RM143 - Dicembre 2010

Showing 1-1 of 1 messages
RM143 - Dicembre 2010 Piotr Rezierovic Silverbrahms 12/1/10 3:40 AM

RM143, Dicembre 2010, è in linea:   

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

http://rudimathematici.com/archivio/143.pdf

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

 

Sarà capitato anche a voi, capita a tutti. Siete in casa, mettiamo di sabato pomeriggio, e avete un appuntamento per la serata. Niente di speciale, niente di galante, ma comunque un appuntamento, un impegno, insomma: un vostro amico passerà a prendervi ad una certa ora, e voi avete ancora buona parte del pomeriggio da organizzare e pianificare. Così, vi mettere a sistemare la libreria, o magari a riassettare quel truculento armadio che da una vita dovete mettere in ordine. Vi decidete a farlo, prendete il coraggio a due mani e restate stupefatti dell’incredibile quantità di roba che un armadio (o una libreria) riesce a contenere. Poi iniziate seriamente il lavoro; vi soffermate ogni tanto a ricordare la provenienza oscura di quel libro (o di quella foto, o di quel paio di scarpe, o di quella sciarpa di lana rossa); continuate a scavare, vi togliete il maglione perché fa caldo, riprendete a muovervi tra ripiani e scaffali. Appuntate nella memoria almeno cinque cose da fare (“’sti libri, li catalogo o no, una buona volta?” – “Se non mi decido a buttare via almeno le t-shirt, qui non c’entra più neppure un gatto, ed è notorio che i gatti riescono ad entrare dappertutto” – e così via), e mentre siete in pieno climax da ristrutturazione, scalzi, sudati, concentrati e impolverati, alzate lo sguardo e lo vedete: il vostro amico, puntualissimo, vestitissimo, pronto per la serata che vi aspetta, con l’aria inquisitoria. “Già qui?” domandate con voce un po’ troppo alta e falsamente ingenua. Sì, già qui.

 

Ecco, Dicembre è così. Anche se è forse il mese più atteso dell’anno, perché è l’ultimo, perché è pieno di feste importanti, perché ha un suo ben preciso carisma, almeno nella dozzinale famiglia dei mesi, arriva sempre puntualissimo e totalmente inaspettato. Già qui? Già Dicembre? Già Natale, già Capodanno?

 

Beh, sì. Non c’è niente da fare, gente. E’ proprio Dicembre.

 

Ultimo mese dell’anno, ma non ultima newsletter dell’anno: gli RMers più attenti si ricorderanno che nel bel mezzo di Dicembre di solito arriva la tredicesima mail, quella che annuncia la pubblicazione del calendario: cercheremo di non mancare all’appuntamento neppure in questo salto di decennio.

 

Altri appuntamenti, di rango solo mensile: la nostra sezione del sito Bookshelf (http://www.rudimathematici.com/bookshelf.htm)cresce ormai a dismisura, facciamo fatica anche solo a tener conto degli aggiornamenti. In questi ultimi giorni, ad esempio, abbiamo sistemato il nono aggiornamento (nono, avete letto bene: l’ordinale numerico omonimo di musicista moderno. Incredibile, vero?) della saga di Beau Geste e Gudruna, scritta da Martino Benzi. Non riusciamo neppure a capire come sia possibile riuscire in un’impresa del genere, ma Martino ce la fa benissimo, e non mostra segni di stanchezza.  

 

Sempre nel Bookshelf, ma nella sezione a lui appositamente dedicata, trovate l’ultimo lavoro di Rosario Turco che, con l’aiuto di Gabriele di Pietro, ha esplorato il concetto di pseudoprimalità nei repunit. Se non sapete di cosa stiamo parlando, non state lì a baloccarvi, e fate un salto a leggere l’articolo.

 

Salto importante e meritorio, anche perché, proprio nel Bookshelf, ci trovate quanto vi abbiamo promesso la volta scorsa: ovvero l’intera tesi di Francesca Gaggioli di cui il nostro giornalino è assoluto protagonista. Francesca ci disegna molto meglio di come siamo in realtà, ma guai a chi rivela questo segreto in pubblico, chiaro?

   

Fuori dal bookshelf, e dentro la rivista. Ci trovate, in questo numero prenatalizio, quello che sta diventando ormai quasi un appuntamento tradizionale annuale, ovvero il compleanno scritto da Rudy. Dopo Aida e Libri, quest’anno il GC è andato ad occuparsi di… no, no, diamine, che discorsi. L’avete a portata di mano, il compleanno, non sia mai detto che vi anticipiamo il protagonista. Il fatto che Rudy abbia scritto il compleanno, non significa che non abbia scritto anche tutto il resto che è tenuto a scrivere ogni mese (il contratto capestro che è stato costretto a firmare una dozzina d’anni fa è sempre valido), quindi troverete siglati dalla sua invisibile firma anche il Paraphernalia (parla di riscaldamento globale, terremoti e maremoti… forse voleva lasciarci capire che è un po’ irritato di dover far sempre tutto lui…), il Q&D, i problemi, eccetera. Alice ha ordinatamente compilato le sue Soluzioni & Note, quindi non sarà difficile neanche questo mese scoprire chi non ha fatto un tubo. E per fortuna: è infatti immediato notare che, non avendo nulla da fare, il nostro non è potuto andare in ritardo, e infatti RM143 esce brillantemente nel giorno giusto e canonico d’uscita. Comunque, a ben vedere, il bradipo nullafacente una cosuccia l’ha scritta… un EuNBeT, ma era facile: parla dell’e-book di .mau., e a recensire gli e-book degli amici ci va davvero pochissimo.

 

Sia come sia, passato il giro esplorativo sul sito e sul numero di questo mese, ci ritroviamo sempre al punto in cui abbiamo cominciato questa mail: impolverati e poco preparati, mentre Dicembre ha smesso di incombere, ed è proprio arrivato. Ma è solo l’inizio, gente: giorno uno di trentuno, a ben vedere avete ancora un sacco di tempo per fare tutto quello che avete intenzione di fare. I regali di Natale sono ancora quasi tutti lì, ancora da comprare nei negozi e incartare nei pacchi, se volete davvero comprarli e incartarli; il Capodanno che già vi spaventa è in fondo ancora lontanissimo, manca ancora un esatto dodicesimo di anno, prima di doverlo affrontare e combattere. E’, insomma, come sempre una questione di punti di vista: se le feste di fine anno vi piacciono, iniziate pure a godervele, perché Dicembre è già qua. Se invece vi spaventano, non pensateci affatto, perché sono ancora molto lontane.

 

E se invece vi piacerà farci compagnia anche per il prossimo anno, sappiate che noi ne saremo contenti. Per questo scriviamo riviste e calendari, noi: per farvi vedere che il tempo può passare o star fermo, correre in avanti o tornare indietro, a seconda di come si girano i fogli.

 

State bene, tutti. E grazie per averci accompagnato in questo 2010.

______________________________

Redazione di Rudi Mathematici
Se non ricevete questa mail
scriveteci a:

info@rudimathematici.com
www.rudimathematici.com

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

http://rudimathematici.com/archivio/143.pdf

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -