientology.

- Mente aperta.

- Pensare.

- Pensiero.

- Pensiero critico.

- Pensiero di gruppo.

- Perché.

- Ponderare.

- Ragionevole.

- Ragionevolezza.

- Situazione.

- Valutazione.

- Verità.


erni.


Per gli utenti Narconon: L. Ron Hubbard è il fondatore di Scientology.
http://www.allarmescientology.it
http://www.allarmescientology.it/narconon.htm

Glossario su Scientology:
http://www.allarmescientology.it/glossario/ABC.htm

Il mio sito:
http://www.ragiona.org

Una mia testimonianza:
https://www.youtube.com/watch?v=qul0q_UzP-o
Reply all
Reply to author
Forward
0 new messages